La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STUDIO FERRAJOLI Antiriciclaggio: Nuovi adempimenti e obblighi per i professionisti Avv. Dott. Luigi Ferrajoli S T U D I O F E R R A J O L I L E G A L.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STUDIO FERRAJOLI Antiriciclaggio: Nuovi adempimenti e obblighi per i professionisti Avv. Dott. Luigi Ferrajoli S T U D I O F E R R A J O L I L E G A L."— Transcript della presentazione:

1 STUDIO FERRAJOLI Antiriciclaggio: Nuovi adempimenti e obblighi per i professionisti Avv. Dott. Luigi Ferrajoli S T U D I O F E R R A J O L I L E G A L E T R I B U T A R I O B ERGAMO - V IA A. L OCATELLI, 25 TEL (+39) FAX (+39)

2 STUDIO FERRAJOLI Il quadro normativo Norme comunitarie Direttiva n. 91/308/CEE - I Direttiva n. 2001/97/CEE - II Direttiva n. 2005/60/CEE - III Norme nazionali Legge 5 luglio 1991 n. 197 D. Lgs. 25 settembre 1999 n. 374 D. Lgs. 20 febbraio n. 56

3 STUDIO FERRAJOLI Reati Riciclaggio (Art. 648-bis c.p.) Fuori dei casi di concorso nel reato, chiunque sostituisce o trasferisce denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto non colposo, ovvero compie in relazione ad essi altre operazioni, in modo da ostacolare lidentificazione della loro provenienza delittuosa, è punito con la reclusione da quattro a dodici anni e con la multa da euro a euro La pena è aumentata quando il fatto è commesso nellesercizio di unattività professionale. La pena è diminuita se il denaro, i beni o le altre utilità provengono da delitto per il quale è stabilita la pena della reclusione inferiore nel massimo a cinque anni. Si applica lultimo comma dellarticolo 648. Impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (Art. 648-ter c.p.) Chiunque, fuori dei casi di concorso nel reato e dei casi previsti dagli articoli 648 e 648- bis, impiega in attività economiche o finanziarie denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto, è punito con la reclusione da quattro a dodici anni e con la multa da euro a euro La pena è aumentata quando il fatto è commesso nellesercizio di unattività professionale. La pena è diminuita nellipotesi di cui al secondo comma dellart Si applica lultimo comma dellarticolo 648.

4 STUDIO FERRAJOLI Nozioni Libero professionista - I soggetti iscritti ai relativi albi ed elenchi come individuati allart. 2 comma 1 lett. s) e t) del D. Lgs. 56 del 20 febbraio Cliente - Il soggetto che richiede il compimento di operazioni o linstaurazione di rapporti con il libero professionista. Prestazione professionale - La prestazione fornita dal libero professionista che si sostanzia in diretta trasmissione, movimentazione o gestione di mezzi di pagamento, beni o utilità in nome o per conto del cliente ovvero nellassistenza al cliente per la progettazione o realizzazione della trasmissione, movimentazione o gestione di mezzi di pagamento, beni o utilità e della costituzione, gestione o amministrazione di società, enti, trust o strutture analoghe. Operazione frazionata - Operazione di valore superiore a euro, condotta in momenti diversi e in un circoscritto periodo di tempo, i cui singoli importi vanno sommati e considerati quali parti di ununica operazione in ragione della natura delle modalità delle singole operazioni poste in essere. Mezzi di pagamento - Il denaro contante, gli assegni bancari e postali, gli assegni circolari e gli altri assegni a essi assimilabili o equiparabili, i vaglia postali, gli ordini di accreditamento o di pagamento, le carte di credito e le altre carte di pagamento, ogni altro strumento a disposizione che permetta di trasferire o movimentare, anche per via telematica, fondi valori o disponibilità finanziarie.

