La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Segretariato Italiano edici medici e Specializzandi SEDE PALERMO www.sims.ms Il Giovane Medico: Abilitazione…….e poi? Palermo, 22 Febbraio 2006 Aula.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Segretariato Italiano edici medici e Specializzandi SEDE PALERMO www.sims.ms Il Giovane Medico: Abilitazione…….e poi? Palermo, 22 Febbraio 2006 Aula."— Transcript della presentazione:

1 1 Segretariato Italiano edici medici e Specializzandi SEDE PALERMO Il Giovane Medico: Abilitazione…….e poi? Palermo, 22 Febbraio 2006 Aula B Complesso Didattico “Aule Nuove”

2 2 Segretariato Italiano edici medici e Specializzandi SEDE PALERMO Il vecchio e il nuovo ordinamento didattico delle scuole di specializzazione del settore medico DR. Rossana Messina

3 3 Attuazione della Direttiva n° 82/76/CEE del Consiglio del 26 Gennaio 1982, recanti modifica di precedenti direttive in tema di formazione dei medici specialisti a norma dell’art.6 della Legge 29 Dicembre 1990, n°428 (Legge Comunitaria 1990)  Decreto Legislativo 8 Agosto 1991, n°257 Attuazione della Direttiva n° 82/76/CEE del Consiglio del 26 Gennaio 1982, recanti modifica di precedenti direttive in tema di formazione dei medici specialisti a norma dell’art.6 della Legge 29 Dicembre 1990, n°428 (Legge Comunitaria 1990)  Decreto ministeriale 11 maggio 1995 Modificazioni all'ordinamento didattico universitario relativamente alle scuole di specializzazione del settore medico.   Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria GU n. 258 del Suppl. Ordinario n.176

4 4 D.Lgs. 8 agosto 1991, n. 257

5 5 Art.1 - Formazione a tempo pieno del medico specialista. 1. La formazione specialistica dei medici ammessi alle scuole universitarie di specializzazione in medicina e chirurgia, di tipologia e durata conformi alle norme della comunità economica europea e comuni a due o più Stati membri, si svolge a tempo pieno. 2. L'elenco delle specializzazioni di cui al comma 1 è formato ed aggiornato con decreto del Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica, di concerto con quello della sanità

6 6 Art.2 - Programmazione 1.Con decreto del Ministro della sanità, sentite le regioni e le province autonome, di concerto con il Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica, sentite le facoltà di medicina e chirurgia, e con il Ministro del tesoro, è determinato, ogni tre anni, il numero degli specialisti da formare sulla base delle esigenze sanitarie del Paese, tenuto conto delle capacità ricettive delle strutture universitarie e di quelle convenzionate con le università, in relazione al contenuto specifico della formazione e delle risorse finanziarie comunque acquisite dalle università.

7 7 Art.2 - Programmazione 2. In relazione alla programmazione di cui al comma 1, il Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica, sentito il Ministro della sanità, determina il numero dei posti per ciascuna scuola le cui strutture siano corrispondenti ai requisiti previsti dall'art. 7, tenuto conto delle richieste delle facoltà di medicina e della disponibilità di idonee strutture acquisite anche attraverso convenzioni. Il predetto decreto è adottato su parere del comitato consultivo di medicina del Consiglio universitario nazionale.

8 8 Art. 2 - Programmazione Art. 2 - Programmazione 3.Nell'ambito dei posti risultanti dalla programmazione di cui al comma 1, per ogni singola specializzazione è stabilita una riserva di posti, non superiore al 5%, a favore dei medici dell'amministrazione militare. Il numero dei posti da riservare ai medici stranieri provenienti dai Paesi in via di sviluppo è determinato con il decreto di cui al comma 1, d'intesa con il Ministro degli affari esteri. La ripartizione tra le singole scuole dei posti riservati è effettuata con il decreto di cui al comma Per usufruire dei posti riservati di cui al comma 3 i candidati devono aver superato le prove di ammissione previste dall'ordinamento della scuola.

