La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Evoluzione storica e normativa delle deposizioni atmosferiche e stato dell’arte nazionale Gaetano Settimo Reparto Igiene dell’Aria Istituto Superiore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Evoluzione storica e normativa delle deposizioni atmosferiche e stato dell’arte nazionale Gaetano Settimo Reparto Igiene dell’Aria Istituto Superiore."— Transcript della presentazione:

1

2 Evoluzione storica e normativa delle deposizioni atmosferiche e stato dell’arte nazionale Gaetano Settimo Reparto Igiene dell’Aria Istituto Superiore di Sanità Brescia 5/06/2014

3 La determinazione dei flussi di deposizione per alcuni inquinanti atmosferici, mediante deposimetri tipo bulk (bottiglia+imbuto cilindrico di dimensioni standard), costituisce un buon sistema di sorveglianza ambientale. Pur considerando le possibili interferenze che sistemi di questo possono avere (es. insetti, fogliame, ecc.), si sono dimostrati negli anni estremamente utili, in particolare per una serie di inquinanti che possono accumularsi nell’ambiente (es. attraverso la catena alimentare) quali i POPs (Persistent Organic Pollutants), in particolare le PCDD/F, PCB, IPA e metalli Comunicazione della Commissione AL Consiglio, al Parlamento Europeo e al Comitato Economico e Sociale Europeo relativa all'attuazione della strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati (COM(2001)593) – prima, seconda e terza relazione consuntiva. Deposizioni atmosferiche

4 Le emissioni da varie fonti (es. industria metallurgica, grandi impianti di combustione CTE, raffinerie, cementifici, discariche, incenerimento dei rifiuti, traffico, ecc.), sono una causa di possibile contaminazione dei suoli con conseguente accumulo nella catena alimentare (POPs e metalli). rateo di deposizione La misura del rateo di deposizione, fornisce importanti informazioni sulla situazione di contaminazione dell’area e sulla valutazione della esposizione della popolazione. Studiare e monitorare le fonti, le vie di diffusione degli inquinanti, controllarne l’accumulo, ridurre l’inquinamento ambientale ed il rischio di esposizione. Campagne di rilevamento

5 4 riduz ione Quinto programma di azione per l’ambiente” “Verso la sostenibilità” fissa l’obiettivo della riduzione del 90 % nel 2005 (rispetto ai livelli del 1985) delle emissioni di diossine nell’atmosfera provenienti da fonti identificate

6 Determinazione del rateo di deposizione atmosferica Le deposizioni totali, costituite dalla frazione secca più quella umida vengono raccolte mediante esposizione passiva di un sistema “bottiglia più imbuto cilindrico” di dimensioni standardizzate, per un periodo compreso tra una settimana e un mese Esempio di deposimetri bulk Deposizione Umida Deposizione Secca Deposimetri Wet & Dry Raccolta separata delle deposizioni umide e secche) Raccolta della deposizione umida su superficie acquosa

7 Alcune caratteristiche

8 I sistemi di raccolta con lati inclinati (es. imbuti) non devono essere impiegati, al fine di evitare la perdita di campione a causa di spruzzi soprattutto durante gli eventi di precipitazione (con le goccioline di pioggia che hanno una elevata energia cinetica). La parte verticale del collettore dovrebbe essere profondo per evitare ogni perdita di campione (es. effetto del vento durante precipitazioni). Alcune caratteristiche

9 EMEP (Co-operative Programme for Monitoring and Evaluation of Long-Range Transmission of Air Pollutants in Europe); OSPAR (Oslo and Paris Commission Convention for the Protection of the Marine Environment of the North East Atlantic); LRTAP (Convention on the Long Range Transboundary Air Pollution Protocol on POPs) UNEP (United Nations Environment Programme). Prevedono il monitoraggio dei metalli, IPA, PCDD/F, PCB e DL-PCB, nelle deposizioni atmosferiche con l’obiettivo di accrescere le conoscenze del ruolo delle deposizioni. Programmi internazionali

