La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Finalità del curricolo: la costruzione di una piena cittadinanza mondiale garantita dall’uso critico e democratico della storia rivisitata alla luce dei.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Finalità del curricolo: la costruzione di una piena cittadinanza mondiale garantita dall’uso critico e democratico della storia rivisitata alla luce dei."— Transcript della presentazione:

1 Finalità del curricolo: la costruzione di una piena cittadinanza mondiale garantita dall’uso critico e democratico della storia rivisitata alla luce dei problemi di oggi in funzione del futuro. IL CURRICOLO DI STORIA NELLE NUOVE INDICAZIONI

2 RICERCA STORICA e RAGIONAMENTO CRITICO (uso delle fonti) uso e confronto delle fonti conoscenza di procedure e tecniche di lavoro dello storico e di siti archeologici RIFETTERE e DIBATTERE SULLA STORIA (produzione orale e scritta) esporre e argomentare le conoscenze storiche in funzione di una cittadinanza attiva#Pagina 7 cittadinanza attiva#Pagina 7 ORGANIZZAZIONE DI SAPERI STORICI (organizzazioni delle informazioni) selezionare e organizzare informazioni in mappe e schemi leggere carte storico- geografiche collocare la storia locale in quella mondiale CONOSCENZA DELLA STORIA GENERALE PER COMPRENDERE IL MONDO (strumenti concettuali) comprendere vicende del passato collegare e confrontare quadri storico- sociali diversi nel tempo e nello spazioe confrontare quadri storico- sociali diversi nel tempo e nello spazio usare le conoscenze apprese per comprendere problemi ecologici, interculturali e di convivenza civile di oggi. STORIA Comprendere ed interpretare fatti, eventi e processi del passato per metterli a confronto e in dialogo con il presente multiculturale e multietnico passato

3 PROFILO: si orienta nel tempo, osserva ed interpreta fatti e fenomeni. COMPETENZE – CHIAVE EUROPEE :  CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Comprendere il cambiamento e le diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica, attraverso il confronto tra epoche, e sincronica, attraverso il confronto tra aree culturali percependo le discontinuità.cambiamento discontinuità. Assumere una visione pluri prospettica della storiaprospettica Coglie le connessioni, le interdipendenze, gli intreccinterdipendenze  COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE riconoscimento dei diritti umani a tutela del Bene di Tutti. METODOLOGIA GENERALE  Prospettiva multiculturale interculturale e mondiale  Approccio per problemi  Ricerca storica  Ragionamento critico ATTENZIONI METODOLOGICHE  Narrazioni del passato in dialogo con il presente  Lettura e analisi di carte storico –geografichecarte storico –geografiche  Strategia carte- raccontiracconti  Indagini sui processi di trasformazione  Collegamento tra storia locale, nazionale, europea e mondiale Collegamento tra storia locale, nazionale, europea e mondiale  Uso delle fonti  Progressione e ricorsività delle attività didattiche  Interdisciplinarità  Approccio alla storia mondiale attraverso alcuni snodi fondamentali della vicenda umana umana STRUMENTI DIDATTICI  Libri, testi storici carte geo – storiche  Documenti, testimonianze, interviste  Uso dei media  Musei, territorio, beni culturali, archivi storici ESPERIENZE SIGNIFICATIVE  Attività laboratoriali in classe e fuori classe  Ricerca storica Interviste, letture di testi storiografici  Modalità di organizzazione delle informazioni (mappe, tavole sinottiche, quadri di civiltà…)

4 Giovanna Cipollari CVM QUESTIONI SOCIALMENTE VIVE Le questioni socialmente vive sono quelle legate sia all’attualità sia alla memoria che risultano comunque scottanti perché generano orientamenti opposti e controversie interpretative anche tra gli stessi ricercatori come, per esempio il tema della Grande Guerra o della Shoah o delle Foibe o della stessa colonizzazione, che purtroppo – invece - sono presentate come RISULTATI

5 Multiscalarità Studio dei fenomeni, attraverso l’utilizzo di diverse scale geografiche e relative analisi che procedono dal locale al globale e viceversa (scala mondiale, euro - mediterranea, nazionale, locale) FINALITÀ: cogliere la specificità delle situazioni attraverso l’uso delle diverse dimensioni spaziali.

