La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 SANITA’ E ASSISTENZA PRENDERSI CURA DELLE PERSONE E DI TUTTI I LORO BISOGNI INTEGRAZIONE-RELAZIONE -PRESA IN CURA L’esperienza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 SANITA’ E ASSISTENZA PRENDERSI CURA DELLE PERSONE E DI TUTTI I LORO BISOGNI INTEGRAZIONE-RELAZIONE -PRESA IN CURA L’esperienza."— Transcript della presentazione:

1 Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 SANITA’ E ASSISTENZA PRENDERSI CURA DELLE PERSONE E DI TUTTI I LORO BISOGNI INTEGRAZIONE-RELAZIONE -PRESA IN CURA L’esperienza della Casa della Salute di San Secondo Parmense La Casa della Salute di San Secondo parmense

2 SANITA’ E ASSISTENZA PRENDERSI CURA DELLE PERSONE E DI TUTTI I LORO BISOGNI INTEGRAZIONE-RELAZIONE -PRESA IN CURA L’esperienza della Casa della Salute di San Secondo La SEDE : l’ingresso principale è in piazza Martiri della Libertà 24 a San Secondo Parmense e la sede è all'interno della struttura ospedaliera seicentesca dove sono presenti tutti i servizi propri di una Casa della Salute grande. La Casa della Salute di San Secondo parmense Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014

3 > 65> 75> 85TotaliIndice di vecchiaia Parma %11.6%3.6% RER ITALIA componente 2 componenti 3 componenti 4 componenti 5 e più componenti Totale %28%18%12%4% Composizione della popolazione per fasce di età : 2011 Composizione delle famiglie nella Provincia di Parma SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura Il Territorio del NCP della Casa della Salute di San Secondo : la Comunità – Scenario socio-demografico

4 Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 Composizione della popolazione per fasce di età nei 9 Comuni : 2011 NCP San Secondo ( San Secondo, Sissa-Trecasali, Roccabianca) NCP Busseto ( Busseto, Polesine, Zibello) NCP Fontanellato ( Fontanellato, Fontevivo, Soragna) Provincia di Parma Indice di vecchiaia Popolazion e > 65 anni > 75 anni % > 65enni su popolazione totale 21.37% ( ) % ( ) 20.18% ( ) 22.20% Il Territorio del NCP della Casa della Salute di San Secondo : la Comunità – Scenario socio-demografico SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura

5 Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 Previsioni Demografiche nella comunità locale Proiezione evolutiva anno 2031 persone >65enni 26% popolazione totale indice di vecchiaia 200 Il Territorio del NCP della Casa della Salute di San Secondo : la Comunità – Scenario socio-demografico SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura

6 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura La CASA della SALUTE di S. Secondo-analisi del contesto: Il nuovo contesto demografico,epidemiologico e sociale Bruno Bocchi Brescia 24 giugno progressivo invecchiamento della popolazione ; 2. anziani in costante aumento relativamente a tutte le fasce di età ma con un incremento più consistente per la classe degli ultra 75enni 3.La componente anziana, più spesso in condizioni di “fragilità” e più esposta al rischio di patologie croniche, quella cioè costretta a ricorrere maggiormente ai servizi socio-sanitari, multiple comorbilità e bisogni complessi, si colloca nella fascia degli ultra 75enni, che rappresenta il 12% della popolazione residente (RER:11%); 4.Famiglia profondamente mutata rispetto al passato, con un minor numero di componenti e aumento della quota di grandi anziani soli, in prevalenza donne; 5. Aumento patologie cronico-degenerative collegate spesso alla disabilità

7 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura La CASA della SALUTE di S. Secondo-analisi del contesto: Il nuovo contesto demografico,epidemiologico e sociale Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 A. Minore disponibilità di risorse B. Medicina reattiva orientata alle patologie acute: -Frammentazione e scarso coordinamento delle cure -Limitata integrazione tra setting assistenziali -Uso inappropriato dell’ospedale per acuti: ricoveri inappropriati, degenze prolungate, danni secondari, spreco di risorse C. Per il paziente anziano con bisogni multipli e complessi esperienze di cura ed esiti assistenziali insoddisfacenti

