La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

(De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) PRODUZIONECONSUMORISPARMIO NATURA LAVORO DISTRUTTIVO PRODUTTIVO CAPITALE INVESTIMENTOSCAMBIO FISSO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "(De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) PRODUZIONECONSUMORISPARMIO NATURA LAVORO DISTRUTTIVO PRODUTTIVO CAPITALE INVESTIMENTOSCAMBIO FISSO."— Transcript della presentazione:

1 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) PRODUZIONECONSUMORISPARMIO NATURA LAVORO DISTRUTTIVO PRODUTTIVO CAPITALE INVESTIMENTOSCAMBIO FISSO CIRCOLANTE A CREDITO A CREDITO CONTEMPORANEO mezzi “limitati” illimitatiATTIVITÀ ECONOMICA” L’attività umana, volta ad adeguare i mezzi “limitati” (beni economici e servizi) necessari al soddisfacimento dei bisogni umani (illimitati) viene chiamata “ATTIVITÀ ECONOMICA”.attività umana L’attività economicaprodurre ricchezza distribuirla consumarla, risparmiarla nuova produzione scambiarla L’attività economica è, conseguentemente, l’attività pratica dell’uomo rivolta a: produrre ricchezza, (a distribuirla tra coloro che hanno concorso a produrla), a consumarla, a risparmiarla (per una nuova produzione), o a scambiarla con terzi. “ ” aziende facienda N.B.: l’attività economica è svolta dall’uomo tramite “strutture economiche appositamente organizzate” chiamate aziende (il termine “azienda” deriva dal latino facienda, "cose da farsi”, “faccende”).aziende attività economica5 fasi produzione, consumo, risparmio, investimento, scambio. L’attività economica può essere meglio analizzata suddividendola in 5 fasi, tra loro strettamente collegate: produzione, consumo, risparmio, investimento, scambio. Fattori della produzione

2 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) l’attività diretta a rendere disponibili beni economicio ad accrescerne l’utilità.La produzione è l’attività diretta a rendere disponibili beni economici (beni e servizi) o ad accrescerne l’utilità. l’attività fattori della produzioneLa produzione è, in sostanza, l’attività che, attraverso la “combinazione” di beni e di energie (cioè dei fattori della produzione) : a)rende disponibili nuovi beni o accresce l’utilità di quelli preesistenti, b)fornisce servizi. processo economico fondamentale“ricchezza”La produzione viene considerata il “processo economico fondamentale”, nel corso del quale si genera “ricchezza”. produzione” produzione” –Approfondimento sulla “produzione” (vedi) Approfondimento sulla “produzione” l’economia classicaI “fattori della produzione”, secondo l’economia classica, sono: 1.la natura, natura 2.il lavoro lavoro 3.il capitale. capitale INDIETRO

3 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) Produzione Produzione (approfondimento) linguaggio economico AUMENTO di UTILITÀ”Nel linguaggio economico “PRODUZIONE” significa: “AUMENTO di UTILITÀ”. La produzione, infatti, è l’attività rivolta a: 1)rendere utili cose che in natura non lo sono; 2)aumentare l’utilità delle cose che sono già utili. Produzione, non significa “creazione” di materiaProduzione, dunque, non significa “creazione” di materia: in realtà non si produce dal nulla, poiché non si può creare la materia (con niente), ma si può solo trasformarla, mutandone la forma, luogo e tempo di esistenza, al fine di renderla idonea a soddisfare i bisogni umani. nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma produzioneIn altre parole, vale anche in economia il principio: “nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma” (Lavoisier). La “produzione”, in sintesi, si risolve nei seguenti processi: a)Trasformazioni materiali, a)Trasformazioni materiali (da materia prima a prodotto finito), b)Trasformazioni nello spazio, c)Trasformazione nel tempo, d)Trasformazioni quantitative. d)Trasformazioni quantitative (e anche adattamento qualitativo).

