La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

“ Il cervello dei bambini che frequentano corsi di musica si sviluppa in maniera diversa da quelli che non la praticano. I bambini che fanno musica ottengono.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "“ Il cervello dei bambini che frequentano corsi di musica si sviluppa in maniera diversa da quelli che non la praticano. I bambini che fanno musica ottengono."— Transcript della presentazione:

1

2 “ Il cervello dei bambini che frequentano corsi di musica si sviluppa in maniera diversa da quelli che non la praticano. I bambini che fanno musica ottengono punteggi migliori in prove legate alla memoria verbale, ai processi videospaziali e all'alfabetizzazione...Lo hanno dimostrato per la prima volta i ricercatori dell'Università McMaster in uno studio condotto sull'attività elettrica dei neuroni”. (“L'Espresso” 17 maggio 2007) …Da allora le neuroscienze hanno fatto passi da gigante arrivando a dimostrare che la musica oltre che essere un facilitatore dell'apprendimento è un potente stimolatore cerebrale.

3 Il progetto è extracurricolare, si rivolge agli alunni della scuola secondaria di 1° grado e segue...

4 Svolgono tutti regolarmente attività artistica e concertistica dal gruppo musicale, all'orchestra, al gruppo bandistico, alla musica da camera, dal jazz, alla musica classica, alla musica contemporanea, alla musica pop ed hanno esperienza pluriennale di attività con i ragazzi prestando la loro opera anche in altri progetti scolastici, in scuole di musica e ludoteche. Sono presenti anche esperienze particolari come la musicoterapia e il teatro musicale. ♪ Mirko Malacarne diplomato in pianoforte. Inoltre cura gli arrangiamenti che compone appositamente per l'orchestra dei ragazzi del progetto e il montaggio video dei dvd degli spettacoli. ♪ Roberto Cecchetti diplomato in violino. ♪ Srena lazzeri diplomata in clarinetto. ♪ Daniela Sessa diplomata in sassofono. ♪ Luca Guidi e ♪ Nicola Fenzi diplomati in chitarra.

5

6

7

8 Tratta della shohà vista dalla parte dei bambini: Anna Frank, Uri Orlef, i Bambini di Terezin.... I loro racconti ci stupiscono, perchè mostrano come questi ragazzi siano stati in grado di sopportare enormi sofferenze grazie alla fiducia, che non li ha mai abbandonati,nel genere umano, ma soprattutto grazie all’uso del gioco e della fantasia che ha saputo dare loro una forza spesso addirittura superiore a quella degli adulti. La Musica è presentata nel suo doppia faccia: quella ipnotica eseguita da orchestre di detenuti dei campi di concentramento durante gli appelli, le torture e le esecuzioni. Ma soprattutto quella composta di nascosto nei campi a rischio della vita che rappresentò la volontà di sopravvivere degli Ebrei che riuscirono a trovare attraverso di essa un motivo di speranza e di conservazione di umanità in mezzo a quell’orrore

9 Si tratta di uno spettacolo che vede protagonisti un gruppo di alunni di terza media alle prese con una relazione da fare per la Prof. di Musica nell'anno del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi. Nel corso della ricerca i ragazzi scopriranno una insospettata simpatia verso questo musicista sia per il carattere schietto e diretto (cioè parecchio “tosto” come dicono loro) sia perchè ricevette dai suoi ammiratori in più occasioni un vero e proprio trattamento da “rock star”. L'obiettivo è quello di avvicinare i giovani in modo divertente all'opera lirica, patrimonio musicale per il quale siamo famosi in tutto il mondo, con la speranza che, come afferma il direttore d'orchestra Daniel Harding parlando del suo figlio tredicenne, nell'iPod dei nostri ragazzi accanto a Lady Gaga si possa trovare anche un'aria d'opera.

10 A partire dalla sua nascita nel 2001 ogni anno si è concluso con il Saggio finale dove gli alunni hanno mostrato ciò che hanno appreso. ♪ 6maggio 2005 “Tra classico e profano” spettacolo degli insegnanti del Progetto. ♪ Per il decennale del Progetto “10 anni di Far Musica Insieme” spettacolo degli ex alunni che hanno continuato al liceo musicale ed uno nella Scuola di Alto perfezionamento di Lugano. Partecipazione alle attività della scuola 2012/2013 ♪ Festa dell'Istituto sui temi della Legalità, ♪ partecipazione alle serate del Progetto “Creatività”, ♪ esibizione durante lo scambio con gli alunni francesi, ♪ partecipazione al laboratorio sulla “Comunicazione teatrale” della Città del Teatro di Cascina.

