La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

a cura dello Studio Leonardo Ambrosi & Partners 31/12/2013 1 Leonardo Ambrosi & Partners.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "a cura dello Studio Leonardo Ambrosi & Partners 31/12/2013 1 Leonardo Ambrosi & Partners."— Transcript della presentazione:

1

2 a cura dello Studio Leonardo Ambrosi & Partners 31/12/ Leonardo Ambrosi & Partners

3 PER UNA VISIONE OTTIMALE, DOPO AVER APERTO IL FILE PREMI IL TASTO F5 E PROCEDI CON IL MOUSE O LA BARRA SPAZIATRICE PER ACCEDERE AL TESTO DELLINTERA SENTENZA CLICCA IN CORRISPONDENZA DELLA STESSA ALLINTERNO DEL CAMPO BIANCO 31/12/ Leonardo Ambrosi & Partners AVVERTENZE

4 IL CASO Il contratto di associazione è qualificabile per adesione secondo il disposto dellart.1341 c.c. e come tale subordinato alla specifica approvazione per iscritto per lefficacia delle clausole di contenuto vessatorio ? Il socio di un Circolo nautico svolgeva opposizione al decreto ingiuntivo di pagamento di somma dovuta a titolo di iscrizione allassociazione, la cui debenza era contestata in quanto era stata comunicata lintenzione di non proseguire nel rapporto. Il Giudice di Pace accoglieva lopposizione sul rilievo che la clausola contrattuale che stabiliva lobbligo del pagamento delle quote, anche in caso di recesso del socio, costituiva clausola vessatoria da approvare per iscritto. Proponeva ricorso per Cassazione il Circolo nautico denunziando la violazione e falsa applicazione dellart.1341 e seg. c.c. e lomessa o insufficiente motivazione in relazione alla applicazione dellart.1341 c.c.. 31/12/ Leonardo Ambrosi & Partners

5 LA SOLUZIONE La Corte accoglieva il ricorso premettendo che le disposizioni dello statuto e dellatto costitutivo di unassociazione hanno natura negoziale e sono regolate dai principi generali del negozio giuridico, salve le deroghe imposte dai particolari caratteri propri del contratto di associazione. La partecipazione ad unassociazione presuppone comunanza di interessi e di risorse finalizzata alla realizzazione degli scopi istituzionali di talché i patti associativi non sono riconducibili ad alcuna ipotesi di vessatorietà che, alterando il sinallagma contrattuale, includa posizioni sfavorevoli o di debolezza meritevoli della tutela prevista per le clausole vessatorie. La disposizione di cui allart c.c., in ordine alla sottoscrizione delle clausole c.d. onerose, non è applicabile al contratto di associazione non configurandosi, nel caso, la presenza di un contraente più debole meritevole della particolare tutela prevista per le clausole vessatorie. Corte di Cassazione, III sez. civ., sentenza n dell8 aprile /12/ Leonardo Ambrosi & Partners

6 IL CASO Quale è il limite di utilizzo in sede contenziosa dei documenti non esibiti da un circolo in sede di accertamento? Un Circolo Ippico ricorreva avverso un avviso di accertamento Iva. LAgenzia delle Entrate, soccombente in primo grado, interponeva appello che il giudice di seconde cure rigettava; pertanto ricorreva per Cassazione deducendo vizio di motivazione della sentenza e violazione di legge. La Corte riteneva fondati i motivi nella parte in cui deducevano vizio di motivazione per esserne la sentenza affetta non riscontrando adeguatamente la deduzione dellufficio in ordine alla natura del circolo ed allattività nello stesso svolta. Non meritava accoglimento il motivo vertente sulla violazione di legge. Affermava la Corte che lart.52, co.5 DPR n.633/72 che prevede il divieto di utilizzo in sede giudiziaria di documenti non esibiti in sede amministrativa costituisce un limite al diritto di difesa. Tale divieto pertanto ricorre qualora ad una precisa richiesta da parte dell'amministrazione fiscale, sia seguito il rifiuto da parte del contribuente e non anche nel caso in cui la mancata esibizione derivi da una mancata richiesta. 31/12/ Leonardo Ambrosi & Partners

7 Equivale al rifiuto di esibizione la dichiarazione del contribuente,contraria al vero, di non possedere la documentazione o la sottrazione allispezione dei documenti in suo possesso,ancorché non al deliberato scopo di impedirne la verifica, ma per errore non scusabile, di diritto o di fatto e quindi per colpa. Largomentazione è ripresa da Corte Cass. n.7269/09 e riportata nella motivazione. Sottolinea la Corte che occorre una specifica richiesta da parte dei funzionari del fisco non potendo costituire rifiuto la mancata esibizione di ciò che non viene espressamente richiesto. 31/12/ Leonardo Ambrosi & Partners