4 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) nella destinazione (utilizzo) dei beni e servizi al soddisfacimento dei bisogni umani fine”scopo reale di ogni produzione Il consumo consiste nella destinazione (utilizzo) dei beni e servizi al soddisfacimento dei bisogni umani. Il consumo viene considerato dalla maggior parte degli economisti il “fine” del processo produttivo, lo scopo reale di ogni produzione. Il consumo, in pratica, può essere: 1)produttivoproduttivo 2)distruttivo o di godimento.distruttivo o di godimento Il “consumo distruttivo” (cioè quello per scopi non produttivi) può essere classificato a seconda del tipo di beni consumati, come consumo di: a)beni durevoli a)beni durevoli (quali automobile, frigorifero, mobili, ecc.), b)beni non durevoli b)beni non durevoli (quali gli alimenti,) c)servizi c)servizi (ad esempio quelli forniti dal medico). N.B.: N.B.: poiché i beni sono prodotti per essere consumati, e dato che non esiste consumo senza produzione, ne consegue che i processi di produzione e consumo sono legati fra loro. INDIETRO

5 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) produttivo Il consumo è considerato produttivo quando ha per scopo la produzione di altri beni (ad esempio, in una certa produzione effettuata per ottenere prodotti finiti, è consumo produttivo: in un solo ciclo produttivo  Il consumo – in un solo ciclo produttivo - di materie prime, in più cicli produttivi  il consumo – in più cicli produttivi - di macchinari). distruttivo Il consumo viene ritenuto distruttivo quando attraverso questa azione non c’è la produzione di altri beni (ad esempio, il consumo del cibo, effettuato da una persona, per soddisfare il proprio bisogno di alimentarsi).

6 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) risparmio”, Il termine “risparmio”, in economia, viene inteso con un duplice significato: 1)Risparmio atto di astinenza; 1)Risparmio come atto con il quale l’individuo sottrae al consumo immediato dei beni economici disponibili (atto di astinenza), in previsione di un consumo futuro; 2)Risparmio come l’oggettobeni economici non consumati 2)Risparmio come l’oggetto dell’atto di risparmiare (cioè il beni economici non consumati). insieme di veri e propri “beni economici”RISPARMIO REALE IN NATURA In un’economia monetariail risparmio assume la “forma monetaria”RISPARMIO MONETARIO) monetaIn questo secondo significato il risparmio assume la veste di un insieme di veri e propri “beni economici” prodotti e non consumati (RISPARMIO REALE o IN NATURA). In un’economia monetaria come la nostra, verosimilmente, anche il risparmio assume la “forma monetaria” (RISPARMIO MONETARIO), in quanto è sicuramente più facile e comodo detenere la ricchezza non consumata in questa forma (moneta): si tratta, per esempio, del denaro realizzato con la vendita dei prodotti non consumati. moneta è possibile solo quando i beni a disposizione eccedono le necessità immediateservizi non possono essere risparmiatiIl risparmio, ovviamente, è possibile solo quando i beni a disposizione eccedono le necessità immediate (si osserva, in contrapposizione ai beni, che i servizi non possono essere risparmiati perché immateriali e non conservabili nel tempo). il risparmio collega tra di loro, nel tempo, i vari cicli produttiviSi ricorda, per inciso, che il risparmio, in linea generale, è la premessa per la realizzazione di una nuova produzione (cioè, ad esempio, in agricoltura, senza il risparmio delle sementi di grano prodotte in un anno, non sarebbe possibile effettuare la semina per il nuovo anno – cioè l’“investimento” - e quindi non sarebbe realizzabile il nuovo raccolto). In sintesi: il risparmio collega tra di loro, nel tempo, i vari cicli produttivi. creditole “risorse” soggetti in surplusN.B.: nelle attuali economie, i soggetti che risparmiano, in genere, non coincidono con i soggetti che investono: di qui la necessità di trasferire – mediante operazioni di “scambio a credito” (credito) - le “risorse” risparmiate, dai soggetti in surplus, ai soggetti che investono (soggetti in deficit) (vedi sistema finanziario).scambio a creditosistema finanziario INDIETRO

