La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

NIGERIA Relazione annuale. EDITORIALE “Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "NIGERIA Relazione annuale. EDITORIALE “Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi,"— Transcript della presentazione:

1 NIGERIA Relazione annuale

2 EDITORIALE “Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi, di tutti i vostri sforzi?....Abbiamo il coraggio di verificare quello che stiamo facendo o no? Per noi e per gli altri. Perché con tante energie che si sono poste a disposizione in tanti Paesi, la vostra è una tra i tanti tentativi che si fanno, si è generato più sviluppo? O sono meno in grado di essere se stessi e hanno sempre più bisogno delle briciole che portiamo loro?” (Assemblea AVSI dicembre 2011, Julian Carron, Presidente Fraternità Comunione e Liberazione) Questa sollecitazione di don Carron sta generando una serie di riflessioni sul lavoro che svolgiamo, progetti di sviluppo, e sulla sua utilità. Ci sembra decisivo affrontare queste domande anche rispetto al programma sostegno a distanza. Tanti anni di lavoro e di storie: distribuzione di briciole o cura di soggetti che oggi sono diventati giovani adulti presenti nelle loro comunità? Il pensiero va alle migliaia di bambini, ormai cresciuti, che sono stati sostenuti da famiglie italiane nel tempo. Oltre hanno terminato il percorso, oltre compresi gli attuali e i progetti speciali. Cosa ne è oggi di loro? Quale è stato l’esito del rapporto con loro? Ogni tanto succedono cose sorprendenti che ci fanno scoprire che i semi gettati hanno dato frutto, e che ci sono storie di bambini, ormai adulti che evidenziano come il sostegno a distanza sia stato decisivo. Un aiuto con cifre contenute, ma costanti nel tempo, che ha cambiato la vita di molti, rendendola allora dignitosa e oggi incidente nella realtà di appartenenza. Come quel giovane ugandese che ci ha contattato, perché ora che ha un lavoro stabile e importante in una banca, desidera impegnarsi a sostenere un bambino del suo Paese per dargli la stessa opportunità che a lui ha dato una famiglia Italiana. O i giovani rumeni che in agosto ’13 sono venuti in Italia, al Meeting di Rimini, a presentare le loro abilità nel produrre mosaici dopo una vita così difficile che hanno potuto affrontare con il sostegno di famiglie italiane. Oggi, loro che sembravano destinati alla sopravvivenza nella marginalità, lavorano in una impresa sociale. Per andare a fondo della domanda sull’utilità del nostro lavoro e del sostegno a distanza, abbiamo pensato di fare non analisi, ma di cercare i ragazzi ormai cresciuti e raccontare le loro storie, e vedere insieme a voi se il nostro supporto ha lasciato un segno.

3 St. John School Nè la pioggia nè la distanza riescono a fermare il desiderio dei nostri bambini di venire a scuola

4 (titolo) Layo appartiene alla tribù Egun e proviene da una famiglia di pescatori. Lui ha iniziato ad andare alla SS. Peter and Paul grazie al sostegno a distanza quando aveva otto anni. I genitori non apprezzavano il valore dell’educazione, ma grazie alla nostra insistenza hanno permesso a Layo di iniziare la scuola. Fin da subito Layo è stato il più bravo della classe e ha finito le scuole elementari con ottimi risultati. Grazie al Sostegno a Distanza e ad altri fondi abbiamo continuato a sostenerlo con una retta speciale in una buona scuola superiore di Lagos. Layo ha terminato con successo anche le scuole secondarie mantenendo sempre la prima posizione in classe. Ha passato con successo la maturità e ora sta spettando di entrare all’università di Lagos. Layo ringrazia di cuore i suoi sostenitori! Le loro storie, le nostre storie

5 St. John School Ogni giorno la scuola è una grande occasione per conoscere e per sentirsi amati…

6 St. John School … e divertirsi con semplicità!

7 Ss. Peter and Paul Alcuni bambini colgono l’occasione finite le lezioni di lavare i propri vestiti a scuola perché hanno l’acqua pulita

8 New Seeds Kona La scuola è piena di sfide, prima fra tutte l’inglese che comunemente non viene usato in questa area rurale

9 New Seeds Kona La vita del villaggio continua sempre uguale fra difficoltà e miseria ma sempre con il sorriso!

10 Nutrition Center – St. Kizito Il gioco durante il Friendship Meeting è il momento più atteso della giornata insieme Dopo i giochi e il check up medico ecco il pranzo del Friendship Meeting

11 Carissimi Sostenitori, Vi abbiamo proposto alcune immagini significative per raccontarvi la bellezza e la gioia dei nostri piccoli amici, in alcuni momenti della loro vita. Il sostegno a distanza da solo non risolve tutte le difficoltà della vita, ma per i nostri piccoli amici sapere che qualcuno a 4000 km di distanza si preoccupa per loro gratuitamente cambia lo sguardo sulla vita! Grazie! Alba Gianferrari Per tutte le vostre lettere, foto e saluti potete scriverci al seguente indirizzo: AVSI 14, Maitama Sule Street, SW Ikoyi P.O. Box Falomo LAGOS - NIGERIA - Indica sempre il codice e il nome del bambino sostenuto all’interno della busta. Scrivi preferibilmente in inglese. - Non scrivere mai all’interno della lettera il tuo indirizzo, o telefono e non mettere denaro. - È sconsigliato l’invio di pacchi, a causa del malfunzionamento del sistema postale nigeriano. - Per fare un regalo, ti consigliamo di fare un versamento extra. Per maggiori informazioni puoi contattare il Sostegno a distanza

12 Fondazione AVSI Telefono AVSI è una FONDAZIONE ONLUS - ONG idonea DM n del 5 luglio Codice Fiscale Contatti


Scaricare ppt "NIGERIA Relazione annuale. EDITORIALE “Se io fossi nei vostri panni quale sarebbe la cosa che più mi urgerebbe? Che cosa resta di tutti i vostri tentativi,"

Presentazioni simili


Annunci Google