5 STUDIO FERRAJOLI Gli adempimenti: identificazione Allatto dellinstaurazione dei rapporti professionali ed in relazione al compimento di operazioni, anche frazionate, che comportino la movimentazione di mezzi di pagamento di qualsiasi tipo di importo superiore ai euro IDENTIFICAZIONE

6 STUDIO FERRAJOLI Gli adempimenti: identificazione IDENTIFICAZIONE E necessario acquisire i dati identificativi dellautore della transazione e del soggetto per conto del quale operi Bisogna verificare leffettiva esistenza del potere di rappresentanza in capo a chi operi per società o enti Vi è obbligo di astensione dallesercizio per il professionista che non possa identificare

7 STUDIO FERRAJOLI Gli adempimenti: identificazione IDENTIFICAZIONE Lidentificazione viene effettuata in presenza del cliente La presenza fisica del cliente può essere sostituita da: atti pubblici, scritture private autenticate o documenti recanti la firma digitale dichiarazione consolare italiana attestazione di altro professionista di uno dei paesi U.E. che ha identificato di persona e registrato i dati del cliente In nessun caso lattestazione può essere rilasciata da soggetti che non hanno insediamenti fisici in alcun paese. La presenza fisica non è necessaria quando viene fornita idonea attestazione da: intermediari abilitati; enti creditizi e enti finanziari di Stati membri U.E.; banche aventi sede legale e amministrativa in paesi non U.E. purché aderenti al G.A.F.I.

8 STUDIO FERRAJOLI Gli adempimenti: registrazione In archivio informatico/cartaceo/esterno entro 30 giorni dal conferimento di un incarico o dalleffettuazione di una operazione da parte di un soggetto già cliente REGISTRAZIONE

9 STUDIO FERRAJOLI Gli adempimenti: registrazione REGISTRAZIONE Bisogna inserire i dati entro 30 gg in archivio REGISTRAZIONE Larchivio può essere gestito mediante software registri numerati o terzi prestatori servizi gestionali Non sussisterà lobbligo se non ci saranno dati da registrare E possibile tenere un unico archivio per tutto lo studio Si deve provvedere allannotazione in ordine cronologico per data di conferimento incarico Obbligo di conservazione per 10 anni Se cambiano i dati, bisogna aggiornare e integrare le informazioni registrate conservando traccia delle precedenti

10 STUDIO FERRAJOLI Gli adempimenti: segnalazione Di ogni operazione che per caratteristiche, entità, natura o qualsivoglia altra circostanza conosciuta in ragione delle funzioni esercitate induca a ritenere che il danaro, i beni o le utilità oggetto della medesima possa provenire da reati di riciclaggio SEGNALAZIONE

11 STUDIO FERRAJOLI Gli adempimenti: segnalazione SEGNALAZIONE E il fulcro del sistema di collaborazione attiva Necessità di bilanciamento tra leccesso di segnalazione (senza lettura critica) e il rischio di non vedere segnalate operazioni che dovevano esserlo Esigenza di linee guida Decaloghi con indici di anomalia: per professioni disposizioni U.I.C.

12 STUDIO FERRAJOLI I professionisti chiamati ai nuovi adempimenti Ragionieri e periti commerciali, revisori contabili e dottori commercialisti, consulenti del lavoro tributaristi Si nel rispetto del segreto professionale Notai e avvocati Si nel rispetto del segreto professionale e solo in occasione di specifiche operazioni identifi cazione registra zione segnalazione

13 STUDIO FERRAJOLI I professionisti chiamati ai nuovi adempimenti I notai e gli avvocati sono chiamati allobbligo di registrazione quando in nome e per conto assistano i clienti in: Trasferimento a qualsiasi titolo di beni immobili o di attività economiche Gestione di danaro, strumenti finanziari o altri beni dei clienti Apertura o gestione di rapporti bancari (conti correnti, libretti di deposito,…) Amministrazione di società, enti, trust e strutture analoghe

14 STUDIO FERRAJOLI Antiriciclaggio e privacy La disciplina attuativa si coniugherà con le regole di tutela della privacy nel trattattamento dei dati Operazioni di identificazione, conservazione dei dati in archivio e segnalazione Professionisti abilitati alladempimento Costituiscono trattamento dei dati personali ai sensi dellart. 4 co.1 lettera a) del D.Lgs. 196/03 Possono essere effettuate solo dagli incaricati nominati per iscritto in sede di adempimento ai dettami dellart. 30 della normativa sulla privacy,che operano sotto la diretta autorità del titolare o del responsabile del trattamento

