La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI Iscritta al Registro Prefettizio di Rimini delle persone giuridiche al n. 162 del 20/10/2005 Organizzati.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI Iscritta al Registro Prefettizio di Rimini delle persone giuridiche al n. 162 del 20/10/2005 Organizzati."— Transcript della presentazione:

1 1 UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI Iscritta al Registro Prefettizio di Rimini delle persone giuridiche al n. 162 del 20/10/2005 Organizzati da CONFINDUSTRIA e ANCE BENEVENTO, in collaborazione con UNITEL APPALTI PUBBLICI: INCONTRI DI APPROFONDIMENTO ALLA LUCE DEL TERZO CORRETTIVO DEL D. Lgs.163/06 PROGETTAZIONE: interna ed esterna. Appalti dei servizi di progettazione. Professionisti singoli, associati e raggruppamenti Benevento, sede Confindustria, 1° aprile 2009 Intervento dellarch. Salvatore IERVOLINO, Coordinatore UNITEL Area Sud

2 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto2 Responsabile delle procedure di affidamento e di esecuzione dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (Art. 10) Per ogni intervento le amministrazioni aggiudicatrici nominano un RUP. Il RUP svolge tutti i compiti relativi alle procedure di affidamento previste dal presente codice, ivi compresi gli affidamenti in economia. In particolare il Responsabile Unico del Procedimento: - formula proposte e fornisce dati e informazioni al fine della predisposizione del programma triennale dei lavori pubblici e dei relativi aggiornamenti annuali; - cura, in ciascuna fase di attuazione degli interventi, il controllo sui livelli di prestazione, di qualità e di prezzo determinati in coerenza alla copertura finanziaria e ai tempi di realizzazione dei programmi; - cura il corretto e razionale svolgimento delle procedure;

3 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto3 - segnala eventuali disfunzioni, impedimenti, ritardi nell'attuazione degli interventi; - accerta la libera disponibilità di aree e immobili necessari; - fornisce all'amministrazione aggiudicatrice i dati e le informazioni relativi alle principali fasi di svolgimento dell'attuazione dell'intervento; - propone all'amministrazione aggiudicatrice la conclusione di un accordo di programma; - propone l'indizione, o, ove competente, indice la conferenza di servizi. Per i lavori e i servizi attinenti all'ingegneria e all'architettura deve essere un tecnico. Il nominativo del responsabile del procedimento è indicato nel bando o avviso con cui si indice la gara per l'affidamento del contratto di lavori, servizi, forniture.

4 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto4 Le prestazione relative progettazioni, direzione dei lavori e di supporto tecnico-amministrativo alle attività del RUP e del dirigente competente alla formazione del programma triennale dei LL.PP. nonché di collaudo (art.120 comma 2 bis) sono espletate secondo le seguenti priorità (Art.90 D.Lgs. 163/2006): - dagli uffici tecnici delle stazioni appaltanti - dagli uffici consortili di progettazione e di direzione dei lavori - dagli organismi di altre P.A. - da liberi professionisti anche in forma associata - da società di professionisti; - da società di ingegneria; - da prestatori di servizi di ingegneria ed architettura di cui … - da raggruppamenti temporanei - da consorzi stabili di società di professionisti e di ingegneria. Pertanto lappalto del servizio di progettazione costituisce, dunque, uneccezione applicabile solo in caso di

5 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto5 DICHIARAZIONE DEL RUP (Comma 6 Art.90) - difficoltà organizzative dellente committente (caso di carenza in organico di personale tecnico, ovvero di difficoltà di rispettare i tempi della programmazione dei lavori o di svolgere le funzioni di istituto); - caratteristiche intrinseche dei lavori oggetto della progettazione (caso di lavori di speciale complessità o di rilevanza architettonica o ambientale o in caso di necessità di predisporre progetti integrali, così come definiti dal regolamento, che richiedono l'apporto di una pluralità di competenze). Appare evidente il grado di responsabilità che grava sul RUP, cui è riservata limpegnativa funzione di tradurre in concreto previsioni normative che, per la loro genericità, lasciano ampio spazio allinterpretazione applicativa.

