La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROCESSO CIVILE TELEMATICO: SEMINARIO PRATICO avv. Valentina Carollo- avv. Andrea Pontecorvo in videoconferenza avv. Maurizio Reale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROCESSO CIVILE TELEMATICO: SEMINARIO PRATICO avv. Valentina Carollo- avv. Andrea Pontecorvo in videoconferenza avv. Maurizio Reale."— Transcript della presentazione:

1 PROCESSO CIVILE TELEMATICO: SEMINARIO PRATICO avv. Valentina Carollo- avv. Andrea Pontecorvo in videoconferenza avv. Maurizio Reale

2 Tutte le slide reperibili sul sito ScreenCast sul canale YouTube della FIIF - PREMESSA

3 ASPETTI NORMATIVI

4 QUADRO NORMATIVO ATTUALE PCT DPR 68/2005 (PEC) Art. 16 D.L. 185/2008 Art. 4 D.L. 193/2009 (obbligo PEC e comunicazioni) D.P.C.M. 22 febbraio 2013 (Firma digitale – regole tecniche) Deliberazione CNIPA n. 45/2009 modificata dal determinazione DIGITPA 28/7/2010 Art. 4 Decreto Legge n. 193/2009 D.M. 44/2011 (Regolamento) PROVVEDIMENTO 16/4/2014 (Specifiche Tecniche) CAD Decreto Legislativo n. 82/2005 Modificato 2010 Manca la conversione in legge del D.L. n. 90/2014 Decreto Legge 24 giugno 2014 n. 90

5 NOVITA’ NEL DECRETO CRESCITA D.L. 179/ /12/2012 – depositi delle domande di insinuazione al passivo via PEC – gestione “telematica” da parte dei curatori 18/2/2013 – comunicazioni e notificazioni telematiche obbligatorie per CdA e Tribunali nei confronti di tutti I soggetti con obbligo di PEC 15/12/2013 – istituzione dei pubblici elenchi – notifica telematica da parte dell’avvocato 30/6/2014 – depositi telematici obbligatori degli atti di parte e dei CTU nel contenzioso, volontaria giurisdizione e procedure concorsuali – art. 16 bis D.L. 179/2012 come modificato D.L. 90/2014

6

7 NOVITA’ DEL D.L. n. 90/2014 1) PCT a partenza modulata 2) Eliminata la sottoscrizione del verbale di udienza 3) Obbligo di comunicazione della sentenza 4) Depositi telematici ammessi fino alle ore 24 5) Regolamentato l’invio di buste multiple E’ POSSIBILE ANTICIPARE L’OBBLIGO

8 6) Disciplinato il potere di autentica delle copie da parte degli avvocati e ausiliari 7) Eliminato obbligo autorizzazione COA per notifiche in proprio via PEC 8) Eliminato obbligo pagamento marche da bollo per le notifiche in proprio via PEC NOVITA’ DEL D.L. n. 90/2014

9 QUALI STRUMENTI USARE PER IL DEPOSITO TELEMATICO

10 1) PC connesso ad Internet 2) indirizzo PEC 3) Firma digitale 4) Software c.d. “redattore” Lista di controllo

11 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

12 1) Comunicazioni a valore legale - art. 4 DPR n- 68/2005 2) Comunicazioni e notificazioni telematiche da parte della cancelleria – art. 4 D.L. n. 193/2009 3) Notifiche via PEC – L. 53/1994 4) Depositi – anche PEC collettiva – si attendono modifiche POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA UTILIZZI Le conseguenze della non corretta gestione della PEC da parte degli avvocati – notifiche in cancelleria: art. 16 sexies D.L. 179/2012 (introdotto D.L. n. 90/2014) – DOMICILIO INFORMATICO

13 sul sito pst.giustizia.it previa autenticazione Video tutorial sul canale YouTube della FIIF oppure liberamente dal sito Per n. 2-3-(4) utilizzare la PEC risultante dal ReGIndE

