La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Per fare una valutazione della forza di un terremoto si può Fare riferimento ai danni provocati dal terremoto Fare riferimento all’effettiva quantità.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Per fare una valutazione della forza di un terremoto si può Fare riferimento ai danni provocati dal terremoto Fare riferimento all’effettiva quantità."— Transcript della presentazione:

1

2 Per fare una valutazione della forza di un terremoto si può Fare riferimento ai danni provocati dal terremoto Fare riferimento all’effettiva quantità di energia liberata da un terremoto

3 Valutando i danni prodotti dal terremoto si fa una stima dell’INTENSITÀ  PERSONE  MANUFATTI  TERRENO Questi sono i dati macrosismici di un terremoto Essa tiene conto degli effetti del terremoto su:

4 QUALI SONO I FATTORI CHE INCIDONO SULL’ INTENSITA’ DI UN TERREMOTO??? DISTANZA DALL’EPICENTRO E DALL’IPOCENTRO DENSITA’ DI POPOLAZIONE NELLE AREE COLPITE QUANTITA’ E QUALITA’ DEI MANUFATTI

5 Per poter confrontare gli effetti prodotti da un terremoto in località diverse sono state elaborate delle scale di riferimento o scale di intensità La scala attualmente più utilizzata in Europa ed in America è la SCALA MERCALLI – CANCANI – SIEBERG (MCS); Essa non misura l’energia liberata e si basa sulle conseguenze che ha un sisma permettendo di classificarlo tra un valore minimo (I grado) ed un valore massimo (XII grado). Un’altra scala (utilizzata soprattutto nei paesi dell’Est europeo) è la MSK (MEDVEDEV – SPONHEUER - KARNIK).

6 LA SCALA MERCALLI – CANCANI – SIEBERG (MCS)

7 Scala Mercalli 1: percepita soltanto dagli strumenti 2 - 3: avvertita solo da persone agli ultimi piani delle case 5: avvertita da tutte le persone, gli oggetti sospesi oscillano

8 6: avvertita da tutti; parecchi scappano fuori dalle case 8: distruzione di circa il 25% degli edifici : distruzione generale degli edifici e ponti coi loro pilastri

9 Attraverso la lettura di un sismogramma è possibile determinare l’energia liberata da un terremoto L’ampiezza massima delle onde registrate da un sismogramma può essere usata come misura della grandezza di un terremoto se viene messa a confronto con l’ampiezza massima delle onde registrate da un terremoto scelto come riferimento. Per questo tipo di valutazione si utilizza la SCALA RICHTER ideata nel La scala Richter consente di stabilire l’energia sprigionata dal sisma tenendo conto della distanza dall’epicentro a cui è posto il sismografo Il valore misurato prende il nome di MAGNITUDO ed esso indica l’oggettiva forza di un sisma

10 LA SCALA RICHTER Le oscillazioni registrate da un sismografo dipenderanno dalla effettiva distanza dello stesso dall’epicentro del terremoto e per una valutazione corretta della magnitudo devono essere utilizzati i dati registrati da diverse stazioni

11 CONFRONTO (APPROSSIMATO) TRA SCALA RICHTER E SCALA MERCALLI

12 RISCHIO SISMICO e PERICOLOSITA’ SISMICA… che differenza c’è? Il rischio sismico è la probabilità che, a causa dell’azione di un terremoto, edifici, persone o cose subiscano danni nel corso di un periodo di tempo definito. Il rischio sismico dipende:  dalla intensità del terremoto (la PERICOLOSITÀ)  dalla possibilità di subire danni (la VULNERABILITÀ)  dalla quantità e dalla qualità di tutto ciò che è esposto al rischio: popolazione, edifici, beni culturali, attività economiche, servizi (l’ESPOSIZIONE) RISCHIO SISMICO = TERREMOTI X EDIFICI VULNERABILI X BENI ESPOSTI

13 I terremoti registrati in Italia con maggior numero di vittime: Irpinia, Sannio ( vittime) 1693 – Val di Noto (60000 vittime) 1908 – Terremoto di Messina ( vittime) 1976 – Terremoto del Friuli (1000 morti e senza tetto) 1980 – Terremoto dell’Irpinia (2914 morti, sfollati) 1990 – Terremoto di Santa Lucia (16 vittime) 2002 – Terremoto del Molise (30 morti di cui 27 bambini) Carta della massima intensità macrosismica d’Italia fonte I.N.G.V.

14 Con il termine pericolosità sismica si intende la stima della probabilità che in un luogo si verifichi un terremoto di una certa intensità in un arco di tempo fissato (di solito 50 anni) E’ determinata su basi storiche e conoscenze geofisiche del luogo E’ indipendente dalla presenza o meno di persone o cose ma è intrinseca del luogo oggetto di indagine PERICOLOSITA’ SISMICA fonte I.N.G.V.

15 COME COMPORTARSI IN CASO DI TERREMOTO Durante la scossa:  Ripararsi sotto tavoli, banchi, letti e mantenere una posizione raccolta cercando di proteggere la testa con le mani e l’addome con le braccia.  Mantenersi lontani da mobili alti e ingombranti (scaffali, librerie), da oggetti pesanti (lampadari) che possono cadere e provocare ferite.  Se si stanno maneggiando apparecchiature elettriche, anche si tratta di comuni elettrodomestici, lasciarli immediatamente.  Spostarsi verso i punti dell’edificio che in genere sono i più robusti, e cioè gli angoli delle pareti, i vani delle porte, le travi portanti e gli architravi

16 Dopo la scossa: Appena cessata la scossa uscire immediatamente da casa, ma prima occorre compiere alcune importantissime operazioni e cioè:  Spegnere i fuochi eventualmente accesi (fornelli, stufe a gas ecc.);  Se ci si trova al buio non accendere mai fiammiferi o candele. Se ci fossero fughe di gas ciò potrebbe provocare un’esplosione;  Chiudere il rubinetto generale del gas e l’interruttore generale dell’energia elettrica;  Allontanarsi con cautela, guardandosi bene intorno e facendo attenzione ad oggetti e strutture pericolanti;  Non usare assolutamente l’ascensore;  Non attardarsi per portar con sé oggetti ingombranti, ma limitarsi allo stretto necessario.  Una volta fuori, portarsi in un luogo aperto, lontano da edifici, tralicci o altri manufatti pericolanti.  Non entrare assolutamente nelle abitazioni senza la preventiva autorizzazione.

17 FONTI BIBLIOGRAFICHE E DI RETE: AA. VV. – Esplora (la terra), 2005 – ed. DE AGOSTINI, Novara; R. CORSI, F. COSTAGLI – Il mondo intorno a noi (vol. D, La terra e l’Universo) 2004 – ed. SEI, Torino; B. ACCORDI, E. LUPIA PALMIERI, M. PAROTTO – Il globo terrestre e la sua evoluzione (quarta edizione),1993 – ed. ZANICHELLI, Bologna.


Scaricare ppt "Per fare una valutazione della forza di un terremoto si può Fare riferimento ai danni provocati dal terremoto Fare riferimento all’effettiva quantità."

Presentazioni simili


Annunci Google