15 STUDIO FERRAJOLI Antiriciclaggio e accertamenti bancari I dati e le informazioni contenute nellarchivio antiriciclaggio non erano utilizzabili ai fini dellaccertamento fiscale Hanno trovato recente parziale ingresso le movimentazioni fuori conto antecedenti il 1° (quindi non sono utilizzabili quelle successive a tale data)

16 STUDIO FERRAJOLI Antiriciclaggio e accertamenti bancari Lart. 3, comma 10, della legge 197/91 dispone che tutte le informazioni in possesso dellUfficio italiano cambi e degli altri organi di vigilanza e controllo in materia di antiriciclaggio sono coperte dal segreto dufficio anche nei confronti delle pubbliche amministrazioni

17 STUDIO FERRAJOLI Antiriciclaggio e accertamenti bancari Lart. 3, comma 8, della legge 197/91 sancisce il divieto per i soggetti tenuti alla segnalazione delle operazioni sospette (gli intermediari finanziari, tra gli altri) e a chiunque ne sia comunque a conoscenza, di darne comunicazione fuori dai casi previsti dalla Procedura di segnalazione citata Lart. 2, comma 14-ter, del D.L. 203/05 prevede che per i periodi dimposta antecedenti al 1° gli intermediari finanziari possano trasmettere allAgenzia delle entrate le rilevazioni antiriciclaggio relative alle operazioni c.d. fuori conto

18 STUDIO FERRAJOLI Riservatezza e segreto professionale E stato espressamente previsto che gli obblighi di segnalazione delle operazioni sospette non si applichino ai professionisti che ricevano informazioni rilevanti ai fini antiriciclaggio nel corso dellesame della posizione giuridica del loro cliente o dellespletamento dei compiti di difesa o di rappresentanza del medesimo in procedimenti giudiziari, compresa la consulenza sulleventualità di intentare o evitare un procedimento e indipendentemente dal fatto che tali informazioni siano ottenute prima, durante o dopo il procedimento Sono di converso inapplicabili le tutele del segreto di consulenza fornita dal professionista finalizzata ad operazioni di riciclaggio: in tali casi il professionista si esporrebbe a responsabilità anche penali a titolo concorsuale, oltre che alle sanzioni previste specificamente per la violazione dei precetti antiriciclaggio

19 STUDIO FERRAJOLI Riservatezza e segreto professionale Lart. 200 del codice di procedura penale, prevede per gli avvocati, i notai ed altri professionisti la facoltà di astenersi dal deporre su quanto hanno conosciuto per ragione della propria professione Lobbligo di segreto professionale è inoltre tutelato dalla fattispecie penale dellart. 622 c.p., che punisce chiunque, avendo notizia per ragione della propria professione di un segreto, lo riveli senza giusta causa In materia civile tale garanzia trova traduzione nei precetti degli articoli 118 e 249 c.p.c. che impediscono la violazione del segreto Il segreto professionale è quindi un diritto-dovere per il professionista, che trova esplicitazione anche nei codici deontologici delle categorie (si consideri ad esempio lart. 9 del Codice Deontologico Forense) che limitano la divulgazione delle notizie conosciute a quanto strettamente necessario per il fine tutelato da altre disposizioni, quali, nel caso di specie, quelle sullantiriciclaggio

20 STUDIO FERRAJOLI Obblighi dei collegi sindacali Nel definire i soggetti tenuti agli adempimenti antiriciclaggio era stata prevista una specificazione concernente i revisori contabili anche quando svolgono la funzione di sindaci. Ciò vale a dire che il singolo componente del collegio sindacale sarebbe stato tenuto in via autonoma rispetto alla posizione del collegio a segnalare eventuali anomalie. Appare problematico sostenere che il revisore facente parte dellorgano collegiale sarebbe stato obbligato a segnalare a compiere adempimenti uti singulus. E di certo maggiormente conforme al diritto al scelta di interpretare il collegio come entità autonoma, distinta dalla posizione del membro professionista. Allinterno del collegio si vota la soluzione, ma non è opportuno imporre obblighi ai singoli nellambito degli organi collegiali.

