La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La TOP TEN delle bugie contro Israele Bugia Nr. 1: Israele è stato creato per il senso di colpa degli europei a causa dell’Olocausto nazista. Perché dovrebbero.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La TOP TEN delle bugie contro Israele Bugia Nr. 1: Israele è stato creato per il senso di colpa degli europei a causa dell’Olocausto nazista. Perché dovrebbero."— Transcript della presentazione:

1 La TOP TEN delle bugie contro Israele Bugia Nr. 1: Israele è stato creato per il senso di colpa degli europei a causa dell’Olocausto nazista. Perché dovrebbero pagarne il prezzo i palestinesi? Tremila anni prima dell’Olocausto, prima ancora che vi fosse un Impero Romano, i re e profeti d’Israele camminavano nelle strade di Gerusalemme. Il mondo sa che Isaia non ha enunciato le sue profezie dal Portogallo, né Geremia le sue lamentazioni dalla Francia. Onorata dal suo popolo, Gerusalemme è citata nelle sacre scritture ebraiche 600 volte – ma non una sola volta nel Corano. Attraverso i 2000 anni del loro esilio gli ebrei sono stati sempre presenti nella Terra Santa, fino alla rinascita d’Israele nell’Ottocento. Insediandosi nelle terre spesso vuote i pionieri sionisti si sono tramutati in una maggioranza ebraica molto tempo prima che prendesse il potere il nazismo. Dopo l’Olocausto quasi sopravvissuti alla Shoah hanno trovato un rifugio sicuro nello stato ebraico, creato grazie al voto dei due terzi delle Nazioni Unite nel Ben presto ebrei arrivarono dopo essere stati cacciati od essere fuggiti a causa delle persecuzioni dai paesi arabi. Nei decenni successivi Israele ha assorbito un milione di immigranti dell’Unione Sovietica e migliaia di ebrei etiopi. Oggi, ben lontano dall’essere un residuato del senso di di colpa o del colonialismo degli europei, Israele è una società diversificata, cosmopolita, che realizza l’antichissimo sogno di un ritorno a Sion del popolo che qui aveva avuto la sua patria.

2 Bugia Nr.2: Se Israele si fosse ritirato all’interno dei confini del 1967 la pace sarebbe stata realizzata da molto tempo. Dal 1967 Israele ha più volte dato “terra in cambio della pace”. Dopo la storica visita del presidente egiziano Sadat a Gerusalemme, nel 1977, e dopo gli accordi di pace di Camp David, Israele si è ritirato dalla vasta penisola del Sinai e da allora ha sempre avuto un rapporto pacifico con l’Egitto. Nel 1995 la Giordania ha firmato un trattato di pace con Israele ma né i palestinesi né altri 21 stati arabi hanno fatto altrettanto. Nel 1993 Israele ha firmato gli accordi di Oslo con i quali ha ceduto all’Autorità Palestinese (ex OLP) il controllo amministrativo della Cisgiordania. Ma l’Autorità Palestinese non ha mai assolto all’impegno di porre termine alla propaganda anti-israeliana e di cancellare dalla Carta Nazionale palestinese l’appello alla distruzione di Israele. Nell’anno 2000 il preimo ministro Barak offrì ad Arafat la piena sovranità sul 97% della Cisgiordania, un corridoio verso Gaza ed una capitale nel settore arabo di Gerusalemme. Arafat rifiutò. Nel 2008 il presidente palestinese Abbas ha rifiutato uyn’offerta sostanzialmente analoga del primo ministro Olmert. Nel 2005 il primo ministro Sharon si ritirò unilateralmente da Gaza. I terroristi di Hamas vi presero il potere e trasformarono i luoghi di residenza degli ebrei in siti di lancio dei loro e più missili ed in basi di partenza per gli attentatori suicidi. Nel 2010 il primo ministro Netanyahu ha proposto negoziati senza precondizioni per arrivare alla creazione di uno stato palestinese, ma i palestinesi hanno rifiutato chiedendo che prima Israele facesse concessioni unilaterali, incluso il congelamento di qualsiasi progetto edilizio nella parte est di Gerusalemme ed in Cisgiordania.