14 FIRMA DIGITALE

15 FIRMA DIGITALE 1 tipologie ammesse nel PCT  CAdES – genera file p7m  PAdES – all’interno del PDF Video tutorial sul canale YouTube della FIIF

16 FIRMA DIGITALE 2 efficacia  Stessa efficacia probatoria della scrittura privata ex art c.c.  Requisiti di forma ad probationem e ad substantiam richiesti dalla legge Certificati validi e non revocati No macroistruzioni o codici eseguibili (es. campo data)

17 FIRMA DIGITALE 3 disconoscimento?  Disconoscimento dell’uso – presunzione (art. 21, co. 2, CAD)  Disconoscimento della firma digitale (ex art. 214 c.p.c.) Non conferisce data certa!

18 Qualunque sia il redattore scelto, per applicare la propria firma digitale sugli atti come sopra inseriti nella busta, questa sarà la relativa procedura: si aprirà la seguente finestra... Sulla pratica applicazione della FIRMA

19 … e cliccando sul pulsante FIRMA, il software ci chiederà di inserire il P.I.N. del dispositivo (lo stesso che già inseriamo per visualizzare il PolisWeb) Video tutorial sul canale YouTube della FIIF

20 …oppure anche direttamente sul PDF utilizzando un programma come Adobe Acrobat e utilizzando le firme con certificati Video tutorial sul canale YouTube della FIIF

21 REDATTORE atti telematici

22 Nella sezione Download del sito PST.GIUSTIZIA.IT è disponibile l'elenco di alcuni strumenti software – alcuni utilizzabili gratuitamente - per la redazione della "busta telematica" per il deposito degli atti nell'ambito del Processo Civile Telematico. Dove reperire il c.d. REDATTORE …o quello in convenzione con l’Ordine

23 al termine della procedura, avremo creato una BUSTA (leggi: un vero e proprio fascicolo digitale), contenente tutti i dati del procedimento (Curia, Nrg, Avvocato difensore, Parti, tipo atto depositando, documenti, allegati generici, ecc.). N.B.: tramite il redattore firmeremo gli atti che necessitano di tale adempimento A cosa serve il REDATTORE

24 Tale software è sostanzialmente identico a quello con cui si genera la NOTA DI ISCRIZIONE CON IL CODICE A BARRE A differenza di quest'ultimo, però, dovremo inserire anche gli atti e i documenti che intendiamo depositare telematicamente. Sul funzionamento del REDATTORE Video tutorial sul canale YouTube della FIIF

25 BUSTA TELEMATICA Video tutorial sul canale YouTube della FIIF

26 Prodotta la busta (fascicolo digitale) contenente l'atto firmato, la nota di deposito firmata (c.d. Dati Atto.XML) e i documenti eventualmente allegati, un ultimo click ci consentirà il deposito vero e proprio, tramite PEC, presso L'Ufficio giudiziario competente Sul DEPOSITO della Busta Telematica

27 Poiché il deposito avviene tramite la nostra PEC, con messaggio inviato alla PEC dell'Ufficio Giudiziario (con allegato il fascicolo digitale, c.d. BUSTA), riceveremo praticamente in tempo reale le seguenti comunicazioni: Sulle successive RICEVUTE

28 1) una PRIMA pec denominata ACCETTAZIONE generata dal nostro gestore di Posta Elettronica Certificata Come dire:

29 si tratta delle R.D.A.C. generata dal gestore di P.E.C. dell'Ufficio Giudiziario destinatario. Come dire: 2) una SECONDA pec denominata CONSEGNA

30 La seconda PEC ricevuta, quella che attesta l'avvenuta consegna del vostro messaggio (RDAC) al destinatario, costituisce il “timbro di depositato” e attesta la data e l'ora di deposito. E' bene conservarla con cura !!! ATTENZIONE

31 Questa terza comunicazione viene generata in automatico dai sistemi informatici del Ministero e conterrà la seguente dicitura: 3) una TERZA pec denominata ESITO DEI CONTROLLI AUTOMATICI

