La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

©Giuliana Fiorentino Sociolinguistica e dialettologia 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "©Giuliana Fiorentino Sociolinguistica e dialettologia 1."— Transcript della presentazione:

1 ©Giuliana Fiorentino Sociolinguistica e dialettologia 1

2 ©Giuliana Fiorentino Sociolinguistica: definizione Per Labov la SL è linguistica tout court, ma ‘empirical linguistics’ versus una linguistica idealista, mentalista di Chomsky. Quello di Labov è proposto come un approccio materialista. Per Labov la comunità linguistica è una eterogeneità strutturata.

3 ©Giuliana Fiorentino Sociolinguistica: definizione ‘un settore delle scienze del linguaggio che studia le dimensioni sociali della lingua e del comportamento linguistico, vale a dire i fatti e fenomeni linguistici che, e in quanto, hanno rilevanza o significato sociale’ (Berruto 1995: 10). 3

4 ©Giuliana Fiorentino Due approcci Sociolinguistica variazionista o quantitativa o correlativa Sociolinguistica qualitativa o interpretativa

5 ©Giuliana Fiorentino Concetti e termini centrali: comunità linguistica (Hymes 1972), individuo, repertorio linguistico (Gumperz) diglossia (Ferguson 1959) e bilinguismo o plurilinguismo competenza comunicativa (Hymes 1972) variazione, variabilità, variabile, variante, varietà assi o dimensioni di variazione lingue / dialetti commutazione di codici (code-switching, code mixing) standard, non standard e substandard

6 ©Giuliana Fiorentino Competenza comunicativa What a speaker needs to know to communicate effectively in culturally significant settings (Hymes)

7 ©Giuliana Fiorentino Variabilità linguistica Dimensioni della variazione: diacronica diatopica, diastratica, diafasica diamesica. Varietà linguistica: Termine neutro rispetto a lingua dialetto, ed altri per indicare un sistema linguistico di un repertorio. dialetti socioletti, registri sottocodici o lingue speciali lingua scritta e lingua parlata.

8 ©Giuliana Fiorentino VARIAZIONE LINGUISTICA dimensionivariabilevarietàesempi diacroniatempo latino> italiano diatopialuogodialettisardo, friulano, romanesco diastratiaceto socialesociolettiit. Popolare diafasiasituazioneregistriformale, informale argomentosottocodicegiuridica, informatica lingua speciale diamesiamezzoscritto parlato trasmesso digitato

9 ©Giuliana Fiorentino Repertorio linguistico “è l’insieme delle risorse linguistiche possedute dai membri di una comunità linguistica vale a dire la somma di varietà di una lingua o di più lingue impiegate presso una certa comunità sociale”. (Berruto 1995: 72). Nel caso dell’Italia il repertorio deve comprendere: l’italiano con tutte le sue varietà, le lingue di minoranza o parlate alloglotte con eventuali varietà. Il repertorio linguistico inoltre deve rendere conto del modo in cui le diverse varietà occupano lo spazio sociolinguistico, i domini d’uso, ecc.

10 ©Giuliana Fiorentino MODELLI DEL REPERTORIO di VARIETÀ DELL’ITALIANO ITALIANO DIALETTO Pellegrinistandardregionale 1960regionalelocale ITALIANO Sabatini standardALTO 1985dell’uso medio (diafasia) regionale (diatopia) popolare (diastratia) BASSO

11 ©Giuliana Fiorentino Code switching La commutazione di codice è il passaggio da un sistema linguistico ad un altro nello stesso enunciato di un parlante: Esempi: j’ai acheté an American car guardi che loro a suŋ fumne eh

12 ©Giuliana Fiorentino diastratia Il Signor Ingeniere sentendo questo bel discorso è venuto subbito a patti e con 20 biglietti da 1000 firmò il contratto e sposò una donna che non amava, e dopo pochi giorni partorì un maschio e per il danaro diventò il padre di un bastardo e qui comincia una storia come si diventa Delinquenti, ora si comincia male e si finisce peggio, dunque io sono sempre stato amico anche in carcere e mi racontò tante cose che trascriverò qui. (italiano popolare da Autobiografie della leggera, Storia di un mio amico di Teuta, area settentrionale) Purpito: piccole costruzioni di pietro o di legno col balcone con cui si accende mediante una scaletta cui si predica per parlare le sentenze. (quaderni di alunni scuola media, periferia di Napoli)