6 Cronospazialità Le rappresentazioni crono - spaziali rendono conto delle compresenze e legano il passato al presente tramite una fitta rete di nodi in cui le società mostrano il proprio statuto di sopravvivenza ed il proprio diritto ad affrontare il problema di coabitare nel pianeta terra con diverse altre modalità di organizzazione sociale. Roma Atene Cartagine 750 a.C. Finalità: la conoscenza della complessità del passato in funzione della comprensione del presente in vista della progettazione di un diverso futuro.

7 RESPONSABILITA’-CORRESPONSABILITÀ, ATTIVISMO - RUOLO DEL SOGGETTO Nella logica del principio africano dell’ubuntu per cui ciascuno è responsabile nei confronti di tutti gli altri, si promuove una cittadinanza attiva a dimensione planetaria basata sul senso della solidarietà, della cooperazione, della negoziazione e condivisione Finalità: promuovere un sapere della responsabilità per cui chi sa non può non agire per superare le disuguaglianze o le situazione di violazione dei diritti umani.

8 PROCESSUALITÀ Finalità: promuovere il rispetto dell’altro come condizione del rispetto di sé in quanto il cambiamento valorizza la diversità L’individuazione del movimento come chiave di lettura dell’esistente attesta l’originalità di ogni processo.

9 DISCONTINUITÀ Consapevolezza della mancata linearità dello sviluppo dei fenomeni per cui la loro evoluzione non sempre è necessariamente migliorativa. Finalità: superare la visione meccanicistica e deterministica legata all’esaltazione del progresso scientifico e restituire la dimensione processuale dei fenomeni per promuovere la mens critica e problematica

10 DECENTRAMENTO, PLURALITÀ dei PUNTI DI VISTA Assumere uno sguardo integrato, complesso nella consapevolezza che esistono tante modalità di rapportarsi all’esistente per cui il proprio approccio non è che uno della tante possibili visioni, così da ritenere inevitabile evocare contemporaneamente le diverse posizioni e situazioni in gioco Finalità: approfondire lo sguardo per rendere conto delle molteplici situazioni così da empatizzare con l’altro per superare dicotomie sterili e promuovere una condivisione di significati

11 SISTEMA, RELAZIONI, INTERDIPENDENZE, INTERCONNESSIONI Visione olistica e consapevolezza delle connessioni che legano la parte al tutto e viceversa in una realtà intersistemica. Finalità: leggere la vicenda umana e i vari fenomeni ed eventi che la caratterizzano cogliendo la fitte trame e i destini incrociati che li legano in un unico tessuto così da capire il nesso glocale “tra il batter d'ali di una farfalla in Brasile e un tornado in Texas”

12 12 La programmazione si basa sull’uso delle carte storiche Contestualizzare “visivamente” un dato storico nello spazio-mondo “Vedere” che il fenomeno studiato non esaurisce la storia del mondo Cercare le relazioni tra il fenomeno in esame e ciò che gli sta attorno secondo diverse scale spaziali (transcalarità) Ricostruire con rapidità processi di trasformazione mediante il confronto di carte

13 13 La strategia “Carte e Racconti” Saper mettere in relazione la storia raffigurata nella carta con quella raccontata nel testo Seguire un racconto storico guardando la carta Integrare la carta con elementi del racconto storico Integrare il racconto con elementi della carta

14 CONCETTOPANORAMA PAESAGGI Primo Piano LABORATORI GIOCHI OMINAZIONE POPOLAMENTO MONDIALEEUROASIA RIFT VALLEY Modelli di società: caccia, pesca, raccolta Le pitture della preistoria Lo scambio silenzioso