10 Convenzione di Stoccolma

11 PCDD/F: due delle dodici classi di inquinanti organici persistenti (POPs) della Convenzione di Stoccolma adottata il 22 maggio La Convenzione, firmata da oltre 150 nazioni, è un Trattato internazionale legalmente vincolante che vieta la produzione, l’uso ed il rilascio di sostanze chimiche pericolose (POPs). L’obiettivo del Trattato è quello di eliminare tutti i POPs iniziando dalla lista dei “dodici”. Questi POPs presentano effetti negativi sulla salute umana e sull’ambiente (tossicità, effetti negativi sulla riproduzione, teratogenicità, disturbi al sistema endocrino, carcinogenicità). Via preferenziale dell’esposizione umana è quella alimentare, le caratteristiche di bioaccumulo e di esposizione a lungo termine (additiva) di questi inquinanti fanno sì che anche una quantità minima di PCDD/F possa determinare questi effetti negativi sulla salute. monitorare le fonti, le vie di diffusione di questi contaminanti, controllarne l’accumulo, ridurre l’inquinamento ambientale ed il rischio di esposizione.

12 Sono essenzialmente di origine antropica, stabili e persistenti nell’ambiente, tossici per l’uomo, gli animali e l’ambiente stesso Fanno parte dell’elenco degli inquinanti organici persistenti (POPs) dell’UNEP (United Nations Environment Programme). La loro tossicità è determinata dal numero e dalla posizione degli atomi di cloro sugli anelli aromatici. I congeneri tossici presentano 4 atomi di cloro legati agli atomi di carbonio dell’anello aromatico. Il congenere più tossico presenta 4 atomi di cloro; è la 2,3,7,8-tetracloro-dibenzo-p- diossina (TCDD) (SEVESO).

13 Gli effetti sulla salute legati a diversi contaminanti del suolo. Riporta tra le sorgenti di alcuni principali inquinanti proprio la deposizione atmosferica La Commissione Europea

14 In Italia sotto la legge 615/66 (legge antismog), il Ministero della Sanità aveva istituito una Commissione di studio per raccomandare dei limiti per le polveri sedimentabili. La Commissione (1983), proponeva la classificazione delle polveri sedimentabili sulla base di 30 giorni di campionamento in 5 classi. mg/m 2 d Classe di polverosità polvere totale sedimentabile I < 100 Polverosità praticamente assente II 100 – 250 Polverosità bassa III 251 – 500 Polverosità media IV 501 – 600 Polverosità medio-alta V > 600 Polverosità elevata Informazioni storiche

15 Seveso

16 Allegato 1, punto 1.6 Misure non automatiche Deposizioni atmosferiche Specie da analizzare : Deposizioni atmosferiche: che possono essere di tipo secco ed umido. Le deposizioni umide interessano normalmente le aree remote. Polvere sedimentabile: è costituita dal materiale particolato avente granulometria molto elevata e che sedimenta sotto l’azione del campo di gravità. Essa viene valutata mediante raccolta in appositi deposimetri. Sulla polvere depositata possono essere eseguite analisi chimiche di diverso tipo. Decreto 20 maggio 1991 Criteri per la raccolta dei dati inerenti la qualità dell’aria

17 Gli effetti dell'arsenico, del cadmio, del mercurio, del nichel e degli idrocarburi policiclici aromatici sulla salute umana, attraverso la catena alimentare, e sull'ambiente nel suo complesso, sono dovuti alle concentrazioni nell'aria ambiente e alla deposizione; occorre tenere conto dell'accumulo di queste sostanze nel suolo. Per agevolare la revisione della presente direttiva nel 2010, la Commissione e gli Stati membri dovrebbero promuovere la ricerca sugli effetti di arsenico, cadmio, mercurio, nichel e idrocarburi policiclici aromatici sulla salute umana e l'ambiente, segnatamente attraverso la deposizione.

