La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Libertas: Promozione dello sport e Progetto Scuola Riccione Venerdì 25 gennaio 2013 Antonella Mancaniello.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Libertas: Promozione dello sport e Progetto Scuola Riccione Venerdì 25 gennaio 2013 Antonella Mancaniello."— Transcript della presentazione:

1 Libertas: Promozione dello sport e Progetto Scuola Riccione Venerdì 25 gennaio 2013 Antonella Mancaniello

2 D.lgs.242/99 ( Decreto Melandri ) Art.2 “ Statuto “, recita: Il CONI……… Omissis…… …… cura inoltre la promozione della massima diffusione della pratica sportiva, nei limiti di quanto stabilito dal decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616.

3 Statuto del CONI adottato dal C.N. Coni nella seduta del ed approvato con D.M Art.2, “ Funzioni di disciplina e regolazione “ comma 3, recita: Il CONI detta principi per promuovere la massima diffusione della pratica sportiva in ogni fascia di età e di popolazione, con particolare riferimento allo sport giovanile sia per i normodotati che, di concerto con il CIP, per i disabili ferme le competenze delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano in materia.

4 Art.26 “Ordinamento degli EPS”, comma 1, recita: sono EPS le associazioni riconosciute dal CONI che hanno per fine istituzionale la promozione e la organizzazione di attività fisico-sportive con finalità ricreative e formative, e che svolgono le loro funzioni nel rispetto dei principi, delle regole e delle competenze del CONI, delle FSN e delle DSA.

5 Regolamento degli Enti di Promozione Sportiva approvato dal Consiglio Nazionale del CONI il 17 dicembre 2010 Art. 2 “ Attività“ comma 1, recita : gli Enti di Promozione Sportiva promuovono e organizzano attività multidisciplinari per tutte le fasce di età e categorie sociali, secondo la seguente classificazione: a)Motorio sportive 1.a carattere promozionale, amatoriale e dilettentantistico seppur con modalità competitive, con scopi di ricreazione, crescita, salute, maturazione personale e sociale; 2.Attività ludico motorie e di avviamento alla pratica sportiva

6 Attività agonistiche di prestazione, connesse al proprio fine istituzionale …. Attività Formative indagini, pubblicazioni ed approfondimenti sulla diffusione della cultura sportiva Regolamento degli Enti di Promozione Sportiva approvato dal Consiglio Nazionale del CONI il 17 dicembre 2010

7 Promozione Sportiva si fa riferimento Alla promozione sportiva di discipline sportive praticate nelle associazioni e società sportive affiliate; Alla promozione di attività sportive sul territorio rivolte ai diversi soggetti” Sport per tutti”; Alla promozione di iniziative di supporto agli Enti Locali; Alla promozione di iniziative sportive nella Scuola.

8 BANDO CONI 2013 Lo sport migliora la tua vita: interventi nelle aree del disagio come strumento per l’integrazione sociale

9 Libertas è … lo sport che unisce! Bando di Concorso di Libertas Nazionale rivolto a Centri Territoriali/Associazioni/Società con: la scuola partner privilegiato, le Parrocchie e le altre Agenzie formative e sportive del territorio per intensificare e approfondire le intese con gli Enti Locali lo sport strumento privilegiato per l’integrazione sociale.

10 si premierà l’utilizzo degli sport più popolari per: la promozione della cultura del dialogo e della tolleranza reciproca, la particolare attenzione agli aspetti normativi del gioco che portano al rispetto delle regole e degli altri, compagni e avversari.

11 Azioni Livello nazionale Realizzazione del progetto Libertas è …… lo sport che unisce! percorso comprendente sport e riflessioni sui temi: dell’integrazione culturale, della prevenzione del doping, del rispetto delle differenze, della promozione delle pari opportunità, della prevenzione e contrasto a fenomeni di bullismo, in ogni attività sportiva praticata nelle varie realtà territoriali: lo sport strumento per il benessere e l’integrazione sociale;

12 Elaborazione di un percorso formativo on line con la collaborazione delle Università; Bando di Concorso; Pagina dedicata all’interno del sito Convegno di Studi per Dirigenti e Tecnici Sportivi “Libertas è …. Organizzare lo sport per chi non fa sport!” Conference call rivolte ai tecnici e dirigenti delle associazioni territoriali per: -presentazione dei progetti - presa in carico e accordi per coordinamento da parte del tutor Attivazione rapporto diretto tra esperti Formazione e società sportiva tramite piattaforma e - learning: -e learning room e - inserimento centralizzato dei materiali didattici nelle room -gestione della corrispondenza, delle richieste e delle relative risposte -controllo tempi e metodi di realizzazione

