La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Rita Le Donne UOC Pneumologia Ospedale S.Camillo De Lellis Rieti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Rita Le Donne UOC Pneumologia Ospedale S.Camillo De Lellis Rieti."— Transcript della presentazione:

1 Rita Le Donne UOC Pneumologia Ospedale S.Camillo De Lellis Rieti

2

3

4

5

6 COSTI DELLA BPCO in Italia Miravitlles M. et al. Chest 2003; 123(3): Fonte: Dal Negro RW et al. Respir Med. 2008; 102:92-110

7  Propone una serie di cambiamenti a livello dei sistemi sanitari utili a favorire il miglioramento della condizione dei malati cronici e suggerisce un approccio “proattivo ” tra il personale sanitario ed i pazienti stessi, con questi ultimi che diventano parte integrante del processo assistenziale. Esso si muove sulle sei seguenti direttive: Le risorse della comunità Le risorse della comunità Le organizzazioni sanitarie Le organizzazioni sanitarie Il supporto all’auto-cura Il supporto all’auto-cura L’organizzazione del team L’organizzazione del team Il supporto alle decisioni Il supporto alle decisioni I sistemi informativi I sistemi informativi

8  Kaiser Permanente ha integrato il modello di Wagner con una particolare attenzione alla stratificazione del rischio e una differenziazione delle strategie d’intervento in relazione ai differenti livelli di rischio

9  “La telemedicina è la prestazione di servizi di assistenza sanitaria, tramite il ricorso alle tecnologie dell’informazione e delle telecomunicazioni (TIC), in situazioni in cui il professionista della salute ed il paziente (o due professionisti) non si trovano nella stessa località. Essa comporta la trasmissione sicura di informazioni e dati di carattere medico grazie a testi, suoni, immagini o altre forme necessarie per la prevenzione, la diagnosi, il trattamento ed il successivo controllo dei pazienti”

10

11  La TELESALUTE può migliorare la qualità della vita dei pazienti cronici attraverso soluzioni di auto-gestione e monitoraggio remoto, anche ai fini di una deospedalizzazione precoce.  "La telemedicina non sostituisce la prestazione sanitaria tradizionale nel rapporto personale medico-paziente, ma la integra per potenzialmente migliorare efficacia, efficienza e appropriatezza"

12  Conflitto tra i partecipanti e ridotto livello di interazione umana (J Telemed Telecare 2009 Jun;15(7): )  Passaggio di compiti e responsabilità ad altre professioni sanitarie  Diffidenza e scarso coordinamento con i MMG  Difficoltà da parte del paziente e dei familiari nella comprensione dell’utilizzo del sistema e delle sue finalità  Tariffazione  Governo clinico e problematiche medico-legali  Sicurezza e riservatezza dei dati dei pazienti  Responsabilità e potenziali obblighi dei professionisti della salute  Protocolli e valutazione del rischio clinico

13  Organizzazione  Informazione e formazione  Integrazione nel SSN  Remunerazione e valutazione economica  Indicatori di performance  Aspetti etici e regolatori

14 Costi Gruppo Telemedicina (in sterline) Gruppo trattamento standard (in sterline) Costi totali per cure sociali e sanitarie Costi totali per cure sociali e sanitarie + costi diretti CONCLUSIONI: Il guadagno QALY da parte dei pazienti con telemedicina in aggiunta alle cure tradizionali è simile a quello di pazienti che ricevono le sole cure tradizionali, ed i costi totali associati con l'intervento di telemedicina sono più elevati. La Telemedicina non sembra essere un'aggiunta conveniente alla gestione ed al trattamento standard.

15  PROGETTO NEXES (Spagna, Norvegia, Grecia): pazienti ,00 Euro pazienti ,00 Euro  PROGETTO REWENING HEALTH (Danimarca, Norvegia, Svezia, Grecia, Germania, Austria, Finlandia, Spagna ed Italia) pazienti ,00 Euro pazienti ,00 Euro Veneto come capofila con pazienti Veneto come capofila con pazienti

16

17

18  Nel contesto del servizio sanitario nazionale e in modo più estensivo nell’assistenza alla persona, si sta assistendo ad una significativa evoluzione delle componenti organizzativo-assistenziali conseguenti all'oggettivo manifestarsi di alcuni fenomeni, legati in particolare, all'aumento dell'età media, della popolazione con fragilità e malattie cronico-degenerative, a cui si associa la costante e profonda evoluzione scientifica e tecnologica.  Aree professionali: Area cure primarie - infermiere comunità-famiglia; Area cure primarie - infermiere comunità-famiglia; Area intensiva e dell’emergenza urgenza; Area intensiva e dell’emergenza urgenza; Area medica; Area medica; Area chirurgica; Area chirurgica; Area neonatologica e pediatrica; Area neonatologica e pediatrica; Area salute mentale e dipendenze Area salute mentale e dipendenze

19 PROVINCIA DI RIETI (2012)  Indice di vecchiaia (rapporto percentuale tra il numero degli ultrassessantacinquenni ed il numero dei giovani fino ai 14 anni) 192  Indice di dipendenza strutturale (popolazione a carico ogni 100 che lavorano) 55

20

21 Progetto “Telenursing” e “Telemonitoraggio” – AUSL Rieti Presa in carico Gestione in “Telenursing” e “Telemonitoraggio”