18 In Italia

19 Norma Europea EUROPEAN STANDARD NORME EUROPÉENNE UNI EN Qualità dell’aria – Determinazione della deposizione di benzo[a]antracene, benzo[b]fluorantene, benzo[j]fluorantene, benzo[k]fluorantene, benzo[a]pirene, dibenzo[a,h]antracene e indeno[1,2,3-cd]pirene EUROPEAN STANDARD NORME EUROPÉENNE UNI EN Qualità dell’aria – Metodo normalizzato per la determinazione di arsenico, cadmio, piombo e nichel in deposizioni atmosferiche EUROPEAN STANDARD NORME EUROPÉENNE UNI EN Qualità dell’aria – Metodo normalizzato per la determinazione di deposizione di mercurio Norme definite a livello CEN Deposimetri - Wet Raccolta delle deposizioni umide Deposimetri - Bulk Raccolta totale delle deposizioni

20 UNI EN Qualità dell’aria – Determinazione della deposizione di benzo[a]antracene, benzo[b]fluorantene, benzo[j]fluorantene, benzo[k]fluorantene, benzo[a]pirene, dibenzo[a,h]antracene e indeno[1,2,3-cd]pirene UNI EN Qualità dell’aria – Metodo normalizzato per la determinazione di arsenico, cadmio, piombo e nichel in deposizioni atmosferiche CHE RIPRENDONO I LAVORI DEL GRUPPO ISS

21 UNI EN Qualità dell’aria – Metodo normalizzato per la determinazione di arsenico, cadmio, piombo e nichel in deposizioni atmosferiche UNI EN Determinazione della deposizione di benzo[a]antracene, benzo[b]fluorantene, benzo[j]fluorantene, benzo[k]fluorantene, benzo[a]pirene, dibenzo[a,h]antracene e indeno[1,2,3-cd]pirene Deposimetri - Bulk Raccolta totale delle deposizioni Applicabili per la misura delle deposizioni in aree: - rurali e remote, - industriali, - urbane. Materiali dei deposimetri differenti: Vetro giallo borosilicato o Pyrex o Duran (o equivalente): organici Materiale plastico: metalli e metalloidi I deposimetri devono avere una sezione cilindrica verticale di altezza sufficiente ad evitare perdite nel campionamento dovuti agli schizzi.

22 Il diametro e il volume del collettore deve essere selezionato per raccogliere tutta la precipitazione durante il campionamento. L'area dell'imbuto deve fornire un campione sufficiente per analisi chimica: per una precipitazione minima di 1 mm per settimana. 70 cm 16,5 cm 200 mm

23 UNI EN 15841: Qualità dell’aria – Metodo normalizzato per la determinazione di arsenico, cadmio, piombo e nichel in deposizioni atmosferiche UNI EN Determinazione della deposizione di benzo[a]antracene, benzo[b]fluorantene, benzo[j]fluorantene, benzo[k]fluorantene, benzo[a]pirene, dibenzo[a,h]antracene e indeno[1,2,3-cd]pirene Deposimetri – Wet Only Raccolta totale delle deposizioni

24 Il primo lavaggio del sistema di raccolta (bottiglia e imbuto) deve essere effettuato appena possibile dopo l’uso. La bottiglia e l’imbuto dopo un primo lavaggio con acqua e sapone vengono lasciati per almeno 24 ore immersi in una soluzione acquosa al 2% HNO3 e poi sciacquati, prima con acqua distillata e poi con acqua ultrapura. Dopo asciugatura la bottiglia viene tappata e l’imbuto viene conservato al riparo da contaminazioni esterne. L’ultimo lavaggio con un volume noto di acido nitrico 1%V/V (200 mL), sia del sistema di raccolta (lavaggio della bottiglia e quello dell’imbuto combinati) che del sistema filtrante, possono essere conservati per eventuali controlli. UNI EN 15841: Qualità dell’aria – Metodo normalizzato per la determinazione di arsenico, cadmio, piombo e nichel in deposizioni atmosferiche Prima di inziare le attività sul campo

