La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

“DISTRETTO PER LA FAMIGLIA” Roma, 22 maggio 2007 FORUM.PA 2007 PER UN’ARTICOLAZIONE TERRITORIALE DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "“DISTRETTO PER LA FAMIGLIA” Roma, 22 maggio 2007 FORUM.PA 2007 PER UN’ARTICOLAZIONE TERRITORIALE DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA."— Transcript della presentazione:

1 “DISTRETTO PER LA FAMIGLIA” Roma, 22 maggio 2007 FORUM.PA 2007 PER UN’ARTICOLAZIONE TERRITORIALE DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA

2 APPROVATO DALLA GIUNTA PROVINCIALE IL 5 MARZO 2004 ATTO DI INDIRIZZO DI RIFORMA DEL WELFARE

3 PIANO DI INTERVENTI IN MATERIA DI POLITICHE FAMILIARI Trento, 24 settembre 2004 Giunta provinciale Approvato con deliberazione della Giunta provinciale n del 24 settembre 2004 APPROVATO DALLA GIUNTA PROVINCIALE IL 24 SETTEMBRE 2004 PIANO DI INTERVENTI

4 LE “PAROLE CHIAVE” PIANO INTERVENTI LEGISLAZIONE VIGENTE PROMOZIONE NUOVE FAMIGLIE FIGLI TRASVERSALITÀ SUSSIDIARIETÀ ANALISI ATTRATTIVITÀ

5 LA TRASVERSALITÀ PIANO INTERVENTI PRESIDENZA GIUNTA PROVINCIALE PROGRAMMAZIONE, RICERCA,INNOVAZIONE PROT. CIVILE, OPERE PUBBLICHE, AUT. LOCALI POLITICHE SOCIALI POLITICHE PER LA SALUTE ISTRUZIONE E POLITICHE GIOVANILI CULTURA EMIGRAZ., SOLID. INTERN. SPORT, PARI OPPORT. AGRICOLTURA, COMMERCIO, TURISMO

6 Politiche tariffarie Sviluppo di nuovi servizi Politiche del lavoro Sistema operatori profit Sistema delle autonomie locali Volontariato e Associazio- nismo familiare AMBITI DI AZIONE Ricognizione delle politiche esistenti

7 APPROVATO DALLA GIUNTA PROVINCIALE IL 13 MAGGIO 2005 ASSETTO VALORIALE DEL WELFARE TRENTINO

8 LA METODOLOGIA Le matrici coassiali (AA1000) Valori Strategie Operatori Politiche Stakeholders Valori

9 MISSION 4/10 LA TRASPARENZA, L’INFORMAZIONE E LA PARTECIPAZIONE “LA VALORIZZAZIONE E IL SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA, DEI FIGLI E DELLE RETI SOCIALI”

10 MISSION 10/10 POLITICHE SOCIALI COME “MOTORE” DEL SISTEMA ECONOMICO LOCALE

11 MATRICE STRATEGICA

12 “PIANO FAMIGLIA” AGGIORNAMENTO DEL PIANO DA PARTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE NEL MARZO 2007

13 Politiche tariffarie Politiche abitative: alloggi per giovani coppie Conciliazione tempi di lavoro con i tempi della famiglia Trentino: distretto delle opportunità a sostegno della famiglia Sussidiarietà AMBITI DI AZIONE

14 I 6 OBIETTIVI DEL PROGETTO “AMICI DELLA FAMIGLIA”

15 “OBIETTIVO 1/6” INTEGRARE LE POLITICHE PROVINCIALI SECONDO UNA LOGICA DISTRETTUALE PER SOSTENERE IL BENESSERE DELLA FAMIGLIA

16 “OBIETTIVO 2/6” IDEARE, SVILUPPARE ED ATTUARE UNA FORTE POLITICA PROMOZIONALE E NON ASSISTENZIALE A FAVORE E SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA

17 “OBIETTIVO 3/6” COINVOLGERE ED INCLUDERE, SECONDO LE LOGICHE DELL’ACCOUNTABILITY, GLI ATTORI FAMILIARI PROMUOVENDO LA SUSSIDIARIETÀ

18 “OBIETTIVO 4/6” CATALIZZARE SUL TARGET FAMIGLIA L’ATTENZIONE DEGLI OPERATORI PUBBLICI E PRIVATI, FOR PROFIT E NO PROFIT

19 “OBIETTIVO 5/6” ACCRESCERE – TRAMITE UNA FORTE POLITICA FAMILIARE - L’ATTRATTIVITÀ TERRITORIALE E SOSTENERE LO SVILUPPO LOCALE

20 “OBIETTIVO 6/6” SVILUPPARE E SPERIMENTARE SUL PROPRIO TERRITORIO UN SISTEMA DI NORME (ISPIRATO ALLE NORME SULLA QUALITÀ) ORIENTATO ALLA CERTIFICA- ZIONE TERRITORIALE FAMIGLIARE (FAMILY IN TRENTINO)

21 IL PROGETTO DEL MARCHIO FAMILY IN TRENTINO

22 Progetto Marchio Logo

23

24

25

26

27

28

29

30 Progetto Marchio Logo - Colore

31 LE CARATTERISTICHE DEL MARCHIO FAMILY IN TRENTINO

32 “CARATTERISTICHE” PROPENSIONE AL MIGLIORAMENTO CONTINUO PER LO SCAMBIO/DIFFUSIONE DELLE BUONE PRATICHE SENSIBILITÀ DELL’ORGANIZZAZIONE AL TARGET FAMIGLIA ADESIONE VOLONTARIA AUTOVALUTAZIONE DELLA PROPRIA ORGANIZZAZIONE RISPETTO AI REQUISITI DISPONIBILITÀ ALLA VALUTAZIONE DEI PROPRI SERVIZI

33 GLI ATTORI DEL PROGETTO “ FAMILY IN TRENTINO ”

34 PROVINCIA (Servizi e scuole) “GLI ATTORI”

35 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Sviluppa il “marchio” Sensibilizza al marchio la propria organizzazione e le scuole Gestisce il sito dedicato Attua l’informazione continua sul progetto e sui soggetti certificati

36 PROVINCIA (Servizi e scuole) ASSOCIAZIONE FAMIGLIE “GLI ATTORI”

37 ASSOCIAZIONISMO FAMILIARE gestione “Sportello famiglia” monitoraggio stato di attuazione del “Piano famiglia” e del “marchio” informa le famiglie segnalazione azioni di miglioramento e proposte di nuovi interventi

38 PROVINCIA (Servizi e scuole) OPERATORI PRIVATI ASSOCIAZIONE FAMIGLIE “GLI ATTORI”

39 OPERATORI PRIVATI Specializza la propria offerta orientandola al target famiglia Si coordina con le organizzazioni aderenti al progetto secondo una logica di “sistema” Manifesta attenzione alle richieste delle famiglie migliorando i propri servizi

40 “GLI ATTORI” OPERATORI PRIVATI MUSEI PUBBLICI ESERCIZI EVENTI TEMPORANEI SISTEMI DI TRASPORTO

41 PROVINCIA (Servizi e scuole) OPERATORI PRIVATI COMUNI ASSOCIAZIONE FAMIGLIE “GLI ATTORI”

42 AMMINISTRAZIONI COMUNALI Certificazione dei comuni “Amici della famiglia” e coinvolgimento del Consiglio delle Autonomie orientamento di tutte le politiche comunali sul target “famiglia” Individuazione di un set di comuni campioni che definiscono i disciplinari e sperimentano i requisiti

43 SPERIMENTAZIONI Comuni che volontariamente stanno definendo i requisiti per l’elaborazione del disciplinare “Family in Trentino” SPERIMENTAZIONI Comuni che volontariamente stanno definendo i requisiti per l’elaborazione del disciplinare “Family in Trentino”