8 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura Risponde al bisogno primario di ciascun paziente Malcolm Peterson(1980) : 4 fondamentali caratteristiche delle Cure Primarie -accessibilità - globalità - coordinamento - continuità; tutto ciò è stato leggermente elaborato nel tempo ma rimane tuttora il core delle raccomandazioni degli esperti. patient-centered primary care Il concetto di P.C.P.C. include i seguenti attributi /caratteristiche : - facilità di accesso alle cure (tempestività della risposta, facilità di comunicazione con i professionisti, via telefono o , etc.) - coinvolgimento del paziente nelle scelte e nella gestione delle cure (supporto all’auto- cura, counselling, facilità di accesso ai propri dati personali, etc.) - pro-attività degli interventi (utilizzazione di registri di patologia, sistemi di programmazione delle visite e di allerta dei pazienti che facilitano il follow-up, etc.) - il coordinamento delle cure (tra i diversi professionisti) e la continuità dell’assistenza (tra differenti livelli organizzativi, es. tra ospedale e territorio). la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense: Il potenziamento della rete dei servizi territoriali Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014

9 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense: Il potenziamento della rete dei servizi territoriali Corretta organizzazione della rete dei servizi territoriali per erogare un servizio efficace, sono spt i processi che si svolgono all’interno della rete che garantiscono una cura di qualità utilizzando al meglio le risorse disponibili con un approccio coordinato e multidisciplinare La domanda sanitaria deve infatti essere affrontata con strumenti professionali e con l’organizzazione integrata dei servizi, sul territorio e in ospedale ma spt sul territorio, xchè è lì che nasce il gran volume delle richieste di prestazioni che poi affliggono le strutture ospedaliere, generando l’aumento esponenziale dei costi e quindi il problema finanziario del SSN. Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 Da queste premesse ….. nasce l’idea della Casa della Salute

10 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense: Il potenziamento della rete dei servizi territoriali Una nuova idea di assistenza che nasce da un bisogno forte delle persone di una comunità: Bisogno della continuità dell’assistenza Bisogno di una medicina vicina, accessibile e fruibile E’ un presidio distrettuale polivalente, finalizzato all’erogazione dell’insieme delle cure Primarie, a garantire la continuità assistenziale e le attività di prevenzione. E’ il contesto in cui può essere realizzato il lavoro multidisciplinare ed in team degli operatori. Cooperano attraverso il lavoro di gruppo, Medici specialisti e di organizzazione, MMG e PLS, Coordinatori Infermieristi e Infermieri,FT,O.S.S., personale tecnico amministrativo e del sociale. E’ il luogo in cui si realizza la presa in carico della persona e viene garantita la continuità assistenziale e terapeutica 24ore Organizza e coordina le risposte da dare alla persona nelle sedi più idonee, privilegiando il domicilio e il contesto sociale delle persone e garantendo l’uso appropriato del ricovero nell’ospedale per acuti. Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014

11 la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense p Casa della Salute 1. Bisogni s.s. 2. Risposta 24 ore 3. Continuità assistenziale e Presa in carico Presa in carico globale di anziani con malattie croniche Comunità Anziani Bisogni complessi Ospedale di Comunità 10 pl Riabilitazione Estensiva 10 pl Lungo-Assistenza 10 pl PERCORSI INTEGRATI A.D.I. Risorse della Comunità Team S.auto-cura Sist.informativi S.Decisioni Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura

12 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense Gli ingressi Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 Ingresso Via Vitali Mazza Ingresso per disabili e ambulanze Ingresso Piazza Martiri della Libertà

13 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura La CASA della SALUTE di S. Secondo Accoglienza e informazione Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014

14 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense I servizi Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 La struttura sviluppa la propria attività nelle seguenti aree: Area Pubblica Area Clinica :, Assistenza Primaria, Servizi Sanitari, Servizi Socio-Sanitari, Prevenzione, Servizi Sociali Area di staff

15 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense Area Pubblica Bruno Bocchi Brescia 24 giugno Accoglienza – Accettazione - Sala attesa - CUP - Sportello unico

16 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense Area Clinica: l’Assistenza Primaria NCP Bruno Bocchi Brescia 24 giugno Medicina di Gruppo -Pediatria di Gruppo -A.D.I. -Servizio infermieristico domiciliare -Ambulatorio infermieristico integrato -Ambulatorio terapia infusiva -Ambulatorio ostetrico -Ambulatori specialistici delle Cure Primarie -Assistente Sociale -Continuità Assistenziale / Servizio 118