3 Bugia Nr. 3: Israele è il principale ostacolo per una soluzione basata su due stati. In realtà il principale ostacolo sono gli stessi palestinesi. Con chi dovrebbe negoziare Israele? Col presidente Abbas al quale per 4 anni Hamas ha impedito di visitare un milione e mezzo di palestinesi a Gaza? Con l’Autorità Palestinese che glorifica i terroristi e predica costantemente odio e violenza attraverso i media che controlla e lo stesso sistema scolastico? Con Hamas, collegata all’Iran che nega l’Olocausto e proclama la volontà di annientare Israele? Oggi è un fatto evidente che Israele è pronto a riconoscere tutti gli stati arabi, secolari od islamici, questi stati invece rifiutano di riconoscere Israele come stato ebraico e chiedono il diritto al ritorno di 5 milioni di presunti rifugiati palestinesi, una certezza per l’annientamento di Israele.

4 Bugia Nr.4: La potenza nucleare israeliana, non quella iraniana, è la principale minaccia per la pace e la stabilità. Benché il governo non l’abbia mai ammesso si ritiene comunemente che Israele sia dotato di armi nucleari. Ma a differenza di Pakistan, India e Corea del Nord, Israele non ha mai condotto esperimenti nucleari. Nel 1973, quando la sua stessa sopravvivenza era in pericolo a causa dell’attacco a sorpresa egiziano-siriano nel giorno di Yom Kippur, molti ritennero che Israele avrebbe fatto uso di armi nucleari – ma Israele non lo fece. Contrariamente alla condanna in pubblico, molti leaders arabi esprimono privatamente la soddisfazione per l’esistenza di un deterrente nucleare israeliano. Mentre Israele non ha mai minacciato nessuno, i mullah di Teheran ogni giorno minacciano di “cancellare Israele dalle carte geografiche”. Gli Stati Uniti e l’Europa possono permettersi di aspettare cosa sarà delle ambizioni nucleari del regime iraniano. Ma Israele non può. Israele è in prima linea e ricorda sempre il prezzo pagato dal popolo ebraico per non aver preso in parola Hitler. Israele non intende sacrificare altri 6 milioni di ebrei sull’altare dell’indifferenza del mondo.

5 Bugia Nr. 5: Israele è uno stato di apartheid che merita il boicottaggio internazionale e sanzioni. Sulle due sponde dell’Atlantico gruppi religiosi, intellettuali e sindacati promuovono campagne di boicottaggio ingannevoli e spesso antisemite per demonizzare quello che loro chiamano lo stato ebraico dell’apartheid. La verità è che a differenza dal Sud Africa dell’apartheid Israele è uno stato democratico. La sua minoranza araba è del 20% e gode di tutti i diritti e libertà religiose, politiche ed economiche derivanti dalla cittadinanza, ivi inclusa quella di eleggere deputati di sua scelta al parlamento d’Israele. Gli arabi israeliani e palestinesi possono accedere ai giudizi della Corte Suprema israeliana. A differenza di ciò nessun ebreo ha il diritto di possedere proprietà in Giordania, nessun cristiano od ebreo ha la possibilità di visitare i luoghi santi dell’Islam nell’Arabia Saudita.

6 Bugia Nr.6: Il progetto di costruire 1600 case a Gerusalemme Est prova che Israele sta “giudaizzando” la Città Santa. I nemici d’Israele sfruttano questo argomento. Gerusalemme è una citta sacra a tre grandi religioni. La sua popolazione include una maggioranza ebraica e minoranze cristiane e musulmane. Dal 1967, per la prima volta nella sua storia, a Gerusalemme esiste una piena libertà religiosa per tutte le fedi. Enti religiosi musulmani e cristiani amministrano i loro luoghi santi. In realtà il WAQF è autorizzato a controllare il Monte del Tempio benché esso sia parte dei resti del Tempio di Salomone e sia sacro anche alla religione ebraica. Nel frattempo l’amministrazione municipale di Gerusalemme deve far fronte alle necessità di una moderna città in espansione. L’infelice tempistica dell’annuncio, durante la visita del vice presidente americano Biden, della costruzione di 1600 nuovi appartamenti a Ramat Shlomo, non riguardava i quartieri arabi di Gerusalemme Est, bensì una zona della parte settentrionale della città da molto tempo abitata da una numerosa popolazione ebraica ( persone). Si tratta di una zona alla quale Israele non rinuncerà mai.

7 Bugia Nr.7: La politica israeliana mette in pericolo le truppe occidentali in Afghanistan ed in Iraq. Il generale americano Petraeus ha affermato che Israele è un importante alleato strategico. Da una soluzione del conflitto israelo-palestinese tutti trarrebbero beneficio, ma un ritorno ai confini del 1967 metterebbe in pericolo la stessa sopravvivenza di Israele a risulterebbe disastroso per la stessa credibilità degli Stati Uniti.