7 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) Investimentola “destinazione a nuova produzione” della ricchezza risparmiata (impiego di risorse): ovvero quel processo economico per il quale il “risparmio” si trasforma in “beni capitali”. Investimento è la “destinazione a nuova produzione” della ricchezza risparmiata (impiego di risorse): ovvero quel processo economico per il quale il “risparmio” si trasforma in “beni capitali” (vedi il “capitale”). l’investimento è l’operazione mediante la quale un soggetto economico utilizza le “risorse” risparmio monetariofattori della produzioneper farle diventare “beni ad uso produttivo” capitale produttivo “beni strumentali” e “materie prime”necessari alla nuova produzione di beni (o servizi). In termini più espliciti l’investimento è l’operazione mediante la quale un soggetto economico utilizza le “risorse” sottratte al consumo (che nelle economie attuali assumono la forma di “risparmio monetario”), per acquisire i “fattori della produzione”: principalmente per farle diventare “beni ad uso produttivo” (cioè capitale produttivo: “beni strumentali” e “materie prime”) necessari alla nuova produzione di beni (o servizi). ricchezza risparmiatacapitale investimentoPROCESSO DI CAPITALIZZAZIONE Il processo mediante il quale la ricchezza risparmiata viene trasformata in “capitale” (tramite l’operazione di investimento) dicesi PROCESSO DI CAPITALIZZAZIONE. risparmioinvestimento (capitale produttivocapacità produttivasistema economico Si può dunque dire che il risparmio, tramite l’investimento (diventando “capitale produttivo”), incrementa la “capacità produttiva” del sistema economico. È evidente che se un Paese vuole progredire deve aumentare sempre di più gli investimenti: infatti aggiungendo nuovi “beni strumentali" a quelli preesistenti, e sostituendo con altrettanti nuovi capitali quelli logorati, aumenta la produzione annua e il tenore di vita di un popolo. soggetti che investononon coincidono soggetti che risparmiano sistema finanziario N.B.: negli attuali sistemi economici i soggetti che investono, in genere, non coincidono con i soggetti che risparmiano, di qui la necessità di mettere in contatto tra di loro tali soggetti: tale compito, come detto altrove, è svolto dal sistema finanziario. sistema finanziariosistema finanziario INDIETRO

8 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) specializzazionetipica degli attuali sistemi economici necessità di scambiare La “specializzazione” nella produzione, tipica degli attuali sistemi economici, comporta ovviamente la necessità di scambiare i prodotti ottenuti (in eccesso) con altri beni e servizi che non si è in grado di (o voluto) produrre, o più semplicemente, in un’economia monetaria (per i vantaggi che offre), contro moneta (denaro). moneta “ Lo “scambio” è la libera e reciproca cessione di beni o servizi fra due o più persone. scambio scambio servizi Lo scambio è, dunque, l’attività mediante la quale il soggetto economico si procura, presso altri soggetti, i beni (o i servizi) di cui ha bisogno cedendo in cambio:scambio BENI o SERVIZI“baratto” a)altri BENI o SERVIZI (scambio in natura: cioè “baratto”); DENAROscambio monetario: detto anche “scambio indiretto” o “compravendita” b)oppure del DENARO (scambio monetario: detto anche “scambio indiretto” o “compravendita”). scambioèuna prestazione contro una controprestazione ciascuna delle partivaluta di maggior utilità quello che ottiene dalla controparte Lo scambio, in sintesi, è una prestazione contro una controprestazione, in cui, ovviamente, ciascuna delle parti valuta di maggior utilità quello che ottiene dalla controparte. CLASSIFICAZIONE DELLO SCAMBIO in base al tempo CLASSIFICAZIONE DELLO SCAMBIO in base al tempo CLASSIFICAZIONE DELLO SCAMBIO in base al tempoCLASSIFICAZIONE DELLO SCAMBIO in base al tempo La liberta di scambio è massima nei sistemi economici ove prevale la cosiddettaECONOMIA DI MERCATO La liberta di scambio è massima nei sistemi economici ove prevale la cosiddetta ECONOMIA DI MERCATO.ECONOMIA DI MERCATOECONOMIA DI MERCATO. INDIETRO