21 STUDIO FERRAJOLI Obblighi dei collegi sindacali Il tema relativo alla posizione del collegio sindacale è particolarmente delicato ed ancora in fase di dinamica soluzione. La delega per lattuazione della terza direttiva prevede un criterio che intende modificare i doveri del collegio, rendendoli più coerenti con il sistema di prevenzione. In questo modo viene dato rilievo sia agli obblighi di segnalazione delle operazioni sospette sia agli obblighi di comunicazione o di informazione delle altre violazioni normative, nonché estendere i doveri del collegio stesso alle figure dei revisori contabili, delle società di revisione, del consiglio di sorveglianza, del comitato di controllo di gestione e a tutti i soggetti incaricati del controllo contabile o di gestione, comunque denominati.

22 STUDIO FERRAJOLI Obblighi concernenti la tenuta della contabilità Diversità di trattamento tra i professionisti contabili iscritti in albi (in base al provvedimento di recepimento della direttiva comunitaria, sono tenuti agli obblighi antiriciclaggio in qualsiasi attività professionale da essi svolta) e i soggetti non muniti di particolari titoli inabilitanti che esercitano attività contabile allinterno di strutture societarie. Allart. 2, comma 1, del D. Lgs. 56/2004, si prevede quindi di introdurre la lettera s-bis) al fine di estendere i doveri di segnalazione ad ogni soggetto che renda servizi contabili, ossia anche ai tributaristi non iscritti in albi ed agli intermediari fiscali iscritti ai ruoli delle Camere di commercio.

23 STUDIO FERRAJOLI Nuove sanzioni amministrative Dall1 al 40% dellimporto trasferito per transazioni superiori a euro senza intermediari abilitati o titoli non muniti della clausola non trasferibile. Dal 3 al 30% per la mancata comunicazione da parte degli intermediari di infrazioni di cui abbiano notizia. Dal 5 al 50% del valore delloperazione per lomessa segnalazione di operazioni sospette, quando il fatto non costituisce reato. Da 500 a euro per la violazione degli obblighi informativi a carico dei soggetti a ciò tenuti verso lU.I.C. Da a euro per il mancato rispetto del provvedimento di sospensione delloperazione Fino al 20% del saldo ovvero dal 20 al 40% dello stesso saldo per i libretti di deposito al portatore che superino rispettivamente i euro ovvero i euro.

24 STUDIO FERRAJOLI Il procedimento sanzionatorio accertamento violazioni fasesoggettiadempimento Autorità di vigilanza di settore Amministrazioni interessate Ufficio Italiano Cambi Guardia di Finanza Banche (in caso di infrazioni riguardanti assegni o titoli accettati in versamento o estinti) Collegio sindacale Trasmettere accertamenti e contestazioni entro 10 gg al Ministero dellEconomia Riferire entro 30 giorni al Ministero dellEconomia e Finanze

25 STUDIO FERRAJOLI Il procedimento sanzionatorio contestazione e notificazione fasesoggettiadempimento Ministero dellEconomia e Finanze Contestazione e notificazione ex art. 14 L. 689/91 agli interessati residenti nel territorio della Repubblica entro 90 giorni e ai residenti allestero entro 360 giorni irrogazione sanzioni Ministero dellEconomia e Finanze Decreto, emesso previo parere della Commissione istituita ai sensi dellart. 32 del T.U. in materia valutaria


Scaricare ppt "STUDIO FERRAJOLI Antiriciclaggio: Nuovi adempimenti e obblighi per i professionisti Avv. Dott. Luigi Ferrajoli S T U D I O F E R R A J O L I L E G A L."

Presentazioni simili


Annunci Google