9 9 Art.2 – Progragmmazione 5. Restano ferme le disposizioni di cui all'art. 2, comma quinto, del decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 (3). Il consiglio della scuola, d'intesa con l'amministrazione di appartenenza degli specializzandi, può autorizzare l'espletamento delle attività pratiche previste dall'ordinamento della scuola nell'ambito delle attività di servizio, a condizione che le predette attività siano coerenti con il programma del corso di studio

10 10 Art.3 - Ammissione. 1.L'ammissione alle scuole di specializzazione avviene secondo le modalità di cui all'art. 13 del decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n Le modalità per la costituzione delle commissioni di ammissione e di esame finale di cui all'art. 4, comma 5, sono disciplinate dal regolamento didattico di ateneo di cui all'art. 11 della legge 19 novembre 1990, n. 341

11 11 Art.4 - Diritti e doveri degli specializzandi. 1.La formazione del medico specialista a tempo pieno implica la partecipazione alla totalità delle attività mediche del servizio di cui fanno parte le strutture nelle quali essa si effettua, ivi comprese le guardie e l'attività operatoria per le discipline chirurgiche, nonché la graduale assunzione dei compiti assistenziali in modo che lo specializzando dedichi alla formazione pratica e teorica tutta la sua attività professionale per l'intero anno. 2.Gli specializzandi sono utilizzati in attività di assistenza per il tirocinio pratico connesso alla specializzazione. 3.L'ammissione e la frequenza alla scuola, finalizzate alla formazione di medico specialista dell'iscritto, non determinano la costituzione di alcun rapporto di impiego.

12 12 4.L'impegno richiesto per la formazione specialistica è almeno pari a quello previsto per il personale medico del Servizio sanitario nazionale a tempo pieno. Le modalità di svolgimento delle attività teoriche e pratiche degli specializzandi, nonché il numero e la tipologia degli interventi pratici che lo specializzando deve avere personalmente eseguito per essere ammesso a sostenere la prova finale annuale, sono determinate nei regolamenti didattici di cui all'art. 11 della legge 19 novembre 1990, n Per ogni anno di corso è prevista una prova di esame finale, che può essere ripetuta una sola volta purché entro l'anno. 6. Lo specializzando, che al termine di ciascun anno non sia in regola con gli esami e con lo svolgimento delle attività pratiche previste, non è ammesso a proseguire il corso degli studi, fatto salvo il disposto di cui al comma 3 dell'art. 5

13 13 7. Il diploma di specializzazione costituisce titolo da valutare separatamente, con specifico punteggio, fra quelli valutabili nei concorsi di accesso ai profili professionali medici. 8. Le università sono tenute alla copertura assicurativa per i rischi professionali e gli infortuni connessi all'attività di formazione degli specializzandi. L'importo del relativo premio è detratto dalla borsa di studio di cui all'art. 6, spettante a ciascun specializzando.

14 14 Art.5 - Incompatibilità, congedi e interruzioni. 1.Per la durata della formazione a tempo pieno è inibito l'esercizio di attività libero-professionali esterne alle strutture assistenziali in cui si effettua la specializzazione ed ogni rapporto anche convenzionale o precario con il Servizio sanitario nazionale. 2.Lo specializzando, ove sussista un rapporto di pubblico impiego, fatta eccezione per i dipendenti di cui all'art. 2, comma 5, è collocato in posizione di congedo straordinario ai sensi dell'art. 6 della legge 30 novembre 1989, n Il periodo di formazione può essere sospeso per servizio militare, missioni scientifiche, gravidanza e malattia, fermo restando che l'intera sua durata non può essere ridotta a causa delle suddette sospensioni.

15 15 4.Non costituisce interruzione della formazione ai fini della sua continuità e conseguentemente non va recuperato un periodo complessivo di assenza giustificata non superiore a trenta giorni in un anno accademico. 5. Nell'ambito dei rapporti di collaborazione didattico- scientifica integrata tra università italiane ed università di Paesi esteri, la formazione specialistica può svolgersi, per periodi complessivamente non superiori ad un anno, in strutture sanitarie di Paesi della CEE, fermo restando quanto previsto dall'art. 12 del decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 (4)] (2/a).