15 Età Matrice curricolareObiettiviTraguardi 6-8 Quadri sociali di oggi e di ieri, del vicino e del lontano Bisogni – risorse; Ambiente/ produzione; Gruppo- organizzazione sociale; Regole nel tempo e nello spazio; Genere - generazione. Individuare le tracce e usarle come fonti per produrre conoscenze sul proprio passato, della generazione degli adulti e della comunità di appartenenza. Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. Riconoscere relazioni di successione e di contemporaneità, durate, periodi, cicli temporali, mutamenti, in fenomeni ed esperienze vissute e narrate. Comprendere la funzione e l’uso degli strumenti convenzionali per la misurazione e la rappresentazione del tempo (orologio, calendario, linea temporale …). Seguire e comprendere vicende storiche attraverso l’ascolto o lettura di testi dell’antichità, di storie, racconti, biografie di grandi del passato. Organizzare le conoscenze acquisite in semplici schemi temporali. Rappresentare conoscenze e concetti appresi mediante grafismi, disegni, testi scritti e con risorse digitali. Riferire in modo semplice e coerente le conoscenze acquisite. L’alunno riconosce elementi significativi del passato del suo ambiente di vita. Esplora le tracce storiche presenti nel territorio. Usa la linea del tempo per organizzare informazioni, conoscenze, periodi e individuare successioni, contemporaneità, durate, periodizzazioni. Comprende i testi storici proposti e sa individuarne le caratteristiche. Racconta i fatti studiati e sa produrre semplici testi storici, anche con risorse digitali. STORIA

16 EtàMatrice curricolareObiettiviTraguardi sistema mondiale: ominazione sistema mondiale: neolitico sistema euromediterranea: civiltà antiche (colonizzazione greca; unificazione del mediterraneo) sistema mondiale: i grandi imperi Produrre informazioni con fonti di diversa natura utili alla ricostruzione di un fenomeno storico. Rappresentare, in un quadro storico-sociale, le informazioni che scaturiscono dalle tracce del passato presenti sul territorio vissuto. Leggere una carta storico-geografica relativa alle civiltà studiate. Usare cronologie e carte storico-geografiche per rappresentare le conoscenze. Confrontare i quadri storici delle civiltà affrontate. Usare il sistemadi misura occidentale del tempo storico (avanti Cristo – dopo Cristo) e comprendere i sistemi di misura del tempo storico di altre civiltà. Elaborare rappresentazioni sintetiche delle società studiate, mettendo in rilievo le relazioni fra gli elementi caratterizzanti Confrontare aspetti caratterizzanti le diverse società studiate anche in rapporto al presente. Ricavare e produrre informazioni da grafici, tabelle, carte storiche, reperti iconografici e consultare testi di genere diverso, manualistici e non, cartacei e digitali. Esporre con coerenza conoscenze e concetti appresi, usando il linguaggio specifico della disciplina. Elaborare in testi orali e scritti gli argomenti studiati, anche usando risorse digitali. Riconosce ed esplora in modo via via più approfondito le tracce storiche presenti nel territorio e comprende l’importanza del patrimonio artistico e culturale Organizza le informazioni e le conoscenze, tematizzando e usando le concettualizzazioni pertinenti. Usa carte geo-storiche, anche con l’ausilio di strumenti informatici Comprende avvenimenti, fatti e fenomeni delle società e civiltà che hanno caratterizzato la storia dell’umanità dal paleolitico alla fine del mondo antico con possibilità di apertura e di confronto con la contemporaneità. Comprende aspetti fondamentali del passato dell’Italia dal paleolitico alla fine dell’impero romano d’Occidente, con possibilità di apertura e di confronto con la contemporaneità. Individua le relazioni tra gruppi umani e contesti spaziali. Espone oralmente e verbalmente le conoscenze collegandole con la tipologia di fonte storica utilizzata. EtàMatrice curricolareObiettiviTraguardi Produrre informazioni con fonti di diversa natura utili alla ricostruzione di un fenomeno storico. Rappresentare, in un quadro storico-sociale, le informazioni che scaturiscono dalle tracce del passato presenti sul territorio vissuto. Leggere una carta storico-geografica relativa alle civiltà studiate. Usare cronologie e carte storico-geografiche per rappresentare le conoscenze. Confrontare i quadri storici delle civiltà affrontate. Usare il sistemadi misura occidentale del tempo storico (avanti Cristo – dopo Cristo) e comprendere i sistemi di misura del tempo storico di altre civiltà. Elaborare rappresentazioni sintetiche delle società studiate, mettendo in rilievo le relazioni fra gli elementi caratterizzanti Confrontare aspetti caratterizzanti le diverse società studiate anche in rapporto al presente. Ricavare e produrre informazioni da grafici, tabelle, carte storiche, reperti iconografici e consultare testi di genere diverso, manualistici e non, cartacei e digitali. Esporre con coerenza conoscenze e concetti appresi, usando il linguaggio specifico della disciplina. Elaborare in testi orali e scritti gli argomenti studiati, anche usando risorse digitali. Riconosce ed esplora in modo via via più approfondito le tracce storiche presenti nel territorio e comprende l’importanza del patrimonio artistico e culturale Organizza le informazioni e le conoscenze, tematizzando e usando le concettualizzazioni pertinenti. Usa carte geo-storiche, anche con l’ausilio di strumenti informatici Comprende avvenimenti, fatti e fenomeni delle società e civiltà che hanno caratterizzato la storia dell’umanità dal paleolitico alla fine del mondo antico con possibilità di apertura e di confronto con la contemporaneità. Comprende aspetti fondamentali del passato dell’Italia dal paleolitico alla fine dell’impero romano d’Occidente, con possibilità di apertura e di confronto con la contemporaneità. Individua le relazioni tra gruppi umani e contesti spaziali. Espone oralmente e verbalmente le conoscenze collegandole con la tipologia di fonte storica utilizzata.

