La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Associazione Investor Relations International Financial Reporting Standard Seminar Mario Corti – Socio Milano, 14 giugno 2005.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Associazione Investor Relations International Financial Reporting Standard Seminar Mario Corti – Socio Milano, 14 giugno 2005."— Transcript della presentazione:

1 Associazione Investor Relations International Financial Reporting Standard Seminar Mario Corti – Socio Milano, 14 giugno 2005

2 1 Nuovi schemi di bilancio Non definiti dallo IASB. In attesa degli schemi previsti da Banca d’Italia Segmentazione delle attività finanziarie in base alla classificazione prevista dallo IAS 39 Informazioni aggiuntive richieste Disclosure su attività e passività finanziarie (IAS 32) Segment reporting (IAS 14)

3 2 La transizione agli IFRS nelle istituzioni finanziarie Nuovi schemi di bilancio Impatto su alcuni indicatori di sintesi Volatilità delle informazioni economico-finanziarie

4 3 Classificazione e valutazione degli strumenti finanziari StrumentoValutazione Contabilizzazione delle variazioni di fair value P&L Non rilevate (unless impaired) P&L Attività mantenute fino a scadenza Costo ammortizzato (effective interest rate) Non rilevate (unless impaired) Costo ammortizzato (effective interest rate) Crediti Attività available-for-sale Fair value Attività finanziarie di trading o designate come tali Fair value DerivatiFair value Passività finanziarie di tradingFair value Altre passività finanziarieNon rilevateCosto ammortizzato Patrimonio netto (unless impaired)

5 4 Impatto su alcune poste contabili significative Margine di interesse Impatti rilevanti derivanti da: Diversa rilevazione dei crediti Diversa valutazione dei crediti Margine commissionale Utile / perdita di trading Fair value vs costo storico Patrimonio netto

6 5 La rilevazione dei crediti Il valore iniziale di rilevazione dei crediti deve includere i “transactions costs” Queste componenti accessorie affluiranno a conto economico pro rata in base al tasso di interesse effettivo Minore rilevanza delle componenti reddituali non ricorrenti

7 6 La valutazione dei crediti “impaired” Il processo di rilevazione dei crediti “impaired” deve considerare i seguenti elementi: Previsti flussi di cassa futuri Tempi di incasso (al netto dei costi di recupero) Attualizzazione sulla base del tasso di interesse effettivo originario In sede di prima applicazione (FTA), i crediti non performing vengono ulteriormente svalutati (effetto attualizzazione) con imputazione al patrimonio netto di apertura

8 7 Costo storico vs. fair value Sono valutati al fair value: Tutti i contratti derivati (con imputazione a CE o PN) Le attività e le passività finanziarie di “trading” (con imputazione a CE) Le attività “available for sale” ( con imputazione a PN) VOLATILITA ’ CEPN

9 8 Patrimonio netto Maggiore volatilità delle poste di patrimonio netto Classificazione degli strumenti “ibridi” in relazione alla sostanza economica sottostante Obbligazioni convertibili Preference shares

10 9 Alcuni indicatori sintetici ROE Elevata volatilità sia di P/L che di Patrimonio netto; necessità di disporre di prospetti di riconciliazione Y/Y e di dati “normalizzati” Cost / income Ratio patrimoniali

11 10 Informazioni aggiuntive Descrizione financial risk management Obiettivi Politiche Descrizione delle politiche di copertura adottate Informazioni quantitative sui principali rischi finanziari connessi agli strumenti finanziari Fair value di ogni attività/passività finanziaria Metodologie e ipotesi sottostanti la descrizione del fair value

12 11 Presenter’s contact details Mario Corti KPMG S.p.A © 2004 KPMG S.p.A., an Italian limited liability share capital company, is a member firm of KPMG International, a Swiss cooperative. All rights reserved.


Scaricare ppt "Associazione Investor Relations International Financial Reporting Standard Seminar Mario Corti – Socio Milano, 14 giugno 2005."

Presentazioni simili


Annunci Google