La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La moviola e l’esperienza soggettiva Paolo Maselli SCINT Roma, 9 Giugno 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La moviola e l’esperienza soggettiva Paolo Maselli SCINT Roma, 9 Giugno 2013."— Transcript della presentazione:

1 La moviola e l’esperienza soggettiva Paolo Maselli SCINT Roma, 9 Giugno 2013

2 Sabina, 27 anni, praticante in uno studio legale. Convive da meno di un anno con Andrea, ingegnere, impiegato in un’azienda di TLC Sabina, 27 anni, praticante in uno studio legale. Convive da meno di un anno con Andrea, ingegnere, impiegato in un’azienda di TLC

3 A 22 anni, panico con agorafobia, segue una lunga psicoterapia individuale con discreto beneficio.

4 Un mese fa: incertezza, dubbi su tutto (anche su Carlo) ansia, agorafobia sintomi ossessivi (compulsioni mentali e ossessioni) somatizzazioni ansiose inadeguatezza Un mese fa: incertezza, dubbi su tutto (anche su Carlo) ansia, agorafobia sintomi ossessivi (compulsioni mentali e ossessioni) somatizzazioni ansiose inadeguatezza

5 SPIEGAZIONE: esposizione personale in studio dove le è stata affidata una piccola causa, paura di essere disturbata dai pensieri ossessivi SPIEGAZIONE: esposizione personale in studio dove le è stata affidata una piccola causa, paura di essere disturbata dai pensieri ossessivi

6 Senso di prevaricazione interiore, di “annullamento” di Sè nel coinvolgimento emotivo con il compagno, recentemente aumentato alla luce del del progetto di avere un figlio dinamica di scompenso primi 3 incontri

7 Lieve angoscia nell’avere a che fare e anche solo pensare ad un collaboratore non laureato dello studio quarta seduta Riduzione dei sintomi ossessivi, ansiosi, agorafobici moviola lui cerca di “farla passare per scema” lei dà interiormente troppo peso alla valutazione di lui, senza però arrivare a sentirsi scema

8 Si ripresentano I sintomi ossessivi, le somatizzazioni, l’inadeguatezza, ecc. quinta seduta Cronologicamente, da un incontro con la cugina per parlare di una causa di lavoro ?

9 comportamento scorretto da parte della cugina moviola sentimenti di rabbia, risentimento verso la cugina, vissuti interiormente, ma non riconosciuti e legittimati attivazione interiore intensa, ma incomprensibile ed estranea a sè

10 V. Guidano la moviola ( metodo di autosservazione) Metodo molto efficace Maggiore capacità di mettere a fuoco modulazioni emotive critiche Distinguendo esperienza immediata e spiegazione permette di mettere a fuoco il tema di esperienza soggettiva e le proprie regole di funzionamento V. Guidano 1991 Il sé nel suo divenire

11 V. Guidano Remissione dei sintomi …scoprendo che quei sintomi sono il proprio modo di ordinare l’esperienza attribuendole significati specifici..capacità riconoscere e riferire a sé stessi tonalità emotive prima trascurate o escluse dalla coscienza V. Guidano 1991 Il sé nel suo divenire

12 dinamica di scompenso annullamento di Sè nel coinvolgimento sentimentale il caso di Sabina IV seduta scarsa differenziazione Sé/non Sé (DAP) V seduta difficoltà a riconoscere ed assimilare consapevolmente le emozioni (OSS)

13 Qual è il tema personale da mettere a fuoco nel lavoro settimanale di autosservazione? Quali meccanismi o modalità di autoriferirsi l’esperienza devono essere riconosciuti dalla paziente per poter articolare l’esperienza?

14 Temi personali Modalità di ordinamento dell’esperienza Regole di funzionamento INVARIANTI ?

15 Conoscere le proprie regole di funzionamento Esperienza soggettiva ?

16 spiegazione esperienza immediata interfaccia tra spiegazione ed esperienza immediata V. Guidano 1991 Il sé nel suo divenire

17 spiegazione esperienza immediata esperienza soggettiva effettivamente vissuta, “originaria”

18 mettere a fuoco le modalità stabili di ordinamento dell’esperienza riformulazione terapeutica portare alla luce della coscienza quella esperienza soggettiva, consapevolmente ignorata e responsabile del disagio

19 forzare la memoria del paziente Svelare quelle specifiche tonalità emotive sperimentate nell’episodio evita il pericolo di: entrare in una logica predittiva, contraria ad una teoria costruttivista arrivare alla “zodiacalizzazione del prototipo” (Lenzi 2009)

20 due problemi aperti: conoscibilità dell’esperienza originaria metodologia per mettere a fuoco l’esperienza originaria Fenomenologia ermeneutica Fenomenologia ermeneutica

21 I vissuti effettivamente esperiti, compresi i pensieri e comportamenti che ne derivano Gli eventi della vita ai quali quei vissuti si riferiscono La coscienza prospettica nelle sue continue trasformazioni corrispondenza univoca tra:

22 Le regole dell’esperienza L’orizzonte delle aspettative costante riferimento a:

23 Andrea, 16 anni, II liceo scientifico, sarà bocciato per le assenze. Da 3 aa. è “fissato” con il fisico ed il cibo, alternando abbuffate a dieta stretta. “Non riesco a legare con gli altri, come se avessi una barriera”. Scoppi d’ira in casa nei quali rompe oggetti, mobili, porte, ecc. Costante attenzione alla opinione e valutazione degli altri. Passione per il rap che pratica cantando con un gruppo Andrea, 16 anni, II liceo scientifico, sarà bocciato per le assenze. Da 3 aa. è “fissato” con il fisico ed il cibo, alternando abbuffate a dieta stretta. “Non riesco a legare con gli altri, come se avessi una barriera”. Scoppi d’ira in casa nei quali rompe oggetti, mobili, porte, ecc. Costante attenzione alla opinione e valutazione degli altri. Passione per il rap che pratica cantando con un gruppo

24 Organizzazione di Significato Personale DAP Sè vago e inconsistente Temi di giudizio, di esposizione personale Prendere il comportamento degli altri come informazione su di sè Ambiguità nella comunicazione in casa

25 moviola sull’ultimo episodio di alimentazione incontrollata Venerdì tarda mattinata, quando la madre è tornata a casa con la spesa Spiegazione: “c’erano tante cose buone e non ho saputo resistere, poi, una volta sgarrato, ho continuato a mangiare”

26 Esperienza soggettiva emozione positiva per un “contest” di rap in un centro sociale dove voleva “far vedere quanto valgo” le basi musicali per prepararsi non arrivavano e temeva di bloccarsi davanti al pubblico che “non mi apprezza perchè non mi vesto largo” …ma…

27 Tutti gli elementi dei quali era composta l’esperienza erano sicuramente presenti nella coscienza di Andrea stabilire gli adeguati nessi motivazionali permette di riconoscere l’esperienza originaria appropriazione dell’esperienza fino ad allora percepita come estranea e imcomprensibile possibilità di intervenire su un piano pratico sul problema originario ATTO PROPRIAMENTE TERAPEUTICO


Scaricare ppt "La moviola e l’esperienza soggettiva Paolo Maselli SCINT Roma, 9 Giugno 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google