44 IL PROCESSO DEL PROGETTO “ FAMILY IN TRENTINO ”

45 IL PROCESSO Analisi requisiti Pubblicità istituzionale Verifica requisiti Rilascio marchio Informazione famiglie Osservazioni e miglioramenti (T1) Rielaborazione proposta nella logica del miglioramento continuo Richiesta del marchio “Verifiche sul campo” Operatori privati, scuole e comuni Provincia Associazioni di famiglie (T0) Elaborazione proposta “Family in Trentino”

46 GLI AMBITI CHE POSSONO ADERIRE AL PROGETTO “ FAMILY IN TRENTINO ”

47 “GLI AMBITI” Politiche della Provincia Autonoma di Trento Amministrazioni comunaliScuoleOrganizzazioni private Altre iniziative I requisiti sono stabiliti da un disciplinare

48 I REQUISITI PER ADERIRE AL PROGETTO “ FAMILY IN TRENTINO ”

49 “I REQUISITI” AD OGGI SONO STATI APPROVATI TRE DISCIPLINARI RIFERITI: ALL’AMBITO DEI “MUSEI” (FEBBRAIO 2006) DEI “PUBBLICI ESERCIZI” (APRILE 2006 ) DEI “COMUNI” ( DICEMBRE 2006) I REQUISITI SONO CONTENUTI IN DISCIPLINARI PREDISPOSTI DA SPECIFICA COMMISSIONE SONO IN FASE DI ELABORAZIONE I DISCPLINARI PER “EVENTI TEMPO- RANEI” E “SERVIZI PER BAMBINI”

50 “I REQUISITI” “ESERCIZIO AMICO DEI BAMBINI” I PRODOTTI IL SERVIZIOL’AMBIENTEI PREZZI LA QUALITÀ DEL SERVIZIO riguardano

51 “I REQUISITI - PRODOTTI” “ESERCIZIO AMICO DEI BAMBINI” Disporre di prodotti adatti a bambini di età inferiore ai 24 mesi: omogeneizzati, brodo vegetale, farine solubili, yogurt… Disporre di prodotti senza glutineDisporre di prodotti biologici certificati Disporre di prodotti trentini I requisiti sono obbligatori

52 “I REQUISITI - PREZZI” “ESERCIZIO AMICO DEI BAMBINI” Disporre di almeno un menù/lista fisso a prezzo dichiarato per bambini, a discrezione anche differenziata per fasce orarie e per età Fornire acqua al tavolo gratuitaEliminare per bambini il prezzo del coperto Offrire pacchetti famiglia I requisiti sono obbligatori Prevedere sconti per compleanni con bevanda gratuita

53 “I REQUISITI” “AMMINISTRAZIONI COMUNALI” PROGRAMMAZIONE E VERIFICA SERVIZITARIFFETEMPI AMBIENTE E QUALITÀ DELLA VITA riguardano ALTRE INIZIATIVE

54 “I REQUISITI - TARIFFE ” Agevolazioni per servizi culturali, sportivi o ricreativi Agevolazioni tributarie laddove consentito dall’ordinamento generale Promozione di azioni di sostegno dell’economia familiare I requisiti sono obbligatori “AMMINISTRAZIONI COMUNALI” Agevolazioni tariffarie laddove consentito dall’ordinamento generale

55 “I REQUISITI - TEMPI ” Programmazione “tempi comune” con i “tempi delle famiglie” Adozione del “Piano territoriale dei tempi” Promozione politiche di conciliazione dei tempi (es. banca del tempo) I requisiti sono obbligatori “AMMINISTRAZIONI COMUNALI” Coordinamento servizi territoriali per famiglie nei periodi di chiusura scuole

