La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Slide n. 1 Modulo A-1 Il primo soccorso in azienda Modulo A-1 Il primo soccorso in azienda Bergamo 16 Giugno 2008 Percorso formativo ANPAS LOMBARDIA per:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Slide n. 1 Modulo A-1 Il primo soccorso in azienda Modulo A-1 Il primo soccorso in azienda Bergamo 16 Giugno 2008 Percorso formativo ANPAS LOMBARDIA per:"— Transcript della presentazione:

1 Slide n. 1 Modulo A-1 Il primo soccorso in azienda Modulo A-1 Il primo soccorso in azienda Bergamo 16 Giugno 2008 Percorso formativo ANPAS LOMBARDIA per: ADDETTI al 1° SOCCORSO AZIENDALE ” D.Lgs 81/08 del 9 Aprile 2008.

2 Slide n. 2 CONOSCERE ED ALLERTARE IL SISTEMA DEL SOCCORSO

3 Slide n. 3 Cos ’ è il primo soccorso Il primo soccorso non sanitarioIl primo soccorso è caratterizzato da interventi ed azioni compiuti da personale non sanitario, in attesa dell ’ intervento specializzato

4 Slide n. 4 L'organizzazione interna per affrontare l'eventuale stato di emergenza DEVE ESSERE uno strumento operativo pre- programmato facente parte a tutti gli effetti dell'insieme dei provvedimenti di sicurezza da attuare IL PRIMO SOCCORSO in AZIENDA

5 Slide n. 5 n legate ai rischi propri dell'attività (incendi e esplosioni, rilasci tossici e/o radioattivi, lesioni da elettricità, accidenti traumatici, malori, etc.) n legate a cause esterne (allagamenti, terremoti, condizioni meteorologiche estreme, etc.) Situazioni di emergenza sanitaria

6 Slide n. 6 La gestione dell'emergenza sanitaria in azienda La valutazione dei rischi presenti in azienda permette di rilevare la possibilità di avere incidenti anche particolarmente gravi non evitabili con interventi di prevenzione e per i quali è necessario predisporre misure straordinarie da attuare in caso di reale accadimento

7 Slide n. 7 n insieme delle misure straordinarie, procedure e azioni, da attuare al fine di fronteggiare e ridurre i danni derivanti da eventi pericolosi per la salute dei lavoratori (e della eventuale popolazione circostante) Piano di emergenza

8 Slide n. 8 La topografia dell ’ azienda La localizzazione degli impianti e delle utenze I prodotti utilizzati Le procedure di intervento La localizzazione ed il contenuto dei presidi di primo soccorso e dei dispositivi di protezione individuale L ’ addetto al primo soccorso deve conoscere

9 Slide n. 9 COMPITI DEL PRIMO SOCCORRITORE attivare il 118attivare il 118 autoprotezioneautoprotezione valutare la vittima e mantenere le funzioni vitali se queste sono alteratevalutare la vittima e mantenere le funzioni vitali se queste sono alterate arrestare una emorragia esternaarrestare una emorragia esterna proteggere ferite e ustioniproteggere ferite e ustioni preservare la vittima da eventuali ulteriori dannipreservare la vittima da eventuali ulteriori danni non fare peggiorare lo stato del soggettonon fare peggiorare lo stato del soggetto

10 Slide n. 10 U rgenza Em ergenza S ervizio S anitario Paziente critico non in pericolo di vita Paziente critico in pericolo di vita S.S.UEm. 118

11 Slide n. 11 Il 118 è costituito da:  Centrale Operativa: centro di ricezione delle richieste sanitarie e di coordinamento delle risposte.

12 Slide n. 12 Il 118 è costituito da:  Sistema territoriale di soccorso: unità funzionali in grado di prestare soccorso a vari livelli operativi

13 Slide n. 13 Informazioni necessarie dove è successo: (paese, via, N° civico, riferimento) chi è il chiamante (nome, n° telefonico) cosa è successo n°. persone coinvolte È imperativo informarsi sulle condizioni del pz.: - stato di coscienza - funzionalità respiratoria

14 Slide n. 14 Tipologia dell ’ evento Non traumatico età approssimativa presenza e sede del dolore tempo dall ’ insorgenza dei sintomi episodi precedenti assunzione di farmaci

15 Slide n. 15 Tipologia dell ’ evento Traumatico dinamica dell ’ evento numero persone coinvolte pericoli d ’ incendio e di precipitazione

16 Slide n. 16 In attesa dei soccorsi non spostare il pz. se non per pericolo imminente Proteggerlo dalle intemperie BLS, se necessario Quando devo spostare un paziente?: il luogo dell'incidente è pericolosoil luogo dell'incidente è pericoloso e pone il paziente e/o i soccorritori in pericolo di vita (minaccia d’'incendio, folgorazione, gas tossici) l’intervento da eseguire sulla vittima ne richiede un diverso posizionamentol’intervento da eseguire sulla vittima ne richiede un diverso posizionamento