17 Lungodegenza-Postacuzie: 40 p.l. per post-acuzie e R.E. - gestione infermieristica - responsabilità c.t. del Med. Ospedaliero 01/giu/ Ospedale di Comunità :10 p.l. per post-acuzie e/o acuzie di bassa intensività da area 3 NCP - gestione infermieristica - responsabilità c.t. del Med. Medicina Generale - 78 ricoveri nei primi 10 mesi,adesione 16 su 27MMG - 50% ricoveri per pat.cr.riacutizzate; 51% ricoveri da NCP di S.S. sono ad alto o molto alto rischio di ospedalizzazione 23/mar/ Modulo di R.E. Territoriale: 10 p.l. per riab.est. con organizzazione Week-Hospital - gestione infermieristica - responsabilità c.t. del Med. Fisiatra 20/genn/ Modulo di Lungo-Assistenza: 10 p.l. per long term care Territoriale - gestione infermieristica - responsabilità c.t. del Med.Spec.Int.della CdS contestuale attivazione di 10 p.l. di LDPA presso l’Osp per acuti di Vaio 01/lugl/14 la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense I servizi sanitari: la degenza – un percorso di riorganizzazione O-T Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014

18 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense I servizi sanitari: la degenza e l’A.D.I. - le CURE INTERMEDIE Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 ADI Ospedale di Comunità Riabilitazione Estensiva Lungo-Assistenza Con l’A.D.I. le 3 sezioni di degenza compongono l’area delle cure intermedie; un’area di servizi integrati, sanitari e sociali, finalizzata a garantire la continuità assistenziale sia dopo la dimissione ospedaliera che dal domicilio, la prossimità delle cure e la globalità degli interventi. ……………….ma anche l’uso appropriato dell’ospedale per acuti, migliorando la prevenzione,con interventi più precoci e supportando localmente le persone con malattie croniche. CURE INTERMEDIE

19 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense I servizi sanitari: l’area ambulatoriale specialistica Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 ambulatorio cardiologico, endoscopia digestiva, ambulatorio di gastroenterologia, ambulatorio epatologico, ambulatorio fisiatrico adulto e infanzia, ambulatorio prevenzione della caduta, ambulatorio senologico, ambulatorio ortopedico, ambulatorio ORL, ambulatorio neurologico, ambulatorio disturbi cognitivi ambulatorio di terapia infusiva ambulatorio diabetologico Servizio Dialisi Assistita ambulatorio disturbi cognitivi, ambulatorio di urologia, ambulatorio di ginecologia e Servizio salute donna ambulatorio oncologico, chirurgia generale, ambulatorio di senologia logopedia, ambulatorio oculistico, ambulatorio dermatologico, ambulatorio dentistico, ambulatorio di ortodonzia ambulatorio di endocrinologia, Servizio di psichiatria psicologia adulti, neuropsichiatria infantile, Servizio di Medicina Veterinaria

20 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense Area Clinica:i servizi sanitari: l’area della diagnostica Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 radiologia tradizionale ecografia generale ecografia e mammografia diagnostica endoscopica digestiva ecografia diagnostica vascolare (ecocolor-doppler) diagnostica cardiologica (elettrocardiogramma, prova da sforzo, eco-color-doppler cardiaco, eco-stress, holter cardiaco e holter pressorio). diagnostica pneumologica ( spirometria)

21 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense Area Clinica: i servizi sanitari: l’area terapeutica Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 Riabilitazione adulto e infanzia. Cardiologia : Day-service 1° e 2° livello (scompenso cardiaco). Ambulatorio di terapia infusiva : terapia emotrasfusionale, continuità terapeutica in dimissione ospedaliera. Ambulatorio infermieristico malattie croniche Ambulatorio disfagia e logopedia Servizio emodialisi

22 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense Area Clinica: i servizi sanitari Bruno Bocchi Brescia 24 giugno Punto Prelievi - CSM - Ambulatori SIP - Consultorio famigliare - Pediatria di Comunità

23 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense Area Clinica: i servizi socio-sanitari Bruno Bocchi Brescia 24 giugno Coordinamento Assistenza Domiciliare - UVM anziani - disabili

24 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense Area Clinica: Prevenzione Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 Vaccinazioni e screening

25 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense Area di Staff Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 Uffici di Staff -Sala riunioni -Sede Associazioni del Volontariato

26 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense L’INTEGRAZIONE Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 IL Il SSN ha di fronte sfide che richiedono cambiamenti fondamentali alla modalità di erogazione delle cure. I cambiamenti demografici – nuovi bisogni di cura – nuove terapie – aumento della domanda – enormi pressioni sui budget – fanno si che al SSN sia richiesto un cambiamento di portata mai vista in precedenza. Ciò richiede che i professionisti apprendano la capacità di lavorare insieme con una vision condivisa. maggiore integrazione La CULTURA : il più importante fattore che influenza i comportamenti nei S.S. I Leaders I PROFESSIONISTI e i team lavorano insieme attraverso muri e divisioni.