6 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto6 Le procedure di affidamento Le procedure di affidamento e laffidamento comprendono sia l'affidamento di lavori, servizi, o forniture, o incarichi di progettazione, mediante appalto, sia l'affidamento di lavori o servizi mediante concessione, sia l'affidamento di concorsi di progettazione e di concorsi di idee. Procedure aperte: sono le procedure in cui ogni operatore economico interessato può presentare un'offerta; ristrette: sono le procedure alle quali ogni operatore economico può chiedere di partecipare e in cui possono presentare un'offerta soltanto gli operatori economici invitati dalle stazioni appaltanti, con le modalità stabilite dal presente codice; negoziate (previo o senza bando): sono le procedure in cui le stazioni appaltanti consultano gli operatori economici da loro scelti e negoziano con uno o più di essi le condizioni dell'appalto. Il cottimo fiduciario costituisce una procedura negoziata;

7 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto7 dialogo competitivo: è una procedura nella quale la stazione appaltante, in caso di appalti particolarmente complessi, avvia un dialogo con i candidati ammessi a tale procedura, al fine di elaborare una o più soluzioni atte a soddisfare le sue necessità e sulla base della quale o delle quali i candidati selezionati saranno invitati a presentare le offerte; a tale procedura qualsiasi operatore economico può chiedere di partecipare; concorsi di progettazione/idee: sono le procedure intese a fornire alla stazione appaltante, soprattutto nel settore della pianificazione territoriale, dell'urbanistica, dell'architettura, dell'ingegneria o dell'elaborazione di dati, un piano o un progetto, selezionato da una commissione giudicatrice in base ad una gara, con o senza assegnazione di premi. In sintesi con lappalto di progettazione si seleziona il soggetto idoneo a redigere un progetto e/o espletare un servizio al posto della P.A. mentre con il concorso di progettazione o di idee la stazione appaltante acquisisce unidea progettuale.

8 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto8 Prima gli incarichi venivano conferiti sulla base di intuitus personae, di tipo sostanzialmente fiduciario. Per le Amministrazioni cera losservanza di due soli oneri procedurali e cioè la verifica della esperienza e capacità professionali del soggetto prescelto e lobbligo di fornire adeguata motivazione della scelta effettuata. Con la legge 62/05, che ha sostituito il comma 12 dellart. 17 della Legge Merloni, è venuto meno il concetto di fiducia ed introdotto quello di affidare gli incarichi con lobbligo di osservare i principi comunitari anche per gli incarichi minori - non discriminazione - parità di trattamento - proporzionalità - trasparenza - concorrenza - rotazione

9 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto9 Norme e regole per laffidamento degli incarichi di servizi Nellappalto di servizi si seleziona il soggetto più idoneo a redigere il progetto o svolgere la prestazione per una determinata opera al posto dellamministrazione committente NORMATIVA/RIFERIMENTI Artt. 90, 91 e 125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m. ed i. Determina n.1/2006 Autorità di Vigilanza Determina n.4/2007 Autorità di Vigilanza Circolare 24734/2007 Ministero delle Infrastrutture Determina n.2/2009 Autorità di Vigilanza

10 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto10 Proprio per laffidamento, la normativa vigente (art.90, 91 e 125 D. Lgs. 163/2006) prevede procedura ad evidenza pubblica se limporta supera i ,00 euro; in caso contrario, procedendo con la valutazione di almeno 5 offerte (procedura negoziata). Quindi, in funzione di ciò (gli incarichi di servizi possono dividersi in tre fasce: fino a ,00 euro da ,00 a ,00 euro oltre ,00 euro

11 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto11 Le ultime posizioni assunte comunque si muovono su una linea di sostanziale rigore. Di fatti, le indicazioni fornite, ancorché semplificate, finiscono per assoggettare gli affidamenti di incarichi di progettazione a regole non dissimili da quelle di una procedura di gara nel senso più proprio del termine. Chiaramente vige in ogni caso il divieto di frammentazione delle prestazioni finalizzato ad eludere lapplicazione delle norme ad evidenza pubblica. La progettazione deve essere considerata in modo tendenzialmente unitario e non può essere artificiosamente suddivisa senza adeguata motivazione.