17 Slide n. 17 Durante l ’ emergenza sanitaria…. DEVO RIMANERE CALMO: il mio compito è organizzare il primo soccorso IL TEMPO E ’ PREZIOSO: l ’ intervento nei primi 5 minuti è determinante nell ’ aumentare la probabilità di sopravvivenza del paziente

18 Slide n. 18 CONCITAZIONE E FRETTA RITARDANO IL SOCCORSO E NE PEGGIORANO LA QUALITA ’

19 Slide n. 19 RICONOSCERE UN EMERGENZA SANITARIA

20 Slide n. 20 Raccogliere le informazioni da coloro che hanno visto o partecipato all’evento! Invitare le persone non coinvolte ad allontanarsi per non ostacolare il soccorso. Chi c ’ è intorno

21 Slide n. 21 garantire la propria incolumità verificare i rischi evolutivi –Sanitari –Non sanitari se personale addestrato  mettere in sicurezza la scena Autoprotezione del soccorritore

22 Slide n. 22 Scena dell ’ infortunio

23 Slide n. 23 Scena dell ’ infortunio

24 Slide n. 24 Autoprotezione - Mezzi barriera guanti monouso visiera paraschizzi pocket mask Scarpe antinfortunistiche

25 Slide n. 25 Proteggere se stessi, la persona a cui si presta soccorso, eventuali astanti. E ’ necessario: mantenere la calma osservare bene se la situazione e l ’ ambiente sono sicuri se vi sono rischi adottare misure idonee per rimuoverli o evitarli Proteggere-soccorrere

26 Slide n. 26 I rischi nel soccorso a)Ambiente in cui si svolge il soccorso b)Sangue e fluidi biologici della vittima c)Condizione / comportamento della vittima

27 Slide n. 27 Ambiente Movimento mezzi fuoco gas tossici pericolo di crollo... Garantire sempre la sicurezza della scena!

28 Slide n. 28 REGOLA GENERALE ogni soggetto sanguinante deve essere considerato potenziale fonte di infezioneogni soggetto sanguinante deve essere considerato potenziale fonte di infezione in ogni contatto con soggetto sanguinante si devono adottare le precauzioni universaliin ogni contatto con soggetto sanguinante si devono adottare le precauzioni universali Spargimento di sangue, contatto con fluidi biologici sono possibile veicolo di malattie infettive quali epatite B e C, AIDS. Sangue e fluidi bliogici

29 Slide n. 29 Fluidi biologici della vittima contagio del soccorritore con saliva, muco ed altri fluidi della vittima –per esempio, durante la respirazione artificiale

30 Slide n. 30 Condizione / comportamento della vittima Psicosi in fase acuta convulsioni chiusura repentina della bocca durante la manovra di “ apertura delle vie aeree ” fasi iniziali dell ’ annegamento –agitazione psicomotoria intossicazione o avvelenamento –respirazione artificiale della vittima spostamento o trasporto di un paziente

31 Slide n. 31 Mezzi barriera:guanti monouso Infilati prima di iniziare le attività di soccorso, devono tenersi fino a che si è in contatto con materiale potenzialmente contagioso Devono essere indossati per proteggere entrambe le mani da contagio adottando una particolare procedura QuandoCome Modalità d ’ uso

32 Slide n. 32 Mezzi barriera:guanti monouso Dopo il loro utilizzo si sfilano afferrandoli dal lembo libero all ’ altezza del polso

33 Slide n. 33 Per ferite a rischio di schizzi alle mucose congiuntivali, orali, nasali (es. emorragie di grandi vasi arteriosi) Schermo di plastica trasparente che ripara il volto (gli occhi, la bocca il mento e le narici) dal rischio di schizzi QuandoCome Modalità d ’ uso Mezzi barriera:visiera paraschizzi

34 Slide n. 34 Durante ventilazione dell ’ aria nella bocca di un soggetto in arresto respiratorio o cardio respiratorio (respirazione artificiale) La pocket mask è una maschera che si monta sulla bocca del soggetto in arresto respiratorio; offre una validissima barriera contro il rischio di contagio. QuandoCome Modalità d ’ uso Mezzi barriera:pocket mask


Scaricare ppt "Slide n. 1 Modulo A-1 Il primo soccorso in azienda Modulo A-1 Il primo soccorso in azienda Bergamo 16 Giugno 2008 Percorso formativo ANPAS LOMBARDIA per:"

Presentazioni simili


Annunci Google