13 ©Giuliana Fiorentino diafasia Indicazioni: Per la prevenzione delle emorragie del tratto gastroduodenale indotte da stress. Come antiacido nella terapia sintomatica della pirosi e del dolore epigastrico associato a ulcera peptica o ad altra patologia gastrointestinale, ove sia richiesta un’elevata capacità neutralizzante. (dal foglio illustrativo di un medicinale)

14 ©Giuliana Fiorentino diamesia Beh da noi, il nostro parlare assomiglia molto allo spagnolo il nostro dialetto allo spagnolo assomiglia, ha tante parole simili (intervista orale ad una lavoratrice sarda emigrata in Svizzera). I comunisti sono quelli che vogliono fare tutto per conto loro o in comune con gli altri / questo veramente non lo so, non ricordo di preciso (intervista orale ad una lavoratrice abruzzese che lavora a Roma).

15 ©Giuliana Fiorentino Italiano o italiani? italiano standard coincide con l’italiano descritto e prescritto dai manuali di grammatica e conserva una forte impronta toscano-fiorentina; si realizza prevalentemente nello scritto. italiano neostandard: costituisce l’evoluzione del primo, è caratterizzato da fenomeni come la perdita di il quale a vantaggio di che e cui; di egli come soggetto a vantaggio di lui; uso ridondante di ne: di questo ne abbiamo già discusso; uso esteso del che; uso non canonico dei tempi verbali (perdita del passato remoto a vantaggio del passato prossimo, del futuro a vantaggio del presente); uso della frase scissa (non è che non ti voglio bene); accettazione nel lessico di termini come balle (sciocchezze), casino (confusione); uso del c’è presentativo (c’è uno che ti cerca invece di un tale ti cerca). italiani regionali: settentrionale, centrale, romano, meridionale, meridionale estremo, sardo. A proposito degli italiani regionali e del rapporto coi dialetti ci si chiede quanto hanno influito le differenze dialettali nella formazione delle differenze regionali. substandard: nozione che non va confusa con quella più specifica di italiano popolare (varietà sociale) e che rimanda al lucido di Berruto, sugli assi di variazione. Per substandard si intende riferirsi alle varietà o ai singoli elementi linguistici che stanno al di sotto dello standard, vale a dire verso l’estremo basso di ciascun asse di variazione. Uno stesso tratto substandard compare in più varietà. non standard: nel quadrante in alto a sinistra. quello che è formale e alto, ma non comune.

16 ©Giuliana Fiorentino 16 Il dialettologo: lo SherIock Holmes della linguistica

17 ©Giuliana Fiorentino 17 indice La dialettologia: che cos'è, quando nasce, che futuro ha. I metodi della ricerca: l'inchiesta, i questionari, le interviste, la trascrizione. Gli attrezzi del mestiere: dagli atlanti linguistici ai corpora elettronici. I prodotti della ricerca: vocabolari, grammatiche, testi.

18 ©Giuliana Fiorentino 18 Perché parlare di dialetti e dialettologia? 8000 comuni italiani con varietà linguistiche spesso con distanza strutturale dall’italiano molto alta dialetti un patrimonio immateriale da tutelare in quanto in via di ‘estinzione’ come le specie viventi

19 ©Giuliana Fiorentino 19 La dialettologia Studio scientifico dei dialetti Dante, De vulgari eloquentia, divisione in base alla linea del Po e alla dorsale appenninica Il ritorno dei morti Immagine [Torre di Babele, Pieter Brueghel il Vecchio]

20 ©Giuliana Fiorentino 20 Dialettologia e geografia linguistica 1873, Graziadio Isaia Ascoli fonda l’Archivio Glottologico Italiano (Proemio, Saggi Ladini) Jules Gilliéron raccoglie l’Atlas Linguistique de la France Metodo Wörter und Sachen fondato da Wilhelm Meyer Lübke a inizio Novecento pubblicazione dell’AIS (Sprach- und Sachatlas Italiens und der Südschweiz) a cura degli svizzeri Karl Jaberg e Jakob Jud