27 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense L’INTEGRAZIONE – IL PERCORSO FORMATIVO Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 Il processo di costruzione delle Case della Salute, con il necessario cambiamento culturale dei professionisti delle Case della Salute( del quale la capacità di integrazione,di relazione del singolo è uno dei momenti principali), a sostegno della piena realizzazione del nuovo modello assistenziale, ha compreso ed è stato favorito da un percorso formativo rivolto ai professionisti, a partire da un gruppo di 9 facilitatori della struttura di San Secondo: il progetto di formazione integrata ha inteso accompagnare lo sviluppo organizzativo attraverso un percorso in grado di qualificare le competenze per la realizzazione dei percorsi.

28 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense L’INTEGRAZIONE Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 Il PERCORSO DI FORMAZIONE INTEGRATA PER COSTRUZIONE DELLE CdS ha inteso sviluppare le competenze manageriali e relazionali dei partecipanti -Sviluppo di competenze specifiche per la gestione dei percorsi integrati -Miglioramento qualitativo della programmazione integrata - Miglioramento delle competenze relazionali nell’ambito dell’integrazione professionale. -Sviluppo di capacità di confronto professionale -Sviluppo dell’accoglienza come presa in carico e relazione sistemica tra operatori,utenti e rete non professionale.

29 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense L’INTEGRAZIONE Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 IL LAVORARE NELLA CASA DELLA SALUTE : numerose opportunità di integrazione La Casa della salute è di per se una rete che attraversa le discipline ed i settori: le diverse tipologie di integrazione evidenziano come i professionisti siano connessi all’interno di questa rete.

30 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense L’INTEGRAZIONE Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 TIPOLOGIE di INTEGRAZIONE 1.INTEGRAZIONE MULTIPROFESSIONALE A) Board della CdS – 4 componenti – ruoli chiave : Direttore Struttura Coordinatore Med NCP Responsabile Inf NCP Responsabile Percorsi Amb condivisione di conoscenze,informazioni,strategie,monitoraggio lavori in corso; allargabile ad altri professionisti su specifici temi.(WIKI) B) Riunioni attività formative CdS-rappresentati tutti prof della CdS: Med di org, MMG,Med Spec,Inf,CM,Coordinatori,FT,OSS,Cittadini, per la preparazione dell’evento formativo, individuano temi di interesse comune e organizzano e gestiscono insieme l’intero percorso formativo in un continuo confronto tra pari C) Incontri multiprofessionali di Equipe di OdC-RE-LA : tutto il Team settimanali, tematiche clinico-assistenziali,pianificazione dimissioni; stimolano e sviluppano la condivisione delle conoscenze e le capacità professionali di tutti gli operatori e migliorano le relazioni.

31 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense L’INTEGRAZIONE Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 D) TE DEL GIOVEDI : incontri mensili del Team della CdS e di Med Spec,operatori volontariato con la popolazione, incontri mensili dove si sviluppa fiducia, si trasferiscono conoscenze e ci si relaziona con le persone della comunità. 2. INTEGRAZIONE PROFESSIONISTI-PAZIENTI A) riunioni, momenti di incontro strutturati tra i professionisti e pazienti nel contesto della relazione proattiva che è marker dei percorsi di gestione integrata delle malattie croniche BPCO-DM. Attività finalizzate alla creazione di pazienti esperti in grado di autogestire la propria malattia. B) TE DEL GIOVEDI 3. INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA A) UVG: l’integrazione con i servizi sociali presente nel contesto dell’UVG e dei percorsi di dimissione, ha ampi margini di sviluppo. 4. INTEGRAZIONE PROFESSIONISTI DELLE CP CON ALTRI PROFESSIONISTI A) relazioni/incontri tra il team delle aree di degenza (OdC) e il team ADI. Il MMG svolge un ruolo centrale all’interno di entrambi i team.

