La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Informatica Lezione 9 Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione (laurea triennale) Anno accademico: 2006-2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Informatica Lezione 9 Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione (laurea triennale) Anno accademico: 2006-2007."— Transcript della presentazione:

1 Informatica Lezione 9 Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione (laurea triennale) Anno accademico:

2 L’uso fondamentale di una rete L’uso fondamentale di una rete è quello di consentire la comunicazione tra i nodi I nodi si scambiano dei dati sotto forma di messaggi codificati in forma digitale Ogni messaggio è caratterizzato da un mittente, un destinatario, e un insieme di informazioni che costituiscono il corpo del messaggio

3 Comunicazione nelle reti Affinché questa comunicazione possa avvenire in modo corretto si deve definire un protocollo di comunicazione –Come nella vita reale si stabiliscono delle convenzioni per il comportamento tra gli individui, nel caso della comunicazione tra gli elaboratori un protocollo definisce quell’insieme di regole che il nodo mittente e il nodo destinatario devono seguire per interagire tra loro

4 Comunicazione nelle reti – protocolli Un protocollo fornisce delle funzionalità per: –Indirizzamento (addressing) –Instradamento (routing) –Gestione di eventuali errori di trasmissione (error detection, error recovery, sequence control) –Gestione della velocità di comunicazione (flow control)

5 Comunicazione nelle reti – protocolli Un protocollo “monolitico” che realizzi tutte le funzionalità necessarie per la comunicazione tra elaboratori in rete è difficile da realizzare Inoltre, se cambia qualche componente della rete, si deve modificare l’intero protocollo Per ridurre la complessità di progettazione la maggior parte dei protocolli è organizzata come una serie di livelli –Il numero dei livelli, il loro nome, le funzionalità differiscono da una rete ad un’altra

6 Comunicazione multilivello Francese a inglese Inglese a tedesco Tedesco

7 Comunicazione multilivello Qualcosa di simile accade nei protocolli di comunicazione tra calcolatori Si ipotizzano dei livelli e –Il livello n di un calcolatore comunica (virtualmente) con il livello n di un altro calcolatore In realtà nessun dato viene trasferito da un livello n ad un altro (n>1) ma passa ad un livello sottostante –Un protocollo di livello n svolge le sue funzioni usando i servizi forniti dal livello n-1 e fornisce i servizi al livello n+1

8 Comunicazione multilivello Per ogni coppia di livelli adiacenti esiste una interfaccia Le convenzioni usate nella conversazione sono il protocollo –Si tratta di un accordo tra i partecipanti su come deve avvenire la comunicazione Al di sotto del livello più basso c’è il mezzo fisico che serve per il trasferimento dei dati

9 Comunicazione multilivello: ISO - OSI Modello teorico di riferimento per definire le caratteristiche della comunicazione multilivello OSI: Open Standard Interconnection Application Presentation Session Transport Network Data link Physical

10 Comunicazione multilivello: ISO - OSI Modello teorico di riferimento per definire le caratteristiche della comunicazione multilivello OSI: Open Standard Interconnection Application Presentation Session Transport Network Data link Physical Servizi per utilizzo delle rete Comunicazione end-to-end Indirizzamento, routing tra reti Per esempio:

11 Comunicazione multilivello: ISO - OSI Application Presentation Session Transport Network Data link Physical Application Presentation Session Transport Network Data link Physical

12 Comunicazione multilivello: ISO - OSI Application Presentation Session Transport Network Data link Physical Application Presentation Session Transport Network Data link Physical Il livello n di un calcolatore comunica virtualmente con il livello n di un altro calcolatore In realtà nessun dato viene trasferito da un livello n ad un altro ma passa ad un livello sottostante

13 Comunicazione multilivello: ISO - OSI I livelli più bassi sono quelli più vicini all’hardware e definiscono delle regole di basso livello che consentono di “azzerare” le differenze tra le diverse reti fisiche Si introduce un livello virtuale uniforme sul quale si basano i livelli successivi che possono essere definiti in modo indipendente dalle reti fisiche sottostante

14 Reti di computer Non esiste una classificazione univoca delle reti ma due aspetti hanno un particolare importanza –Tecnologia di trasmissione –Scala

