La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Che senso ha la vita? Cosa serve per sentirsi bene? Dopo un poco tutto stanca, rimane la tristezza! Per quale futuro dovrei lottare? Perché non adattarmi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Che senso ha la vita? Cosa serve per sentirsi bene? Dopo un poco tutto stanca, rimane la tristezza! Per quale futuro dovrei lottare? Perché non adattarmi."— Transcript della presentazione:

1 1 Che senso ha la vita? Cosa serve per sentirsi bene? Dopo un poco tutto stanca, rimane la tristezza! Per quale futuro dovrei lottare? Perché non adattarmi a ciò che trovo, Perché non adattarmi a ciò che trovo, rinunciando a fare progetti personali?

2 2 BUON GIORNO, GIOVANI OK! IO SONO NONNO FRANCO. Ho una nipote molto affezionata. È brava. A volte si scoraggia. Una volta più di adesso, ma sta maturando. Perché ne abbiate stima anche voi, vi faccio vedere una lettera che le ho indirizzato. Poi vi farò conoscere due gruppi di giovani “i Cercatori di luce” “i Ragazzi del muretto” l’altro “i Ragazzi del muretto” incuriosi di sapere cosa hanno in testa i primi. Infine, lasciatemi rivolgervi l’INVITO a partecipare ai vari CONVEGNI della GIOVENTÙ che si celebrano ovunque con il maggior numero possibile di giovani come voi. Sono incontri che danno la carica e creano nuove amicizie! nonno FRANCO Provare per credere. Un ciao a tutti da nonno FRANCO

3 3 Bea mia carissima nipote, ho ricevuto i tuoi Auguri di Buon compleanno e le tue confidenze. Sei sempre gentile. Essere tristi per i giovani della tua età non è una cosa strana. Ti sei rattristata perché sei stata esclusa dal gruppo, non trovandoti d’accordo. A volte questo è il prezzo da pagare per difendere la propria libertà di pensiero. Ora però allarghi il discorso e mi dici che sei tentata di rinunciare alle tue aspirazioni per adattarti alla mentalità d’oggi dove vale l’apparire e non l’essere, il possedere beni materiali, anziché le virtù e la sobrietà della vita. Penso che questa volta la tua tristezza derivi dall’amarezza per il conflitto avuto con gli amici. Anziché rattristarti dovresti essere contenta, sapendo di essere nel giusto.

4 4 Ti ricordi quante volte abbiamo criticato la nostra società … “tutta mercato”? Il dio denaro esige servitori senza scrupoli morali. Vuole guadagnare da ogni cosa e considera gli altri solo come consumatori docili e fedeli. Non c’è tempo da dedicare alla famiglia e ai figli, si evadono le tasse senza rimorsi e si approfitta di ogni occasione per un fugace divertimento per soddisfare gli istinti. Da “persone libere” ci vuole trasformare in bambole Barbie senza anima! Ha portato il degrado nell’intimo dell’uomo, che a sua volta lo ha esteso alla natura e di ritorno alla società stessa rimasta senza valori di riferimento. Molte persone sono deluse della vita. Altre invece sperano in un ritorno alla saggezza e al rispetto della dignità della persona umana. Ti ricordi quando l’anno scorso hai partecipato alla Giornata Mondiale della Gioventù e ne sei tornata entusiasta? Rafforza la tua fede, per vivere in pieno la tua esistenza. NON MOLLARE! Nutri l’animo dei valori spirituali ammirati in quella Giornata, e …. NON MOLLARE! nonno FRANCO.

5 5 “La vita è un prezioso dono da riempire con scelte coraggiose, che portano solidarietà, amore e gioia. Sotto questa luce di Verità la nostra vita acquista senso pieno.” “Nascendo, tutti abbiamo intrapreso una avventura, dalla quale nessuno può sottrarsi.” “La fede nel Creatore è la più grande amica dello spirito”. Che ne dite, ragazzi? Bea si è ripresa dallo scoraggiamento ed ora è in piena forma. L’altro giorno partecipò con il suo gruppo i Cercatori di luce ad un incontro con gli amici del muretto sui valori della vita. Il suo gruppo diceva: Gli amici del “Muretto” obbiettavano che non avevano scelto loro di nascere e che per loro rimaneva solo di vivacchiare alle spalle dei genitori.