9 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) natura” comprende tutti i doni che l’uomo trova nel mondo. fattore natura Il fattore “natura” (fattore “originario” della produzione) comprende tutti i doni che l’uomo trova nel mondo. ESEMPI del fattore natura: i terreni, i laghi, i fiumi, il sottosuolo, i giacimenti minerari, le sorgenti, il clima, il vento, la pioggia, l’alternarsi delle stagioni, le forze delle maree, i raggi solari, le reazioni chimiche e fisiche, le “componenti ultime” della “materia” e, in senso più generale, tutte le energie presenti nell’universo. In sostanza, si tratta di tutto ciò che, a ben vedere, è di “fondamentale” importanza per lo svolgimento di ogni attività produttiva. natura non chiede compensi:cioè è un vero e proprio dono rendita quell’organismo vivente diventa “proprietà” di qualcunoil detentore del brevetto potrà chiedere il pagamento di diritti Si ricorda che la natura per il suo contributo (alla realizzazione della produzione) non chiede compensi: cioè è un vero e proprio dono. ECCEZIONE - Col tempo il terreno (“terra”), per ragioni storiche diverse, si è trasformato in un bene soggetto a proprietà privata e non può essere usato se non con il consenso del proprietario: ne consegue che se l’imprenditore vuole acquisire questo fattore naturale, per adibirlo a produzione, deve pagare un prezzo (rendita). Qualcosa di analogo sta succedendo nel campo della ricerca sul DNA: nell’ipotesi che venga identificato il genoma di organismi viventi (una pianta, un animale o addirittura un essere umano), e nell’ipotesi ulteriore che tale scoperta possa essere oggetto di brevetto, quell’organismo vivente diventa “proprietà” di qualcuno, e il detentore del brevetto (il quale avrà avuto solo il merito di aver fatto luce su una piccola parte della creazione divina) potrà chiedere il pagamento di diritti a chi intende produrre o allevare tale tipologia di pianta o animale. La questione della brevettabilità del “genoma di esseri viventi” è un problema tuttora aperto. Torna a Produzione Torna a Produzione

10 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) lavoro sforzo fatto dall’uomo per realizzare la produzione forze fisiche ed intellettuali lavorofattore originario della produzione Il fattore lavoro è rappresentato dallo sforzo fatto dall’uomo per realizzare la produzione (di beni e servizi): in sostanza è il risultato dell’esercizio ordinato dalle sue forze fisiche ed intellettuali (cioè del lavoro muscolare o fisico e del lavoro intellettuale dell’uomo). Il lavoro è, come la natura, un fattore originario della produzione. La caratteristica essenziale del lavoro è di essere inseparabile dalla persona del “lavoratore”. Torna a Produzione Torna a Produzione

11 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) capitale Il fattore capitale è il fattore derivato dalla natura e dal lavoro (e serve, a sua volta, per renderli più efficaci). capitale “CAPITALE PRODUTTIVO”insieme di “beni”, precedentemente ottenuti grazie all’attività dell’uomoe destinati investimento alla produzione di altri beni Con il termine “capitale”, nel linguaggio più strettamente economico, si intende il “CAPITALE PRODUTTIVO”, cioè un insieme di “beni”, precedentemente ottenuti grazie all’attività dell’uomo (attività produttiva) e destinati in seguito (vedi investimento) alla produzione di altri beni: il “capitale” è, in sostanza, risparmio reinvestito. “BENE CAPITALEbene ad utilizzo produttivomezzo indirettamente”consumo finale consumo produttivo beni capitali“beni di consumo” diretto consumo distruttivo Il “BENE CAPITALE”, in questo senso, è un “bene ad utilizzo produttivo”, in quanto serve come “mezzo” per la nuova produzione; in pratica è usato “indirettamente” per il consumo finale: il suo utilizzo – consumo - nella produzione, infatti, può essere considerato come un “consumo produttivo”. I beni capitali, più esattamente, si contrappongono ai “beni di consumo” che, invece, sono destinati al consumo finale in modo diretto: l’utilizzo dei “beni di consumo”, pertanto, viene anche chiamato “consumo distruttivo”. beni capitali I “beni capitali”, in pratica, si possono dividere in: capitali fissicapitali fissicapitali fissicapitali fissi capitali circolanticapitali circolanti.capitali circolanticapitali circolanti economia monetaria capitalecapitale monetario capitale monetario beni (capitali) produttivi SISTEMA FINANZARIO In un’economia monetaria (come la nostra) con il termine capitale si intende principalmente “capitale monetario” (denaro). In realtà i due sono concetti, in un certo senso, sono molto simili: il capitale monetario, pur non essendo un bene in sé, è potenzialmente tutti i beni (capitali) produttivi che con esso si possono acquistare. (Vedi SISTEMA FINANZARIO ) SISTEMA FINANZARIO denaroSISTEMA FINANZARIO Torna a Produzione Torna a Produzione

12 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) capitale fisso mezzi di produzione durevoli Beni a fecondità ripetuta Il capitale fisso comprende tutti i mezzi di produzione durevoli, cioè quei beni economici che partecipano alla realizzazione di più “cicli produttivi”, in quanto non esauriscono la loro utilità (cioè non si consumano interamente) in un solo processo produttivo (Beni a fecondità ripetuta). Ne sono esempi: fabbricati, capannoni, magazzini, impianti, i macchinari, attrezzature, automezzi, ecc.