8 Bugia Nr. 8: La politica israeliana è la vera cause dell’antisemitismo nel mondo. –Bugia Nr. 8: La politica israeliana è la vera cause dell’antisemitismo nel mondo. –DalliInquisizione ai pogroms, fino ai 6 ioni di ebrei assassinati dai nazisti, la storia dimostra che l’odio antiebraico esisteva su scala globale anche prima della creazione dello stato d’Israele. Nel 2010 esisterebbe anche se Israele non fosse mai stato creato. Una indagine demoscopica evidenzia che il 40% degli europei ritiene che la recente crisi economica globale sia dovuta al fatto che “gli ebrei hanno troppo potere economico”, il che non ha nulla a che fare con la politica israeliana. –La disputa israelo-palestinese aggrava le tensioni tra musulmani ed ebrei, ma non ne è la causa. Durante la seconda guerra mondiale il Gran Muftì di Gerusalemme, un noto antisemita, aiutò i nazisti ad organizzare la XIII Divisione delle SS, composta interamente da musulmani. Purtroppo, oltre e riferimenti rispettosi ai patriarchi e profeti ebrei, il Corano contiene anche violenti stereotipi antisemiti ai quali fanno sempre riferimento gli estremisti islamisti, incluso Hezbollah (i cui agenti hanno fatto saltare in aria il Centro comunitaria ebraico di Buenos Aires nel 1994), per giustificare l’uccisione di ebrei ovunque nel mondo. La sparizione di Israele non farebbe che incrementare le attività di chi odia gli ebrei.

9 Bugia Nr.9: Israele e non Hamas è responsabile della catastrofe umanitaria a Gaza. Goldstone ha ragione quando nel suo rapporto accusa Israele di aver commesso crimini di guerra contro civili. Il Rapporto Goldstone sulla guerra di difesa di Israele contro la striscia di Gaza controllata da Hamas, dalla quale oltre razzi sono stati sparati da quando nel 2005 Israele si era ritirato unilateralmente, è il prodotto ampiamente criticato di un Consiglio per i Diritti Umani dell’ONU che gode di pessima fama. Questo Consiglio è oberato da false risoluzioni anti-israeliane e si rifiuta di segnalare i gravi abusi dei diritti umani commessi in Iran, Corea del Nord, Sudan,Arabia Saudita, Cuba ecc. Qualunque stato membro delle Nazioni Unite, se avesse dovuto fronteggiare attacchi armati come quelli sferrati da Gaza, avrebbe reagito sicuramente con molta più durezza di quanto ha fatto Israele. Richard Goldstone,un giurista ebreo sudafricano, ha firmato un documento preparato da investigatori la cui qualifica per l’incarico era di essere anti- israeliani. Egli ha accettato qualsiasi accusa rivolta contro Israele, ma ha insistito perché tutte le udienze tenute a Gaza fossero trasmesse in televisione, assicurandosi in tal modo che nessun palestinese avrebbe osato accusare Hamas di aver fatto uso di scudi umani e di aver ammassato armi e munizioni in moschee ed ospedali. Alan Dershowitz, professore di Harvard, ha denunciato questo rapporto, che accusa i soldati israeliani di crimini mai commessi, come un moderno processo per omicidio rituale.

10 Bugia Nr. 10: L’unica speranza di pace è che si costituisca un unico stato binazionale, che sostituisca lo stato ebraico d’Israele. –Bugia Nr. 10: L’unica speranza di pace è che si costituisca un unico stato binazionale, che sostituisca lo stato ebraico d’Israele. –La soluzione di uno stato unico, prospettata da alcuni intellettuali, eliminerebbe lo stato che costituisce la patria storica del popolo ebraico. Ma altre pressioni affinché Israele accetti una soluzione consistente in tre stati – uno stato dell’Autorità Palestinese in Cisgiordania ed uno stato di Hamas, terroristico e forte di un milione e mezzo di abitanti – a Gaza non sono meno pericolose. E tutto ciò mentre Hezbollah, propaggine dell’Iran in Libano, ammassa impunemente missili e minaccia il nord ed il centro di Israele, con le sue città più popolose. –La maggior parte degli esperti ritiene che la sola speranza di una pace durevole è che esistano due stati, con confini precisi e definitivi. Ma purtroppo le indagini demoscopiche segnalano che mentre questa soluzione piace alla maggioranza degli israeliani molti palestinesi le si oppongono. –SIMON WIESENTHAL CENTER: –traduzione di –Federico Steinhaus


Scaricare ppt "La TOP TEN delle bugie contro Israele Bugia Nr. 1: Israele è stato creato per il senso di colpa degli europei a causa dell’Olocausto nazista. Perché dovrebbero."

Presentazioni simili


Annunci Google