La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

"Post-acute IPD “intermediate” care" per pazienti homeless vulnerabili dimessi da servizi ospedalieri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: ""Post-acute IPD “intermediate” care" per pazienti homeless vulnerabili dimessi da servizi ospedalieri."— Transcript della presentazione:

1 "Post-acute IPD “intermediate” care" per pazienti homeless vulnerabili dimessi da servizi ospedalieri

2 G. De Maio, R. Van den Bergh, S. Garelli, B. Maccagno, F. Raddi, A
G.De Maio, R.Van den Bergh, S.Garelli, B.Maccagno, F.Raddi, A.Stefanizzi, C.Regazzo and R.Zachariah “Reaching out to the forgotten: providing access to medical care for the homeless in Italy” – Tropical Medicine and International Health, Oxford Journals, February 5, 2014

3 Milano/Roma/ Palermo, città italiane con maggior presenza di Persone senza dimora
Obiettivo di una missione esplorativa (Aprile- Luglio 2013) è stata la valutazione dei bisogni sanitari (spesso inevasi) della popolazione senza dimora (migranti e italiani) dimessi da servizi ospedalieri e l'identificazione di possibile location del servizio

4

5 Tentativo di definire la popolazione target
Dati realtivi a Persone Senza Dimora ammesse nei servizi ospdalieri negli ultimi due anni: Milano: dati dall'Ospedale "Fatebenefratelli" stimati un minimo di 850 pazienti homeless ammessi per anni nei 4 più grandi ospedali milanesi Roma: dati da "Spallanzani" e "Fatebenefratelli", ma la stima non è attendibile perché il primo è l'ospedale di referenza per le malattie infettive (INMI) Palermo: dati dall'Ospedale "Civico" stimati un minimo di 113 pazienti homeless ammessi per anno nei tre più grandi ospedali palermitani

6 Milano: Assessorato alle Politiche Sociali e Cultura della Salute
impegno a concedere la residenza agli ospiti del post.acuti che ne avessero necessità Impegno a identificare un sito per la collocazione del servizio ASL Milano impegno ad autorizzare le attività sanitarie nella struttura identificata impegno a facilitare l'inserimento dei pazienti senza dimora ricoverati nel Sistema Sanitario Regionale impegno a facilitare le procedure per il loro accesso al secondo livello di cure impegno a studiare forme di attivazione di assistenza sanitaria integrata e continuata in ostello/dormitorio per le persone affette da malattie croniche

7 Sommario Città MILANO ROMA PALERMO Popolazione homeless 13115* 7827*
3829* Homeless/Residenti x 1000 ab. 9,90** 2,83** 5,84** Impegno delle autorità municipali No Impegno delle autorità sanitarie Possibile Partner "sociale" identificato AO contattate per presentare il progetto 4 3 Pazienti homeless ammessi pet anno dai maggiori ospedali cittadini 850 *** Dati non attendibili 113*** Number of contacted facilities for HPs 5 2 1 Struttura identificata (a cura di ....) Sì, dal Comune * cfr. Rapporto ISTAT 2011 ** incrociando dati ISTAT 2011 con dati censimento 2010 *** stima

8 Proposta di intervento pilota di assistenza post-acuti in foma di "intermediate care"
Dormitorio o altra soluzione sociale, con assistenza "domicilare" Strada Ospedale o PS Servizio degenza Post-acuti "intermediate care" Assistenza residenziale a più lungo termine (hospice o riabilitazione) 20 letti per assistenza a persone che sono in fase post-acuta e in necessità di cure intermedie post-ospedaliere. Tempo massimo di permanenza nel servizio è fissato a 20 giorni, sia per consentire l'ammissione di nuovi pazienti in post-acuzie, sia per orientare quanti sono stati ricoverato verso forme di assistenza a più lungo termine o ADI in struttura sociale.

