La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Finanziato dalla Regione Abruzzo Programma Attuativo Regionale del Fondo per le Aree Sottoutilizzate 2007 – 2013 Linea d’azione V.3.1.b: Sostegno ai progetti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Finanziato dalla Regione Abruzzo Programma Attuativo Regionale del Fondo per le Aree Sottoutilizzate 2007 – 2013 Linea d’azione V.3.1.b: Sostegno ai progetti."— Transcript della presentazione:

1 Finanziato dalla Regione Abruzzo Programma Attuativo Regionale del Fondo per le Aree Sottoutilizzate 2007 – 2013 Linea d’azione V.3.1.b: Sostegno ai progetti per la sicurezza e la legalità Soggetto Proponente: COMUNE DI SAN SALVO Soggetto Gestore: Coop. “Nuova Solidarietà” GIUNTA REGIONALE Progetto “Educare per crescere nella legalità”

2 A.S classi V sez. A sez. B via Verdi insegnante referente: Liberato Maria

3 NOI SIAMO 5 sez.A 1.Sofia Puccella 2.Alessia Di Pietro 3.Martina Sacchetti 4.Ludovica Colia 5.Mario Sacchetti 6.Daniel Torricella 7.Walter Cipriano 8.Vincenzo Tontaro 9. Carmine Aquino 10. Giuliano Cilli 11. Gabriele Malandra 12. Emanuele Giorgini 13. Cristian Incarnato 14. Giulio Fornaro 15. Moreno Rattazzini 16. Gianluigi Avallone 17. Antonio Lombardi

4 NOI SIAMO 5 sez. B 1.Bontempo Valerio 2.Capitale Lia 3.Carlucci Giada 4.D’Alessandro Matteo 5.Del Borrello Giuseppe 6.Di Ienno Lorenzo 7.Di Lella Giuseppe 8.Di Pardo Alex 9.Di Rocco Rosetta Giuseppina 10.Di Staulo Claudia 11.Di Vaira Manolo 12.Marchese Stefano 13.Mariotti Angelo Antonio 14.Moretta Martina 15Piccirilli Gianluca 16Piccirilli Gioele 17Porcaro Angelo 18Ricci Michele 19Sales Francesco 20Scarano Noemi 21Scutti Rosa 22Shestani Valentino 23Stifani Erika

5 Gli alunni di 5^A e B di via Verdi a. s.2013/2014 La maestra Maria vi presenta una nuova compagna: l’Europa

6 Gli alunni di 5^A e B di via Verdi a. s.2013/2014 OH!...QUANTI SIAMO! E’ UN ABBRACCIO DI STATI E NAZIONALITA’

7 I simboli dell'UE L'UE è riconoscibile attraverso una serie di simboli, il più noto dei quali sono le stelle dorate disposte in cerchio su uno sfondo blu. In questo sito vengono presentati anche altri simboli, come l'inno europeo e il motto dell'UE. La bandiera europea Le 12 stelle in cerchio rappresentano gli ideali di unità, solidarietà e armonia tra i popoli d'Europa. L'inno europeo La melodia scelta per simboleggiare l'UE è tratta dalla Nona sinfonia di Ludwig van Beethoven, composta nel Festa dell'Europa Gli ideali all'origine dell'Unione europea sono stati enunciati per la prima volta il 9 maggio 1950 dal ministro degli Esteri francese Robert Schuman. Ecco perché questa data è stata scelta per celebrare la Festa dell'Europa. Il motto dell'UE "Unita’ nella diversità" è il motto dell'Unione europea. Esso sta ad indicare come, attraverso l'UE, gli europei siano riusciti ad operare insieme a favore della pace e della prosperità, mantenendo al tempo stesso la ricchezza delle diverse culture, tradizioni e lingue del continente Pag. succ.

8 L'Unione europea (abbreviata in UE o Ue) è un'organizzazione internazionale sui generis di carattere sovranazionale e intergovernativo che comprende 28 paesi membri indipendenti e democratici del continente europeo, che hanno ceduto parte della loro sovranità agli organismi comunitari. La sua formazione sotto il nome attuale risale al trattato di Maastricht del 7 febbraio 1992 (entrato in vigore il 1º novembre 1993), al quale tuttavia gli stati aderenti sono giunti dopo il lungo cammino delle Comunità europee precedentemente esistenti [13].organizzazione internazionalesui generissovranazionaleintergovernativopaesi membri continente europeo trattato di Maastricht Comunità europee [13] L'Unione attualmente consiste in una zona di libero mercato, detto mercato comune (unione economica), caratterizzata in parte da una moneta unica, l'euro, regolamentata dalla Banca centrale europea (BCE) e attualmente adottata da 18 dei 28 stati membri (unione economica e monetaria o Eurozona), dando vita nel suo complesso all'unione economica e monetaria dell'Unione europea; essa presenta inoltre un'unione doganale nata già con il trattato di Roma del 1957, ma completata fra i paesi aderenti agli accordi di Schengen, che garantiscono ai loro cittadini libertà di movimento, lavoro e investimento all'interno degli stati membri. L'Unione presenta, inoltre, una politica agricola comune, una politica commerciale comune e una politica comune della pesca. mercato comune monetaeuroBanca centrale europeaunione economica e monetariaEurozonaunione economica e monetaria dell'Unione europeaunione doganaletrattato di Romaaccordi di Schengenlibertàpolitica agricola comunepolitica comune della pesca Pag. Succ.