17 Età Matrice curricolare ObiettiviTraguardi sistema continentale: il medioevo. sistema mondiale: Riv. agraria scientifica industriale. sistema continentale: Umanesimo, Rinascimento. sistema mondiale: scoperte geografiche. sistema continentale: riforma protestante; formazione degli stati moderni; Illuminismo. sistema mondiale: colonizzazione,società di massa; le due guerre mondiali;democrazie e dittature; emancipazione femminile;decolonizzazione; sistema mondiale: globalizzazione; migrazioni;rivoluzione digitale. sistema nazionale : la repubblica italiana. Conoscere alcune procedure e tecniche di lavoro nei siti archeologici, nelle biblioteche e negli archivi. Usare fonti di diverso tipo (documentarie, iconografiche, narrative, materiali, orali, digitali, ecc.) per produrre conoscenze su temi definiti. Selezionare e organizzare le informazioni con mappe, schemi, tabelle, grafici e risorse digitali. Collocare la storia locale in relazione con la storia italiana, europea, mondiale. Formulare e verificare ipotesi sulla base delle informazioni prodotte e delle conoscenze elaborate. Comprendere aspetti e strutture dei processi storici italiani, europei e mondiali. Conoscere il patrimonio culturale collegato con i temi affrontati. Usare le conoscenze apprese per comprendere problemi ecologici, interculturali e di convivenza civile. Produrre testi, utilizzando conoscenze selezionate da fonti di informazione diverse, manualistiche e non, cartacee e digitali Argomentare su conoscenze e concetti appresi usando il linguaggio specifico della disciplina. L’alunno si informa in modo autonomo su fatti e problemi storici anche mediante l’uso di risorse digitali. Produce informazioni storiche con fonti di vario genere – anche digitali – e le sa organizzare in testi. Organizza le informazioni e le conoscenze, tematizzando e usando le concettualizzazioni pertinenti collegando i dati su varie scale:mondiale, continentale, nazionale, locale Comprende testi storici e li sa rielaborare con un personale metodo di studio, Comprende aspetti, processi e avvenimenti fondamentali della storia del suo ambiente e quella italiana dalle forme di insediamento e di potere medievali alla formazione dello stato unitario fino alla nascita della Repubblica, anche con possibilità di aperture e confronti con il mondo antico. Conosce aspetti e processi fondamentali della storia europea medievale, moderna e contemporanea, anche con possibilità di aperture e confronti con il mondo antico. Conosce aspetti e processi fondamentali della storia mondiale, dalla civilizzazione neolitica alla rivoluzione industriale, alla globalizzazione. Conosce aspetti del patrimonio culturale, italiano e dell’umanità Espone oralmente e con scritture – anche digitali – le conoscenze storiche acquisite operando collegamenti e argomentando le proprie riflessioni. Usa le conoscenze e le abilità per orientarsi nella complessità del presente, comprende opinioni e culture diverse, capisce i problemi fondamentali del mondo contemporaneo.