13 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) capitale circolante mezzi di produzione Beni a fecondità semplice Il capitale circolante comprende tutti i mezzi di produzione (cioè beni) che possono essere utilizzati solo una volta nella produzione, in quanto esauriscono la loro utilità (perché consumati interamente) in un solo ciclo produttivo (Beni a fecondità semplice). Ne sono esempi: sementi, concimi, fertilizzanti, materie prime, materie sussidiarie, materiale di consumo, carburanti, i fondi richiesti per pagare i salari o i debiti dell'impresa, ecc.

14 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) monetadenarotutto ciò che viene accettato come mezzo generale di pagamento per l’acquisto di beni e servizi e per l’estinzione di debiti La moneta (o denaro) è tutto ciò che viene accettato come mezzo generale di pagamento per l’acquisto di beni e servizi e per l’estinzione di debiti. La moneta, secondo gli economisti classici, ha le seguenti funzioni: (mezzo di pagamento), 1)intermediaria negli gli scambi (mezzo di pagamento), (unità di conto), 2)misura del valore dei beni e servizi (unità di conto), (riserva di valore) 3)strumento di accumulazione del valore (riserva di valore).

15 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) MISURA IL VALORE DELLE COSE FACILITA GLI SCAMBI “BENE” contro “BENE” “BENE” contro “MONETA” SCAMBIO MONETARIO TRASFERISCE IL VALORE NEL TEMPO BARATTO

16 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) non” avvengono simultaneamente È una forma di scambio in cui la prestazione e la controprestazione “non” avvengono simultaneamente. scambio a credito creditoconcetto di credito Tali operazioni sono chiamate operazioni di “scambio a credito” o semplicemente “credito”: il concetto di credito è alla base del funzionamento del sistema finanziario. sistema finanziario un’economia monetariascambio a credito In un’economia monetaria lo scambio a credito può essere: mercedenaro COMPRAVENDITA con un pagamento differito;  “merce” contro “denaro”: COMPRAVENDITA con un pagamento differito; monetamoneta MUTUO.  “moneta” contro “moneta”: MUTUO. contemporaneamente” È una forma di scambio in cui la prestazione e la controprestazione avvengono “contemporaneamente”. scambio contemporaneo In un’economia monetaria lo scambio contemporaneo può essere: mercedenaro COMPRAVENDITA con un pagamento immediato  “merce” contro “denaro”: COMPRAVENDITA con un pagamento immediato; monetamoneta CAMBIO.  “moneta” contro “moneta”: CAMBIO.

17 (De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) Attività umana (economica e non economica) L’attività economica problema economicoL’attività economica è, come già ricordato, quella parte dell’“attività umana” diretta ad adeguare i mezzi scarsi ai molteplici bisogni da soddisfare (problema economico). illimitati limitati sforzo penoso:Considerando che i bisogni dell’uomo sono illimitati, mentre i mezzi per soddisfarli sono limitati, ne deriva che l’attività economica implica quindi uno sforzo penoso: ovviamente questa attività incontra notevoli ostacoli. Quando l’attività dell’uomo non incontra ostacolinon è attività economicaQuando l’attività dell’uomo non incontra ostacoli non è attività economica (es. l’attività dell’uomo svolta per respirare non è attività economica, in quanto l’aria è abbondante e l’uomo non incontra difficoltà per appropriarsene).


Scaricare ppt "(De Angelis Romina - Foresi Lorena - Quadrelli Daniele) PRODUZIONECONSUMORISPARMIO NATURA LAVORO DISTRUTTIVO PRODUTTIVO CAPITALE INVESTIMENTOSCAMBIO FISSO."

Presentazioni simili


Annunci Google