13 Livello territoriale: Sviluppo nei Centri Territoriali/Associazioni e società sportive di programmi di attività motorie per persone di tutte le età, di ogni etnia e nazionalità e di tutte le condizioni psicofisiche; Accordi territoriali per realizzare le certificazioni mediche sportive a prezzi convenzionati per tutti i praticanti; Coinvolgimento delle famiglie, per favorire il dialogo interculturale, in incontri e dibattiti anche con esperti; Elaborazione di percorsi didattici sulle tematiche dell’attività motoria, dell’etica dello sport, del rapporto con le differenti realtà interculturali del territorio, rivolti anche alle scuole ; Organizzazione di eventi per la promozione del fair play e dell’etica dello sport

14 IL CONI (FSN-DSA-EPS) e la Scuola Azioni propositive finalizzate alla promozione dell’attività sportiva giovanile scolastica; Azioni propositive recepite dalla Scuola se idonee ad arricchire il ventaglio delle opzioni possibili per il conseguimento degli obiettivi educativi non sostitutivi dell’insegnamento curriculare.

15 C0NI E MIUR insieme  Nel 1977 l’articolo 12 della legge 517 mette a disposizione del mondo sportivo le palestre e gli impianti sportivi scolastici nelle ore non utilizzate dagli alunni;  utilizzo rivisitato dalla Circolare Ministeriale 184 del 1990 e come sappiamo dall’art.90, comma 25 della legge 289/2002 ( finanziaria del 2003 );

16 C0NI E MIUR insieme Nel 1980 un Primo Protocollo d’Intesa; Nel 1983 l’istituzione dei Campionati Sportivi Studenteschi.

17 Direttiva MIUR n.90 dell’ modalità di accreditamento dei Soggetti che offrono formazione per il personale docente della Scuola nota ministeriale del 21 luglio 2005 ha riconosciuto il Comitato Olimpico Nazionale Italiano quale Ente accreditato per la formazione del personale docente della Scuola di ogni ordine e grado.

18 Presentazione delle domande: Le proposte possono essere fatte dagli Organismi Sportivi riconosciuti dal CONI Le proposte provenienti dalle strutture territoriali dovranno passare attraverso la propria Organizzazione Nazionale di riferimento Proposte di EPS che prevedano contenuti tecnici dovranno essere accompagnate dalle specifiche autorizzazioni delle Federazioni di riferimento

19 Autorizzazione corsi: L’Ufficio Promozione dello Sport comunicherà l’autorizzazione per scritto al richiedente e agli altri soggetti coinvolti (USR, CR CONI; e Scuola Regionale dello Sport Termine di presentazione entro e non oltre: il 28 luglio l’11 dicembre il 31 marzo

20 Erogazione dei corsi: È compito dell’Organizzazione responsabile prendere contatti con l’USR e con USP comunicando i dettagli organizzativi Le SdS Regionali possono supportare gli Organismi sportivi territoriali nell’erogazione di corsi sul territorio relativamente a progettazione, docenze e strutture

21 Proposta di Formazione C. N. Libertas 2013 L'attività motoria di base per la scuola dell'infanzia e primaria Il gioco della pallacanestro nella scuola

22 Chi fa cosa: A livello nazionale: Elaborazione proposta Presentazione corso di formazione A livello territoriale: Rapporti con Ufficio Scolastico Provinciale Collaborazione per organizzazione e realizzazione

23 PROTOCOLLO CONI-MIUR 25 maggio 2005 Punto 3) - sostenere ed implementare l’attività ludico-motoria nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria

24 CONI nella scuola I NUOVI GIOCHI DELLA GIOVENTÙ; GIOCOSPORT

25 Giochi della Gioventù Con i nuovi Giochi della Gioventù il CONI intende proporre agli insegnanti della scuola secondaria di primo grado un nuovo percorso educativo che ampli ed integri le proposte di attività sportive oggi a disposizione della scuola, proponendo occasioni di partecipazione per tutti i ragazzi di ogni classe, avvicinandoli alla pratica sportiva e motoria in modo divertente, coinvolgente e motivante. Sviluppo delle competenze motorie di base Il progetto propone ai docenti della scuola superiore di 1° grado un percorso educativo e formativo nuovo, fondato sullo sviluppo delle abilità motorie fondamentali da proporre alle classi in forma di gioco partecipato per diffondere stili di vita attivi, promuovere la socializzazione, l'inclusione ed il rispetto reciproco, educare alla corretta e bilanciata alimentazione.

