La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Privacy.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Privacy."— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Privacy del minore in famiglia Stefania Stefanelli

2 Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Privacy Diritto all’immagine L'immagine d'una persona non può essere esposta, riprodotta o messa in commercio, senza il consenso di questa, salvo che la riproduzione dell'immagine sia giustificata, in virtù delle eccezioni previste dall'art. 97, l. n. 633/1941 Art. 108: L’autore che abbia compiuto i 16 anni ha la capacità di compiere tutti gli atti giuridici relativi alle opere da lui create e di esercitare le azioni. Dati personali Art. 82, II co., a), d.lgs. 196/2003 «In caso di emergenza sanitaria o igiene pubblica il consenso al trattamento può intervenire successivamente alla prestazione in caso di … incapacità di intendere o di volere dell’interessato, quando non è possibile acquisire il consenso da chi esercita la potestà» Mancano norme generali: il diritto all’autoderminazione informativa non sopporta, di regola, l’attrazione alla potestà?

3 Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Esclusa la rappresentanza dei genitori relativamente alle scelte mediche riguardanti il minore che abbia «un’età prossima al raggiungimento della piena capacità di agire», perché «questo condurrebbe a privarlo di diritti personalissimi per la sola considerazione del dato formale rappresentato dall’incapacità legale, giungendo al paradosso che il soggetto legalmente incapace, ma naturalisticamente capace, non possa decidere della propria salute, mentre il soggetto legalmente capace, ma naturalisticamente minus, per il tramite dell’istituto dell’amministrazione di sostegno, potrebbe esercitare una maggiore autodeterminazione» (Trib. Min. Milano, 15 febbraio 2010) 3 Atti patrimonialmente neutri

4 Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli La richiesta di autorizzazione all’intervento di riattribuzione chirurgica del sesso riguardante un minore (nel silenzio della l. n. 164/1982, regolante l’attribuzione e le rettificazioni di sesso) «ha natura di atto complesso, espressione di due volontà concorrenti, quella del minore e quella del genitore», «rispetto al minore dovrà essere considerata l’età e il grado di maturità intellettuale, oltre che l’esigenza di tutela della sua personalità» (Trib. Roma, 11 marzo 2011) 4 Atti patrimonialmente neutri

5 Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Riservatezza del minore Capacità concreta di discernimento versus Esigenze educative

6 Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Canone fondamentale e limite alla vigilanza dei genitori nella sfera privata del minore, che abbia maturato capacità di discernimento relativamente al singolo aspetto della propria esistenza e vita di relazione, è la stretta attinenza dell’esigenza educativa alla promozione della personalità del minore. Da valutarsi in concreto, e secondo l’ottica delle inclinazioni naturali e delle aspirazioni del minore (Art. 147 c.c.) 6

7 Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Responsabilità genitoriale Obblighi di protezione e educazione Risarcimento del danno Azioni positive

8 Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Principio di gradualità Il potere dei genitori di vietare condotte lecite è inversamente proporzionale all’età del figlio (Sacchetti) Azione Artt. 316 e 336 c.c. 3° co. consente al giudice, qualora sussista il pericolo di un grave pregiudizio per il figlio, di adottare anche d'ufficio i provvedimenti urgenti e indifferibili. Il giudice può dunque essere chiamato a controllare o modificare le decisioni dei genitori, anche al di fuori dei casi estremi di abuso nell'esercizio della potestà. 8

9 Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Tesi restrittiva «Nessuno può invadere il campo di autonomia», neppure invocando il miglior vantaggio per i figli, con il solo limite del controllo contro deviazioni palesi che comportino un danno ingiusto. Cass. civ. sez. I, 21 luglio 1990 n in NGCC, 1991,

10 Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Tesi restrittiva «la temporanea compressione della potestà della resistente appare sacrificio inevitabile, ma necessario… affinchè il minore venga ricondotto in patria posto che nel lasso di tempo necessario per il perfezionamento della notifica all'estero la resistente, che ora vivrebbe in U.S.A. da clandestina, potrebbe trasferirsi nel paese d'origine (Cuba), vanificando la procedura di rimpatrio del minore attivata dal ricorrente» Trib. Busto Arsizio

11 Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Danno endofamiliare? Illecito (violazione dei doveri genitoriali) da cui deriva un danno (esistenziale) per violazione di un diritto fondamentale (riservatezza) App. Torino, , in Foro it., 2000, I, 1555 Mobbing verticale: condotta vessatoria mira a punire l’ex coniuge (mobbing orizzontale), ma ne risultano coinvolti, in funzione strumentale, i figli della coppia, in quanto la strategia persecutoria si manifesta in un’ostilità cronica finalizzata a delegittimare il partner in riferimento al suo status di genitore, tramite la sua esclusione dai processi decisionali riguardanti i figli, frequenti sabotaggi delle visite familiari, denigrazione del suo ruolo genitoriale, etc. 11

12 Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli L’azione ex art. 330, 3° comma, per la sospensione temporanea della potestà è ammissibile allo scopo di ovviare alla condotta dei genitori pregiudizievole ai figli, incaricando il servizio sociale dell’iscrizione della minore a una scuola Cass , n Non si sovrappone all’azione di danno (endofamiliare), come del resto si riconosce con riguardo all’addebito della separazione (Cass. Civ., Sez. I, , n. 5866, in Dir. Fam. Pers., 1997, 87 12


Scaricare ppt "Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Università degli Studi di Perugia Diritto di famiglia Stefania Stefanelli Privacy."

Presentazioni simili


Annunci Google