16 16 Art.6 - Borse di studio. 1.Agli ammessi alle scuole di specializzazione nei limiti definiti dalla programmazione di cui all'art. 2, comma 2 in relazione all'attuazione dell'impegno a tempo pieno la loro formazione, è corrisposta, per tutta la durata del corso, ad esclusione dei periodi di sospensione della formazione specialistica, una borsa di studio determinata per l'anno 1991 in L Tale importo viene annualmente, a partire dal 1 gennaio 1992, incrementato del tasso programmato d'inflazione ed è rideterminato, ogni triennio, con decreto del Ministro della sanità, di concerto con i Ministri dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica e del tesoro, in funzione del miglioramento stipendiale tabellare minimo previsto dalla contrattazione relativa al personale medico dipendente del Servizio sanitario nazionale.

17 17 2. La borsa di studio viene corrisposta, in sei rate bimestrali posticipate, dalle università presso cui operano le scuole di specializzazione riconosciute ai sensi dell'art. 7. La corresponsione della borsa cessa nei confronti di coloro che non abbiano sostenuto, con esito positivo, la prova di esame annuale entro la sessione autunnale, con effetto dall'inizio del mese successivo a quello del definitivo mancato superamento della prova.

18 18 3. Alla ripartizione ed assegnazione a favore delle Università dei fondi previsti dall'art. 6, comma 2, della legge 29 dicembre 1990, n. 428 (5), provvede, con proprio decreto, il Ministro del tesoro, su proposta dei Ministri dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica e della sanità, sulla base del decreto di cui all'art. 2, comma La borsa di studio a favore dei medici stranieri provenienti dai Paesi in via di sviluppo, rientranti nella riserva di posti prevista dall'art. 2, comma 3, è corrisposta dal Ministro degli affari esteri a valere sulle risorse della legge 26 febbraio 1987, n. 49 (6), e con le modalità contenute nella stessa. 5. Si applica l'art. 4 della legge 13 agosto 1984, n. 476

19 19 Art.7 - Requisiti di idoneità delle strutture. 1. I requisiti di idoneità delle strutture ove si svolge la formazione specialistica sono determinati con decreto del Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica, di concerto con il Ministro della sanità, su parere del comitato consultivo di medicina del Consiglio universitario nazionale e del Consiglio superiore della sanità, tenuto conto: a) della disponibilità di attrezzature e dotazioni strumentali per l'esercizio delle attività inerenti alla formazione specialistica; b) del numero dei posti letto e dell'organico di personale a fini assistenziali in relazione al numero degli specializzandi; c) della presenza di servizi generali e diagnostici collegati alla struttura dove si svolge la formazione; d) della tipologia delle patologie trattate e delle prestazioni eseguite annualmente; e) delle caratteristiche di professionalità del personale presente nella struttura.

20 20 2. Le modalità per la verifica della idoneità e della mancanza dei requisiti delle strutture sono determinate con decreto del Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica, di concerto con il Ministro della sanità, tenuto conto delle diverse tipologie delle singole scuole

21 21 Art.8 - Norme finali. 1.I decreti di riordinamento delle scuole di specializzazione di cui all'art. 9 della legge 19 novembre 1990, n. 341, disciplinano le modalità per la soppressione o la trasformazione delle scuole di specializzazione il cui ordinamento non risulti conforme alla normativa comunitaria di cui all'art. 1, garantendo comunque il completamento degli studi agli specializzandi che risultino iscritti alla data di entrata in vigore degli stessi decreti. In ogni caso, per obiettive esigenze del Servizio sanitario nazionale, con decreto del Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica, di concerto con il Ministro della sanità, sentito il Consiglio universitario nazionale e il Consiglio superiore della sanità, possono essere confermate le scuole di specializzazione non conformi a quelle di cui all'art. 1, comma 1, esclusivamente per le tipologie previste alla data di entrata in vigore del presente decreto. 2. Le disposizioni del presente decreto si applicano a decorrere dall'anno accademico