26 Sotto la definizione "GIOCOSPORT" rientrano quelle attività che il CONI organizza all'interno della scuola primaria (ex scuola elementare). Si tratta di attività spesso promosse in collaborazione con le società sportive del territorio dove risiede l'Istituto scolastico. Gli operatori della società sportiva possono così promuovere le attività giovanili della propria società assieme ai valori più genuini dello sport. Il progetto è del CONI Regionale: questa attività è finanziata dal Coni ed in parte dalle Amministrazioni Locali che trovano estremamente interessante accrescere le opportunità di movimento in ambito scolastico. Sono i Comitati Provinciali del CONI, poi, a coordinare sul territorio i vari interventi previsti dal progetto. Alla fine di ogni anno scolastico il CONI Regionale organizza una festa dedicata al Giocosport, in collaborazione con tutte le FEDERAZIONI SPORTIVE NAZIONALI, le DSA e gli ENTI di PROMOZIONE SPORTIVA.

27 PROTOCOLLO CONI-MIUR 21 SETTEMBRE 2007 Punto 3) - sostenere ed implementare l’attività ludico- motoria nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria

28 Punto 4) - nella realizzazione di progetti di attività motoria e sportiva le scuole potranno avvalersi della collaborazione degli organi territoriali del CONI, delle Società Sportive, delle Federazioni Nazionali, delle Discipline Associate e degli Enti di Promozione Sportiva, degli EE.LL., delle Comunità Montane.

29 Nel 2009, IL CONI con un Ordine del Giorno del Consiglio Nazionale, insorge contro la ventilata ipotesi della riduzione da due ad una sola ora di Educazione Fisica e Sportiva di rimando propone il Progetto Nazionale di ALFABETIZZAZIONE MOTORIA NELLA SCUOLA PRIMARIA

30 Realizzazione di un piano di alfabetizzazione motoria nella scuola primaria in risposta ai crescenti allarmi della comunità scientifica e delle istituzioni internazionali sulle conseguenze della sedentarietà e di non corretti stili alimentari e di vita tra la popolazione giovanile. Obiettivi: Sviluppo di un progetto pilota nell’a.s per la definizione di un programma base per l’alfabetizzazione motoria nella scuola primaria da attuarsi nel triennio Strategia: L’insegnante titolare è affiancato “in orario curricolare” da un “consulente esperto” con l’obiettivo di supportare gli alunni nel raggiungimento dei traguardi per lo sviluppo delle competenze motorie Modalità: Interventi di attività proposti in 2 ore settimanali sia nel progetto pilota per la durata di 4 mesi (Febbraio-Maggio 2010) per un totale di 30 ore

31 PROTOCOLLO CONI-MIUR 11 NOVEMBRE 2010 Premesse: -Favorire la crescita culturale, civile e sociale dei giovani; -Contribuire al radicamento di una sana educazione alla pratica motoria e sportiva; -Favorire l’acquisizione di corretti stili di vita tra i giovani sedentari in contrasto all’obesità;

32 - Prevenire il disagio scolastico che è un aspetto del disagio giovanile; - Prevenire e superare la dispersione scolastica; -Contrastare qualsivoglia forma di violenza e di bullismo; -Favorire lo sviluppo dell’educazione alla legalità;

33 - Favorire e sostenere la progettazione scolastica che agevoli la socializzazione e le forme di associazionismo culturale e sportivo; -Potenziare d’intesa con il CIP lo sviluppo della pratica ludico-motoria e sportiva tra le persone con disabilità; -Promuovere e diffondere la cultura delle pari opportunità favorendo la partecipazione femminile;

34 Obiettivi: Punto 3) sostenere ed implementare l’attività ludico-motoria nella scuola primaria anche attraverso il progetto nazionale denominato “ alfabetizzazione motoria” con l’obiettivo di estenderlo progressivamente alle istituzioni scolastiche di ulteriori contesti territoriali;

35 Punto 9) - intraprendere azioni congiunte di formazione e di aggiornamento del personale dirigente e docente della scuola;

36 CIRCOLARE MIUR – D. G. PER LO STUDENTE Uff. V – prot del Oggetto: Protocollo CONI-MIUR “Alfabetizzazione motoria nella scuola primaria a.s ” – adempimenti attuativi.

37 CONI e MIUR insieme per lo Sport del futuro estendere progressivamente il Progetto di Alfabetizzazione Motoria alle istituzioni scolastiche di ulteriori contesti territoriali per la creazione nei giovani di una vera Cultura Sportiva

38 MIUR e CONI si impegnano a dare attuazione per l’anno al Progetto di Alfabetizzazione Motoria; Si impegnano a finanziare con € 5 milioni (CONI) e con € 2,5 milioni (MIUR) CONVENZIONE MIUR-CONI

39 CONVENZIONE MIUR-CONI in corso Dal Budget CONI 2013 approvato dal CN del , per il progetto di alfabetizzazione motoria per il 2013: dal MIUR€ dalla PdCM€ dal CONI€ totale di €

40

41

42

43 Grazie dell’attenzione!


Scaricare ppt "Libertas: Promozione dello sport e Progetto Scuola Riccione Venerdì 25 gennaio 2013 Antonella Mancaniello."

Presentazioni simili


Annunci Google