12 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto12 PRINCIPI GENERALI (art.3 del D. Lgs. 163/2006) economicità efficacia tempestività correttezza principi di libera concorrenza parità di trattamento non discriminazione trasparenza proporzionalità pubblicità

13 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto13 E SPECIFICI comma 2 art. 91 D. Lgs. 163/2006 Principio di non discriminazione (no a preferenze locali) si riferisce al divieto di effettuare scelte discriminanti o di preferenza sotto il profilo della nazionalità o territorialità dei concorrenti. Principio di parità di trattamento (procedura negoziata a 5) presuppone,la fissazione di criteri preventivi di scelta che possono avere qualsiasi forma (come ad es. un regolamento interno ecc). Principio di proporzionalità (requisiti proporzionati) Si intende la necessità che i requisiti minimi richiesti ai potenziali interessati siano proporzionati ed adeguati rispetto alla tipologia e allimporto dellincarico oggetto dellaffidamento.

14 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto14 Principio di trasparenza (adeguata pubblicità) Presuppone la pubblicità preventiva. La S.A. deve manifestare la volontà di affidare lincarico e la misura della pubblicità non può essere predeterminata tassativamente (in genere albo pretorio, sito internet o albo stazione appaltante, nonché diffusione presso ordini professionali). e comma 6 art. 57 D. Lgs.163/2006 Trasparenza Concorrenza Rotazione

15 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto15 Determina dellAutorità n.4/2007 I servizi tecnici di importo inferiore ad euro , possono essere affidati a cura del responsabile del procedimento, nel rispetto dei principi di - non discriminazione - parità di trattamento - proporzionalità - trasparenza secondo la procedura negoziata senza pubblicazione di un bando di gara (articolo 57, comma 6, del Codice) previa selezione di almeno cinque operatori economici da consultare se sussistono in tale numero soggetti idonei (nel rispetto dei principi di trasparenza, concorrenza e rotazione).

16 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto16 Laffidamento andrà alloperatore economico che ha offerto le condizioni più vantaggiose, determinate sulla base del criterio del prezzo più basso o dellofferta economicamente più vantaggiosa, previa verifica del possesso dei requisiti di qualificazione previsti per laffidamento di contratti di uguale importo mediante procedura aperta, ristretta o negoziata previo bando. Per gli appalti di importo inferiore alla soglia comunitaria con il criterio del prezzo più basso: si può procedere allesclusione automatica delle offerte anomale individuate secondo il criterio previsto nellart. 86 comma 1. Per gli appalti di importo superiore alla soglia comunitaria con il criterio del prezzo più basso: si deve invece applicare sempre la procedura di valutazione delle offerte anomale prevista dagli artt Per i contratti di qualsiasi importo con il criterio dellofferta economicamente più vantaggiosa si applica lart. 86 comma 2, sulla valutazione di congruità delle offerte.

17 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto17 IN SINTESI Ove possibile, la stazione appaltante individua gli operatori economici da consultare sulla base di informazioni riguardanti le caratteristiche di qualificazione economico finanziaria e tecnico organizzativa desunte dal mercato, nel rispetto dei principi di trasparenza, concorrenza, rotazione, e seleziona almeno tre [cinque] operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei. Gli operatori economici selezionati vengono contemporaneamente invitati a presentare le offerte oggetto della negoziazione, con lettera contenente gli elementi essenziali della prestazione richiesta. La stazione appaltante sceglie l'operatore economico che ha offerto le condizioni più vantaggiose, secondo il criterio del prezzo più basso o dell'offerta economicamente più vantaggiosa, previa verifica del possesso dei requisiti di qualificazione previsti per l'affidamento di contratti di uguale importo mediante procedura aperta, ristretta, o negoziata previo bando.

