La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

E’ utilizzato per : infusione di liquidi somministrazione di farmaci nutrizioni parenterali Può essere : tunnellizzato viene fatto scorrere nel sottocute.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "E’ utilizzato per : infusione di liquidi somministrazione di farmaci nutrizioni parenterali Può essere : tunnellizzato viene fatto scorrere nel sottocute."— Transcript della presentazione:

1 E’ utilizzato per : infusione di liquidi somministrazione di farmaci nutrizioni parenterali Può essere : tunnellizzato viene fatto scorrere nel sottocute (tunnellizzazione) e poi inserito nel vaso non tunnellizzato viene inserito direttamente nel vaso in cui si vuole posizionare il catetere mediante una guida IL CATETERE VENOSO CENTRALE

2 vena femorale Sedi di inserzione: vena giugulare interna NB: La vena succlavia è ormai evitata in quanto porterebbe ad una stenosi del tronco brachio-cefalico. La parte che rimane esterna alla cute (prossimale) è predisposta per avere una o più vie di accesso per consentire il raccordo con una o più infusioni queste vie hanno generalmente un lume differenziato tra loro e sono indipendenti l'una dall'altra. IL CATETERE VENOSO CENTRALE

3 POSIZIONAMENTO : ambiente sterile tecnica ecoguidata anestesia locale COMPLICANZE : infezioni ( molto frequenti ) SEGNI E SINTOMI DELLE INFEZIONI rossore della cute attorno al punto di inserzione materiale purulento zona dolente iperpiressia improvvisa IL CATETERE VENOSO CENTRALE

4 GESTIONE : Può essere gestito a domicilio Guanti sterili Garze sterili Soluzione fisiologica Antisettico (clorexidina 2%) Cerotti trasparenti ogni volta il punto di inserzione risulti sporco SOSTITUZIONE DELLA MEDICAZIONE : ogni 48/72 ore con cerotto poroso ogni 5/7 giorni con cerotto trasparente IL CATETERE VENOSO CENTRALE NB : Nel caso ci sia bisogno di sospendere l'uso di una via, questa deve essere lavata con l'infusione di eparina sodica (purificata da EDTA) con concentrazioni variabili

5 IL CATETERE VENOSO CENTRALE MODELLI DI CVC : PICC (Peripherally Inserted Central Catheters) sono caratterizzati dall'inserimento periferico tramite le vene brachiali, la vena basilica, o cefalica. La punta è posizionata in prossimità della giunzione cavo-atriale CATETERI CENTRALI TOTALMENTE IMPIANTABILI Denominati Port-a-cath, presentano la caratteristica di aver completamente impiantata sottocute una reservoir penetrabile tramite l’Ago di HUBER

6 IL CATETERE VENOSO CENTRALE MEDICAZIONE STEP BY STEP : Lavaggio antisettico delle mani Informare il paziente Rimuovere la vecchia medicazione Detersione ed antisepsi Applicare la nuova medicazione Smaltire il materiale infetto Riportarlo in cartella Preparare il materiale occorrente Riordino del materiale DPI DA INDOSSARE : Cuffia Occhiali Maschera chirurgica

7 IL CATETERE VENOSO CENTRALE ISPEZIONE E VALUTAZIONE DELLA CUTE NELLA SEDE DI INSERZIONE: score 0 : cute integra e nessun segno di flogosi score 1 : iperemia < 1 cm Può esserci fibrina score 2 : iperemia > 1 < 2 cm Può esserci fibrina score 3 : iperemia secrezione pus Può esserci fibrina

8 IL CATETERE VENOSO CENTRALE LAVAGGIO DEL LUME Al termine di ciascuna infusione si raccomanda di utilizzare 10 ml di soluzione fisiologica sodio cloruro 0,9% (*) (*) eccezzion fatta per il catetere Groshong dove la soluzione fisiologica di sodio cloruro 0,9% da versare dovrà essere pari a 20 ml. LA REGOLA FONDAMENTALE DA RISPETTARE RESTA SEMPRE UNA…. ….MANTENERE LA MASSIMA ASEPSI IN OGNI PASSAGGIO

9 FONTI : wikipedia Servizio Sanitario Regionale Emilia-Romagna Google


Scaricare ppt "E’ utilizzato per : infusione di liquidi somministrazione di farmaci nutrizioni parenterali Può essere : tunnellizzato viene fatto scorrere nel sottocute."

Presentazioni simili


Annunci Google