21 ©Giuliana Fiorentino 21 Dialettologia nell’ ‘800-’900 Studio e documentazione dei dialetti Isoglossa La Spezia – Rimini Divisione principale in dialetti settentrionali e dialetti centro-meridionali Isoglossa Roma – Ancona Limite settentrionale di tratti del centro-sud

22 ©Giuliana Fiorentino Lingue e dialetti in Italia romanesco: Amore tossico barese: LacapagiraLacapagira napoletano: GomorraGomorra torinese: conversazioneconversazione Sardo: raccontoracconto Friulano: ramborambo

23 ©Giuliana Fiorentino 23 Lingue e Dialetti Particolarità della storia linguistica italiana I dialetti NON sono ‘figli’ dell’italiano ma ‘fratelli’ Più che di dialetti italiani meglio parlare di dialetti italo-romanzi Criteri per distinguere lingua e dialetto: qualitativo (differenze strutturali e di funzionamento), quantitativo (numero di parlanti e diffusione territoriale) presenza di una tradizione scritta grado di parentela con una varietà nazionale

24 ©Giuliana Fiorentino 24 Dialetti italo-romanzi Varietà ‘degradate’ rispetto alla varietà toscana per ragioni sociopolitiche e storiche (vedi anche casi del provenzale e del catalano)

25 ©Giuliana Fiorentino 25 Dialetti settentrionali Scempiamento consonanti lunghe (emil. an; piem. fiama, veron. madòna, spala) Palatalizzazione nesso lat. cl > t  (lig. t  amà, lombard. ciaf, veneto ciave, gianda) Sonorizzazione di sorde intervocaliche lomb. fra’del, marido, figo, urtiga occidentali hanno vocali anteriori arrotondate lomb. lyna, tor. myr, Apocope (caduta) di vocali finali e dunque fine parola consonantica (caval) Caduta di vocali atone latine anche interna alla parola (dménga, dné)

26 ©Giuliana Fiorentino 26 Dialetti centrali Dittongamento di è in jè in sillaba libera e accentata piede, vieni, buono Anafonesi: chiusura di e e o seguiti da suoni palatali fameglia > famiglia, rj > j: acquaio ‘lavandino’ < lat. Aquarium raddoppiamento fonosintattico a casa [‘akkasa] Gorgia pronuncia spirante di k, t, p (i llupho) Uso del si + terza persona noi si va

27 ©Giuliana Fiorentino 27 Dialetti centro-meridionali Pronuncia sorda della sibilante intervocalica [paese] invece tosc. [paeze] Metafonesi (nap. ‘o pèr-ə ‘e piér-ə; ‘o pesc-ə ‘e pisc-ə, ‘o mes- ə ‘e mis-ə, ‘o cafone ‘e cafun-ə ‘o scior-ə ‘e sciur-ə) Betacismo: v/b na vota, tre bbòte Assimilazione di nd, mb, ld: monno, tunnë, hammë, callë Posposizione del possessivo: fratemë Sonorizzazione postnasale: bbanghë, mondë, cambë Tenere per avere; conservazione del neutro: o fiérrë (da stiro) o ffierrë (il metallo)

28 ©Giuliana Fiorentino 28 Osservazione Questionario Intervista / inchiesta I metodi della ricerca osservazione partecipante osservazione non partecipante fonologico lessicale morfosintattico strutturata a risposte prefissate (traduzioni) strutturata a risposta libera semistrutturata a risposta libera non strutturata a risposta libera (colloquio spontaneo)

29 ©Giuliana Fiorentino 29 Criteri di selezione degli informatori Età/sesso Livello sociale Grado di istruzione Competenza linguistica attiva passiva

30 ©Giuliana Fiorentino 30 Gli attrezzi del mestiere atlanti linguistici: nati per ricostruire e documentare il mutamento linguistico attraverso la diffusione di tratti fonetici e la loro associazione a fatti geografici etnici o storici MIGLIARINA di CARPI (MO) - Donna che intreccia cappelli di paglia (attività artigianale assai diffusa) (1959 — fot. n. 8075) corpora elettronici