32 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense L’INTEGRAZIONE Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 B) riunioni di nucleo (NCP) dei MMG allargate al Responsabile Infermieristico del NCP e al Direttore della struttura; riunioni bimestrali, verifica attività CdS, andamento vs programmazione, attività della CdS. Tematiche emergenti. 5. INTEGRAZIONE PROFESSIONISTI della CdS e MED SPECIALISTI OSPEDALIERI A) si verifica all’interno di attività di gestione di processi di Dis.Management (BPCO) tra MMG,Inf,FT e Med Pneumologo: incontri strutturati per attività formative e criticità emergenti. B) Briefing medici in OdC e altre sezioni di degenza, tra MMG e SPECIALISTI INTERNISTI, CARDIOLOGI E FISIATRI della CdS. Incontri ( 3 spazi dedicati/settimana) tra medici, organizzati per rispondere a specifici problemi clinici che nascono dalla gestione dei pazienti ricoverati in OdC. 6. INTEGRAZIONE CON IL VOLONTARIATO A) TE DEL GIOVEDI

33 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense L’INTEGRAZIONE Bruno Bocchi Brescia 24 giugno INTEGRAZIONE CON I COMUNI A) ha portato a pensare al Taxi sociale per favorire l’accesso ai servizi da parte delle persone fragili. B) Palestra attività fisica dolce per anziani e percorsi cammino ( Stili di Vita) 8. INTEGRAZIONE CON LA COMUNITA’ A) TE DEL GIOVEDI L’integrazione con la Comunità si realizza quando la comunità interagisce con il team della CdS per promuovere nuove attività dei servizi sanitari : riunioni con gruppi del volontariato per acquisire nuove risorse tecnologiche(Amici del cuore) e il team collabora attivamente alla promozione delle iniziative associazione. B) Riunioni con rappresentanti della comunità, propedeutiche a specifiche iniziative: CORSO SULLA VIOLENZA SULLE DONNE: incontri tra il team della CdS, esperti ausl e cittadini rappresentativi della comunità per avviare l’iniziativa.

34 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense L’INTEGRAZIONE Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 Le CdS forniscono l’evidenza di lavoro integrato che coinvolge numerose professionalità mediche, professionisti sanitari tecnici, operatori amministrativi, rappresentanti della società civile, volontariato,comunità locali. Il lavoro integrato è una esigenza del lavorare nella CdS e riguarda una moltitudine di attività che spaziano dalla promozione della salute, alla formazione dei professionisti della CdS, alla gestione e al trattamento dei pazienti affetti dalle principali m.croniche, alla lettura dei bisogni del territorio e della comunità di riferimento. Promuovere il lavoro integrato è imperativo Ma è anche individuare outcome misurabili dei livelli di integrazione

35 Percorso per la gestione del paziente con BPCO nella Casa della Salute di San Secondo ( B.Bocchi ) SANITA’ E ASSISTENZA prendersicura delle persone e di tutti i loro bisogni – integrazione – relazione – presa in cura Brescia 24 giugno 2014 Formazione continua malattie cronico-degenerative per gli operatori della Casa della Salute preposti alla gestione dei percorsi Prevenzione Primaria e Secondaria Screening Diagnosi Malattia Cronica Stabile Trattamento Riacutizzazione Trattamento Cure Palliative Self Care ottimale e Qualità della vita Trattamento della Malattia Cronica Servizio di Riabilitazione Respiratoria Gestione Domiciliare O2 e Ventiloterapia BPCO riacutizzata/scom pensata assistenza e terapia Dimissione protetta Cure per Advance Disease ADI OdC Osp per Acuti Visita pneumologica La CASA DELLA SALUTE di San Secondo P.se La gestione delle malattie croniche nella CASA DELLA SALUTE di San Secondo P.se

36 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 grazie per l’attenzione

37 SANITA’ E ASSISTENZA prendersi cura delle persone e di tutti i loro bisogni integrazione – relazione – presa in cura la CASA della SALUTE di San Secondo Parmense L’INTEGRAZIONE Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014

