La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Annamaria Pandolfi Jacopo Russo Documentazione fotografica 20/03/2014 Training Course on Architectural Heritage Conservation Taiyuan, march 17th, 2014,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Annamaria Pandolfi Jacopo Russo Documentazione fotografica 20/03/2014 Training Course on Architectural Heritage Conservation Taiyuan, march 17th, 2014,"— Transcript della presentazione:

1 Annamaria Pandolfi Jacopo Russo Documentazione fotografica 20/03/2014 Training Course on Architectural Heritage Conservation Taiyuan, march 17th, 2014, - april 11th, 2014 THE SHANXI CULTURAL RELICS BUREAU

2 Fotocamera con foro stenopeico («piccolo foro») 1: Un raggio di luce colpisce l’oggetto 2: L’oggetto riflette luce colorata in ogni direzione 3: un solo «raggio» riesce a passare 5: il raggio forma un «punto» dell’immagine

3 Fotocamera con foro stenopeico («piccolo foro») Cosa succede se il foro è più grande: I «punti» diventano dei piccoli cerchi e l’immagine è sfocata

4

5 Il funzionamento di un obiettivo è più complesso ma il principio è simile

6 Una moderna fotocamera reflex

7

8 L’esposizione: tempo di posa e apertura

9 la profondità di campo Diaframma aperto: (2.8) Profondità di campo

10 la profondità di campo Diaframma chiuso: (11) Profondità di campo

11 Se il tempo di posa è lungo l’immagine rischia di essere mossa 1/250 sec. ½ sec.

12 Il cavalletto è essenziale per scatti con tempi lunghi

13 La testa si monta tra il cavalletto e la macchina. Serve per impostare l’inquadratura

14 Pianificare le inquadrature

15 inquadratura L’obiettivo produce delle deformazioni particolarmente nella zona esterna Se è possibile è meglio avere un po’ di margine intorno al soggetto principale

16 Procedere con ordine e pendere nota degli scatti

17 Impostazione della temperatura di colore

18 La temperatura di colore il «colore» della luce è definito in base alla radiazione emessa da un corpo nero al variare della temperatura a cui lo si scalda. Più la temperatura è bassa più la luce è rossa, più è alta e più è blu

19 Bilanciamento del bianco

20 Bilanciamento del bianco personalizzato

21 Bilanciamento del bianco in post produzione

22 Usare sempre una luce uniforme: non mescolare!

23 Attenzione anche alla componente riflessa!

24 Lo spettro della luce visibile La «luce bianca» è in realtà un impasto di luci monocromatiche di diverso colore (in base alla lunghezza d’onda) che variano dal rosso al violetto

25 Lo spettro della luce visibile

26 Assorbimento e riflessione della luce Il «colore» di un oggetto dipende dalle componenti della luce che la sua superficie assorbe o riflette.

27 Resa cromatica Se la luce con cui illuminiamo gli oggetti non ha uno spettro completo di tutte le componenti, il colore dell’oggetto sarà falsato La capacità di una sorgente di luce di rendere fedelmente i colori è detta «resa cromatica»

28 Luce solare

29 Non tutte le luci sono adatte alla fotografia

30 Luci per fotografia

31 Diffusori e riflettori

32 Luce radente e luce diffusa

33 La gestione del colore nelle immagini digitali

34 “Bit” (binary unit): è l’unità minima di informazione

35 “Bit” (binary unit) Con 1 bit posso avere 2 combinazioni : 0 e 1

36 Per esprimere valori diversi devo aggiungere un secondo bit…

37 Con 2 bit posso fare 4 combinazioni: posso esprimere i numeri tra 0 e 3

38 Con tre bit posso fare 8 combinazioni ed esprimere numeri tra 0 e 7..

39 1 Byte = 8 bit Un pacchetto di 8 bit costituisce un byte Con un byte posso descrivere un numero variabile tra 0 e 255

40

41 Immagine “BITMAP” Il colore di ciascun pixel è descritto attraverso un bit: 0 per “nero”, 1 per “bianco” Per ogni pixel è necessario 1 bit Bianco/nero: bit:

42 Immagine in scala di grigi a 8 bit Il colore di ciascun pixel è descritto attraverso un numero variabile tra 0 (nero) e 255(bianco). I valori intermedi rappresentano gradazioni di grigio. Per Ogni pixel sono necessari 8 bit (1 byte)

43 Immagine a colori a 24 bit Il colore di ciascun pixel è descritto attraverso tre numeri variabili tra 0 (intensità nulla) e 255(intensità piena), uno per ciascuna delle tre componenti del colore Per Ogni pixel sono necessari 24 bit (3 byte) Intensità rosso bit: Intensità verde bit: Intensità blu bit: trasparenza bit:

44 La profondità di colore  Indica quante «gradazioni» ci sono per ciascun canale  Normalmente è di 8 bit (256 gradazioni)  Nei formati RAW è di 16 bit (65536 gradazioni)  Può arrivare anche a 32 bit ( gradazioni)

45 La percezione del colore

46 Il colore RGB

47 Il colore HSB

48 Spazi di colore a confronto

49 Come la macchina fotografica salva l’immagine elaborazione TIFF, JPEG RAW

50 Elaborazione di immagini RAW


Scaricare ppt "Annamaria Pandolfi Jacopo Russo Documentazione fotografica 20/03/2014 Training Course on Architectural Heritage Conservation Taiyuan, march 17th, 2014,"

Presentazioni simili


Annunci Google