22 22 Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria. (GU n. 258 del Suppl. Ordinario n.176)

23 23 Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria. (GU n. 258 del Suppl. Ordinario n.176) Art.1 Il presente decreto individua le scuole di specializzazione di area sanitaria, il profilo specialistico, gli obiettivi formativi ed i relativi percorsi didattici suddivisi in aree e classi, di cui all’ allegato. I regolamenti didattici di Ateneo, di cui all’ art.11 della Legge n.341/1990, disciplinano gli ordinamenti didattici delle Scuole di specializzazione di area sanitaria in conformità alle disposizioni del presente decreto entro diciotto mesi dalla data di pubblicazione del presente decreto sulla Gazzetta Ufficiale.

24 24 Art Le Scuole di specializzazione di area sanitaria afferiscono alle seguenti tre aree: Area Medica, Area Chirurgica e Area dei Servizi Clinici. L’Area dei Servizi Clinici è suddivisa in due sotto-aree: sotto-area dei Servizi Clinici Diagnostici e Terapeutici, sotto-area dei Servizi Clinici Organizzativi e della Sanità Pubblica. Nell’ambito delle singole aree le Scuole sono aggregate in Classi omogenee al fine di consentire una migliore utilizzazione delle risorse strutturali, didattiche, assistenziali. 2. Per il conseguimento del Titolo di Specialista nelle tipologie di corsi di specializzazione compresi nelle classi area medica, chirurgica e dei servizi clinici lo specialista in formazione deve l’acquisire 300 CFU complessivi, articolati in 5 anni di corso (o 360 CFU per i percorsi formativi delle Scuole articolate in 6 anni di corso). Per ciascuna tipologia di Scuola è indicato il profilo specialistico e sono identificati gli obiettivi formativi ed i relativi percorsi didattici funzionali al conseguimento delle necessarie conoscenze culturali ed abilità professionali.

25 25 3. I percorsi didattici sono articolati in Attività formative di cui al comma 4, preordinate al raggiungimento degli obiettivi formativi utili a conseguire il titolo. Le Attività sono a loro volta suddivise in Ambiti omogenei di sapere, identificati da Settori scientifico disciplinari. 4. Le Attività formative ed i relativi CFU sono così ripartiti: a) Attività di base a cui sono assegnati 5 CFU; b) Attività caratterizzanti a cui sono assegnati almeno 270 CFU per le Scuole articolate in 5 anni di corso e 330 CFU per le Scuole articolate in 6 anni di corso; b.1) Attività caratterizzanti elettive a scelta dello studente a cui può essere assegnata una parte dei CFU dell’Ambito specifico della Scuola; c) Attività Affini, Integrative e Interdisciplinari a cui sono assegnati 5 CFU; d) Attività finalizzate alla prova finale a cui sono assegnati 15 CFU; e) Altre Attività a cui sono assegnati 5 CFU.

26 26 5. Almeno il 70% del complesso delle Attività formative di cui al comma 4 e’ riservato allo svolgimento di Attività formative professionalizzanti ( pratiche e di tirocinio ), pari a 210 CFU per le tipologie di Scuole articolate in 5 anni di corso e 252 CFU per le tipologie di Scuole articolate in 6 anni di corso. 6. Le Attività di base comprendono uno o più Ambiti, ed i relativi Settori scientifico disciplinari, finalizzati all’ acquisizione di conoscenze generali comuni per la preparazione dello specializzando nelle varie tipologie di Scuole comprese nella Classe.