22 Criteri di inclusione “non autosufficienza e/o problematiche legate a fragilità clinica o sociale in paziente affetto da insufficienza respiratoria cronica” Pazienti in ossigenoterapia a lungo termine (OTLT)Pazienti in ossigenoterapia a lungo termine (OTLT) Pazienti in ventilazione meccanica domiciliare (VMD)Pazienti in ventilazione meccanica domiciliare (VMD) Progetto “Telenursing” e “Telemonitoraggio” – AUSL Rieti

23 TEOX PRO  Registratore digitale multi-parametrico che permette di registrare e memorizzare numerosi dati di interesse clinico. Per il presente percorso vengono utilizzati: saturazione ossiemoglobinica e frequenza cardiaca ottenuti tramite pulsossimetrosaturazione ossiemoglobinica e frequenza cardiaca ottenuti tramite pulsossimetro parametri di ventilazione ottenuti tramite sensore di flusso dal ventilatore in uso dal pazienteparametri di ventilazione ottenuti tramite sensore di flusso dal ventilatore in uso dal paziente livello di ossigeno liquido nell’unità di base in utilizzo dal paziente.livello di ossigeno liquido nell’unità di base in utilizzo dal paziente.  La trasmissione dei dati può avvenire tramite linea telefonica e/o connessione internet sia in modalità automatica sia manuale (a richiesta dell’operatore o del paziente).  Il sistema di visualizzazione tramite web browser permette di consultare i dati da qualsiasi postazione dotata di accesso alla rete internet con password personale.

24 “telenursing” e “telemonitoraggio” Da Luglio 2009 sono stati assistiti 73 pazienti (34 M, 39 F) – età media 71 +/- 13 aaDa Luglio 2009 sono stati assistiti 73 pazienti (34 M, 39 F) – età media 71 +/- 13 aa 63 in ossigenoterapia a lungo termine63 in ossigenoterapia a lungo termine 48 in ventilazione meccanica domiciliare (VMD), di cui 14 (29,2%) per via tracheostomica48 in ventilazione meccanica domiciliare (VMD), di cui 14 (29,2%) per via tracheostomica patologiaM/F Età media (anni) Media giorni di telemonitorag gio BPCO17/ Gabbia toracica2/ Fibrosi1/ Disturbi respiratori del sonno 3/ Sindrome da ipoventilazione obesità 0/ Overlap syndrome 2/ Scompenso cardiaco cronico 1/ Neuromuscolare1/ SLA7/ totali 34/

25 Durante il periodo di osservazione 9 pazienti (12,3%) hanno abbandonato il progetto e 30 (41,1%) sono deceduti, con una mortalità più elevata tra i pazienti affetti da insufficienza respiratoria cronica secondaria a BPCO (73,7%). Deceduti (correlazione età – tempo di monitoraggio)Deceduti (correlazione età – tempo di monitoraggio) 46,7%

26 Analisi Costo/Beneficio (ACB) 51 pazienti, 8 hanno sospeso O2 durante monitoraggio (tutti in VMD) (15,7%)  COSTI DEL SERVIZIO (apparecchiature + fornitura O2): 5,93 Euro/paz/die Euro/paz/anno2.164 Euro/paz/anno Euro/anno Euro/anno  RISPARMI PER O2 LIQUIDO (valutati con prezzo di rimborso SSN alle farmacie): O2 liquido da l/paz/die a l/paz/die: da Euro/anno a Euro/anno, con un risparmio di Euro/anno (864 Euro/paz/anno)da Euro/anno a Euro/anno, con un risparmio di Euro/anno (864 Euro/paz/anno)

27 Variazione utilizzo O2 liquido p=0,04 p=0,04 p=0,07 p=0,26

28 Analisi Costo/Beneficio (ACB) Variazioni giorni di ricovero p=0,19 p=0.01 p=0.05 p=0.25  Media dei giorni di ricovero a causa della patologia di base/paziente/anno da 20,23 giorni a 9,87 giorni: da euro/paziente/anno a euro/paziente/anno con un risparmio di Euro/paziente/anno (50%)da euro/paziente/anno a euro/paziente/anno con un risparmio di Euro/paziente/anno (50%)

29 A.A. 29 aa, M - grave sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS) in obesità patologica + O2 8 l/min(IPAP max 23 cmH2O IPAP min 18 cmH2O – EPAP 13 cmH2O – FR 12 atti/min – AVAPS 600 ml) + O2 8 l/min in maschera oro-nasale ODI 81,9, SaO2 media 89%, TST<90% 37,5%ODI 81,9, SaO2 media 89%, TST<90% 37,5% + O2 1,5 l/min(IPAP max 28 cmH2O IPAP min 18 cmH2O – EPAP 14 cm H2O – FR 15 atti/min – AVAPS 700 ml) + O2 1,5 l/min in maschera nasale ODI 2,4, SaO2 media 97%, TST<90% 0ODI 2,4, SaO2 media 97%, TST<90% 0

30  “Il compito del marketing è trasformare le esigenze mutevoli delle persone in opportunità vantaggiose. Il suo scopo è creare valore proponendo soluzioni migliori, facendo risparmiare all'acquirente fatica e tempo per la ricerca e la transazione e offrendo alla comunità il più elevato benessere” (  “Il compito del marketing è trasformare le esigenze mutevoli delle persone in opportunità vantaggiose. Il suo scopo è creare valore proponendo soluzioni migliori, facendo risparmiare all'acquirente fatica e tempo per la ricerca e la transazione e offrendo alla comunità il più elevato benessere” (Philip Kotler, Il marketing dalla A alla Z, 2003)


Scaricare ppt "Rita Le Donne UOC Pneumologia Ospedale S.Camillo De Lellis Rieti."

Presentazioni simili


Annunci Google