9 Attività MSF nel servizio Post-acuti per homeless:
offerta di assistenza medico-infermieristica gratuita h24 (personale, farmaci e materiale sanitario durante la fase "pilota" saranno a carico di MSF, con acquisto locale) garanzia di adeguata gestione di farmaci e materiale sanitario, sterilità e smaltimento rifiuti identificazione del più efficace circuito atto ad assicurare a tutti i pazienti del servizio l'accesso al secondo livello di cure definizione delle referenze per i pazienti in aggravamento o scompenso in collaborazione col sistema pubblico di emergenza dimissione dei pazienti al termine della fase post-acuti orientandoli verso soluzioni sociali e/o sanitarie di più lungo termine redazione di un documento di capitalizzazione per condividere valore e criticità dell'esperienza con i partner esterni

10 CRITERI DI AMMISSIONE ED ESCLUSIONE
condizione di persona senza dimora riconosciuta dai Servizi sociali comunali dimissione da reparto ospedaliero/PS dopo accesso per episodio acuto o intervento pianificato necessità di continuità assistenziale che richieda monitoraggio medico-infermieristico quotidiano condizioni di salute che non richiedono altro genere di appropriata struttura sanitaria (riabilitativa, hospice, lungo-degenza) Esclusione patologie acute non stabilizzate che richiedano assistenza medica 24h/24h dimissioni da servizi psichiatrici per eventi acuti, laddove la sofferenza mentale sarebbe la ragione principale di ricovero in post-acuti patologie infettive che richiedono isolamento (TB con escreato positivo, altre situazioni richiedenti quarantena o approfondimento diagnostico) Altri servizi (SOCIALE/LEGALE): MSF si impegnerà nella creazioen di un network e di partnership con attori istituzionali e non- istituzionali allo scopo di garantire attività quotidiane per Supporto sociale ed educativo / Supporto legale Distribuzione dei pasti/ Approvvigionamento di farmaci ed equipaggiamento sanitario This month of September 2012 it was published an article showing data collected by city administration and charity associations for the The extremely poor and homeless are estimated being ; the 84% represented by foreigners migrants (vast majority from extra EU countries) and approximately 4000 Italian citizens who due to last years economical crisis have lost house, work and family.

11 Risultati attesi Sviluppo, in collaborazione coi partners, di un modello positivo che soddisfi le esigenze della maggior parte delle persone senza dimora vulnerabili dimesse dagli ospedali, e migliori il loro accesso ai servizi sanitari MoH Definizione di percorsi semplici per l'accesso al supporto sociale, legale e sanitario integrato per le perosne senza dimora (italiani e migranti privi di documenti) Prova della funzionalità ed efficacia di questo modello, in modo che può essere trasferito sotto la responsabilità di Asl e diventi parte dell'offerta del Sistema Sanitario Regionale in Lombardia e in altre Regioni italiane Introduzione di soluzioni durature di accesso al sistema sanitario nazionale per i pazienti dimessi dal servizio "post-acuti" di cure intermedie. Raccolta e analisi dei dati in un documento di capitalizzazione da condividere all'interno e all'esterno di MSF, contribuendo alla riflessione del network italiano ed europeo che si occupa dell'assistenza alle persone senza dimora. - Maggiore visibilità delle operazioni di MSF nella società italiana.

12 Obiettivi di advocacy e sensibilizzazione
Pazienti senza dimora "aventi diritto" a norma di legge, i quali devono godere del diritto di accesso ai vari livelli di strutture sanitarie previste dal sistema sanitario regionale in Lombardia: - il Comune concede la residenza provvisoria - la ASL garantisce gratuità delle cure intermedie, e collabora all'identificazione della successiva fase di presa in carico se necessario (domiciliare in ostello o struttura di assistenza residenziale) - MSF e il partner «sociale» accompagnano i pazienti e sollecitano le autorità a definire in breve tempo quanto è stato concordato, verificando le possibili difficoltà di sviluppo di questo sistema Pazienti senza dimora "non aventi diritto" a norma di legge, i quali devono poter beneficiare di soluzioni che ASL e MSF metteranno a punto dopo il rilascio del codice STP (Straniero Temporaneamente Presente) già attribuito per l'assistenza ospedaliera agli extra-comunitari sprovvisti di permesso di soggiorno (coinvolgendo la Prefettura), e costruiranno per coloro cui non è attualmente possibile attribuire codice sanitaro ("nuovi comunitari"), misurando così la volontà politica dei nostri partner istituzionali

13


Scaricare ppt ""Post-acute IPD “intermediate” care" per pazienti homeless vulnerabili dimessi da servizi ospedalieri."

Presentazioni simili


Annunci Google