La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

REFERENDUM 25 e 26 GIUGNO 2006 I cittadini controlleranno di più i politici, che dovranno essere necessariamente più responsabili. Le Regioni potranno.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "REFERENDUM 25 e 26 GIUGNO 2006 I cittadini controlleranno di più i politici, che dovranno essere necessariamente più responsabili. Le Regioni potranno."— Transcript della presentazione:

1

2 REFERENDUM 25 e 26 GIUGNO 2006 I cittadini controlleranno di più i politici, che dovranno essere necessariamente più responsabili. Le Regioni potranno decidere e legiferare su sanità, polizia regionale e istruzione, con migliori prestazioni per i cittadini e meno sprechi, più trasparenza e più efficienza. Devoluzione: Valorizziamo le tipicità regionali

3 REFERENDUM 25 e 26 GIUGNO 2006 Tanti soldi risparmiati con il 20% in meno di Parlamentari! Diminuisce il numero dei Parlamentari: 518 alla Camera invece di al Senato Federale invece di 315. Si avranno così meno spese e più funzionalità. 20% in Meno di Parlamentari

4 REFERENDUM 25 e 26 GIUGNO 2006 Basteranno 21 anni per essere eletti alla Camera e 25 anni per essere eletti al Senato Federale. Non avremo più una classe politica di dinosauri politici, ma persone più giovani in grado di guidare il Paese verso il futuro. Parlamentari più Giovani

5 REFERENDUM 25 e 26 GIUGNO 2006 Finalmente si saprà chi fa che cosa. La Camera deciderà sulle materie attribuite allo Stato, mentre il Senato federale traccerà i principi sulle materie che interessano direttamente le Regioni. Si avranno leggi realizzate in tempi più brevi, fatte meglio e con minori costi per i cittadini. Fine del Bicameralismo Perfetto

6 REFERENDUM 25 e 26 GIUGNO 2006 E' l'Assemblea che rappresenta le Regioni. I Senatori sarano eletti contestualmente ai Consigli Regionali. Cos’è il Senato Federale?

7 REFERENDUM 25 e 26 GIUGNO 2006 La Devoluzione semplificherà i rapporti tra Enti Locali e Stato, consentirà di ridurre le ingenti spese della Burocrazia Statale, semplificando la vita del cittadino e riducendo le Tasse. Più Federalismo significa avvicinare il potere nelle mani dei cittadini, quindi maggiore controllo dei cittadini su chi governa, che sarà tenuto ad una maggiore responsabilità Uno Stato più Moderno ed Efficiente con Meno Burocrazia e Meno Tasse

8 REFERENDUM 25 e 26 GIUGNO 2006 La Riforma è il primo passo verso l'attuazione del FEDERALISMO FISCALE: la maggior parte delle Tasse restano nella Regione dove sono state pagate. E' dimostrato che il Federalismo innalza il livello di vita degli Stati che lo adottano, quindi anche le Regioni oggi più svantaggiate, potranno finalmente svilupparsi e diventare ricche a loro volta. Il controllo diretto dei cittadini sull'operato dei politici locali consentirà una spesa più responsabile atta al vero sviluppo del territorio. Federalismo Fiscale: rimangono i soldi per lo Sviluppo del territorio

9 REFERENDUM 25 e 26 GIUGNO 2006 I Paesi federalisti sono quelli più moderni e progrediti e che stanno meglio degli altri. Svizzera e Stati Uniti sono le più grandi e stabili democrazie del mondo proprio perché sono repubbliche Federali. Al mondo il Federalismo è il modello vincente. Il 40% della popolazione mondiale ha già scelto il federalismo come forma di governo. Il 40% della popolazione mondiale ha già scelto il federalismo come forma di governo

10 REFERENDUM 25 e 26 GIUGNO 2006 La Riforma realizza pienamente lo spirito della Costituzione, attuando l'articolo 5 della Prima parte della Costituzione, dove si indicano i Principi Fondamentali della Repubblica che "riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell'autonomia e del decentramento". La Riforma tocca SOLO l'assetto organizzativo della Repubblica (Seconda Parte della Costituzione) e NON i Valori (che invece sono scritti nella Prima Parte della Costituzione). La Devoluzione attua lo spirito della Costituzione Repubblicana

11 REFERENDUM 25 e 26 GIUGNO 2006 Solo con il Federalismo vi sarà unità nella diversità. Infatti il decentramento dello Stato unitario consentirà di mantenere un legame tra Comunità Locali che, in assenza di un'organizzazione federale, troverebbero insopportabile il vincolo unitario. La Devoluzione permetterà di valorizzare e promuovere meglio il patrimonio delle Culture Locali. Il Federalismo coniuga l´Unità nella Diversità

12 REFERENDUM 25 e 26 GIUGNO 2006 La Devoluzione avvicinerà il potere ai cittadini rendendoci finalmente una Democrazia compiuta, più seria, più responsabile e quindi più libera. Il Federalismo è Libertà. Il Federalismo non esclude nessuno e non porta via diritti a nessuno, anzi il Federalismo è un'organizzazione della Repubblica che riconosce tutti i diritti naturali degli individui ed in più anche quelli dei popoli e delle Comunità Locali. Sì alla Riforma per avere più Democrazia e Libertà

13 REFERENDUM 25 e 26 GIUGNO 2006 Maggiori informazioni su:


Scaricare ppt "REFERENDUM 25 e 26 GIUGNO 2006 I cittadini controlleranno di più i politici, che dovranno essere necessariamente più responsabili. Le Regioni potranno."

Presentazioni simili


Annunci Google