18 Storia focalizzata su problemi umani: L’uso delle diverse fonti di energia; (Rivoluzione / Sviluppo) La difesa dagli elementi avversi e la trasformazione progressiva dell’ambiente naturale; (Risorse/Inquinamento) I molti passaggi dello sviluppo tecnico; (Rivoluzione / Trasformazione) La conservazione dei beni e del cibo;( Bisogni – risorse/ Nicchia ecologica) La divisione del lavoro e la differenziazione sociale; (Istituzioni /Organizzazione politico-sociale / Nord –Sud/ Centro e periferia) Le migrazioni; ( Mondializzazione/Planetarizzazione/ Globalizzazione/Migrazioni) La conquista dei territori; (Colonizzazione) Il conflitto interno e quello esterno alle comunità;(Rivoluzione/Guerra) La custodia e la trasmissione del sapere;(Bisogni/Cultura) I codici e i mezzi della comunicazione; ( Planetarizzazione/Cultura) Lo sviluppo delle credenze e delle ritualità; (Istituzioni /Organizzazione politico-sociale) L’evoluzione del sentimento religioso e delle norme; (Istituzioni /Organizzazione politico-sociale) La costruzione di diverse forme di governo;(Istituzioni/ Città/ Impero) La difesa del patrimonio artistico - culturale; (Bisogni/Cultura) I rapporti tra istituzioni e società; (Istituzioni e società) Le differenze di genere e di generazione;(Genere-generazione) Le forme statuali; (Istituzioni / Nazione ) Le istituzioni democratiche. (Democrazia )

19 Intrecci Interdisciplinari, in particolare tra storia e geografia Processi, trasformazioni che hanno portato al mondo di oggi Ragionamento critico Dialogo intorno alla complessità del passato e del presente fra le diverse componenti di una società multietnica e multiculturale. Cittadinanza attiva Tutela del patrimonio artistico – culturale Dimensione transcalare (mondiale, europea, nazionale e locale) Punti forti

20 Riflessioni N. B: La storia viene presentata come studio della vicenda umana con un’attenzione particolare verso le trasformazioni epocali che caratterizzano tutti gli spazi: il processo di ominazione, la rivoluzione neolitica, la rivoluzione industriale e i processi di mondializzazione e globalizzazione. In tal modo la storia interessa l’Umanità tutta. La storia viene anche analizzata come intreccio di legami e di scambi, di passato e presente con la funzione di avviare una riflessione e comprensione sulla complessità del presente. Gli approcci caldeggiati sono quelli transcalari, pluriprospettici, cronospaziali. Tale impostazione favorisce un procedimento critico e problematico nello studio della storia che viene presentata in modo innovativo come frutto di scambi, transizioni, intrecci a livello intercontinentale tramite categorie interpretative in linea con la World History. Tuttavia le indicazioni restano ad un livello di linee-guida che richiedono un’attività di ripensamento dell’insegnamento tradizionale, legato ancora a quadri di civiltà autonomi e non interrelati allo scenario mondiale come accade nella maggioranza dei testi scolastici.


Scaricare ppt "Finalità del curricolo: la costruzione di una piena cittadinanza mondiale garantita dall’uso critico e democratico della storia rivisitata alla luce dei."

Presentazioni simili


Annunci Google