38

39

40 SANITA’ E ASSISTENZA PRENDERSI CURA DELLE PERSONE E DI TUTTI I LORO BISOGNI INTEGRAZIONE-RELAZIONE -PRESA IN CURA L’esperienza della Casa della Salute di San Secondo Il SSN ha di fronte sfide che richiedono cambiamenti fondamentali alla modalità di erogazione delle cure. I cambiamenti demografici – nuovi bisogni di cura – nuove terapie – aumento della domanda – enormi pressioni sui budget – fanno si che al SSN sia richiesto un adattamento di portata mai vista in precedenza. Ciò richiede che i Leaders (professionisti) apprendano la capacità di lavorare insieme con una vision condivisa di fornire cure sempre migliori, di alta qualità, ed umanità. Ciò significa maggiore integrazione tra i professionisti, tra sociale e sanitario e in molti casi il coinvolgimento di altri attori(x educazione, tempo libero,etc…). Al minimo, i professionisti dovranno garantire attività e sforzi condivisi,comuni, x assicurare ai pazienti cure integrate,coerenti,condivise anziché frammentate,contradditorie e confuse.. Quindi, come possono le organizzazioni dare forma(determinare,influenzare)alla loro cultura di cura? Il + importante fattore che influenza i comportamenti nei SS è la CULTURA,” il modo in cui noi facciamo le cose”, e la + importante influenza sulla cultura l’hanno i LEADERS (professionisti) del SS: quello su cui si focalizzano, monitorano, fanno, da forma alla cultura; ogni interazione da parte di ogni leader da forma alla cultura dell’organizzazione. I BOARD devono individuare la strategia x sviluppare la cultura, e ciò significa individuare il n° di leaders in ogni area, garantendo che leadership rifletta le diversità dello staff e della comunità locale e individuando abilità,competenze e conoscenza, richiedono di raggiungere una visione organizzativa,:x es) migliorando empatia, coinvolgimento e axtura dello staff. La LEADERSHIP COLLETTIVA è la Leadership che ha x priorità la L di tutti, è la L in cui tutti hanno la responsabilità di garantire al paz curedi alta qualità, : x es)prendendo posizione quando vedono comportamenti non sicuri o inappropriati. Significa che i L e i team lavorano insieme atraverso i confini, dentro e fuori i servizi.nell’interesse della cura del paz e della comunità.Ciò richiede di vedere la L come responsabilità di tutti, ognuno con una expertise prende responsabilità quando appropriato. I BOARD devono prendersi la responsabilità di consultare tutto lo staff e gli stakeolders(paz e comunità) x creare una cultura di L.In qs tempi che cambiano è l’ideale. Bruno Bocchi Brescia/ 24/giugno/2014

41 Che cos’è la CULTURA e xchè la giusta Cultura nelle organizzazioni sanitarie sta diventando così importante x migliorare lea cura. Cultura è il modo con cui facciamo le cose qui intorno. E’ il set di assunzioni condivise, prese a garanzia, implicite,che hanno i membri di un’organizzazione e che determina il modo in cui xcepiscono pensano e reagiscono alle cose. Essa può essere osservata in molti aspetti della vita organizzativa, come nel modo in cui lo staff parla dei o con i pazienti, e da come essi parlano insieme.Una cultura organizzativa riflette quello che x lei vale: qualità sicurezza produttività sopravvivenza potere umanità empatia.La CULTURA rappresenta il + potente set di influenze sul comportamento nelle organizzazioni., cosi se vogliamo migliorare le cure, dobbiamo crcare di sviluppare e promuovere appropriate culture. 5 componenti chiave della cultura:1-una vision focalizzata su alta qualità, empatia, centralità paz, che influenzi i comportamenti dal BOARD alla base.2- traduzione della vision in obiettivi chiari e misurabili(priorità, x ogni gruppo o individuo della CdS, 3-una gesione illuminata delle xsone attraverso una elevata condivisione con lo staff x mezzo di pratiche positive che rinforzano la cultura. 4- focus continuo sul miglioramento della qualità, 5- integrazione tra tutti gli oxatori e lavoro in team con obiettivi chiari nell’interesse del paziente. I BOARD devono assicurare ci sia dialogo e pianificazione all’interno dell’organizzazione x una LC. Tutti quelli che hanno expertise nell’organizzazione devono sentirsi attivati x guidare, essere proattivi, e innovare x erogare migliori cure ai paz. SANITA’ E ASSISTENZA PRENDERSI CURA DELLE PERSONE E DI TUTTI I LORO BISOGNI INTEGRAZIONE-RELAZIONE -PRESA IN CURA L’esperienza della Casa della Salute di San Secondo