27 27 7. Le Attività caratterizzanti sono articolate in almeno: - un Ambito denominato Tronco comune identificato dai Settori scientifico disciplinari utili all’apprendimento di saperi comuni, coordinato da un Docente che nell’Area Medica e nell’Area Chirurgica va identificato, rispettivamente, nel docente di Medicina Interna e nel docente di Chirurgia Generale, mentre nell’Area dei Servizi Clinici corrisponde al titolare della disciplina prevalente in ciascuna classe. Al tronco comune sono dedicati il 30% dei crediti delle Attività caratterizzanti da distribuire nell’ intero percorso formativo (rispettivamente 81 CFU per le tipologie di Scuole articolate in 5 anni di corso e 99 CFU per le tipologie di Scuole articolate in 6 anni di corso). Almeno 60 CFU del tronco comune sono dedicati ad attività professionalizzanti ( pratiche e di tirocinio ). Nell’Area medica e nell’Area chirurgica, almeno 30 dei suddetti CFU devono essere dedicati ad attività professionalizzanti cliniche, rispettivamente, di medicina interna e di chirurgia generale. I rimanenti 30 CFU devono essere dedicati ad attività professionalizzanti svolte nelle specialità affini alle singole tipologie di scuola comprese nella Classe/Area e nelle attività cliniche di emergenza e pronto soccorso.

28 28 Nell’Area dei Servizi le attività professionalizzanti di Tronco comune sono differenziate per Classe; - un Ambito denominato Discipline specifiche della tipologia identificato da uno o più Settori scientifico disciplinari specifici della figura professionale propria del corso di specializzazione. Alle discipline specifiche della tipologia è assegnato il 70% dei CFU delle Attività caratterizzanti (rispettivamente 189 CFU per le Scuole articolate in 5 anni di corso e 231 CFU per le Scuole articolate in 6 anni di corso); - le Attività caratterizzanti elettive a scelta dello studente comprendenti un insieme di Attività identificate da Settori scientifico disciplinari, utili a costituire specifici percorsi formativi di approfondimento. A tali Attività è assegnata una frazione di crediti compresi nell’ambito delle Discipline specifiche della tipologia della Scuola (di cui al punto precedente). Possono essere dedicate alle Attività caratterizzanti elettive fino a 45 CFU per le tipologie di Scuole articolate in 5 anni di corso e 50 CFU per le tipologie di Scuole articolate in 6 anni di corso.

29 29 8. Le Attività Affini, Integrative e Interdisciplinari comprendono uno o più Ambiti, identificati da Settori scientifico disciplinari utili alle integrazioni multidisciplinari. 9. Le Attività finalizzate alla prova finale comprendono crediti destinati alla preparazione della tesi per il conseguimento del Diploma di specializzazione. 10.Le Altre Attività comprendono crediti finalizzati all’acquisizione di abilità linguistiche, informatiche e relazionali.Tra tali attivita’ sono comprese, in particolare, quelle per l’ apprendimento della lingua inglese a livello sufficiente per la comprensione di testi e la partecipazione a conferenze di ambito scientifico e clinico in quanto condizione indispensabile per l’aggiornamento e l’educazione medica continua.

30 30 Art. 3 1.Le Scuole di specializzazione hanno sede presso l’ Università. 2. Le Scuole di Specializzazione di Area Medica, Chirurgica e dei Servizi Clinici afferiscono alle Facoltà di Medicina e Chirurgia e possono essere attivate anche con il concorso di altre Facoltà, fatta salva la classe delle Specializzazioni in Farmaceutica che afferisce alle Facolta’ di Farmacia. 3. Ai sensi dell’ art.34 e seguenti del D.Lgs.368/1999 la Scuola opera nell'ambito di una rete formativa dotata di risorse assistenziali e socio-assistenziali adeguate allo svolgimento delle attività professionalizzanti, secondo gli standards individuati dall'Osservatorio Nazionale della formazione medica specialistica di cui all’ art.43 dello stesso decreto legislativo.