25 Il primo lavaggio della vetreria deve essere effettuato appena possibile. La bottiglia e l’imbuto vengono sciacquati in successione, prima abbondantemente con acetone e acqua distillata, e poi con acqua ultrapura, acetone per analisi e infine n- esano. La rimanente vetreria viene sciacquata abbondantemente con l’ultimo solvente impiegato (con acetone nel caso sia stata a contatto con una fase acquosa) e poi con acetone per analisi e infine n-esano. L’ultimo lavaggio esanico del sistema di raccolta (lavaggio della bottiglia e quello dell’imbuto combinati) e quello del sistema filtrante possono essere conservati per eventuali controlli. Una volta evaporato il residuo di n-esano dalle pareti, la vetreria viene conservata chiusa con l’eventuale tappo o avvolta in foglio d’alluminio. UNI EN Determinazione della deposizione di benzo[a]antracene, benzo[b]fluorantene, benzo[j]fluorantene, benzo[k]fluorantene, benzo[a]pirene, dibenzo[a,h]antracene e indeno[1,2,3-cd]pirene Prima di inziare le attività sul campo

26 Per la determinazione del flusso delle PCDD/F e dei PCB nelle deposizione: si può utilizzare la stesso sistema di prelievo degli IPA, mentre per la parte relativa alla preparazione ed analisi si può utilizzare la norma UNI EN , 3 e 4 UNI EN Determinazione della deposizione di benzo[a]antracene, benzo[b]fluorantene, benzo[j]fluorantene, benzo[k]fluorantene, benzo[a]pirene, dibenzo[a,h]antracene e indeno[1,2,3-cd]pirene. PCDD/F-PCB NELLE DEPOSIZIONI ATMOSFERICHE

27 due volte l’altezza dell’oggetto) Il deposimetro deve essere posizionato ad una distanza pari almeno all’altezza dell’oggetto o delle strutture (è preferibile due volte l’altezza dell’oggetto) con un angolo rispetto al piano orizzontale di 30°.

28 Deposizione totale: massa totale di sostanze inquinanti che, in una data area e in dato periodo, è trasferita dall’atmosfera al suolo, alla vegetazione, all’acqua, agli edifici e a qualsiasi altra superficie DLgs 155/2010

29 Per la misurazione dei tassi di deposizione il campionamento deve avere una durata di una settimana o di un mese. I campionamenti devono essere ripartiti in modo uniforme nel corso dell’anno. I tassi di deposizione devono essere espressi in μg/m 2 giornalieri.

30

31 3 Stazioni in siti rurali per il PM 2,5 ; 10 Stazioni per verifica rapporti tra B[a]P e altri IPA di rilevanza tossicologica; 3 Stazioni per As, Cd, Ni, Hg, B[a]P e altri IPA, in deposizioni totali; 7 Stazioni per speciazione chimica del PM 10 e del PM 2,5 ; 9 Stazioni di fondo in siti rurali per la misurazione dell'ozono; 4 Stazioni di misurazione dei precursori dell'ozono; 1 Stazione per Hg gassoso totale, deposizione totale, Hg bivalente particolato e gassoso.

