La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SANTA CATERINA DA SIENA LAVORO DI GRUPPO DI: IRENE TIRLONI, ELISA DE MARCHI, GABRIELE VALCI E ANDREA FERRARI 2°D.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SANTA CATERINA DA SIENA LAVORO DI GRUPPO DI: IRENE TIRLONI, ELISA DE MARCHI, GABRIELE VALCI E ANDREA FERRARI 2°D."— Transcript della presentazione:

1 SANTA CATERINA DA SIENA LAVORO DI GRUPPO DI: IRENE TIRLONI, ELISA DE MARCHI, GABRIELE VALCI E ANDREA FERRARI 2°D

2 CHI ERA Caterina nacque a Siena nel 1347, figlia di Jacopo Benincasa e di sua moglie Lapa Piacenti. Quando Caterina raggiunse l'età di dodici anni, sua madre pensò di farla sposare. Lei all'inizio sembrò d’accordo, ma poi dichiarò che voleva diventare suora. Il padre non era d’accordo con la scelta della figlia, ma visto il suo amore profondo per la preghiera, le diede il consenso di farsi suora. Caterina pensò di entrare fra le Mantellate. La giovane, aveva circa sedici anni ed era quindi troppo giovane per entrare in convento. Perciò la madre, decise di andare a parlare alla priora (=suora madre) ma ne ebbe un rifiuto perché esse non ammettevano le vergini, bensì solo vedove o donne mature e di buona fama. Caterina da Siena fu colpita da una malattia che le sfigurò il volto. Allora la madre cercò nuovamente di convincere la priora e questa volta ci riuscì. La buona notizia fu accolta con lacrime di gioia che contribuirono alla sua guarigione. Entrata a far parte delle Mantellate, Caterina non aveva esperienza di preghiere comunitarie, infatti la preghiera comune era la cosa più difficile per lei. Le preghiere erano per lo più in latino, come la Messa, ma lei sapeva solo il Pater e l’Ave. Non sapendo né leggere né scrivere, chiese a una consorella più istruita di insegnarle quel tanto che bastava, senza risultato. Per tre anni si isolò dalle altre suore.

3 COSA HA FATTO DI SIGNIFICATIVO Caterina da Siena considerava gli ammalati e i poveri, gente che impersonava Cristo, e il modo di trovare il Signore. Sono ricordati diversi episodi di carità verso i poveri, come dei vestiti dati ai più bisognosi o un mantello donato al povero pellegrino; e verso gli infermi. Caterina fu attiva soprattutto presso l’ospedale di Santa Maria della Scala che accoglieva moltissimi pazienti affidati alle modeste cure mediche del tempo e alla pietosa assistenza dei parenti e di qualche volontario. C’erano anche malati che nessuno assisteva, o perché non avevano parenti, o perché erano afflitti da malattie contagiose. Caterina si dedicò ad assistere in particolare quest'ultimo tipo di ammalati. Questa sua attività durò per mesi, specialmente in tempo di epidemie, allora molto frequenti e micidiali; il suo esempio cominciò a essere imitato da altre Mantellate della sua fraternità. Caterina da Siena avrebbe anche contribuito alla pacificazione di famiglie senesi rivali.

4 CANONIZZAZIONE Caterina da Siena fu canonizzata dal papa Pio II nel Santa Caterina è inoltre patrona principale d'Italia e compatrona d'Europa.Pio II1461

5 RELIQUIE Le reliquie della Santa si trovano in più posti: Fu sepolta a Roma, nel cimitero di Santa Maria sopra Minerva.Santa Maria sopra Minerva La testa le fu staccata e fu portata in processione nella basilica di San Domenico. Nella stessa basilica è conservato un dito di Caterina.basilica di San Domenico Il piede sinistro è invece conservato a Venezia. Una costola fu donata al santuario di Santa Caterina in Belgio. Una scaglia di una scapola si trova nel santuario di Caterina a Siena.santuario di Caterina

6 I MIRACOLI I miracoli riconosciuti nell’ottobre del 1376, quando,Caterina, in ritorno dalla corte papale di Avignone, passò a Varazze, ebbe una spiacevole sorpresa: la cittadina si presentava malridotta e abbandonata a causa della peste che aveva decimato la popolazione. Caterina pregò intensamente per gli abitanti di Varazze affinché finisse il loro dolore e i cittadini furono liberati dalla peste. In cambio del prodigio la santa, chiese ai cittadini di onorare il loro illustre concittadino, dedicando una cappella a suo nome e alla Santissima Trinità. In ricordo di quell'episodio miracoloso, Varazze eresse la santa di Siena a propria patrona dedicandole ogni anno, il 30 aprile.Varazze

7 OPERE Ha lasciato circa quattrocento lettere scritte a tutti i potenti del suo tempo ed un “Dialogo della divina provvidenza “ che è una delle più notevoli opere mistiche di tutti i tempi.

8 NELL’ ARTE Diverse sono le costruzioni in Italia dedicate a Santa Caterina da Siena: chiesa Santa Caterina a Coverciano, chiesa S. C. a Palermo,chiesa S. C a Gorreto, chiesa S.C. a Livorno,chiesa S.C. a Lucca, monastero S.C. a Prato e a Cefalù. La figura di Santa Caterina da Siena ha ispirato molti artisti che l’ hanno ritratta il più delle volte con l’abito domenicano, la corona di spine, reggendo in mano un cuore o un libro, un giglio o un crocifisso.

9 LE ULTIME SETTIMANE DI VITA E LA MORTE Secondo la tradizione, durante gli ultimi giorni della sua vita ci furono continue visite dei figli spirituali e a ciascuno di essi, dopo le comuni raccomandazioni, lei comunicava ciò che dovevano fare successivamente nella vita. Il 29 aprile 1380, prima dell’alba, fu notato in lei un grande mutamento, che fece pensare all’avvicinarsi della sua ultima ora. Il suo respiro diventò così fievole che fu deciso di darle l’Unzione degli infermi. Durante le sue estreme ore più volte chiamò “Sangue! Sangue!”. E dolcemente disse ancora: “Padre, nelle tue mani raccomando l’anima e lo spirito mio”. Morì poco prima di mezzogiorno di quella domenica 29 aprile del 1380.

10 …Fine…


Scaricare ppt "SANTA CATERINA DA SIENA LAVORO DI GRUPPO DI: IRENE TIRLONI, ELISA DE MARCHI, GABRIELE VALCI E ANDREA FERRARI 2°D."

Presentazioni simili


Annunci Google