32 quest'ultima pec viene generata dal sistema a seguito dell'intervento del cancelliere, che accetta il deposito (da questo momento è possibile la visibilità dell’atto nel fascicolo informatico). Ecco il contenuto: 4) una QUARTA pec denominata ACCETTAZIONE DEPOSITO

33 SERVIZI ATTIVI CONSULTAZIONE DEPOSITO PAGAMENTI TELEMATICI ON LINE!

34 SERVIZI ATTIVI Portale PST pst.giustizia.it pst.giustizia.it Video tutorial sul canale YouTube della FIIF

35 PST.GIUSTIZIA.IT

36

37

38 TRIBUNALE DI VERBANIA DAL 11/7/2011 -Comparse di risposta -Comparse di intervento -Comparsa conclusionale e memoria di replica -Memorie autorizzate dal Giudice -Correzione di errore materiale -Elaborati CTU Nei procedimenti contenziosi e Volontaria Giurisdizione

39 CONSULTAZIONE Portale PST pst.giustizia.it POLISWEB pst.giustizia.it Video tutorial sul canale YouTube della FIIF

40 PST.GIUSTIZIA.IT Da maggio 2014 – le nuove regole tecniche prevedono anche diverse modalità di autenticazione

41 Accedere ai SERVIZI RISERVATI

42 Selezionare l’Ufficio Giudiziario

43 Selezionare la funzione AGENDA

44 Impostato il criterio di ricerca, il sistema restituisce un ELENCO

45 Cliccando sull’evento desiderato, si accede al DETTAGLIO FASCICOLO

46 Cliccando su DOCUMENTI FASCICOLO accediamo agli ATTI e ai Documenti

47 Si aprirà una finestra di dialogo, attraverso la quale potremo: 1) Visualizzare il documento oppure 2) salvarlo nella cartella desiderata

48 N.B.: il documento, un PDF TESTUALE, appare senza firma grafica! Art. 16 bis, co. 9 bis. D.L. n. 90/2014 copia informatica in fascicolo telematico = originale

49 Come verificare una procedura dove si è costituiti come difensori

50 Potremo accedere solo se la cancelleria ci ha indicato nei registri come difensori

51 DEPOSITO DIMOSTRAZIONE PRATICA Video tutorial sul canale YouTube della FIIF

52 PAGAMENTI TELEMATICI pst.giustizia.it pst.giustizia.it Video tutorial sul canale YouTube della FIIF

53 PAGAMENTI TELEMATICI 1

54 PAGAMENTI TELEMATICI 2  IL PAGAMENTO TELEMATICO PUO’ ESSERE ESEGUITO:  1) Punto di accesso: funzionalità e modalità messe a disposizione del gestore  2) Portale PST Giustizia: - il soggetto esterno (Avvocato) deve preventivamente essere registrato Registro Generale degli Indirizzi Telematici - autenticazione a mezzo smart card

55 PAGAMENTI TELEMATICI 3 CANALI DI PAGAMENTO 1) POSTE ITALIANE: carta di credito o c/c 2) UNICREDIT BANK: bonifico alla Tesoreria dello Stato ( bisogna essere titolari di c/c) 3) BANCA convenzionata con il gestore del Punto di Accesso

56 PAGAMENTI TELEMATICI 4  RICEVUTA DI PAGAMENTO La RT ( ricevuta telematica ) può essere utilizzata può essere utilizzata sia in modalità tradizionale che nell’ambito del flusso telematico ( DM 44/2011): - allegata nella busta telematica - può essere stampata ed allegata all’iscrizione a ruolo “cartacea”

57 Tutte le slide reperibili sul sito ScreenCast sul canale YouTube della FIIF -

58 PROCESSO CIVILE TELEMATICO: SEMINARIO PRATICO avv. Valentina Carollo- avv. Andrea Pontecorvo in videoconferenza avv. Maurizio Reale


Scaricare ppt "PROCESSO CIVILE TELEMATICO: SEMINARIO PRATICO avv. Valentina Carollo- avv. Andrea Pontecorvo in videoconferenza avv. Maurizio Reale."

Presentazioni simili


Annunci Google