La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Zanzara Tigre (Aedes albopictus) Come difenderci e ridurre la sua diffusione nelle nostre case. I comportamenti corretti da adottare. Calendario degli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Zanzara Tigre (Aedes albopictus) Come difenderci e ridurre la sua diffusione nelle nostre case. I comportamenti corretti da adottare. Calendario degli."— Transcript della presentazione:

1 La Zanzara Tigre (Aedes albopictus) Come difenderci e ridurre la sua diffusione nelle nostre case. I comportamenti corretti da adottare. Calendario degli incontri 31 marzo - Osio Sotto - Biblioteca Comunale, ore aprile – Boltiere - Centro Aldo Moro, ore aprile - Osio Sopra - Casa ad Archi, ore aprile – Dalmine - Sala Consiliare, ore aprile – Filago - Centro Polifunzionale, ore aprile – Madone - Sala Civica, ore aprile - Bonate Sotto - Centro Socio Culturale, ore Per approfondimenti: Relatore: Maurizio Dino (Naturalista)

2 INTRODUZIONE La Zanzara tigre è presente nel territorio della provincia di Bergamo dallanno 2006; il carattere aggressivo della Zanzara tigre modifica le nostre abitudini è necessario adottare dei comportamenti e strategie al fine di controllare e ridurre la sua diffusione sul territorio.

3 DIFFUSIONE- Dati storici e attuali Provenienza Sud-est asiatico Segnalazioni Europa: 1985 (Albania) Italia: metà anni 90 (Genova)

4 Prime segnalazioni della Zanzara tigre ( Aedes albopictus ) nella Provincia di Bergamo Anno 2006 RETE PROVINCIALE DI RILEVAMENTO Anno 2007 STUDIO Museo Civico di Scienze Naturali e il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica di Bergamo: CONTROLLO E MONITORAGGIO DIFFUSIONE- Dati storici e attuali

5 DESCRIZIONE GENERALE- Caratteristiche principali e riproduzione Ciclo vitale: 4 stadi Livrea tigrata: colore nero e bande chiare su corpo e zampe; dimensioni: 4-10 mm. (www.museoscienze.comune.bergamo.it) (www.zanzaratigreonline.it) DURATA CICLO: primavera e autunno giorni; estate 6-8 giorni

6 DESCRIZIONE GENERALE- Dove vive, abitudini Capacità di colonizzare ambienti molto diversi tra loro (urbani e extraurbani) tutti accomunati dalla presenza di acqua stagnante; spazi aperti al riparo dal vento, freschi e ombreggiati; si rifugia tra lerba alta siepi e arbusti; a volte in piazzali e parcheggi assolati è capace di effettuare spostamenti che possono raggiungere un kilometro. per la deposizione delle uova la femmina predilige lacqua che ristagna a lungo allaperto.

7 CONSEGUENZE SULLA SALUTE DELLUOMO Perché dobbiamo difenderci? 2. Comportamento aggressivo della Zanzara tigre modifica le nostre abitudini 1.Le punture della Zanzara tigre procurano gonfiori e irritazioni persistenti reazioni allergiche per gli individui più sensibili Individui più deboli (anziani e bambini) 3. Malattie viraliSi trasmettono solo tramite punture da parte di zanzare infette. West Nile Chikungunya Culex pipiens Aedes albopictus

8 LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE- Comportamenti da adottare 1.Censimento e mappatura dei focolai e dei siti sensibili (ospedali, scuole, giardini e parchi pubblici, etc..); 2. lotta antilarvale; 3. lotta agli adulti; 4. monitoraggio quantitativo dei livelli di infestazione; 5. divulgazione sensibilizzazione rivolta alla cittadinanza; 6. applicazione di strumenti normativi e sanzionatori (Ordinanze, Regolamento di igiene pubblica).

9 LOTTA AGLI ADULTI- Comportamenti da adottare (www.museoscienze.comune.bergamo.it) Trattamenti adulticidi: INTERNO: scarsa presenza in ambiente domestico. Sono sufficienti i comuni insetticidi, bombolette spray, fornelletti elettrici. ESTERNO:STRAORDINARIA: SOLO in caso di comprovata ed elevata densità di adulti nei siti sensibilio in presenza di rischio epidemico. EFFETTI POSITIVI, IMMEDIATI, MA A BREVE TERMINE ELEVATO IMPATTO AMBIENTALE

10 LOTTA ANTILARVALE- Comportamenti da adottare (www.zanzaratigreonline.it) Cisterne, serbatoi e vasche; fusti /bidoni vuoti; anfore ornamentali; sottovasi non eliminabili; fontane e vasche ornamentali; teli plastici di copertura; tombini; pneumatici; contenitori (capacità < 20 l); cavità negli alberi e/o rocce. Svuotare e pulire; coprire con coperchi e zanzariere; stoccaggio al coperto; consentire lo sgrondo; trattare con larvicida (solo cisterne, serbatoi e tombini); Immissione pesci NO IN AMBIENTI NATURALI EFFETTI POSITIVI, NON IMMEDIATI, MA A LUNGO TERMINE

11 Non svuotare nei tombini i sottovasi o altri contenitori Non lasciare gli annaffiatoi e i secchi con lapertura rivolta verso lalto. Non utilizzare i sottovasi. Tenere pulite fontane e vasche ornamentali, eventualmente introducendo pesci rossi Non lasciare le piscine gonfiabili e altri giochi pieni di acqua per più giorni Non accumulare copertoni e altri contenitori che possono raccogliere anche piccole quantità dacqua stagnante Non lasciare che lacqua ristagni sui teli utilizzati per coprire cumuli di materiali e legna Trattare regolarmente i tombini e le zone di scolo e ristagno con prodotti larvicidi. Eliminare i sottovasi e, ove sia possibile, evitare il ristagno dacqua al loro interno Verificare che le grondaie siano pulite e non ostruite Coprire le cisterne e tutti i contenitori dove si raccoglie lacqua piovana con coperchi ermetici, teli o zanzariere ben tese (www.zanzaratigreonline.it) LOTTA ANTILARVALE- Comportamenti da adottare

12 LOTTA ANTILARVALE- Prodotti larvicidi: principi attivi consigliati Dove si acquistano? Farmacie; negozi articoli di giardinaggio; supermercati. (www.zanzaratigreonline.it) Quando? APRILEOTTOBRE

13 DIFESA PERSONALE- Contro le punture Prodotti repellenti cutanei: DEET – dietiltoluamide; Picridina/icaridina (KBR 3023); Citrodiol (Eucalyptus citriodora, lemon eucalyptus extract); IR3535 (ethyl butylacetylaminopropionate); citronella, geraniolo…etc Abbigliamento: Abiti di colore chiaro Punture: il rimedio consigliabile L'unico rimedio consigliabile è l'applicazione di Gel al Cloruro d'alluminio al 5%, un potenteGel al Cloruro d'alluminio al 5% astringente e antisettico: il prurito diminuisce e le infezioni da lesioni per sfregamento sono scongiurate.

14 FONTI ARGOMENTI E IMMAGINI -Foto sul territorio di Osio Sopra Dott. Maurizio Dino

15 Grazie per lattenzione, Dott. Maurizio Dino


Scaricare ppt "La Zanzara Tigre (Aedes albopictus) Come difenderci e ridurre la sua diffusione nelle nostre case. I comportamenti corretti da adottare. Calendario degli."

Presentazioni simili


Annunci Google