La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

10 anni di AVAD : un piccolo traguardo raggiunto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "10 anni di AVAD : un piccolo traguardo raggiunto."— Transcript della presentazione:

1 10 anni di AVAD : un piccolo traguardo raggiunto

2 La cura del malato inguaribile Dal guarire al prendersi cura Dal guarire al prendersi cura Obbiettivo: la qualità della vita Obbiettivo: la qualità della vita Visione olistica dell’individuo (le cure sono rivolte alla persona nel suo insieme e non alla malattia) Visione olistica dell’individuo (le cure sono rivolte alla persona nel suo insieme e non alla malattia) Supporto psicologico alla persona malata e alla sua famiglia Supporto psicologico alla persona malata e alla sua famiglia

3 Bisogni specifici del malato terminale Tecnologici: tutti i presidi sanitari Tecnologici: tutti i presidi sanitari Assistenziali: tutto quanto necessita una persona durante la sua giornata Assistenziali: tutto quanto necessita una persona durante la sua giornata

4 Equipe assistenza domiciliare Familiare leader Familiare leader Medico di Medicina Generale Medico di Medicina Generale Personale ADI e/o SCUDO Personale ADI e/o SCUDO volontario volontario

5 Assistenza domiciliare integrata A.D.I. S.C.U.D.O. A.V.A.D domicilio Pazienti Familiari

6 Assistenza domiciliare integrata Permettere al paziente di tornare a casa propria e di restarvi il più a lungo possibile Permettere al paziente di tornare a casa propria e di restarvi il più a lungo possibile Fornire alla famiglia mezzi materiali, informazioni e supporto psicologico Fornire alla famiglia mezzi materiali, informazioni e supporto psicologico Comprendere e soddisfare le esigenze sia del malato che della famiglia Comprendere e soddisfare le esigenze sia del malato che della famiglia Assistere la famiglia nel periodo del lutto Assistere la famiglia nel periodo del lutto Cercare di far valere il diritto dell’inguaribiule, a vivere dignitosamente ogni suo giorno di vita Cercare di far valere il diritto dell’inguaribiule, a vivere dignitosamente ogni suo giorno di vita Valutare i bisogni psico-ficici del paziente e della sua famiglia Valutare i bisogni psico-ficici del paziente e della sua famiglia Individuare un familiare leader e coinvolgerlo nell’equipe di cura Individuare un familiare leader e coinvolgerlo nell’equipe di cura

7 Paziente terminale La diagnosi di cancro rappresenta un evento stressante per tutto il sistema familiare La diagnosi di cancro rappresenta un evento stressante per tutto il sistema familiare Aumenta il rischio di conflitti Aumenta il rischio di conflitti Alto livello di depressione Alto livello di depressione Sentimenti di inadeguatezza Sentimenti di inadeguatezza Richiesta di supporto psico-farmacologico Richiesta di supporto psico-farmacologico

8 Paure del malato terminale Paura della morte Paura della morte Paura che il dolore possa divenire incontrollabile Paura che il dolore possa divenire incontrollabile Paura di perdere l’autocontrollo mentale e/o fisico Paura di perdere l’autocontrollo mentale e/o fisico Paura di essere respinti o rifiutati o di perdere il proprio ruolo nella famiglia Paura di essere respinti o rifiutati o di perdere il proprio ruolo nella famiglia Paura di sentirsi un peso eccessivo per la famiglia Paura di sentirsi un peso eccessivo per la famiglia

9 Paziente terminale Il malato ha bisogno di sapere, ma anche di non sapere Il malato ha bisogno di sapere, ma anche di non sapere Ha bisogno di avere un controllo personale sulla propria vita e sulla sua morte, ma anche di affidarsi Ha bisogno di avere un controllo personale sulla propria vita e sulla sua morte, ma anche di affidarsi Ha bisogno di mantenere una progettualità ma anche di vivere il “qui ed ora” Ha bisogno di mantenere una progettualità ma anche di vivere il “qui ed ora”

10 Dolore totale Il complesso aspetto della sofferenza nel malato terminale è stato definito “dolore totale” Il complesso aspetto della sofferenza nel malato terminale è stato definito “dolore totale” Per dolore totale si intende l’insieme di sintomi fisici, alterazioni psicologiche, sociali, economiche e spirituali che invariabilmente accompagnano in diversa misura gli ultimi giorni di vita ed è causa di un inaccettabile scadimento della qualità di vita Per dolore totale si intende l’insieme di sintomi fisici, alterazioni psicologiche, sociali, economiche e spirituali che invariabilmente accompagnano in diversa misura gli ultimi giorni di vita ed è causa di un inaccettabile scadimento della qualità di vita