31 ©Giuliana Fiorentino 31 Esempio di carta AIS

32 ©Giuliana Fiorentino 32 Il questionario dell’AIS I raccoglitori utilizzarono tre tipi di questionario: normale, con 2000 domande, ridotto, con 800 domande, esteso, con 4000 domande, scelti a seconda della disponibilità e della competenza degli informatori. Tutte le domande sono di tipo indiretto, cioè non si chiedeva espressamente la “traduzione” di un termine dall’italiano al dialetto locale, ma si formulavano domande precise come, ad esempio, elencare i mesi dell’anno punti di inchiesta

33 ©Giuliana Fiorentino 33 Esempio del profilo di un informatore Informatore: contadino e oste, genitori del luogo, 53 anni. Lavoratore stagionale in Lomellina, due volte a Buenos Aires, sempre in paese dal Vigoroso, instancabile, energico, estremamente impulsivo. Eccellente sia etnograficamente che linguisticamente. La sensibilità linguistica dell’informatore è ottima.

34 ©Giuliana Fiorentino 34 Struttura e consultazione Carte raggruppate per campi semantici (parentela, parti del corpo, mestieri, minerali, casa, allevamento, piante, attrezzi, ecc) Ricerca per termini o per area geografica Ad esempio il termine labbro è diffuso uniformemente in tutta la penisola, a partire dalla base latina labrum, anche se il suo esito lombardo è laber, quello fiorentino labbro, quello romano labbara, quello napoletano labbr, quello sardo lavras e quello siciliano labbru. – (vol. I, carta 105). Il termine grembiule, invece, è un derivato di grembo (in latino gremius), ma nei dialetti italiani ha esiti molto diversi tra loro: fawdal in piemontese, skusa in alta Lombardia, bigarol in bergamasco, traversa in veneziano, grembiule o grembiale in toscano, paranantse in marchigiano, tsinale in romano, mandesina in napoletano. (vol. VIII, carta 1573)

35 ©Giuliana Fiorentino 35 Misteri di Sherlock Holmes/1 riuscirò a comprare un melone d’acqua a Milano? il frutto con la buccia verde e la polpa rossa? anguria a nord, cocomero in Toscana e melone ad acqua nel sud; I geosinonimi parole con forma diversa e significato uguale: l’oggetto di legno o plastica che usiamo per appendere gli abiti nell’armadio? ometto o appendiabiti nel nord - Italia, gruccia in Toscana e stampella o croce nel centro – sud; il pezzo di tessuto grezzo che serve per pulire i pavimenti? straccio a nord e nel centro – sud, cencio in Toscana, mappina, dial nap.; il luogo di sepoltura dei morti? cimitero nel centro – nord, camposanto nel sud; il frutto con buccia verde o gialla e polpa gialla o arancione? melone a nord, popone in Toscana e mellone (di pane) al sud

36 ©Giuliana Fiorentino 36 Misteri di Sherlock Holmes/2 Perché il prof. è stato denunciato al Preside? scostumato significa svergognato, immorale in Toscana e maleducato al sud; Cosa significa? I geoomonimi parole con la stessa forma ma con significati diversi a seconda del luogo in cui ci troviamo. babbo significa padre in Toscana e scemo, stupido in Sicilia; comare significa pettegola in Toscana e testimone di nozze o di battesimo al sud; fava è una varietà di leguminosa sia a nord che a sud, mentre in Toscana indica, in maniera volgare, l’organo sessuale maschile

37 ©Giuliana Fiorentino 37 Misteri di Sherlock Holmes/3 Il curato canta al mattino? In Guascogna per designare l’animale gallo esistono 5 termini: gallus, pullus, coq, faisan, vicaire (curato, prete) I primi tre dal latino (gallus, pullus, coccus, latino tardo). Gli altri due sono sostituti per ragioni fonetiche perché in quell’area ll e tt finali di parola davano lo stesso esito ‘t’ cattus > gatt(us) > gat Gallus > gall(us) > gat soppresso Faisan (animale simile) Vicaire (cappello a forma di cresta)

38 ©Giuliana Fiorentino 38 Per approfondire F. Avolio Lingue e dialetti d’Italia, Carocci Grassi Sobrero Telmon, Fondamenti di dialettologia italiana, Laterza B. Turchetta Metodi della ricerca sul campo, Carocci Volumi UTET


Scaricare ppt "©Giuliana Fiorentino Sociolinguistica e dialettologia 1."

Presentazioni simili


Annunci Google