La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lo Stalinismo L’URSS DAL 1924 AL 1939. STALIN AL POTERE 1924: morte di Lenin  lotta per il potere tra Lev Trotzkij e Josif Stalin. Trotzkij: idea della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lo Stalinismo L’URSS DAL 1924 AL 1939. STALIN AL POTERE 1924: morte di Lenin  lotta per il potere tra Lev Trotzkij e Josif Stalin. Trotzkij: idea della."— Transcript della presentazione:

1 Lo Stalinismo L’URSS DAL 1924 AL 1939

2 STALIN AL POTERE 1924: morte di Lenin  lotta per il potere tra Lev Trotzkij e Josif Stalin. Trotzkij: idea della rivoluzione permanente (esportare la rivoluzione in tutta Europa) Stalin: socialismo in un solo paese (fare diventare l’URSS uno stato potente) 1927: prevale l’idea staliniana  Trotzkij espulso dal partito e costretto a fuggire in Messico, dove un emissario di Stalin lo ucciderà nel Dittatura di Stalin, a capo del PCUS (Partito Comunista Unione Sovietica, l’unico partito esistente).

3 I PIANI QUINQUENNALI Abbandono della NEP: tutti i mezzi di produzione sotto il diretto controllo dello stato, senza alcuna iniziativa privata. Piani quinquennali: progetti economici da ristabilire ogni 5 anni. Il primo parte nel Incremento dell’industria pesante dell’acciaio e del ferro, per produrre armamenti moderni e macchinari  l’URSS, da paese agricolo, diventa potenza industriale. Ma nessun vantaggio per il popolo, perché non si producono beni di consumo.

4 LA COLLETTIVIZZAZIONE FORZATA Due tipi di aziende agricole: - Kolchoz = cooperative ottenute unificando tante piccole proprietà terriere. Terra e macchinari agricoli appartengono allo stato ma sono gestiti dai contadini. Lo stato decide la quantità della produzione e i prezzi. -Sovchoz = aziende agricole gestite direttamente dai funzionari del partito, servivano da modello. I kulaki, che si oppongono, vengono sterminati o deportati nei gulag. Sconvolgimento della produzione  carestia  fallimento della collettivizzazione

5 Lo “stacanovismo” Aleksej Stachanov fu un minatore sovietico che, secondo la propaganda, nel 1935 era riuscito ad estrarre una quantità di carbone 10 volte superiore a quella imposta dal regime. Fu così additato come eroe nazionale ed esempio per incentivare tutti a produrre di più. In realtà si trattava di un “record” organizzato a scopi propagandistici, poiché a Stachanov fu attribuita anche la produzione di altri minatori. Ancora oggi il termine “stacanovista” indica chi dedica tutte le proprie energie al lavoro. Stachanov al lavoro

6 Holodomor Con questo termine, che significa “morte per fame”, si indica la carestia del in Ucraina, provocata dalla politica economica dell’URSS. La deportazione dei kulaki ucraini, la collettivizzazione forzata e la requisizione dei raccolti furono all’origine di una spaventosa penuria di cibo, che causò la morte di milioni di persone. La chiusura dei confini ucraini, decisa da Stalin, impedì al popolo di cercare salvezza in altre zone. Diversi furono i casi di cannibalismo. Ma di tutto questo non si seppe nulla per decenni e ancora adesso il genocidio ucraino è pressoché sconosciuto. Il monumento in memoria delle vittime della “Grande Fame”, a Kiev

7 UN REGIME DI TERRORE : periodo del “terrore staliniano” o delle grandi purghe  persecuzioni contro gli oppositori ma anche i membri del partito sospettati di infedeltà. video Video 2 Video 3 video 4video Video 2Video 3video 4 I “nemici del popolo” condannati a morte o alla deportazione nei gulag. Kgb: polizia politica di Stalin. “Russificazione” delle altre etnie, costrette a parlare russo e non la loro lingua. Controllo e censura sulla cultura, ricerche scientifiche solo nei campi decisi dal regime.

8 “Il capitano dei paesi sovietici ci guida di vittoria in vittoria”

9 Le purghe staliniane Il termine si riferisce agli anni in cui la persecuzione di Stalin si fece più feroce e colpì tutti coloro che il dittatore riteneva infedeli, compresi molti ex compagni di partito e ben 180 generali dell’armata rossa. Costoro, insieme a moltissimi intellettuali, artisti e semplici cittadini, vennero uccisi o deportati in Siberia dopo processi fasulli in cui gli accusati, sottoposti a torture fisiche e psicologiche, finivano per confessare colpe mai commesse. Nei gulag trovarono la morte milioni di persone. Alcune vittime del terrore staliniano nelle foto scattate poco prima dell’esecuzione i volti delle Grandi Purghe ritornano in un libro

10 I Gulag L’acronimo Gulag significava “Direzione Generale dei Campi di Lavoro” ed è passato poi ad indicare i campi stessi. Già sotto Lenin erano stati creati lager destinati soprattutto ai prigionieri della guerra civile: il primo fu quello delle Isole Solovki, vicino al Circolo Polare Artico (video).video I Gulag si diffusero poi sotto Stalin, tanto da creare un vero e proprio “arcipelago”, come lo definì il grande scrittore Solzenicyn. Nei campi i detenuti erano costretti a lavorare in condizioni disumane, in particolare in miniera o alla costruzione di grandi opere pubbliche, come il canale di collegamento tra il Mar Bianco e il Mar Baltico.

11 Aleksandr Solzenicyn Solzenicyn, scrittore e storico sovietico, è noto soprattutto per aver fatto conoscere al mondo l’orrore dei Gulag, dove lui stesso era stato internato per aver criticato Stalin in una lettera. Il manoscritto di Arcipelago Gulag fu pubblicato a Parigi nel 1973: era uscito dall’URSS grazie ad una “catena” clandestina di diffusori, dopo che l’unica altra copia esistente era stata requisita dal KGB grazie alla confessione estorta ad una dattilografa, che poi si suicidò. (recensione)(recensione) All’esperienza del Gulag si riferisce anche un’altra opera di Solzenicyn, il racconto Una giornata di Ivan Denisovic (recensione video)recensione video Solzenicyn prigioniero


Scaricare ppt "Lo Stalinismo L’URSS DAL 1924 AL 1939. STALIN AL POTERE 1924: morte di Lenin  lotta per il potere tra Lev Trotzkij e Josif Stalin. Trotzkij: idea della."

Presentazioni simili


Annunci Google