La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lecco, 13 novembre 2012 ABUSO AI MINORI: dalla COAZIONE che costringe alla CO-AZIONE che costruisce.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lecco, 13 novembre 2012 ABUSO AI MINORI: dalla COAZIONE che costringe alla CO-AZIONE che costruisce."— Transcript della presentazione:

1 Lecco, 13 novembre 2012 ABUSO AI MINORI: dalla COAZIONE che costringe alla CO-AZIONE che costruisce

2 MODALITA’ DI RACCORDO 2008: Prefettura di Lecco costituisce tavolo tecnico sul tema “minori vittime di abusi” rispondendo alla necessità di assumere un approccio integrato delle istituzioni. PROTOCOLLO D’ INTESA PER LA REALIZZAZIONE DI STRATEGIE DI PREVENZIONE ED INTEVENTI INTEGRATI SUL MALTRATTAMENTO, L’ABUSO E LA VIOLENZA ALL’INFANZIA E ALL’ADOLESCENZA 2012: progetto “Abuso ai minori: dalla COAZIONE che costringe alla CO-AZIONE che costruisce” Scopo: potenziare e qualificare la rete delle risorse professionali e ampliare la collaborazione a realtà del privato sociale

3 DURATA E DESTINATARI Avviso 1/2011 per la concessione di contributi per il sostegno a progetti pilota per il trattamento di minori vittime di abuso e sfruttamento sessuale Ministero delle Pari Opportunità Costo del progetto ,20 Finanziamento ,56

4 LINEE OPERATIVE 1_ INFORMAZIONE, FORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE OPERATORI E SOCIETÀ CIVILE tavolo di lavoro permanente sulle best practices indagine sociale Interventi di prevenzione nelle scuole primarie formazione ai genitori formazione agli insegnanti Interventi di sensibilizzazione alla cittadinanza rinvenimento materiale pedopornografico

5 LINEE OPERATIVE 2_ PRESA IN CARICO DEI MINORI ABUSATI CON FINALITÀ DI VALUTAZIONE CLINICA E DI TRATTAMENTO Equipe permanente (gruppo interdisciplinare Cura del trauma dell’ASL, Azienda Ospedaliera e le equipe Tutela Minori delle Gestioni Associate) ASL/Azienda Ospedaliera e coordinatori delle Gestioni Associate decidono le azioni a protezione del minore in caso di allontanamento

6 LINEE OPERATIVE 3_ PRESA IN CARICO DEI GENITORI DEL MINORE VITTIMA Gestione incontri protetti Percorso valutativo e terapeutico di recupero genitorialità anche attraverso la family group conference Valutazione delle possibilità di recupero delle competenze genitoriali e di intervento terapeutico Sessioni di studio attraverso cases history

7 LINEE OPERATIVE 4_ ASSISTENZA GIURIDICA DEL MINORE VITTIMA Riduzione rischio di vittimizzazione secondaria attraverso: Il consolidamento del rapporto con le Forze dell’Ordine L’estensione del Protocollo al Tribunale per i Minorenni L’estensione del Protocollo al Tribunale Ordinario

8 LINEE OPERATIVE 5_ ACCOMPAGNAMENTO DEL MINORE VERSO UN PROGETTO DI VITA Stesura del progetto, comprensivo di aspetti psicologici, sociali, legali, economici, sanitari, alternativo o connesso a un rientro in famiglia Supporto con group conference anche a famiglie adottive, di bambini abusati, in fase post- adozione a partire dal 2° anno

9 APPROCCIO METODOLOGICO PROTOCOLLO D’INTESA EQUIPE OPERATIVA TERRITORIALE Analisi casi paradigmatici Analisi aspetti gestionali Confronto su aspetti disfunzionali Verifiche in itinere Raccolta periodica di dati Reporting cases Formazione periodica Reporting formazione Confronto-formazione Valutazione indicatori di risultato Incontri di verifica con Servizio Socio-Educativo territoriale Pubblicazione finale sul sito ASL


Scaricare ppt "Lecco, 13 novembre 2012 ABUSO AI MINORI: dalla COAZIONE che costringe alla CO-AZIONE che costruisce."

Presentazioni simili


Annunci Google