La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTERSCAMBIO CON LA COREA DEL SUD: PROCEDURE E OPPORTUNITÁ

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTERSCAMBIO CON LA COREA DEL SUD: PROCEDURE E OPPORTUNITÁ"— Transcript della presentazione:

1 INTERSCAMBIO CON LA COREA DEL SUD: PROCEDURE E OPPORTUNITÁ
Riccardo Terzoli

2 AGENDA La quarta tigre d’Asia Le infrastrutture logistiche in Corea:
Aeroporti Porti Infrastrutture terrestri Piani di sviluppo infrastrutturale Le procedure per l’interscambio con la Corea Il Free Trade Agreement Lo status di esportatore autorizzato La Dogana coreana

3 LA QUARTA TIGRE D’ASIA Dal 15 agosto 1948 la Corea del Sud è una Repubblica presidenziale La sua capitale, Seoul, è la seconda metropoli più grande del mondo dopo Tokyo Quarta economia più grande d'Asia e la quindicesima nel mondo Dopo la Guerra Coreana il PIL pro capite era allo stesso livello dei più poveri paesi di Africa e Asia. Oggi il PIL pro capite sudcoreano è circa 20 volte quello della Corea del Nord e al più alto livello delle economie meno sviluppate dell'Unione Europea PIL reale: 3,6% nel 2011 Moneta: Won sudcoreano (1 EUR = 1.466,33 KRW) È molto sviluppata la tecnologia industriale, soprattutto grazie alle tre grandi aziende Samsung, LG e Hyunday

4 LA QUARTA TIGRE D’ASIA Il mercato coreano è considerato un mercato test per aziende globali: la popolazione è numerosa e il reddito molto diversificato dai beni di prima necessità a quelli di lusso i consumatori coreani sono ‘trend-conscious’, per cui accettano rapidamente la novità Alcuni esempi: Fonte: the Korea Chamber of Commerce

5 WHAT’S NEXT? Nel 2012 si attende una crescita del PIL del 5,7% (nominale) e del 3,3% (reale) Previsioni di crescita del PIL nominale della Corea rispetto agli altri Paesi OCSE Previsioni di crescita del PIL reale della Corea rispetto agli altri Paesi OCSE Fonte: OECD, dati previsionali

6 WHAT’S NEXT? Previsioni sull’andamento
del tasso di disoccupazione in Corea rispetto agli altri Paesi OCSE Previsioni sull’andamento del tasso di inflazione in Corea rispetto agli altri Paesi europei Fonte: OECD, dati previsionali

7 INTERSCAMBIO COMMERCIALE COREA-MONDO
Principali prodotti esportati: prodotti chimici autoveicoli, rimorchi e semirimorchi computer, prodotti di elettronica, ottica e apparecchiature elettromedicali 21° Principali paesi partner (export): Cina USA Giappone L’Italia è al ventunesimo posto Elaborazioni DGF su dati ICE, 2011 all year

8 INTERSCAMBIO COMMERCIALE COREA-MONDO
Principali prodotti importati: prodotti delle miniere e delle cave computer, prodotti di elettronica, ottica e apparecchiature elettromedicali macchinari e apparecchiature 20° Principali paesi partner (import): Cina USA Giappone L’Italia è al ventesimo posto Elaborazioni DGF su dati ICE, 2011 all year

9 INTERSCAMBIO ITALIA-COREA DEL SUD: EXPORT
Nei primi 7 mesi del 2012 rispetto al 2011 le esportazioni italiane verso la Corea sono aumentate del 22,3%, trainate da macchinari e apparecchiature e articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili Elaborazioni DGF su dati ICE, 2011 all year

10 INTERSCAMBIO ITALIA-COREA DEL SUD: IMPORT
Elaborazioni DGF su dati ICE, 2011 all year

11 PRINCIPALI PRODOTTI SCAMBIATI IT-KR - EXPORT
Elaborazioni DGF su dati ICE, 2011 all year

12 PRINCIPALI PRODOTTI SCAMBIATI IT-KR - IMPORT
Elaborazioni DGF su dati ICE, 2011 all year

13 INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI E TRASPORTO AEREO
Fonte: Incheon Airport (http://www.airport.kr/eng/) Logistics investment in Korea

14 INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI E TRASPORTO AEREO
Fonte: Logistics investment in Korea

15 PORTI E TRASPORTO MARITTIMO
Due porti principali: Busan e Incheon Busan è il quinto porto più grande al mondo: nel 2008 sono stati movimentati 13,5 milioni di TEUs, 14,2 milioni invece nel 2010 (l’80% del volume di container della Corea) Fonte: Logistics investment in Korea

16 PORTI E TRASPORTO MARITTIMO
PIANI DI SVILUPPO Progetto di espansione della struttura dal costo di 15 trilioni di KRW Obiettivo: rendere Busan principale hub logistico del nord Asia Costruzione dell’Incheon Port International Passenger Wharf, dato il crescente traffico sia cargo che di passeggeri tra Corea e Cina e per accogliere i Giochi Asiatici del 2014 Fonte: Logistics investment in Korea