11 La famiglia Nell’ambito delle cure palliative la famiglia svolge un ruolo complesso e centrale Nell’ambito delle cure palliative la famiglia svolge un ruolo complesso e centrale Dalle sue capacità di interagire con il suo congiunto morente, il gruppo familiare può avere un ruolo decisivo nel favorire quella elaborazione delle ansie e delle angosce che possono ostacolare l’adattamento del morente alla situazione che sta vivendo Dalle sue capacità di interagire con il suo congiunto morente, il gruppo familiare può avere un ruolo decisivo nel favorire quella elaborazione delle ansie e delle angosce che possono ostacolare l’adattamento del morente alla situazione che sta vivendo La famiglia è il contesto fondamentale in cui si vive l’esperienza della malattia e successivamente del lutto La famiglia è il contesto fondamentale in cui si vive l’esperienza della malattia e successivamente del lutto

12 Paure della famiglia Stato di profondo abbattimento per la futura morte del congiunto Stato di profondo abbattimento per la futura morte del congiunto Preoccupazioni per i possibili cambiamenti economici Preoccupazioni per i possibili cambiamenti economici Paura di un crollo psicofisico causato dall’estenuante assistenza Paura di un crollo psicofisico causato dall’estenuante assistenza Paura di perdere l’aiuto di amici o vicini di casa Paura di perdere l’aiuto di amici o vicini di casa

13 Paziente terminale Quale Paziente Quale Paziente Quale Famiglia Quale Famiglia Quali Operatori Quali Operatori

14 Quello che importa sia durante la vita, sia di fronte alla morte, è non sentirsi abbandonati e soli Quello che importa sia durante la vita, sia di fronte alla morte, è non sentirsi abbandonati e soli

15 LO STARE ACCANTO Cosa vuol dire essere capaci di stare accanto: Cosa vuol dire essere capaci di stare accanto: CAPACITA’: abilità, idoneità a fare, ad agire CAPACITA’: abilità, idoneità a fare, ad agire STARE: rimanere in un luogo, trovarsi STARE: rimanere in un luogo, trovarsi ACCANTO: che abita nello stesso “vico” ACCANTO: che abita nello stesso “vico” Tipico atteggiamento di vicinanza empatica che entra nel vissuto della persona come in punta dei piedi, con estremo rispetto Tipico atteggiamento di vicinanza empatica che entra nel vissuto della persona come in punta dei piedi, con estremo rispetto Quali attenzioni occorre porre perché ciò avvenga: Quali attenzioni occorre porre perché ciò avvenga: affrontare la “persona del malato” con la dignità ed il rispetto per la sua storia personale, con le sue reazioni emotive, con la sua rabbia o la sua accettazione affrontare la “persona del malato” con la dignità ed il rispetto per la sua storia personale, con le sue reazioni emotive, con la sua rabbia o la sua accettazione attenzione alla famiglia soprattutto nel suo modo di porsi alla malattia del congiunto attenzione alla famiglia soprattutto nel suo modo di porsi alla malattia del congiunto

16 Noi tendiamo a vedere l’assistenza come una posizione del forte verso il debole, del potente verso l’inerme Noi tendiamo a vedere l’assistenza come una posizione del forte verso il debole, del potente verso l’inerme La parola care assistenza deriva dal gotico Kara che significa lamento, cordoglio, dolore sofferto La parola care assistenza deriva dal gotico Kara che significa lamento, cordoglio, dolore sofferto L’assistenza e l’aiuto veramente efficaci implicano il riconoscimento dell’identità umana e non della diversità L’assistenza e l’aiuto veramente efficaci implicano il riconoscimento dell’identità umana e non della diversità

17 “La sofferenza sfugge al dialogo, il sofferente tende al grido o al silenzio, la vostra forza deve essere proprio quella di riuscire a raccogliere questo grido e a rompere questi silenzi e credetemi che ogni volta che ci riuscirete dovrete considerarlo un grande successo” “La sofferenza sfugge al dialogo, il sofferente tende al grido o al silenzio, la vostra forza deve essere proprio quella di riuscire a raccogliere questo grido e a rompere questi silenzi e credetemi che ogni volta che ci riuscirete dovrete considerarlo un grande successo”

18 Attualmente di fronte ad una cultura che considera il SSN come una qualsiasi azienda e la salute come un prodotto ed il malato come un cliente si fa strada la “necessità di affermare la –CENTRALITA’ DELLA PERSONA- e soprattutto di coloro che si trovano in uno stato di sofferenza, di malattia e di debolezza Attualmente di fronte ad una cultura che considera il SSN come una qualsiasi azienda e la salute come un prodotto ed il malato come un cliente si fa strada la “necessità di affermare la –CENTRALITA’ DELLA PERSONA- e soprattutto di coloro che si trovano in uno stato di sofferenza, di malattia e di debolezza