9 Grazie alla normativa Schengen, entrata a far parte del diritto dell'Unione Europea, da alcuni anni non si effettuano più controlli alle frontiere interne di 22 paesi dell'Unione europea: i cittadini italiani che viaggiano verso Portogallo, Belgio, Lettonia, Repubblica ceca, Danimarca, Lituania, Slovacchia, Estonia, Lussemburgo, Slovenia, Finlandia, Malta, Spagna, Francia, Norvegia, Svezia, Germania, Paesi Bassi, Svizzera, Grecia, Polonia, Ungheria e Islanda non sono tenuti a esibire carta d'identità o passaporto.Unione europea Pag. Succ.

10 Il principio di legalità afferma che tutti gli organi dello Stato sono tenuti ad agire secondo la legge. Tale principio ammette che il potere venga esercitato in modo discrezionale, ma non in modo arbitrarioorganiStato leggepoterediscrezionale Educare alla legalità significa elaborare e diffondere la cultura dei valori civili, consente l'acquisizione di una nozione più profonda dei diritti di cittadinanza, partendo dalla consapevolezza della reciprocità fra soggetti dotati della stessa dignità. Essa aiuta a comprendere come l'organizzazione della vita personale e sociale si fondi su un sistema di relazioni giuridiche, sviluppa la consapevolezza che condizioni quali dignità, libertà, solidarietà, sicurezza non possano considerarsi come acquisite per sempre, ma vanno perseguite, volute e, una volta conquistate, protette. Pag. Succ

11 Educare alla legalità vuol dire in primo luogo praticarla Per recuperare e per affermare il valore della cultura della legalità, occorre promuovere il concetto di cittadinanza fondato: sulla coscienza di due principi essenziali: quello del "diritto" e quello del "dovere", sul rispetto dell'altro, delle regole e delle leggi. ? le regole non devono essere presentate come puri comportamenti obbligatori, ma devono essere vissute con consapevolezza e partecipazione.

12 NOI SAPPIAMO CHE... L'Educazione alla legalità ebbe formale origine nel contesto storico 1992-'93, quando gravi eventi (le stragi di Capaci e via D'Amelio, gli attentati di Milano, Firenze, Roma) resero forte la percezione di una minaccia al sistema democratico; l'onda emotiva che ne seguì portò ad un proliferare di iniziative della società civile, che indussero ad un nuovo impulso nella promozione della cultura democratica, quale mezzo di contrasto a fenomeni, come quello mafioso, permeati della cultura della prevaricazione, violenza e tendenzialmente totalitaria. Pag. Succ

13 COLLEGAMENTI INTERDISCIPLINARI ! Storia: Il codice di Hammurabi – L’organizzazione sociale secondo gli Egizi e gli Ebrei – Il concetto di democrazia nella civiltà Greca e Romana Italiano: Il testo regolativo – La giornata della memoria Identificare se stesso: carta di identità: generalità, residenza (Art. 16);

14

15 Consiglio dei ministri: è formato dai ministri dei paesi membri e prende le decisioni sui principali problemi. La sua composizione varia secondo gli argomenti trattati : ad esempio quando si parla di problemi agricoli si riuniscono i ministri dell’agricoltura Corte di giustizia: garantisce l’esatta interpretazione del diritto comunitario e si pronuncia sulle controversie riguardanti l’applicazione dei trattati Pag. Succ

16 Commissione europea: ha sede a Bruxelles ed è composta da venti commissari nominati dai governi dei vari stati. E’il vero governo dell’Europa perché propone le leggi e controlla l’attuazione delle decisioni prese. Il parlamento Europeo: si riunisce in assemblea a Strasburgo ed è formato da 626 deputati eletti ogni 5 anni direttamente dai cittadini europei. Controlla la Commissione. Pag. Succ

17 La moneta unica europea – EURO Dal 1° gennaio 1999 l'euro Le banconote e monete sono entrate in circolazione il 1° gennaio 2002.

18 Nell’universo dei diritti e doveri dei bambini e delle bambine Il bambino circondato da amore e comprensione è tra i primi a ricevere protezione. Il suo benessere è prezioso ma mai come il suo cuore se diventerà affettuoso. I bambini sono molto speciali, ma non sono tutti uguali. Alcuni sono contenti, ma anche prepotenti altri noiosi, soprattutto permalosi. A tutti i bambini piace giocare, altri preferiscono cantare, altri ancora studiare. Non tutti sanno che in un posto del mondo alcuni uomini hanno condiviso per loro un amore profondo pertanto hanno scritto i loro diritti e doveri in modo giocondo. E’un grande miracolo superare ogni ostacolo: vedere bambini felici e anche amici se sono di pelle chiara o scura non devono far paura. Qualsiasi discriminazione razziale non è una cosa legale. Han diritto a crescere con amore a tutte le ore Con molta passione e comprensione E per tutto questo basta quest’azione: rispettare la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e fare solo razzia di amicizia. Poesia “Il rosa e il celeste” prodotta dalle classi quinte


Scaricare ppt "Finanziato dalla Regione Abruzzo Programma Attuativo Regionale del Fondo per le Aree Sottoutilizzate 2007 – 2013 Linea d’azione V.3.1.b: Sostegno ai progetti."

Presentazioni simili


Annunci Google