32

33 32 La stima dell’esposizione umana a sostanze inquinanti pericolose è una parte fondamentale della procedura di valutazione del rischio Il calcolo dell’esposizione ai diversi inquinanti deve considerare le tre vie, inalazione, ingestione, assorbimento dermico, e i vari comparti ambientali proprietà intrinseche delle sostanze destino ambientale (persistenza nel suolo - emivita indicativa: 2,3,7,8-T 4 CDD = 10 anni) vie di esposizione suolo  concentrazione ambientale, durata e modalità di esposizione  dose assorbita (Paracelso: è la dose che fa il veleno)  individuo (sesso, età, peso corporeo, patologie) aria acqua dieta ESPOSIZIONE

34 33 PCDD/F WHO guidelines 2000 L’esposizione inalatoria, associata soprattutto all’inalazione di materiale particellare, contribuisce all’esposizione totale per una frazione del % Se conservativamente si assume 0,1 pg WHO- TE/m 3 come livello indicativo della contaminazione atmosferica outdoor e indoor e una ventilazione polmonare giornaliera di 20 m 3, l’assunzione per via inalatoria di PCDD/F viene stimata mediamente in 2 pg WHO-TE/individuo d Concentrazioni in aria di 300 fg WHO-TE/m 3 indice di sorgenti locali di emissione che devono essere identificate e controllate.

35 34 PCB WHO guidelines 2000 L’esposizione inalatoria, associata soprattutto all’inalazione di materiale particellare, contribuisce all’esposizione inalatoria per una frazione del 1- 2 %. Se conservativamente si assume 3 ng/m 3 come livello indicativo della contaminazione atmosferica outdoor e indoor e una ventilazione polmonare giornaliera di 20 m 3, l’assunzione per via inalatoria di PCB totali viene stimata mediamente in 6 ng/individuo d Concentrazioni in aria ambiente in aree urbane/industriali 3 ng/m 3 Concentrazioni in aria ambiente in aree no urbane/no industriali 3 pg/m 3Concentrazioni in aria ambiente in aree no urbane/no industriali 3 pg/m 3

36 35 Commissione Europea, DG Ambiente Compilation of EU exposure and health data (oct. 1999) gli stati membri devono essere incoraggiati a: applicare la TDI di 1-4 pg WHO-TE/kg d introdurre sia le diossine che i PCB (dioxin like) nel calcolo della TDI ridurre quanto possibile l’introduzione di diossine nell’ambiente identificare i gruppi maggiormente esposti e a rischio di danno da contaminazione da diossina predisporre raccomandazioni relativamente alla esposizione per via alimentare Tolerable Daily Intake (TDI) quantità cumulativa di PCDD/F (unità TE) e PCB dioxin like che può essere giornalmente assunta, per la durata di vita media, senza che si abbiano effetti tossici apprezzabili: 2 pg WHO-TE/kg Tolerable Weekly Intake (TWI): Tolerable Weekly Intake (TWI): 14 pg WHO-TE/kg (2001)

37

38

39

40 Negli ultimi 20 anni la Commissione ha presentato numerose proposte di atti legislativi destinati a ridurre direttamente o indirettamente le emissioni

41

42 41 Comunicazione della Commissione al Consiglio, al Parlamento Europeo e al Comitato Economico e Sociale Strategia Comunitaria sulle diossine, furani e bifenili policlorurati non si può più prescindere da un intervento mirato per evitare effetti sull’ambiente e sulla salute umana derivati dalle diossine e dai PCB

43

44 NazioneDeposizione atmosferica totale mg/m 2 d Germania: TA Luft media annuale 650 breve periodo Austria: Gesamte Rechtsvorschrift für Immissionsschutzgesetz-Luft, Fassung vom media annuale Svizzera: OIAt media annuale Slovenia: Decree on limit values, alert thresholds and critical imission values for substances into the atmosphere). (Ur. L. RS št.73/1994) 200 media annuale 350 breve periodo Croazia: The Government Of The Republic Of Croatia Pursuant to Article 30 Paragraphs 1 and 2 of the Air Protection Act (Official Gazette 178/2004), the Government of the Republic of Croatia at its session on 3 November media annuale Belgio-Fiandre: VLAREM II order of the Flemish Government of 1 June 1995 concerning General and Sectoral provisions relating to Environmental Safety. Appendix ENVIRONMENTAL QUALITY STANDARDS FOR PARTICULATE FALLOUT 350 valore guida-media mensile 650 Limite-media mensile VALORI LIMITE: DEPOSIZIONE ATMOSFERICA TOTALE