6 6 (Nota di commento del nonno. Giovani OK, anche voi notate che oggi siamo assaliti dal mercato? Esso piano piano ci inculca l’idea che raggiungeremo il successo personale possedendo molti beni materiali come i VIP o di più dei vicini di casa. Ciò ha fatto apparire superati i valori morali e sociali, raggiunti dall’esperienza di Secoli, che erano guida al comportamento. “I Cercatori di luce “ affermavano che la vita ci è stata donata dal Creatore attraverso i genitori e che era da vivere con il suo bello, i suoi problemi, la sete di Verità, che è Luce e Gioia di esserci, di incontrare persone, di amarle …” dicevano che i genitori erano antiquati, che dovevano farsi moderni. “La vita va vissuta approfittando delle occasioni per divertirci. Il passato è passato. Oggi vale il Presente. Il Futuro non ci appartiene. Non sappiamo se ci saremo. Non vogliamo perdere le occasioni del presente.” OK

7 7 “La creazione del mondo è il più straordinario successo che si possa immaginare. È stata realizzata dall’abilità, dalla potenza e dalla fantasia di Dio Creatore. Noi uomini siamo il Suo capolavoro.” Il creato non può certo essere sorto per caso. Sarebbe come se chiudessimo in un hangar del ferro e altri materiali senza alcun operaio e dopo un po’ ne uscisse fuori un moderno aereo (per caso!) Quelli del Muretto: Ma la scienza parla dl Big Bang e non di Dio.

8 8 I cercatori: “ Abbiamo ammirato il cielo, contemplate le meraviglie delle montagne, i cristalli dei minerali, l’incredibile bellezza dei tramonti, visto il genio della creazione … Tutto merita ammirazione e lode a Dio. Com’è possibile escludere Dio dal creato?” Quelli del Muretto: “Non ci importa sapere di Dio Creatore, Noi viviamo bene senza, quindi egli è inutile!” OK

9 I nostri problemi trovano risposta chiara e ragionevole dentro di noi. Nella ricerca delle soluzioni abbiamo l’opportunità di una crescita. “Oggi l’uomo sa tutto e di tutto, F. VIOLA afferma: “Oggi l’uomo sa tutto e di tutto, ma non sa nulla o quasi di se stesso.” Occorre comprendere Dio e noi stessi. Quando, ad esempio, ci innamoriamo di una bella ragazza, gustiamo la gioia dell’amore che richiede un rapporto sincero, rispettoso e una dedizione reciproca. Fare diversamente significa sbagliare, non capire; Invece della gioia portiamo sofferenza. Un altro intervenne dicendo: I buoni sentimenti che emergono dal nostro intimo sono stati messi in noi dal Creatore per uno scopo ben preciso? Ma quale? Una vita non si regge senza un senso e un obbiettivo da raggiungere. Uno del Muretto affermò: È vero. C’è qualcosa di misterioso dentro e fuori di noi. Non sappiamo come e perché vivere. Invano cerchiamo la gioia nelle sensazioni forti ed esperienze limite.

10 10 La vita è bellezza … se la sai capire. Ma è anche una sfida da affrontare per costruire, ampliare e difendere tutto ciò che è bene per l’uomo. La peggiore malattia oggi è il non sentirsi desiderati, né amati. Tutti abbiamo bisogno di amore e tutti possiamo darne. con le sue difficoltà, complicazioni ed impègnati a dare il meglio di te. Ad un certo momento i Cercatori di Luce offrirono agli amici del Muretto un foglio con i detti di madre Teresa di Calcutta, Si sa che lei lo offriva a chi voleva migliorarsi.

