La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1/15 Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Un approccio per sviluppare applicazioni di E-Democracy basato su ruoli per agenti mobili Correlatori:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1/15 Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Un approccio per sviluppare applicazioni di E-Democracy basato su ruoli per agenti mobili Correlatori:"— Transcript della presentazione:

1 1/15 Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Un approccio per sviluppare applicazioni di E-Democracy basato su ruoli per agenti mobili Correlatori: Ing. Giacomo Cabri Ing. Luca Ferrari Tesi di Laurea di: Marco Panari Relatore: Prof.ssa Letizia Leonardi

2 2/15 Definizione E-Government: uso delle moderne tecnologie di informazione e comunicazione da parte del Governo per migliorare in maniera significativa i processi amministrativi e democratici E-Democracy l’uso delle tecnologie a favore della democrazia Informazione Discussione E-Vote

3 3/15 Scopo della tesi Realizzare un’applicazione che tramite dispositivi mobili permetta a più cittadini di partecipare ad una convention (dibattito) offrendo loro la possibilità di esporre le proprie opinioni, ascoltare quelle degli altri e votare per il discorso ritenuto più valido

4 4/15 Differenze rispetto lo stato dell’arte Dispositivi portatili (palmari, PDA)  fornisce maggiore libertà di utilizzo Comunicazioni wireless (protocollo )  no cablaggio Tecnologia ad agenti mobili basata su approccio a ruoli  adatto a dispositivi mobili ) )

5 5/15 Agenti e Ruoli Piattaforma Adattabilità Socialità Mobilità Ruoli un’insieme di capacità e di comportamenti che possono essere assunti dall’agente consentendogli di portare a termine i propri compiti Vantaggi: Riusabilità: i ruoli permettono di separare gli aspetti algoritmici da quelli di interazione Sicurezza: i ruoli permettono di applicare in modo semplice agli agenti politiche locali e quindi specifiche per ogni piattaforma Agenti

6 6/15 The BRAIN framework 6 infrastrutture di interazione: gestiscono i ruoli abilitano l’agente ad assumere/usare/rilasciare un ruolo RoleX: middleware Java da anteporre alla piattaforma ad agenti mobili che consente un’assunzione dinamica dei ruoli e una comunicazione event-driven.

7 7/15 Assunzione dei ruoli in RoleX Catalogo dei ruoli Interfaccia + classe di implementazione Ruolo: Assunzione altamente dinamica Agente originale ruolo Agente manipolato

8 8/15 Implementazione della convention ) ) ) ) ) middleware RoleX Canale Palmare modello iPAQ 3660 Sistema operativo Linux Familiar 0.6 Server che esegue RoleX

9 9/15 Fasi della convention Fase Azioni Pre-discussione prenotazione, richiesta informazioni Discussione prenotazione, richiesta informazioni, discorso Votazione richiesta elenco candidati, votazione Risultati votazione richiesta risultati Necessità di un moderatore  Chair

10 10/15 Ruoli participant Discorsi, Informazioni Richiesta informazioni Convention speaker Operazione di speak voter Operazione di voto voter speaker participant

11 11/15 Azioni Chair Convention Discorso start speak! bla bla bla… bla bla… RoleX speaker participant speakert participant start speak!

12 12/15 Azioni Chair Convention Voto Voto + certificato RoleX voter ricevuta voter speakert participant

13 13/15 Chair chair

14 14/15 Conclusioni Sono state studiate i problemi e le potenzialità legati all’utilizzo di agenti mobili sui palmari È stato verificato come l’unione degli approcci ad agenti mobili e a ruoli si presti bene a scenari altamente dinamici come possono essere quelli legati all’E-Democracy Agenti compatti e trasportabili Agenti altamente adattabili

15 15/15 Sviluppi futuri Utilizzo del protocollo GSM/GPRS Passaggio ad una convention vocale Log della convention Possibilità di scaricare informazioni

16 16/15

17 17/15 Dettagli implementativi Palmare iPAQ COMPAQ 3660 –16Mbyte flash 64Mbyte RAM SO: Linux Familiar 0.6 kernel JVM BlackDown compatibile con la versione 1.3 di Java 2

18 18/15 The BRAIN framework azioni eventi un modello di interazione basato sui ruoli: definisce un ruolo come un insieme di capacità comportamenti attesi 6

19 19/15 The BRAIN framework un livello XML: Interoperabilità fra diversi sistemi Differenti viste della stessa informazione sfruttando XSL Facilmente comprensibile anche dai programmatori 6

20 20/15 Agent INteractions The BRAIN framework B. R. A. IN. Behavioural Role

21 21/15 The BRAIN framework Correntemente ci sono due implementazioni: RoleSystem (2002): basato su registrazione agenti-ruoli RoleX (2003): basato su assunzione dinamica di ruoli da parte di agenti La nostra applicazione è stata sviluppata utilizzando RoleX 6

22 22/15 The BRAIN framework infrastrutture di interazione: gestiscono i ruoli abilitano l’agente ad assumere/usare/rilasciare un ruolo RoleX: middleware Java da anteporre alla piattaforma ad agenti mobili che consente un’assunzione dinamica dei ruoli e una comunicazione event-driven.


Scaricare ppt "1/15 Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Un approccio per sviluppare applicazioni di E-Democracy basato su ruoli per agenti mobili Correlatori:"

Presentazioni simili


Annunci Google