45 sempre che il periodo può essere considerato rappresentativo per le attività dello stabilimento la media aritmetica delle misurazioni valore guida e valore guida e valore limite: si sviluppa una più vasta rete di misura Belgio-Fiandre: VLAREM II order of the Flemish Government of 1 June 1995 concerning General and Sectoral provisions relating to Environmental Safety. Appendix ENVIRONMENTAL QUALITY STANDARDS FOR PARTICULATE FALLOUT 350 valore guida-media mensile 650 Limite-media mensile NBN T standard (NILU fallout collector), combined with the standards NBN T and NBN T94-403

46 Irlanda: Irish Institute for Industrial Research and Standards (1981) <30 mg/m 2 d aree rurali mg/m 2 d aree urbane e industriali mg/m 2 d in periodi si siccità prolungata (occasionale) Regno Unito, Scozia: Environment Agency (EA, 2013) 200 mg/m 2 d media annuale DEPOSIZIONE ATMOSFERICA TOTALE: VALORI ADOTTATI parametro pratico e l’approccio migliore dai utilizzare. Indicazioni sui livelli di deposizione misurati ed eventuali denunce da parte delle comunità locali.

47 46 assunzione giornaliera correlata (TDI) a deposizione PCDD/F media concessa b (media annua) deposizione PCDD/F media concessa b (media mensile) ,46,8 PROPOSTA DI VALORI GUIDA PER LE DEPOSIZIONI DI PCDD/F IN RELAZIONE AL TOLERABLE DAILY INTAKE (TDI) L. Van Lieshout et al., 2001 Cornelis et al., 2007 assunzione giornaliera correlata (TDI) a deposizione PCDD/F e DL-PCB media concessa b (media annua) deposizione PCDD/F e DL-PCB media concessa b (media mensile) 28,221 (a)pg WHO-TE/kg di peso corporeo giorno (b)pg WHO-TE/m 2 d dose giornaliera tollerabile (TDI) 2 pg WHO-TE/kg di peso corporeo giorno corrisponde ad una deposizione media mensile di 13 pg WHO-TE/m 2 d

48 PCDD/F+DL-PCB Aria ambiente PCDD/F+DL-PCB 150 fg WHO-TE/m 3 PCB Aria ambiente PCB obiettivo bonifica 300 ng/m 3 Deposizioni atmosferiche PCDD/F+ DL-PCB 4pg WHO-TE/m 2 d Specifico per impianti PCDD/F+ DL-PCB 9 pg WHO-TE/m 2 d LAI 2004 Comitato Regionale sull'inquinamento 21 SETTEMBRE 2004 ha individuato dei valori obiettivo di lungo periodo GERMANIA GERMAN EXPERT GROUP (LAI) VALORI GUIDA PER LE DEPOSIZIONI DI PCDD/F+DL-PCB

49 48 In piani di sorveglianza della qualità dell’aria in aree con presenza di impianti di incenerimento è stato fornito per le deposizioni atmosferiche (Environmental Surveillance of Incinerators: Data on Dioxin/Furan Atmospheric Deposition and Associated Thresholds. Bodénan F, Michel P, Cary L, Leynet A, Piantone P. Dioxin 2011) 5-16 pg I-TE/m 2 d 16 pg I-TE/m 2 d, possono essere considerati come contributo antropico di una fonte di emissione che va indagata con ulteriori campionamenti in diversi punti, studiando il profilo dei congenere per valutare la sorgente. FRANCIA VALORI GUIDA PER LE DEPOSIZIONI DI PCDD/F Deposizioni atmosferiche40 pg I-TE/m 2 d legati alla contaminazione dei prodotti lattiero- caseari (1-4 pg I-TE/g massa grassa)

