La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

"L’internazionalizzazione delle imprese" Flavio Burlizzi 25 settembre 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: ""L’internazionalizzazione delle imprese" Flavio Burlizzi 25 settembre 2013."— Transcript della presentazione:

1 "L’internazionalizzazione delle imprese" Flavio Burlizzi 25 settembre 2013

2 L’attuale programmazione : una panoramica degli aiuti verso i Paesi terzi Esigenze di: Semplificazione aiuti Maggiore efficacia aiuti Maggiore visibilita aiuti 55 miliardi destinati nell’attuale programmazione (ca. 7% budget totale) Ad essi vanno affiancati: 22,682 miliardi di Euro previsti nell’ambito del X FES 27,8 miliardi di Euro concessi sotto forma di prestiti dalla BEI

3 La programmazione degli aiuti Strategy Papers generali che coprono il periodo , p.e. Country Strategy Papers (CSPs) o Regional Strategy Papers (RSPs), per African, Caribbean and Pacific countries (ACP) e altri Paesi extra UE con Regional Strategy Papers. Multiannual Indicative Programmes (MIP): Programmi più dettagliati che coprono il periodo e attualmente , p.e. National Indicative Programmes (NIP) and Regional indicative Programmes (RIP). Puntuali Annual Action Programmes(AAP) per ogni anno del periodo di programmazione.

4 QFP totale (aggiornato a stime ) Totale budget: 955 miliardi

5 Gli aiuti verso i Paesi terzi nella programmazione Esigenze di: Maggiore attenzione a diritti civili e good governance Maggiore ruolo delle delegazioni della UE nei Paesi Principio della « differenziazione » € miliardi previsti nell’attuale budget (da approvare, ca 7% budget)

6 I Programmi : Development Cooperation Instrument (DCI) 23,295 milioni Euro European Development Fund (EDF). 34,276 milioni Euro (esterno a budget ) Instrument for Greenland 219 milioni Euro

7 I Programmi (2): l’IPA (Instrument for pre-accession assistance) €14,110 milioni l’ENI (European Neighbourhood Instrument) €18,182 milioni

8 I Programmi (3): European Instrument for Democratization and Human Rights (EIDHR) 1,578 milioni Instrument for Stability 2,289 milioni NUOVO Partnership Instrument 1,131 milioni

9 Il nuovo Partnership Instrument Vocazione globale e rivolto ai partner strategici della UE: Cina, India, Giappone, Sudafrica, Brasile, Messico Coordinato dal Servizio europeo per l’azione esterna Complementarietà con altri strumenti quali DCI, ENI e altri Focus su sicurezza energetica, ambiente, educazione e innovazione

10 Il budget per l’azione esterna: il totale

11 Il budget per l’azione esterna: un confronto

12 Gli attori coinvolti nella programmazione: A livello comunitario, un ruolo sempre più importante è giocato dalle delegazioni della Commissione europea nei Paesi beneficiari. A partire dal 2000 infatti, attraverso il cosiddetto processo di deconcentrazione dell’aiuto esterno comunitario e la creazione del Servizio europeo per l’azione esterna nel 2009, esse si sono viste attribuire competenze pregnanti in materia di programmazione e di gestione dei progetti di assistenza. Le delegazioni si avvalgono della collaborazione di esperti in materia di identificazione, monitoraggio e valutazione dei progetti.

13 Gli attori coinvolti nella programmazione (2): Gestione centralizzata: i dipartimenti e le delegazioni della Commissione Europea effettuano una serie di adempimenti di carattere finanziario, come la preparazione e la pubblicazione dei bandi di gara, la pubblicazione dei risultati e la conclusione dei contratti Centralizzata diretta: in questo caso tali adempimenti sono devoluti ad agenzie esecutive dell’UE Decentrata: affidati alle autorità del Paese terzo beneficiario, che possono a loro volta delegarli agli stessi organismi nazionali o internazionali appena citati.

14 Gli attori coinvolti nella programmazione (3): Congiunta e concorrente: La gestione congiunta ha luogo, attraverso altre organizzazioni internazionali attive in materia di cooperazione (ad esempio, le Agenzie delle Nazioni Unite). Gestione Blending: Uso di fondi per aumentare il volume degli aiuti allo sviluppo. Funziona tramite l’erogazione di prestiti direttamente alle banche locali del Paese beneficiario. Gestione Twinning: ideata originariamente per aiutare i Paesi candidati membri ad acquisire le nozioni e l’esperienza necessarie, oggi viene usata per implementare cooperazioni tra UE e Paesi beneficiari.

15 Modalità di attuazione aiuti Gare di appalto (calls for tenders) per assistenza tecnica, lavori e forniture; finanziate totalmente da fondi comunitari, sono tuttavia orientati ad esperti con un forte profilo tecnico. Una rassegna completa delle procedure di gara è disponibile sul sito dell’Ufficio di Cooperazione della Commissione (EuropeAid). Inviti alle proposte (calls for proposals). Gli inviti a presentare proposte si applicano per lo più (ma non esclusivamente) a progetti su scala regionale o agli interventi tematici in genere. Essi danno vita a sovvenzioni (o grants in senso stretto) per la realizzazione del progetto proposto.

16 Modalità di attuazione aiuti (2) Contributi diretti in bilancio. I contributi diretti al bilancio del Paese beneficiario normalmente non fanno sorgere opportunità rilevanti per gli operatori europei. Il contributo, infatti, può dar vita a procedure di gara rette esclusivamente dal diritto locale: circostanza, questa, che nella maggioranza dei casi va a beneficio soprattutto degli operatori locali. Gemellaggi istituzionali. Si tratta di una forma di assistenza tecnica che è stata avviata ormai da anni per i Paesi in preadesione e che oggi è attuabile in tutti i programmi geografici.

17 Gli European Business Centers (1) Unione Europea Paese terzo Eurochambres + altre federazioni europee EU Business Centre Istituzioni degli stati Membri (cc bilaterali, agenzie di promozione al commercio) European Chamber Network, Federazioni, EEN PMI europee Commissione Europea Parlamento Europeo Delegazione UE DomandaOfferta

18 Gli European Business Centers (2) Centri già operativi: India: European Business and Technology Centre (EBTC) – dal 2008 Cina: Centro EU PMI – dal 2010 Thailandia: EU-ASEAN Business Centre – dal 2011 Centri di prossima apertura: Indonesia Malesia Filippine Vietnam

19 Gli European Business Centers (3)

20 Programmi regionali coordinati da Eurochambres Al-Invest In chiusura East Invest Possibile rifinanziamento InvestMed Recente lancio della fase 2

21 Programma tematico « Non state actors and local authorities » Budget di 702 milioni di Euro Co-finanziamento nell’area dello sviluppo Programma a forte connotazione trasversale e orizzontale Attività coordinate e implementate dalle delegazioni UE per i singoli Paesi e da Euroaid per attività a carattere multinazionale e intracomunitario

22 Grazie per l’attenzione! Per ulteriori informazioni: Flavio Burlizzi Tel: +32 (0) sistemacamerale.eu


Scaricare ppt ""L’internazionalizzazione delle imprese" Flavio Burlizzi 25 settembre 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google