8 LA SOLUZIONE I documenti non esibiti dal contribuente, nonostante la richiesta degli organi accertatori, non potranno essere utilizzati in sede contenziosa. Il divieto di utilizzazione non ricorre qualora la mancata esibizione derivi da una mancata richiesta degli accertatori. Corte di Cassazione, sez. trib., sentenza n del 14 ottobre /12/ Leonardo Ambrosi & Partners

9 IL CASO Quali sono i requisiti necessari per accedere al trattamento agevolato in materia di imposte sui redditi e Iva in favore di associazioni sportive dilettantistiche ed altri enti associativi? Un Circolo sportivo reagisce allavviso di accertamento dellAgenzia delle Entrate che, sul presupposto dellinapplicabilità della disciplina agevolata dettata per gli enti di tipo associativo, riteneva i ricavi prodotti per lattività svolta quali componenti positivi di reddito e, di conseguenza, rettificava le dichiarazioni presentate dallassociazione ai fini Irpeg, Irap ed Iva. La Commissione Tributaria Provinciale dichiarava lillegittimità dellavviso di accertamento, la decisione era confermata dal Giudice del gravame. Lufficio interponeva ricorso per Cassazione, affidandolo ad un unico articolato motivo con cui denunciava la violazione della norma in tema di onere della prova ed omessa ed insufficiente motivazione su punti decisivi. 31/12/ Leonardo Ambrosi & Partners

10 Il Collegio ha ritenuto che, per fondare laccesso alle agevolazioni dimposta, sia sui redditi che sul valore aggiunto, non sono sufficienti requisiti formali, l'appartenenza dell'ente alle categorie ritenute di rilevanza sociale quali gli enti nazionali di promozione sportiva riconosciuti e la conformità dello statuto alle disposizioni ex D.Lgs. n.460/97, essendo necessario che lattività si svolga in concreto nel pieno rispetto delle prescrizioni delle clausole dellatto costitutivo o dello statuto inserite, ai sensi dellart.5 D.Lgs. n.460/97, quali condizione per la fruibilità, da parte delle associazioni sportive dilettantistiche, di trattamento agevolato in ordine al calcolo dimposta sui redditi ed alla assoggettabilità ad Iva. In sostanza, in base alla normativa richiamata, le attività delle associazioni sportive dilettantistiche svolte in diretta attuazione degli scopi istituzionali effettuate verso pagamento di corrispettivi nei confronti di iscritti, associati o partecipanti, non sono considerate commerciali e le quote associative non concorrono a formare il reddito complessivo solo se lattività effettivamente esercitata è conforme a quella dichiarata e se lo statuto prevede le clausole previste dagli artt.148 Tuir e 4 DPR n.633/72. 31/12/ Leonardo Ambrosi & Partners

11 In tal caso è estesa alle associazioni sportive dilettantistiche la disciplina di esclusione dallIva prevista per talune operazioni svolte dagli enti di tipo associativo. Non rientra, fra le attività istituzionali del circolo, lattività di bar con somministrazione di cibi e bevande verso pagamento di corrispettivo anche se effettuata a favore degli associati; trattasi di attività attraverso cui il circolo si finanzia, da ritenersi attività di natura commerciale ai fini del trattamento tributario. 31/12/ Leonardo Ambrosi & Partners

12 LA SOLUZIONE Il riconoscimento del diritto delle associazioni sportive dilettantistiche allapplicazione del regime agevolato di esclusione dal prelievo fiscale sui proventi per talune attività non discende, tout court, dallaccertata appartenenza dellente nella categoria delle associazioni anzidette, dalla natura e dalle modalità di svolgimento dellattività dellente, essendo necessario che lattività si svolga, in concreto, nel pieno rispetto delle prescrizioni delle clausole dellatto costitutivo o dello statuto, inserite ai sensi dellart. 5 D.Lgs. n.460/97 (oggi co.8, art.148 Tuir) quali condizione per la fruibilità da parte delle associazioni sportive dilettantistiche di trattamento agevolato in ordine al calcolo di imposta sui redditi ed alla assoggettabilità ad Iva (ex art.4, DPR n.633/72). Corte di Cassazione, sez. trib., sentenza n del 12 maggio /12/ Leonardo Ambrosi & Partners

13 Realizzazione grafica in PowerPoint dello Studio Leonardo Ambrosi & Partners Slides project by leonardo ambrosi & partners


Scaricare ppt "a cura dello Studio Leonardo Ambrosi & Partners 31/12/2013 1 Leonardo Ambrosi & Partners."

Presentazioni simili


Annunci Google