50 49 ISS – ARPA Basilicata Area industriale San Nicola di Melfi (PZ)  principali sorgenti industriali presenti sul terrritorio (industria dell’auto, industria alimentare, centrali termoelettriche (CTE), due linee di incenerimento)  campionamento in sei siti distanti tra 1-5 km  Concentrazioni di PCDD/F nelle deposizioni comparabili con quelle di aree rurali europee e nazionali pg WHO-TE/m 2 d

51 ISS – ASL Mantova principali sorgenti industriali presenti sul terrritorio (raffineria, petrolchimico, industria della carta, inceneritore di rifiuti industriali) campionamento in sette siti distanti tra 1-3 km Concentrazioni di PCDD/F nelle deposizioni comparabili con quelle di aree rurali europee e nazionali PCDD/F (pg I-TE/m 2 d) postazione: area urbana postazione: area industriale postazione: riferimento Stagione fredda1,20 – 2, – 4,721,28 stagione calda3,82 – 4,202,75 – 5,132,71

52 EX RESIT 21,7 pg WHO-TE/m 2 d FONDO AGRICOLO 1,67 pg WHO-TE/m 2 d DATI RESIT Ex RESIT880,40,031,30,902,80,0246,6 FONDO AGRICOLO 970,40,140,810,872,10,0235,4 PM mg/m 2 d AsCdHgNiPbTlZn

53 VALORI GUIDA PER LE DEPOSIZIONI DI BENZO[A]PIRENE Riferimento: Settimo G.,Viviano G. in corso di pubblicazione, Annali Istituto Superiore di Sanità 2014 B[a]P (ng/m 2 x d) siti in area urbana siti in area industriale sito in area remota/riferimento stagione fredda3,2-4,14,6-6,91,9-5,7 TARANTO (Arpa Puglia) Taranto sito urbano 2,0-182 ng/m 2 d Taranto sito in area industriale Tamburi ng/m 2 d. AOSTA 2010 (Arpa Val’Aosta) Aosta sito urbano 28 ng/m 2 d Aosta sito di riferimento 5 ng/m 2 d BASILICATA: AREA URBANA INDUSTRIALE DI SAN NICOLA DI MELFI (Viviano, Settimo ISS 2005)

54 53 sito urbano/ind.le sito rurale min-max Mantova* 2000 ago-set st. calda 1,2-4,7 1, dic-gen st. fredda 2,7-5,1 2,7 San Nicola di Melfi * 2002 lug-set st. calda 1,7-2,1 1,2-1,6 03/04 dic-feb st. fredda 1,6-2,0 2,7 Coriano* 2003 st. calda 0,5-0, st. calda 1,0-2, st. fredda 0,6-2, st. fredda 2,0-2,9 Brescia *stagione calda 1,2-5,13 WHO-TE Porto Marghera Industriale Urbano- Mestre Urbano-Venezia Modena*0,1-2510,2-18 Taranto ,57-45 WHO-TE 1,6-33 WHO-TE Terni 2009 (4 mesi)<5,0 deposizioni di PCDD/F pg I-TE/m 2 d (*presenza di inceneritore) ( Viviano et al. 2002, 2004, Arpa E.R. 2006, 2012, Comune di Brescia 2008, Rossini et al. 2005, Arpa Puglia, 2012, Arpa Umbria, 2010)

55 Dati di letteratura del B[a]P in (ng/m2 d) Aree ruralimin-max riferimenti bibl. Italia Melfi1,9-6,9 Menichini et al Laguna di Venezia 6-9 Rossini et al. 2001, magistrato acque 2000 Finlandia Pallas2-10 EMEP 2005 Svezia Rorvik5-17 EMEP 2005 Aree urbane media annuale Italia Venezia30 Rossini et al. 2001, magistrato Acque 2000 Francia Parigi25 Motelay-Massei et al Inghilterra Cardiff219 Halsall et al Manchester300