17 INFRASTRUTTURE LOGISTICHE TERRESTRI: STRADE
Sono presenti circa 4.000 km di autostrade, gestite dalla Korea Expressway Corporation La rete nazionale di strade si estende per Km complessivi PIANI DI SVILUPPO Mantenimento e continua espansione della rete: un complesso di altre 13 strade è in costruzione Esportazione di tecnologie e know how al servizio di paesi in via di sviluppo (ad esempio: progetti conclusi nel 2011 ‘Feasibility Study of Lahore Bus Rapid Transit (BRT)’ in Pakistan e ‘EX-Post Evaluation of Road Project’ in Sri Lanka e Cambogia) Fonte: Korea Expressway Corporation (http://www.ex.co.kr/english/company/ceo/com_ceo.jsp)

18 INFRASTRUTTURE LOGISTICHE TERRESTRI: FERROVIE
Nuova era dal 2004 con i treni ad alta velocità KTX, creati in collaborazione con la Francia e il Giappone (sulla linea Gyeongbu) Korail's freight movimenta circa 46,81 milioni di tonnellate all’anno su una rete che si estende per Km PIANI DI SVILUPPO 10 progetti in embrione con l’obiettivo di costruire una rete ferroviaria per il trasporto cargo ad alta velocità, collegando i maggiori complessi industriali e i porti Obiettivo di espansione nel mercato Eurasiatico, ripristinando e rivitalizzando la Trans-Korean-Railway che connette la Corea con il corridoio Trans-Siberiano Fonte: Korail, Korea railroad (http://info.korail.com/2007/eng/eng_index.jsp);

19 ACCESSO AL MERCATO COREANO: IL FREE TRADE AGREEMENT CON L’UNIONE EUROPEA
In vigore dal 1° luglio 2011 Accordo innovativo dal punto di vista doganale: dichiarazione su fattura come unico elemento giustificativo dell’origine preferenziale  non utilizzo del certificato EUR1 le merci di origine preferenziale potranno beneficiare di un’esenzione e/o riduzione daziaria Procedura: per spedizioni inferiori a 6.000€  dichiarazione in fattura per spedizioni superiori a 6000€  necessario richiedere un’autorizzazione all’Ufficio delle Dogane, che conferirà lo «status di esportatore autorizzato» Senza l’autorizzazione è sempre possibile esportare in Corea del Sud, ma il cliente/importatore coreano non potrà beneficiare dei trattamenti daziari favorevoli Quanto sopra è valido anche per le importazioni dalla Corea del Sud

20 LO STATUS DI ESPORTATORE AUTORIZZATO
Per ottenere lo status di esportatore autorizzato occorre presentare una richiesta all’Agenzia delle Dogane competente per territorio La richiesta deve riportare: numero delle esportazioni verso la Corea del Sud realizzate negli ultimi tre anni (inserendo bollette doganali e relative fatture allegate a elenchi riepilogativi) Per chi non ha mai esportato in Corea del Sud, contratti o dichiarazioni d’intento che comprovino una prossima esportazione verso il Paese L’Ufficio delle Dogane effettuerà un’ispezione in azienda: verifica della conoscenza e del rispetto delle regole di origine preferenziale, le aziende dovranno esibire tutta la documentazione atta a certificare l’origine italiana o comunitaria delle merci La Dogana rilascerà un numero di autorizzazione che dovrà essere inserito nelle fatture di esportazione verso la Corea del Sud (a prescindere dal valore)

21 Automatic Acceptance (export)
LA DOGANA IN COREA South Korea's Electronic Customs Clearance System (UNI-PASS) La Corea del Sud utilizza il primo sistema al mondo al 100% elettronico per la gestione delle procedure doganali (sdoganamento import/export, pagamento dazi e duty refund), che consente anche la tracciatura di bonded cargo e la conferma di richieste particolari per l’import/export IMPORT CUSTOMS CLEARANCE In 10 minuti EXPORT CUSTOMS CLEARANCE In 2 minuti DUTY REFUND In 4 ore DUTY PAYMENT In 10 minuti Korea USA Canada Australia System UNI-PASS ACE ICS Paperless 100% % 95% 99% Automatic Acceptance (export) 99.60% 90% Measuring - Single Window Complete Preparing

22 ATTENZIONE! Dal 1 ottobre 2012 le Autorità in Corea applicano delle sanzioni nei casi in cui vengano trasmesse alle dogane del Paese diciture errate, inappropriate o imprecise Esempi di descrizioni vaghe, errate e/o poco chiare: caratteri numerici o alfabetici: 0,1, 11, 123, A, AA, AAA, ACC, etc. caratteri speciali: #, %, &, *, ^, etc. termini generici come campioni, parti, accessori, merci, regalo, prodotti, articolo, materiale, etc.

23 VANTAGGIO COMPETITIVO
CONCLUSIONI Conoscere e capire le opportunità offerte dai diversi mercati e affidarsi a un partner affidabile presente in loco significa acquisire un VANTAGGIO COMPETITIVO

24 GRAZIE PER L'ATTENZIONE


Scaricare ppt "INTERSCAMBIO CON LA COREA DEL SUD: PROCEDURE E OPPORTUNITÁ"

Presentazioni simili


Annunci Google