La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Padova, 14 dicembre 2013. Un po’ di teoria Giochi di gruppo Giochi a coppie Conclusioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Padova, 14 dicembre 2013. Un po’ di teoria Giochi di gruppo Giochi a coppie Conclusioni."— Transcript della presentazione:

1 Padova, 14 dicembre 2013

2 Un po’ di teoria Giochi di gruppo Giochi a coppie Conclusioni

3

4

5 (risposte innate, automatiche, involontarie regolate da meccanismi neurofisiologici) (Risposta organizzata tipica di una specie in reazione ad una determinata situazione ambientale)

6 spinte o forze interne che direzionano l'individuo e lo spingono ad agire sull'ambiente circostante con lo scopo di modificare situazioni che possano così portare alla soddisfazione delle stesse. (Albert Murray, 1938) Henry Alexander Murray (New York, 13 maggio 1893 – 23 giugno 1988) è stato uno psicologo statunitense studioso delle necessità dell'essere umano. Diede un forte contributo allo studio della personalità umana focalizzandosi sulla complessità e unicità dell'individuo e sottolineando l'essenziale importanza dell'esperienza passata degli individui. Egli riconobbe nella motivazione l'elemento centrale per lo studio della personalità intesa quindi come risultante dalle spinte provenienti da fattori biologici e sociali. Per Murray la motivazione è strettamente legata e dipendente dall'ambiente visto sia come fonte e sede di pressioni sia come sede per soddisfare le necessità. Divide i bisogni in viscerogeni e psicogeni: i primi corrispondono ai bisogni fisiologici e basilari dell'organismo in genere considerati primari e per questo con una maggiore necessità di soddisfazione ; quelli psicogeni corrispondono alle esigenze specifiche della psiche specifica di ogni singolo individuo, che esperisce e si sviluppa nella costante relazione con gli stimoli esterni (vengono acquisiti durante tutta la vita).I bisogni sono quindi intesi come spinte o forze interne che direzionano l'individuo e lo spingono ad agire sull'ambiente circostante con lo scopo di modificare situazioni che possano così portare alla soddisfazione delle stesse. Postulò quindi una stretta relazione tra l'ambiente che stimola e spinge il soggetto (press) e le forze interne che producono il movimento giungendo alla teoria per cui la percezione e l'interpretazione degli eventi dono direttamente legati all'integrazione di queste due spinte fondamentali.

7

8 BISOGNI DI AUTO REALIZZAZIONE BISOGNI DI STIMA BISOGNI DI APPARTENENZA E ATTACCAMENTO BISOGNI DI SICUREZZA BISOGNI FISIOLOGICI Piramide dei bisogni (A. Maslow, 1954)

9 È una preoccupazione ricorrente che riflette i bisogni delle persone e ne orienta i processi attentivi e percettivi e ne seleziona le energie e i comportamenti per raggiungere determinate mete e scopi che sono fonte di di soddisfazione L’insieme dei motivi che inducono l’individuo a compiere o a tendere verso una determinata azione L’insieme dei fattori interni all’uomo che attivano e dirigono il comportamento verso una meta, uno scopo, o un risultato in relazione alle condizioni ambientali

10

11 Quando una persona inizia un'attività che nasce da motivi interni per esempio la soddisfazione nel sentirsi sempre più competente, nel riuscire Quando una persona si impegna in un'attività per scopi che sono estrinseci all'attività stessa Per esempio, ricevere lodi, riconoscimenti, buoni voti, oggetti con valore sociale

12

13

14 (Importante il ruolo dei genitori) (esperienze passate, esempi, incoraggiamenti) (orientamento all’azione/allo stato) (Convinzioni di essere all’altezza, dipende dalle esperienze passate)

15 Dott.ssa Serena Rosson Psicologo psicoterapeuta


Scaricare ppt "Padova, 14 dicembre 2013. Un po’ di teoria Giochi di gruppo Giochi a coppie Conclusioni."

Presentazioni simili


Annunci Google