56 LA VALUTAZIONE DELLE POLITICHE ATTUATE DAI DESTINATARI DEL MARCHIO

57 “LA VALUTAZIONE” “ OPERAZIONE ASCOLTO ” – SI ASCOLTANO LE FAMIGLIE UTENTI DEI SERVIZI LE ASSOCIAZIONI TRAMITE LO “ SPORTELLO FAMIGLIA ” EFFETTUANO L’ANALISI DEI RECLAMI MONITORAGGIO DEL SISTEMA CON UN ENTE DI CERTIFICAZIONE INDIPENDENTE

58 Cartolina di Presentazione

59 Cartolina di Soddisfazione

60 Cartolina di Insoddisfazione

61 Busta

62 IL DISTRETTO FAMIGLIA TERRITORIO IN CUI ESISTE UNA FORTE CONVERGENZA TRA POLITICHE PUBBLICHE ED AZIONI PRIVATE SUL TARGET FAMIGLIA LABORATORIO STRATEGICO IN CUI SI SPERIMENTANO AZIONI INNOVATIVE PER CREARE CONDIZIONI DI BENESSERE FAMIGLIARE ED OPPORTUNITÀ ECONOMICHE

63 IL DISTRETTO FAMIGLIA “FAMILY IN TRENTINO”: MARCHIO DI ATTENZIONE TERRITORIALE – PAT

64 IL DISTRETTO FAMIGLIA “ESERCIZIO AMICO DEI BAMBINI”: MARCHIO DI PRODOTTO (S. COMMERCIO)

65 DAL “FAMILY IN TRENTINO” AL “FIT FAMILY”

66 Progetto Marchio Logo - Colore

67

68 PROVINCIA DI VERONA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

69 DOCUMENTO ADOTTATO DALLA GIUNTA PROVINCIALE DI VERONA IL 14 DICEMBRE 2006

70 Progetto Marchio Logo - Colore PROVINCIA DI VERONA PIANO INTERVENTI FORUM PROVINCIALE FAMIGLIE SPORTELLO FAMIGLIA PROMOZIONE CULTURA FAMIGLIA FIT-FAMILY IN AMBITO TURISTICO FIT-FAMILY IN AMBITO COMUNALE TARIFFE TRASPORTI PROTOCOLLO SINDACATI TARIFFE TAGESMUTTER

71 Progetto Marchio Logo - Colore

72 “FIT -FAMILY ” FIT DALL’INGLESE SIGNIFICA BENESSERE FIT-FAMILY – BENESSERE ESPRESSO DA UN TERRITORIO A FAVORE DELLA FAMIGLIA FIT = ACRONIMCO DI FAMILY IN TRENTINO NEL DICEMBRE 2006 LA GP HA ISTITUITO IL MARCHIO FIT-FAMILY

73 “FAMILY IN TRENTINO” A LIVELLO INTERNAZIONALE ESISTONO MOLTE NORME, PER CERFICARE AMBITI BEN DEFINITI, MA POCHE//NESSUNA SPECIFICA PER LA FAMIGLIA UNI EN ISO 9001:2000 EMAS SA8000 AA1000 FIT-FAMILY2006 ECOPROFIT

74 “FIT FAMILY” POLITICA COMBINATA – GOVERNO NAZIONALE E PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO LA PAT, EMETTE LA NORMA, LA SPERIMENTA SUL PROPRIO TERRITORIO E LA DIFFONDE AGLI ENTI INTERESSATI SU PROGETTO GOVERNATIVO FIT-FAMILY DIVENTA POLITICA NAZIONALE A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA

75 IL DISTRETTO FAMIGLIA “WORK & FAMILY”: MARCHIO DI PROCESSO SULL’ORGANIZZAZIONE

76 IL DISTRETTO FAMIGLIA “WORK & FAMILY”: MARCHIO DI PROCESSO SULL’ORGANIZZAZIONE

77 GRAZIE PER L’ATTENZIONE!


Scaricare ppt "“DISTRETTO PER LA FAMIGLIA” Roma, 22 maggio 2007 FORUM.PA 2007 PER UN’ARTICOLAZIONE TERRITORIALE DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA."

Presentazioni simili


Annunci Google