31 31 4. Per i fini di cui al citato art.43 del D.Lgs 368/1999, tenuto conto dei criteri di accreditamento, le Facoltà di Medicina e Chirurgia possono istituire e 4. Per i fini di cui al citato art.43 del D.Lgs 368/1999, tenuto conto dei criteri di accreditamento, le Facoltà di Medicina e Chirurgia possono istituire e attivare una sola Scuola di Specializzazione per ciascuna tipologia. Per ciascuna scuola il numero minimo di specializzandi iscrivibili non puo’ essere inferiore a 3 per anno di corso. 5. Le Scuole di Specializzazione di cui al comma 2 possono essere istituite ed attivate anche in collaborazione con altre Facoltà di Medicina e Chirurgia di altre Università, al fine di assicurare una vantaggiosa utilizzazione delle risorse strutturali e del corpo docente, previa stipula di apposita convenzione. L’ atto convenzionale individua la sede amministrativa della scuola, le risorse finanziarie, strutturali e di personale docente occorrenti al funzionamento della scuola stessa, anche per i fini di cui all’ art. 3, comma 10, del DM 270/2004.

32 32 Art. 5 1.Al termine del corso di specializzazione lo studente consegue il diploma di specializzazione corredato dal Supplemento al Diploma rilasciato dalle Universita’ ai sensi dell’ art.11, comma 8, del DM 270/2004, che documenta l’intero percorso formativo svolto dallo specializzando e che indica le Attività elettive che hanno caratterizzato lo specifico percorso individuale. 2. La prova finale consiste nella discussione della tesi di specializzazione e tiene conto dei risultati delle valutazioni periodiche derivanti dalle prove in itinere, di cui al successivo comma 4, nonché dei giudizi dei docenti-tutori. 3. Per il conseguimento del Diploma di specializzazione, cosi’ come indicato all’ art.2, comma 2, del presente decreto, lo specialista in formazione deve aver acquisito 300 o 360 crediti, secondo la durata del corso di specializzazione.

33 33 4. Ai sensi dell’ art. 38, comma 2 del D.Lgs 368/99, ai fini delle periodiche verifiche di profitto la Scuola può predisporre prove in itinere in rapporto con gli obiettivi formativi propri delle singole Scuole. 5. Il monitoraggio interno e la documentazione delle attività formative, con particolare riguardo alle attività professionalizzanti, deve essere documentato, come previsto dall’ art.38, comma 2 del D.Lgs 368/99, dal libretto-diario delle attività formative nel quale vengono annotate, e certificate mediante firma, le attività svolte dallo specializzando con un giudizio sulle capacità e le attitudini espresso dal docente-tutore preposto alle singole attività.

34 34 Art. 7 1.Gli ordinamenti didattici delle Scuole di specializzazione di cui all’ allegato, attivate presso le università sono adeguati alle disposizioni del presente decreto dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, utilizzando le relative procedure informatizzate predisposte dal MIUR nella Banca dati dell’ offerta formativa. 1.Gli ordinamenti didattici delle Scuole di specializzazione di cui all’ allegato, attivate presso le università sono adeguati alle disposizioni del presente decreto entro diciotto mesi dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, utilizzando le relative procedure informatizzate predisposte dal MIUR nella Banca dati dell’ offerta formativa. 2. Le università assicurano la conclusione dei corsi di specializzazione ed il rilascio dei relativi titoli, secondo gli ordinamenti didattici previgenti, agli specializzandi già iscritti al momento dell'adeguamento del Regolamento Didattico di Ateneo. 2. Le università assicurano la conclusione dei corsi di specializzazione ed il rilascio dei relativi titoli, secondo gli ordinamenti didattici previgenti, agli specializzandi già iscritti al momento dell'adeguamento del Regolamento Didattico di Ateneo. 3. Con riferimento all’ art.4, comma 3, del presente decreto, per esigenze particolari ed in via transitoria per non piu’ di un triennio, la Direzione della Scuola puo’ essere affidata ad un Professore di ruolo o fuori ruolo di un settore scientifico-disciplinare identificato come affine a quello della tipologia della Scuola, secondo quanto previsto dall’allegato “D” del D.M. 4 ottobre 2000 pubblicato sulla G.U. n. 249 del 24 ottobre 2000 – supplemento 175.

