La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ROMA – REPUBBLICA: RIFLESSIONI SULLE GUERRE Classe quinta scuola A. Mellini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ROMA – REPUBBLICA: RIFLESSIONI SULLE GUERRE Classe quinta scuola A. Mellini."— Transcript della presentazione:

1 ROMA – REPUBBLICA: RIFLESSIONI SULLE GUERRE Classe quinta scuola A. Mellini

2 Schemi riassuntivi della pagina 54 del testo LE GUERRE si svolsero IN ATTACCO IN DIFESA contro ETRUSCHI SANNITI MAGNA GRECIA GALLI

3 IL BOTTINO TERRE ORO – I BENI DELLE FAMIGLIE vinto perso Questionario per gli alunni 1.Quali ragioni, secondo voi, spingono un popolo a fare una guerra? 2.Un popolo che attacca, nei confronti del nemico si sente superiore, inferiore, o uguale?

4 3Nei confronti del popolo, chi comanda e decide di fare una guerra, si sente superiore, inferiore o uguale? 4I sentimenti di superiorità hanno portato gli uomini a commettere crimini inimmaginabili contro popoli diversi, basta pensare alla Shoah. Scrivete una poesia sulla diversità intesa come ricchezza (non come motivo di odio razziale)… Le «diverse» risposte degli alunni. 1.Le ragioni che spingono gli uomini a fare una guerra sono: …avere terre in più, oro …avere terre fertili e schiavi …avere denaro, città, terre coltivabili, servitù … avere potere su tutto

5 … rivalità, malintesi … avidità … conquistare i beni di altri popoli, avere i loro territori ….possedere più ricchezze, sete di potere … le diversità razziali 2.Un popolo che attacca si sente … superiore perché crede di essere più abile e di vincere …superiore perché pensa di essere più forte e di conquistare le città … superiore perché pensa di essere più potente … superiore: se si sentisse inferiore perderebbe … inferiore, attacca perché ha paura del nemico

6 3. …Il capo si sente superiore al popolo … il capo decide e possono morire i componenti del popolo che attacca, oppure gli avversari. POESIE Bella è la differenza Bella la differenza, che viene per discendenza. Noi siamo felici se abbiamo tanti amici se siamo diversi, ma non controversi.

7 Il bello della diversità La diversità è bella, come una stella: con lei puoi sognare e insieme a tante persone fantasticare. Capelli biondi e occhi azzurri appartengono alla popolazione dei russi. Gli occhi a mandorla sono dei cinesi e una lingua strana è dei francesi. Di persone è pieno il mondo, che fanno un girotondo.

8 Giallo, rosa, nero Giallo, rosa, nero, che colorano il mondo intero. Basta sparare, usare la pistola, bisogna montare la moviola con i ricordi belli degli amici: tutti diventeremo felici.

9 Cos’è la diversità. Spero che questa poesia vi faccia capire cos’è la diversità. È l’allegria che crea la nostra fantasia e che ci rende ciò che siamo, quindi la diversità è la vera felicità.

10 Mai più Le persone nel mondo sono molto diverse: buone, belle, cattive, crudeli… Ma è bello essere diversi perché essere uguali sarebbe noioso. Ci sono state molte ingiustizie per la diversità, ma non vogliamo che si ripetano più.

11 Viva la vita Viva la vita e chi la difende, è da questo che tutto dipende. Se non ti senti tanto felice, ascolta il tuo cuore e ciò che ti dice: sono parole dai mille colori, che sprigionan profumo di fiori: chi è diverso arricchirti potrà se con te la vita celebrerà: ciò che ci unisce è un amore potente: chi fa la guerra è solo un perdente.

12 La diversità è bella. La diversità è bella perché dà emozioni, fa provare qualcosa per qualcuno. Senza le caratteristiche diverse, quelle belle e quelle brutte, di ognuno, le sensazioni che proviamo non ci sarebbero. E il mondo senza emozioni finirebbe.


Scaricare ppt "ROMA – REPUBBLICA: RIFLESSIONI SULLE GUERRE Classe quinta scuola A. Mellini."

Presentazioni simili


Annunci Google