19 Il volontario È uno degli elementi cardine della assistenza domiciliare È uno degli elementi cardine della assistenza domiciliare La sua caratteristica principale è costituita dalla sua versatilità e dalla sua non specializzazione La sua caratteristica principale è costituita dalla sua versatilità e dalla sua non specializzazione I suoi compiti possono essere molteplici I suoi compiti possono essere molteplici Chiunque può divenire volontario in un servizio di assistenza domiciliare ai malati terminali Chiunque può divenire volontario in un servizio di assistenza domiciliare ai malati terminali

20 Compiti del Volontario AVAD Ripristinare una corretta comunicazione con il malato Ripristinare una corretta comunicazione con il malato Mantenere una costante comunicazione tra il malato e l’equipe di cura Mantenere una costante comunicazione tra il malato e l’equipe di cura Accudire ed aiutare il malato nelle sue necessità quotidiane: Accudire ed aiutare il malato nelle sue necessità quotidiane: Assistere il malato negli spostamenti in casa Assistere il malato negli spostamenti in casa Assistere il malato durante l’assenza dei familiari Assistere il malato durante l’assenza dei familiari Sbrigare partiche burocratiche o commissioni Sbrigare partiche burocratiche o commissioni Aiutare il malato durante la pulizia sia personale che della sua stanza Aiutare il malato durante la pulizia sia personale che della sua stanza Accompagnare il malato a visite di controllo Accompagnare il malato a visite di controllo Svolgere attività di baby sitting Svolgere attività di baby sitting Permettere ai familiari del paziente delle pause nell’assistenza Permettere ai familiari del paziente delle pause nell’assistenza Mantenere i contatti tra il malato ed il mondo esterno Mantenere i contatti tra il malato ed il mondo esterno Aiutare la famiglia nel momento del lutto Aiutare la famiglia nel momento del lutto

21 Quelli che sanno stare seduti in silenzio con i loro simili, possono portare nuova vita in un cuore morente. Quelli che non hanno paura di stringere una mano con gratitudine, versare lacrime nel dolore, lasciar sgorgare dal cuore uno sguardo accorato, possono superare limiti paralizzanti e testimoniare la nascita di una nuova amicizia: l’amicizia dei vinti.

22 Come si diviene capaci: ognuno ha bisogno di spinte interiori, di convinzioni profonde, di un credo ognuno ha bisogno di spinte interiori, di convinzioni profonde, di un credo è necessario essere aperti alle esperienze e non avere paura delle emozioni è necessario essere aperti alle esperienze e non avere paura delle emozioni la motivazione spirituale e culturale personale come ci aiuta a trovare il senso della propria esistenza, può aiutarci a rischiare un cammino accanto alle persone che soffrono la motivazione spirituale e culturale personale come ci aiuta a trovare il senso della propria esistenza, può aiutarci a rischiare un cammino accanto alle persone che soffrono

23 Che cosa è richiesto: Si richiede attenzione lucida, intelligente, profonda ai gesti e alle parole poste da ogni persona con cui si trova in contatto Si richiede attenzione lucida, intelligente, profonda ai gesti e alle parole poste da ogni persona con cui si trova in contatto Vuol dire avere pazienza, calma, non pretendere di capire ogni evento della vita della persona di cui ci si prende cura Vuol dire avere pazienza, calma, non pretendere di capire ogni evento della vita della persona di cui ci si prende cura

24 Cosa deve fare il volontario per il malato e la sua famiglia Prestare aiuto per l’organizzazione della vita domestica Prestare aiuto per l’organizzazione della vita domestica Dare un sostegno per evitare l’isolamento Dare un sostegno per evitare l’isolamento Aiutare a risolvere le difficoltà di ordine pratico Aiutare a risolvere le difficoltà di ordine pratico Dare qualcosa che non sia solo un supporto tecnico, ma soprattutto umano Dare qualcosa che non sia solo un supporto tecnico, ma soprattutto umano

25 Programma del volontariato avad 1 faseselezione 1 faseselezione 2 faseformazione/aggiornamento 2 faseformazione/aggiornamento 3 fasecontrollo/supervisione 3 fasecontrollo/supervisione A) sollecitarlo a ripensare al suo rapporto con il malato A) sollecitarlo a ripensare al suo rapporto con il malato B) ottenere informazioni sul suo operato B) ottenere informazioni sul suo operato C) conoscere il grado di coscienza della malattia da parte del malato C) conoscere il grado di coscienza della malattia da parte del malato D) conoscere le modificazioni d’umore del malato D) conoscere le modificazioni d’umore del malato E) verificare il suo corretto inserimento nella famiglia E) verificare il suo corretto inserimento nella famiglia

26 Grazie di cuore a tutti i Volontari AVAD A tutti Coloro che hanno costruito e mantenuto un grande “sogno” A tutti “gli Amici conosciuti”, che nella loro breve vita hanno saputo donarci la voglia di continuare


Scaricare ppt "10 anni di AVAD : un piccolo traguardo raggiunto."

Presentazioni simili


Annunci Google