11 11 Portarono anche l’esperienza del filosofo e mistico indiano Paramahansa Yogananda che era solito pregare così : “Padre, quand’ero cieco non trovavo nessuna porta che conducesse a Te. Hai guarito i miei occhi ed ora scopro porte dappertutto nel cuore dei fiori, nella voce dell’amicizia, nel ricordo delle esperienze piacevoli.” Paramahansa aveva scritto: “ L’amore di Dio è indescrivibile; ma può essere percepito solo quando il cuore diventa puro e perseverante. Allora comincerai a percepire la gioia.” “I piaceri dei sensi non durano nel tempo, “I piaceri dei sensi non durano nel tempo, ma la gioia di Dio è eterna.” (Il divino romanzo) ma la gioia di Dio è eterna.” (Il divino romanzo) Gli amici del Muretto ora si mostravano pensierosi. Qualcuno si era annoiato ed era uscito. Altri espressero il desiderio di riprendere il discorso. OK

12 12 Una ragazza dei gruppo dei Cercatori osservò: “Se cercherete, sarete illuminati dalla luce della Verità e così anche voi vivrete a fondo l’avventura della vita. Così è stato per noi”

13 13 Un giovane che sembrava il leader del gruppo aggiunse : Abbiamo letto insieme il Vangelo. È come se avessimo incontrato Gesù Cristo di persona. L’abbiamo visto agire e sentito dire cose meravigliose, abbiamo ammirato la sua bontà e la sua misericordia. Gli abbiamo creduto Dalle sue parole abbiamo anche capito la dignità dell’uomo e quanto c’è bisogno di riaffermarla nella società d’oggi. Vorremmo vivere secondo i suoi suggerimenti per diffondere amore, perdono, giustizia, solidarietà, pace, libertà nei nostri ambienti. … o almeno ci proviamo!

14 14 Di GESÙ ci piace il senso della giustizia. Chiarezza, rettitudine, onestà, parità di diritti, … la sua attenzione alle persone. Egli ti vede dentro. Ti mette in guardia dal male e ti propone la solidarietà verso i poveri, l’amore costruttivo e puro … uno stile di vita secondi la dignità dell’uomo. Se lo metti all’ultimo posto, Egli sta alla porta e bussa: Sa aspettare mesi, anni … Se finalmente gli apri, Egli entrerà e cenerà con te. Ci piace il suo ricercare aiuto: Egli si fida degli uomini nonostante le infedeltà e i limiti umani. Ci piace il suo modo di dare significato alla vita: Per Lui tutto ha un senso e nessuno viene escluso. Ci piace e Lo abbiamo scelto come nostra Guida. Il discorso dei Cercatori di luce si fermò su Gesù :

15 15 Un altro, forse il più vecchio, raccontò la sua esperienza di conversione, rivelando che un tempo diffidava di tutti e tristemente si era infilato nel vortice della droga. Una notte alla stazione incontrò un amico che lo invitò al gruppo. Andò e così ha incominciato a riflettere con loro. Ora non si perde una riunione e scopre sempre più cose interessanti. Tutti confermarono l’’utilità del loro incontrarsi perché avevano imparato a cogliere contenuti di gioia e di dono dentro la realtà quotidiana.

16 16 Giovani OK, i Cercatori di luce sono convinti che tutti i giovani possono capire e testimoniare le vere dimensioni dell’uomo. Il futuro della società è affidato ai giovani. Anche a voi è assegnato questo compito. Nonno FRANCO Da buon nonno,vi auguro di scoprire i valori che orientano la vita. Sarete felici perché avrete uno scopo da realizzare e perché godrete amicizie serene e la fiducia di Dio. Vi saluto cordialmente Nonno FRANCO

17 17 Solidarietà, giustizia, libertà, amore, impegno … sono esigenze del cuore di tutta l’umanità. In questa società disorientata assieme a tanti altri giovani porteremo In questa società disorientata assieme a tanti altri giovani porteremo speranza e entusiasmo per costruire un futuro migliore. speranza e entusiasmo per costruire un futuro migliore. OK


Scaricare ppt "1 Che senso ha la vita? Cosa serve per sentirsi bene? Dopo un poco tutto stanca, rimane la tristezza! Per quale futuro dovrei lottare? Perché non adattarmi."

Presentazioni simili


Annunci Google