La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il risk management in sanità. Circa il 10 % dei lavoratori della Comunità Europea sono impiegati nel settore sanità, con una preponderante proporzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il risk management in sanità. Circa il 10 % dei lavoratori della Comunità Europea sono impiegati nel settore sanità, con una preponderante proporzione."— Transcript della presentazione:

1 Il risk management in sanità

2 Circa il 10 % dei lavoratori della Comunità Europea sono impiegati nel settore sanità, con una preponderante proporzione di operatori ospedalieri. Questo fa della sanità uno dei settori più grandi nell’ambito del quale sono svolte una vasta e complessa varietà di attività. Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

3 Dati INAIL Gennaio 2007 Settore sanità e servizi sociali oltre persone Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

4 Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

5 AIRESPSA: Distribuzione di infortuni notificati nelle strutture sanitarie per tipologia Il personale sanitario rappresenta l’85-96% dei casi e la quasi totalità di quelli a rischio biologico Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

6  Molteplici fonti di pericolo;  Presenza di ditte esterne, cantieri;  Complessità di funzioni;  Sinergie di azione dei fattori di rischio;  Numerosità degli addetti e contemporanea presenza di operatori, visitatori, tirocinanti, volontari, ditte appaltatrici, ecc;  Complessità organizzativa;  Rapida mutevolezza delle condizioni di pericolo/rischio;  Ecc….. Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

7 Un processo complesso integrato tra diversi: Settori Funzioni Competenze

8 La tutela è da garantire:  Agli operatori  Ai visitatori  Ai pazienti  Ai volontari  Ai tirocinanti  Agli operatori delle ditte esterne E perché il prodotto/lavoro è l’ASSISTENZA del paziente. Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

9 Rischio per gli operatori Rischi per il paziente Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

10  Le misure di prevenzione  Le misure di protezione  Le misure organizzative Il risk management Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

11  Gli eventi avversi  L’errore, la sua prevenibilità  Il quasi errore  L’evento sentinella Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto

12 L’esperienza della AUSL di Rieti per l’acquisizione degli NDP IL RISCHIO BIOLOGICO Le ricadute sul rischio clinico Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto

13 Contrazione degli eventi con l’utilizzo di sistemi sicuri Contrazione degli eventi con l’utilizzo di sistemi sicuri Tassi di puntura con ago cavo per 100,000 presidi utilizzati – confronto fra NPD e ago standard Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto

14 La gestione dei rischi da stress lavoro correlato e da organizzazione del lavoro Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva Le ricadute sulla qualità dell’assistenza e sul contenimento del rischio clinico

15 L’inadeguatezza della manutenzione. Il rischio da attrezzature Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva Le ricadute sulla gestione del rischio clinico

16 Il problema della sicurezza dei pazienti è stato considerato a livello internazionale già da molti anni. I medici, gli infermieri, i tecnici e gli altri professionisti della Sanità possono commettere degli errori, sono “fallibili” come tutti gli esseri umani perché operano in un sistema di elevata complessità e nonostante l’attenzione con cui lavorano, c’è la possibilità che si determini un evento avverso. Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

17 Il rischio clinico è la probabilità che un paziente sia vittima di un evento avverso, cioè subisca un qualsiasi danno o disagio imputabile, anche se in modo involontario, correlabile principalmente agli atti medici prestati durante un determinato periodo, che possa causare un peggioramento delle condizioni di salute oppure la morte. Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

18 La gestione del rischio clinico è un approccio mirato al miglioramento della qualità e della sicurezza dell’assistenza sanitaria attraverso l’attenzione selettiva alle occasioni che sottopongono l’utente di un servizio sanitario ad un rischio attraverso la predisposizione di azioni mirate alla prevenzione e al contenimento dei rischi. Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

19 Uno strumento per l’identificazione del rischio è l’incident reporting che costituisce una modalità strutturata per la raccolta di tutte le informazioni relative al verificarsi di eventi avversi o dei quasi eventi. Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

20 Lo scopo di questo mezzo è di disporre del maggior numero di informazioni sul numero e sulla natura degli eventi e sulle relative cause per poter apprendere ed intervenire con le appropriate misure preventive. Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

21 AZIENDA USL: i risultati dell’analisi di 51 schede di Incident Reporting ad oggi pervenute (marzo 2009). Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

22 Dalla lettura dei risultati è emerso che i fattori maggiormente coinvolti sono:  il fattore umano: di cui il più frequente è la distrazione;  il fattore organizzativo: di cui il più frequente è la mancanza di supervisione e coordinamento ; Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

23  la carenza di procedure e di coordinamento tra U.O.;  la violazione di procedure dovuta alla mancanza di controlli;  i fattori ambientali, strutturali e quelli da ricondurre alla disabilità del paziente. Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

24 Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva La distribuzione nei reparti interessati

25 Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva A fattore umano B fattore organizzativo C mancanza di procedure e/o addestramento D carenza di comunicazione E violazione della procedura F fattori ambientali, strutturali, ecc. I fattori implicati

26 Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva Gli effetti A1/P1 minori A1/P2 maggiori A1/A altro (perdite di tempo, ecc.) A2 nessun effetto A3 altro

27 Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva I suggerimenti del personale M deve essere adottata la ceck-list N nessuna O procedura per comunicazione tra U.O. P procedura per organizzazione Q azioni di manutenzione/altro R formazione e addestramento del personale

28 I dati letti per settore: settore chirurgico Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

29 I dati letti per settore:settore medico Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

30 I risultati degli altri reparti sono: Unità Risk Management AUSL RIETI Dr. Lino Appierto Dott.ssa Manuela Serva

31 INTEGRAZIONE COLLABORAZIONE COMUNICAZIONE ORGANIZZAZIONE Sistemi organizzativi di gestione della sicurezza totale

32


Scaricare ppt "Il risk management in sanità. Circa il 10 % dei lavoratori della Comunità Europea sono impiegati nel settore sanità, con una preponderante proporzione."

Presentazioni simili


Annunci Google