La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Www.gianfrancorebora.org Università Carlo Cattaneo 1 Gestire e valorizzare le diversità primarie e secondarie nell’organizzazione Introduzione alla sessione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Www.gianfrancorebora.org Università Carlo Cattaneo 1 Gestire e valorizzare le diversità primarie e secondarie nell’organizzazione Introduzione alla sessione."— Transcript della presentazione:

1 Università Carlo Cattaneo 1 Gestire e valorizzare le diversità primarie e secondarie nell’organizzazione Introduzione alla sessione di lavoro AIDP, Sorrento, 2 maggio 2008

2 Università Carlo Cattaneo 2 La torre di Babele Tutta la terra aveva una sola lingua e le stesse parole (Genesi, 11,1) Per questo si chiamò Babel, perché là Javhe confuse la lingua di tutta la terra e Javhe li disperse di là sulla faccia di tutta la terra (Genesi, 11, 9)

3 Università Carlo Cattaneo 3 After Babel (George Steiner, 1975) he finds the root of the "Babel problem" in our deep instinct for privacy and territory, noting that every people has in its language a unique body of shared secrecy

4 Università Carlo Cattaneo 4 Perché mai devono esistere due lingue diverse? Anzi, perché mai sono state parlate, ad occhio e croce, più di ventimila lingue su questo piccolo pianeta? Questa è la domanda che pone Babele. Perché l' homo sapiens sapiens, geneticamente uniforme sotto tutti gli aspetti, sottoposto a costrizioni biologico-ambientali e a possibilità di evoluzione identiche, deve parlare migliaia di lingue incomprensibili fra loro, alcune di esse a distanza di soltanto pochi chilometri? I vantaggi materiali, economici e sociali dell'uso di una singola lingua sono ovvi. Le barriere spinose create dalla mutua incomprensione, dalla necessità di acquisire una seconda o una terza lingua, spesso di impressionante difficoltà e «stranezza» a livello fonetico e grammaticale, sono evidenti.

5 Università Carlo Cattaneo 5 AFTER BABEL a un secondo livello i modelli darwiniani offrono un suggerimento fecondo. In Dopo Babele, suggerisco che la forza costruttiva della lingua nella concettualizzazione del mondo ha avuto un ruolo cruciale nella sopravvivenza dell'uomo... Perduriamo, e perduriamo creativamente, grazie alla nostra imperativa capacità di dire «no» alla realtà, di fabbricare finzioni di alterità, di una diversità sognata o voluta o aspettata…

6 Università Carlo Cattaneo 6 Forme di diversità Genere Work ability Fattori etnici Età

7 Università Carlo Cattaneo 7 Genere Work ability Fattori etnici Età Diversità culturale Forme di diversità

8 Università Carlo Cattaneo 8 Il confronto Giuditta Alessandrini: mondo del lavoro e università Carlo Cicolani: integrazione Eliana Minelli – Gianmaria Strada: età Francesco Perillo: formazione Manuela Puritani: diversity and inclusion Valeria Sborlino: genere Donatella Turchetti: multiculturalità

9 Università Carlo Cattaneo 9 Dilemmi della diversità Pragmatismo e realismo per l’oggi, innovazione e idealismo per il futuro L’organizzazione perfetta vs. “gestire il cammello” La dialettica tra pensiero ed emozione di fronte all’ambiguità delle situazioni La comunicazione interculturale: l’effetto lost in traslation Gestire il lato oscuro e conflittuale: la diversità non gestita è distruttiva Il ruolo di regole e vincoli rispetto alla will to manage Il rapporto fra alterità e identità

10 Università Carlo Cattaneo 10 Similar or different? Alterity / identity interplay in image construction Fonte: Barbara Czarniawska

11 Università Carlo Cattaneo 11 A British Business School is... like other (US) business schools (“innovative, intellectually challenging and practical”) unlike other business schools (“a business school within an ancient, multi-faculty, interdisciplinary University”) unlike other University departments (“ossified, backward-facing”) Fonte: Barbara Czarniawska

12 Università Carlo Cattaneo 12 ? La questione dei livelli differenziati di work ability non emerge ancora nei nostri approcci

13 Università Carlo Cattaneo 13 WHO: Functioning, Dishability and Health classificazione internazionale in termini di funzionamento umano che supera i concetti tradizionali della disabilità o dell’handicap dalla sfera medica a quella sociale dal singolo individuo al contesto di inserimento da una questione di minoranze a un interesse generale da una visione di causalità lineare a un modello dinamico e interattivo dalla logica di adattamento individuale a quella di cambiamento sociale l’intero ciclo di vita della persona, nel suo inserimento sociale, diviene orizzonte di integrazione delle diverse politiche, superando gli schemi dei fattori di disagio e crisi, separatamente riferiti a realtà segmentate quali lavoro, età anziana, disabilità, ecc

14 Università Carlo Cattaneo 14 ELABORA norme vincoli politiche traduzione pensiero management impegno interpretazione … RESTITUISCI efficienza flessibilità soddisfazione innovazione apprendimento … ACCOGLI generi etnie età work ability culture …


Scaricare ppt "Www.gianfrancorebora.org Università Carlo Cattaneo 1 Gestire e valorizzare le diversità primarie e secondarie nell’organizzazione Introduzione alla sessione."

Presentazioni simili


Annunci Google