56 55 siti rurali siti urbani min-max min-max Belgio <1-3,1 <1-12 Germania 7-17 <0,5-464 Regno Unito <1-312 Danimarca Francia Concentrazione di PCDD/F nelle deposizioni atmosferiche rilevata in alcuni Paesi UE (European Commission–ELICC 2002, Danish Dioxin Program 2006, AIRPARIF, 2003) (pg I-TE/m 2 d)

57 inquinantearee rurali μg/m 2 d Aree urbane μg/m 2 d aree industriali μg/m 2 d Arsenico0, ,430,22 - 3,42,0 - 4,3 Cadmio0, ,140,16 - 0,900,12 - 4,6 Nichel0,03 - 4, , METALLI NELLE DEPOSIZIONI ATMOSFERICHE

58 NazionePM mg/m 2 d AsCdHgNiPbTlZn Austria Belgio Croazia Germania Svizzera VALORI LIMITE METALLI NELLE DEPOSIZIONI ATMOSFERICHE μg/m 2 d Riferimento: Settimo G.,Viviano G. in corso di pubblicazione, Annali Istituto Superiore di Sanità 2014 Cadmio. Sulla base di una dose giornaliera tollerabile di 0,75-0,95 µ g/kg peso corporeo di peso). Considerando l’assunzione totale (verdure e suolo, acqua) e l’assorbimento del terreno durante i giochi. Il gruppo di lavoro raccomanda un valore limite compreso tra 2,5-5 µ g/m -2 d- 1 nelle aree urbane e industriali

59 μg/m 2 daree ruraliaree urbane Arsenico0,6-0,70,05-1,3 Cadmio0,2-0,90,3-3,0 Nichel1,6-3,71,0-22,9 Piombo3,3-10,30,4-106 Rame3,5-9,52,1-67,9 Concentrazioni di metalli rilevate nelle deposizioni atmosferiche in aree rurali e in aree urbane francesi (Air Pays de la Loire 2009).

60 Priorità Tematiche: Obiettivo 1: proteggere, conservare e migliorare il capitale naturale dell’UE rafforzare l’impegno per raggiungere il pieno rispetto della legislazione UE sulla qualità dell’aria e definire azioni e obiettivi strategici oltre 2020

61 Considerazioni  Le deposizioni totali sono particolarmente adatti per misurare la concentrazione ambientale di inquinanti organici persistenti (POP), metalli e metalloidi;  I dati raccolti con i deposimetri bulk possono stimare la contaminazione dei suoli agricoli e di un conseguenza l’accumulo nella catena alimentare (in cui per esempio i POP sono particolarmente associati ai grassi); risulta meno incisivo nella gestione dei controlli e nella costruzione delle decisioni  Attualmente in Italia non ci sono limiti di legge o valori guida nazionali per le deposizioni inquinanti. Nel caso di valutazioni di dati ambientali, risulta meno incisivo nella gestione dei controlli e nella costruzione delle decisioni;  E’ necessario trovare un consenso sulle procedure di campionamento, metodi analitici e sui metodi di valutazione;  In assenza di indicazioni per valutare i dati è possibile fare riferimento a: valori misurati in aree analoghe, a dati di letteratura scientifica e valori guida utilizzati in altri Paesi;  In Belgio, per quanto riguarda PCDD/F e DLPCB, è stato proposto un valore massimo di 8 pg WHO-TE/m 2 d, sulla base della dose settimanale tollerabile (TWI);  In Germania è presente un valore guida per PCDD/F+DL-PCB (German Expert Group -LAI), di 4 pg WHO-TE/m 2 d.


Scaricare ppt "Evoluzione storica e normativa delle deposizioni atmosferiche e stato dell’arte nazionale Gaetano Settimo Reparto Igiene dell’Aria Istituto Superiore."

Presentazioni simili


Annunci Google