11

12

13

14

15

16

17

18 IL PROGETTO è extracurricolare, si rivolge agli alunni della scuola secondaria di 1° grado e segue i programmi delle Scuole Medie a Indirizzo Musicale. L'OBIETTIVO PRINCIPALE è coltivare la musica come esperienza sia personale che collettiva all'interno dell'Orchestra Giovanile del progetto. LE LEZIONI si svolgono di pomeriggio a piccoli gruppi omogenei (per sfruttare i lati positivi del lavoro di gruppo e venire incontro a tutte le esigenze ) per due ore alla settimana : 1 di teoria musicale e 1 strumento. GLI STRUMENTI tra i quali si può scegliere sono: pianoforte, chitarra, violino, clarinetto e sassofono. IL PRESTITO D’USO gratuito è previsto per gli strumenti più costosi: clarinetto e sassofono, gli altri hanno ormai costi accessibili. GLI EX ALUNNI che lo desiderano possono proseguire oltre la terza media e restare con i propri insegnanti. Percorsi preferenziali sono previsti per chi vorrà proseguire al Conservatorio o Liceo Musicale. Gli alunni del Progetto parteciperanno a tutte le INIZIATIVE della scuola in cui si renderà necessaria la presenza della musica. LA RESPONSABILE del progetto è la Prof. Manuela Caltavuturo docente di Musica presso l'Istituto “G.Falcone” e presidente della sez. di Pisa della Società Italiana per l'Educazione Musicale cell ; mail

19 “FAR MUSICA INSIEME”: PREMI E RICONOSCIMENTI Il progetto nasce nel 2001 e dopo i primi anni di rodaggio ha cominciato ha ottenere premi e riconoscimenti grazie alla qualità del lavoro che è andata aumentando nel tempo. In seguito allo spettacolo “Adolescenza tra Oriente e Occidente” nato dalla collaborazione con il Progetto SCREAM, progetto ONU/ILO del quale la Provincia di Pisa di Pisa si fa promotrice, sono stati conseguiti i seguenti riconoscimenti: ♪ 3 dicembre 2009: rappresentazione dello spettacolo in occasione della celebrazione UNICEF del ventennale della Convenzione sui Diritti dell'Infanzia. ♪ “Premio Abbiati”2009 / 2010 conferito dall'Associazione Nazionale Critici Musicali sotto l'Alto Patrocinio del Presidente della Repubblica per “ avere sfruttato con libertà le finalità propedeutiche e strumentali per insegnare ai ragazzi il valore educativo e sociale della musica nelle collettività metropolitane di oggi”. ♪ 15 maggio 2010: partecipazione con uno stralcio dello spettacolo alla manifestazione in occasione della “Marcia per la Pace” Perugia - Assisi ♪ maggio 2010: in occasione del 18° anniversario della strage di Capaci viaggio premio a Palermo con la “Nave della Legalità” e tutte le attività ad essa correlate. ♪ 13 novembre 2010: invito al convegno “Musica e Società” presso la Scuola di Musica di Fiesole. ♪ 20 novembre 2011: premio per la partecipazione al programma dell'ILO-IPEC SCREAM “Stop al lavoro minorile” consegnato sia all'Istituto sia alla Responsabile del Progetto cui è stato conferito il titolo di “Formatore dei Formatori”. Per lo spettacolo “Musica per ricordare” sui temi della shoah condotto sempre in collaborazione con SCREAM ♪ 15 novembre 2013 Medaglia del Capo dello Stato “per il ricco percorso di ricerca storica e musicale....che ha permesso di realizzare un validissimo prodotto teatrale e audio-visivo che dà valore ad una memoria storica... e che emoziona il pubblico nel ricordo di tutti coloro che soffrirono e persero la vita nei campi di sterminio...Valido insegnamento della Musica per la Vita, per formare le giovani generazioni alla coscienza della pace.”


Scaricare ppt "“ Il cervello dei bambini che frequentano corsi di musica si sviluppa in maniera diversa da quelli che non la praticano. I bambini che fanno musica ottengono."

Presentazioni simili


Annunci Google