La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Programmazione e progettazione Tradizionalmente un’unità didattica viene progettata in base a: definizione degli obiettivi, selezione dei contenuti, metodologia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Programmazione e progettazione Tradizionalmente un’unità didattica viene progettata in base a: definizione degli obiettivi, selezione dei contenuti, metodologia."— Transcript della presentazione:

1 Programmazione e progettazione Tradizionalmente un’unità didattica viene progettata in base a: definizione degli obiettivi, selezione dei contenuti, metodologia e valutazione. Questa scansione è ancora valida se si adotta il metodo PBL? L’unità didattica PBL

2 Programmazione e progettazione Tradizionalmente un’unità didattica viene progettata in base a: definizione degli obiettivi, selezione dei contenuti, metodologia e valutazione. Questa scansione è ancora valida se si adotta il metodo PBL? Sì. È indispensabile però affiancare, a questa scansione tradizionale, altri passaggi fondamentali: la definizione del problema; la chiarificazione dei compiti che gli allievi saranno chiamati a svolgere; le strategie di gestione e di supporto delle attività didattiche. L’unità didattica PBL

3 Programmazione e progettazione Come posso progettare con una certa precisione i tempi di lavoro se questa metodologia prevede che siano gli allievi stessi a discutere, cercare/trovare i contenuti che li condurranno alla soluzione del problema? I tempi di lavoro

4 Programmazione e progettazione Non bisogna dimenticare che i tempi di lavoro, così come la strategia gestionale e le indicazioni date agli studenti nel loro complesso, sono stabiliti preliminarmente dall’insegnante. Questi, deve approntare una strategia di gestione del lavoro progettuale che necessariamente riguarderà anche i tempi previsti. C’è un margine di variabilità che dipende dalla complessità del problema proposto e da come viene affrontato dagli studenti. Come posso progettare con una certa precisione i tempi di lavoro se questa metodologia prevede che siano gli allievi stessi a discutere, cercare/trovare i contenuti che li condurranno alla soluzione del problema? I tempi di lavoro

5 Programmazione e progettazione Qual è il modo migliore per preparare una classe al PBL? Preparare la classe

6 Programmazione e progettazione L’insegnante dovrà agire su più piani: preparare gli studenti all’uso delle tecnologie; predisporli a prepararsi a un certo tipo di valutazione, diversa da quella a cui sono abituati; chiarire loro gli obiettivi e i compiti a cui sono chiamati; soprattutto: agire sul piano motivazionale, coinvolgendo gli studenti nella sfida costituita dal dover trovare una soluzione a un problema reale. Qual è il modo migliore per preparare una classe al PBL? Preparare la classe

7 Programmazione e progettazione Come evitare il sovraccarico di informazioni nella fase di definizione del problema? La definizione del problema

8 Programmazione e progettazione L’insegnante dovrà distinguere due momenti: la definizione vera e propria del problema: limitare le domande chiave sulla base della tipologia e della complessità del problema (massimo 8 domande circa); l’allestimento delle informazioni necessarie ad affrontare il problema: i materiali vanno dosati a seconda dei tempi e degli impegni prestabiliti preliminarmente. Come evitare il sovraccarico di informazioni nella fase di definizione del problema? La definizione del problema

9 Programmazione e progettazione È possibile ricorrere alla metodologia PBL in tutti i gradi di scuola e fasce di età o vi sono dei contesti (per età, grado di scuola ecc.) in cui essa è prevedibilmente più efficace? Fasce d’età e gradi scolastici

10 Programmazione e progettazione È possibile ricorrere alla metodologia PBL in tutti i gradi di scuola e fasce di età o vi sono dei contesti (per età, grado di scuola, ecc.) in cui essa è prevedibilmente più efficace? In teoria è possibile ricorrere alla metodologia PBL per tutti i gradi scolastici. Nella pratica didattica, il PBL richiede agli studenti autonomia, capacità di gestire il proprio lavoro, capacità analitiche e critiche che rendono, inevitabilmente, tale approccio didattico più adatto alla scuola secondaria di II grado. Fasce d’età e gradi scolastici

11 Programmazione e progettazione Perché “scommettere” su un progetto anziché sul programma? Quali sono le scommesse educative alla base del PBL? “Scommettere” sul progetto

12 Programmazione e progettazione In teoria è possibile ricorrere alla metodologia PBL per sviluppare l’intero programma annuale didattico. Si tratta di identificare correttamente i problemi attraverso i quali si affronteranno gli argomenti previsti dal programma. Perché scommettere su un progetto anziché sul programma? “Scommettere” sul progetto


Scaricare ppt "Programmazione e progettazione Tradizionalmente un’unità didattica viene progettata in base a: definizione degli obiettivi, selezione dei contenuti, metodologia."

Presentazioni simili


Annunci Google