15 Reti di computer Non esiste una classificazione univoca delle reti ma due aspetti hanno un particolare importanza –Tecnologia di trasmissione –Scala

16 Tecnologia di trasmissione I dispositivi che formano una rete possono essere collegati tra loro in vari modi che determinano l’architettura o topologia della rete La topologia della rete determina la modalità di trasmissione dei dati all’interno della rete

17 Tecnologia di trasmissione Reti punto a punto (point-to-point) –Consistono di molte connessioni individuali tra coppie di elaboratori

18 Tecnologia di trasmissione Reti ad anello –I nodi sono organizzati secondo una configurazione ad anello e non sono tutti direttamente collegati

19 Tecnologia di trasmissione Il segnale emesso da un nodo passa al nodo successivo; se non è indirizzato a quel nodo, viene ritrasmesso al nodo seguente, finché non raggiunge il destinatario

20 Tecnologia di trasmissione Reti a stella –I nodi sono tutti collegati a un nodo centrale detto host Host

21 Tecnologia di trasmissione Le comunicazioni tra due nodi non sono dirette ma passano attraverso il nodo host che provvede a smistarle verso il nodo destinazione Host

22 Tecnologia di trasmissione Reti lineari (broadcast) –Hanno un unico canale di comunicazione (dorsale) condiviso da tutte le macchine della rete –I messaggi inviati da un elaboratore vengono ricevuti da tutti ma solo l’elaboratore destinatario elaborerà il messaggio, gli altri elaboratori lo ignoreranno

23 Tecnologia di trasmissione Reti commutate –Poiché è impossibile collegare fisicamente tutte le macchine, si utilizza una infrastruttura condivisa Mainframe Server Personal computer Switching node

24 Tecnologia di trasmissione Reti packet switching –I dati sono suddivisi in pacchetti composti da una parte di dati ed una di controllo (header) che viaggiano in modo indipendente nella rete –Il nodo destinatario si occupa di ricostruire il messaggio

25 Tecnologia di trasmissione Dati Packet Mittente Destinatario

26 Tecnologia di trasmissione Controllo Parte di dati

27 Tecnologia di trasmissione

28

29 Reti di computer Non esiste una classificazione univoca delle reti ma due aspetti hanno un particolare importanza –Tecnologia di trasmissione –Scala

30 Scala Un criterio alternativo per classificare le reti è legato alla loro scala, che si determina in base alla dimensione dei processori e alla loro distanza

31 Scala 0.1 mCircuito 1 mSistemaMulticomputer 10 mStanzaRete locale LAN 100 mEdificioLAN 1 kmUniversitàLAN 10 kmCittàRete metropolitana MAN 100 kmNazioneRete geografica WAN 1000 kmContinenteInternet kmPianetaInternet

32 LAN = Local Area Network Reti private per la condivisione di risorse all’interno di un edifico o in edifici vicini –Risorse come computer, stampanti, dati Sono generalmente di dimensioni ridotte Si possono distinguere a seconda della topologia (punto-a-punto, ad anello, a stella, lineare, …)

33 LAN – Client/Server Server: elaboratore che può essere condiviso dagli altri computer collegati in rete –Server gestore dei dati (file server): gestisce la memorizzazione e la condivisione di dati in una rete locale –Server di stampa (printer server): gestisce le stampanti disponibili in una rete locale –Server di comunicazione: permette l’accesso ad altre reti locali o ad Internet Client: elaboratore che usa delle risorse condivise, messe a disposizione dal server

34 Client/server: un esempio Server Stampante Client

35 LAN – Sistema operativo di rete Il sistema operativo non è in grado di gestire le risorse che non appartengono all’elaboratore Si introduce un nuovo livello nella “struttura a cipolla”: il sistema operativo di rete Hardware Sistema operativo locale Sistema operativo di rete

36 Reti senza filo (wireless) Sono utili per esempio: –Per gruppo di autocarri, taxi, autobus, … –Soccorsi in caso di eventi disastrosi Servono per i telefoni cellulari


Scaricare ppt "Informatica Lezione 9 Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione (laurea triennale) Anno accademico: 2006-2007."

Presentazioni simili


Annunci Google