35 35 Indice Scuole per Area, Classe e Tipologia AREA MEDICA 23 Classe Medicina clinica generale Classe Medicina specialistica Classe Neuroscienze e scienze cliniche del comportamento Classe Medicina clinica dell’età evolutiva AREA CHIRURGICA 14 Classe delle Chirurgie generali Classe delle Chirurgie specialistiche Classe delle Chirurgie del distretto testa e collo Classe delle Chirurgie cardio-toraco-vascolari

36 36 AREA SERVIZI CLINICI 16+7 Sotto-area dei Servizi Clinici Diagnostici e Terapeutici Classe della Medicina diagnostica e di laboratorio Classe della diagnostica per immagini e radioterapia Classe dei servizi clinici specialistici Classe dei servizi clinici biomedici Classe delle specializzazioni in odontoiatria Sotto-area dei Servizi Clinici Organizzativi e della Sanità Pubblica Classe della sanità pubblica Classe dell’area farmaceutica Classe della fisica sanitaria

37 37 AREA MEDICA AREA MEDICA Classe Medicina clinica generale Medicina interna Medicina internaGeriatria Medicina dello sport Medicina dello sport Medicina termale Medicina termale Oncologia medica Oncologia medica Medicina di comunità Medicina di comunità Classe Medicina specialistica Classe Medicina specialistica Allergologia ed Immunologia clinica Allergologia ed Immunologia clinica Dermatologia e Venereologia Ematologia Endocrinologia e malattie del ricambio Endocrinologia e malattie del ricambioGastroenterologia Malattie dell’apparato cardiovascolare Malattie dell’apparato cardiovascolare Malattie dell’apparato respiratorio Malattie infettive Medicina tropicale Nefrologia Reumatologia Reumatologia Classe Neuroscienze e scienze cliniche del comportamento Classe Neuroscienze e scienze cliniche del comportamentoNeurofisiopatologiaNeurologia Neuropsichiatria infantile Neuropsichiatria infantilePsichiatria Psicologia clinica Psicologia clinica Classe Medicina clinica dell’età evolutiva Classe Medicina clinica dell’età evolutiva Pediatria Pediatria

38 38 Attività formative Ambiti disciplinariSettori scientifico-disciplinariCFUTot. CFU Di base DISCIPLINE GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLO SPECIALISTI SSD55 CaratterizzantiTRONCO COMUNE DISCIPLINE SPECIFICHE DELLA TIPOLOGIA* SSD SSD della tipologia 81 (99)ª 189** (231)ª 270 (330)ª 5 Affini, integrative e interdisciplinariDISCIPLINE INTEGRATIVE ED INTERDISCIPLINARI SSD55 Per la prova finale 15 AltreUlteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e relazionali. SSD 5 TOTALE300 (360)ª ª CFU per le Scuole con percorso di 6 anni. * Ambito specifico per la tipologia della Scuola. ** CFU specifici per la tipologia della Scuola utilizzabili anche per le Attività caratterizzanti elettive.

39 39 Attività formativeAmbiti disciplinariSettori scientifico-disciplinariCFUTot. CFU Attività caratterizzanti elettive a scelta dello studente DISCIPLINE CARATTERIZZANTI ELETTIVE PER LE TIPOLOGIE DELLA CLASSE Tutti i SSD ritenuti utili per l’attività elettiva 45* (50*)ª ª CFU per le scuole con percorso di 6 anni. * I CFU derivano da quelli dell’Ambito specifico della tipologia. ATTIVITÀ CARATTERIZZANTI ELETTIVE

40 40 Attività formativeAmbiti disciplinari Settori scientifico-disciplinari CFUCFU Tot Attività professionalizzantiDISCIPLINE PROFESSINALIZ ZANTI 210** ( 252)ª ª CFU per le scuole con percorso di 6 anni. ** Il 70% dei CFU di tutte le Attività. ATTIVITÀ PROFESSIONALIZZANTI


Scaricare ppt "1 Segretariato Italiano edici medici e Specializzandi SEDE PALERMO www.sims.ms Il Giovane Medico: Abilitazione…….e poi? Palermo, 22 Febbraio 2006 Aula."

Presentazioni simili


Annunci Google