18 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto18 Lavori, servizi e forniture in economia di importo inferiore a ventimila euro Determine dellAutorità n.4/2007 e 2/2009 Si consente laffidamento diretto da parte del responsabile del procedimento applicando lart 125, del D.lgs. 163/2006. La determina 4/2007 osserva che difficilmente i servizi tecnici in materia di lavori pubblici possano essere ricompresi tout court tra i servizi in economia. Non si può tuttavia escludere che una stazione appaltante, in relazione alle proprie specifiche esigenze ed attività (pensiamo ai piccoli comuni), possa ricomprendere nel regolamento interno per la disciplina della propria attività contrattuale, anche laffidamento in economia dei servizi tecnici e, pertanto, per le prestazioni di importo inferiore a euro, in base allarticolo 125, comma 11, del Codice, procedere alla scelta del tecnico mediante affidamento diretto.

19 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto19 In tal caso il ribasso sullimporto della prestazione, stimato ai sensi del citato decreto del Ministro della Giustizia del 4 aprile 2001, viene negoziato fra responsabile del procedimento e loperatore economico cui si intende affidare la commessa. Tale orientamento viene confermato anche dalla recente determinazione n.2 del 25 febbraio 2009 circa gli affidamenti degli incarichi di collaudo, anchessi oggi assoggettati allart.91 comma 1 e2 e quindi rientranti nei servizi attinenti allingegneria e architettura oggetto delle procedure concorsuali, dove viene ribadito anche che lindividuazione, prezzo più basso o offerta economicamente più vantaggiosa, è discrezionale dellAmministrazione. Pertanto il Regolamento interno per la disciplina dellattività contrattuale in economia, dovrà prevedere: - i servizi tecnici da affidare; - qual è la procedura per laffidamento diretto

20 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto20 BREVE PROFILO UNITEL UNITEL - Unione Nazionale Italiana Tecnici Enti Locali - è unassociazione nata nel Riconosciuta come persona giuridica nellottobre Base associativa circa 2000 iscritti, distribuita su tutto il territorio nazionale, che permette allAssociazione di cogliere in tempo reale i processi innovativi e le istanze di miglioramento della categoria. Obiettivi: - valorizzare la posizione professionale - tutelare la posizione giuridica ed economica dei tecnici degli EE. LL. - migliorare il servizio reso alle collettività dagli Uffici Tecnici A tal fine, organizza: - iniziative di formazione e aggiornamento tecnico e normativo - giornate di studio - convegni

21 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto21 A queste si affiancano: - sito Internet - pubblicazione trimestrale Il nuovo Giornale dellUNITEL - rivista LUfficio Tecnico - contributi tecnici su Il Sole 24 Ore, Italia Oggi, Edilizia e territorio, Rivista degli Appalti. UNITEL è presente e/o partecipa a - Rimini Fiera, Euro P.A. e Ecomondo (già Ricicla). - Camera dei Deputati, VIII Commissione per pareri e indicazioni - ITACA, riunioni per il redigendo regolamento del 163/ Autorità per la Vigilanza, audizioni varie - ANCI, gruppi di lavoro - Stati Generali dellIngegneria

22 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto22 ULTIME INIZIATIVE - Piano casa (tramite ANCI) - Appalti pubblici, Rimini Euro P.A Ripristino 2% e No retroattività Novembre 2008, fiera ECOMONDO, rinnovo Organi istituzionali presidente, arch. Bernardino PRIMIANI (Comune di Bojano) - direttivo (9 unità tra presidente, vice, segretario, 3 componenti e 3 coord. darea) - consiglio nazionale (21 componenti) SEZIONE REGIONALE CAMAPANIA E COMITATI PROVINCIALI , NAPOLI, CASTEL DELLOVO: GIORNATA DI STUDIO SU LA LEGGE N.3/ , NAPOLI, REAL ALBERGO DEI POVERI, CONVEGNO SU L.133/08 (2%) Attualmente lUNITEL è punto di riferimento nazionale per tutti i dipendenti della P.A. e consapevoli di tale responsabilità, vogliamo svolgere il nostro ruolo trainante ed incisivo al fine di valorizzare e porre in giusto risalto la figura del tecnico dellEnte Locale.

23 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto23

24 01/04/2009Salvatore IERVOLINO, Architetto24 Grazie per l'attenzione


Scaricare ppt "1 UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI Iscritta al Registro Prefettizio di Rimini delle persone giuridiche al n. 162 del 20/10/2005 Organizzati."

Presentazioni simili


Annunci Google