42 CHRONIC CARE MODEL -Ridefinisce l’approccio alle malattie croniche: approccio reattivo proattivo -Approccio sistemico alle malattie croniche -6 AREE DI INTERVENTO per migliorare l’assistenza ai pazienti con malattie croniche A. Le organizzazioni sanitarie B. L’organizzazione del team C. Le risorse della comunità D. Il supporto alle decisioni E. Il supporto all’autocura F. I sistemi informativi -Le 6 aree di intervento sono interdipendenti - OBIETTIVO FINALE un paziente informato / attivato che interagisce con un team preparato e proattivo

43 SANITA’ E ASSISTENZA PRENDERSI CURA DELLE PERSONE E DI TUTTI I LORO BISOGNI INTEGRAZIONE-RELAZIONE -PRESA IN CURA L’esperienza della Casa della Salute di San Secondo EXPANDED CHRONIC CARE MODEL - Aspetti clinici integrati da quelli di sanità pubblica: PREVENZIONE PRIMARIA COLLETTIVA - ATTENZIONE AI DETERMINANTI DI SALUTE - Elementi aggiuntivi del Modello Allargato: POLITICHE PER MIGLIORARE LA SALUTE - CREARE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO SICURE LAVORARE CON GRUPPI COMUNITARI - SIT. INFORMATIVI, NO SOLO ESITI CLINICI

44

45 SANITA’ E ASSISTENZA PRENDERSI CURA DELLE PERSONE E DI TUTTI I LORO BISOGNI INTEGRAZIONE-RELAZIONE -PRESA IN CURA L’esperienza della Casa della Salute di San Secondo Il modello Casa della Salute di San Secondo: persona (patient experience ) medico di riferimento team assistenziale interprofessionale Per una ASSISTENZA INTEGRATA

46 SANITA’ E ASSISTENZA PRENDERSI CURA DELLE PERSONE E DI TUTTI I LORO BISOGNI INTEGRAZIONE-RELAZIONE -PRESA IN CURA L’esperienza della Casa della Salute di San Secondo INTEGRAZIONE 3 Modelli di rete su un continuum che spazia: da un livello di integrazione molto basso (linkage, il modello organizzativo più vicino al tradizionale modo di operare del sistema socio-assistenziale): i professionisti svolgono le loro funzioni in isolamento sostanziale, tuttavia collegamenti con altre organizzazioni. Disponibilità informazioni necessarie ad orientare verso il servizio più apprpriato il paziente in caso di degenerazione del quadro. coordinamento: forma di integrazione più strutturata. Prevede il coordinamento tra strutture autonome e si basa sulla definizione di meccanismi per la gestione del mandato di cura tra i settings e per la condivisione dell’informazione. piena integrazione per gruppi con bisogni estremamente complessi - integrazione totale delle responsabilità.

47 SANITA’ E ASSISTENZA PRENDERSI CURA DELLE PERSONE E DI TUTTI I LORO BISOGNI INTEGRAZIONE-RELAZIONE -PRESA IN CURA L’esperienza della Casa della Salute di San Secondo INTEGRAZIONE -Da centralità alla multidimensionalità dei bisogni sanitari - deve essere funzionale agli effettivi bisogni ( del paziente, della comunità, preferenze, valori sociali) -Fine di garantire un certo livello di partecipazione comune. - deve realizzare la collaborazione tra diverse culture professionali nella gestione dei percorsi, attraverso l’unitarietà di protocolli degli interventi -Deve favorire relazioni che aiutano a creare un ponte tra contatti discontinui ( tra professio- nisti, paziente e professionista) ??? -Deve permettere la comunicazione tra i soggetti professionali che afferiscono ai diversi settings assistenziali nel percorso di cura del paziente (trasferimento delle informazioni del paziente, continuità informativa) ???

48 SANITA’ E ASSISTENZA PRENDERSI CURA DELLE PERSONE E DI TUTTI I LORO BISOGNI INTEGRAZIONE-RELAZIONE -PRESA IN CURA L’esperienza della Casa della Salute di San Secondo


Scaricare ppt "Bruno Bocchi Brescia 24 giugno 2014 SANITA’ E ASSISTENZA PRENDERSI CURA DELLE PERSONE E DI TUTTI I LORO BISOGNI INTEGRAZIONE-RELAZIONE -PRESA IN CURA L’esperienza."

Presentazioni simili


Annunci Google