La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Aspetti Fisici della Risonanza Magnetica Nucleare in Medicina Prof. P.L. INDOVINA Cattedra di Fisica Direttore Scuola di Specializzazione Fisica Sanitaria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Aspetti Fisici della Risonanza Magnetica Nucleare in Medicina Prof. P.L. INDOVINA Cattedra di Fisica Direttore Scuola di Specializzazione Fisica Sanitaria."— Transcript della presentazione:

1 Aspetti Fisici della Risonanza Magnetica Nucleare in Medicina Prof. P.L. INDOVINA Cattedra di Fisica Direttore Scuola di Specializzazione Fisica Sanitaria Dipartimento di Scienze Fisiche Università di Napoli "Federico II" Complesso Universitario Monte S. Angelo Via Cinthia Napoli cell.:

2 RM (Risonanza Magnetica) E' nata nell'ambito della Struttura della Materia; Notevoli sviluppi nello studio delle strutture di molecole organiche; Ulteriori sviluppi per lo studio di strutture e funzioni di molecole biologiche Metodica di punta nel campo della Fisica Medica per ottenere immagini su pazienti

3 Fisica Medica La Fisica Medica è una branca della Fisica che si occupa di tutte le attività legate all’impiego di sorgenti di radiazioni in diagnostica e terapia e, più in generale, in tutte le applicazioni della Fisica in campo medico. Immagini RM Radioterapia PET/TC

4 Risonanza Magnetica (RM) Cos’è la Risonanza Magnetica Nucleare? Cos'è Risonanza in Fisica? Come si ottiene una Risonanza di un sistema magnetico?

5 Il fenomeno della risonanza In Fisica si osserva un fenomeno di risonanza quando un sistema che ha una frequenza propria di oscillazione viene sollecitato dall’esterno da un agente (forza, tensione, ecc.) che ha una frequenza circa uguale a quella propria del sistema. Esempi di fenomeni di risonanza: Altalena, orologio al quarzo, corda di una chitarra, rumori di carrozzeria, ponte, ecc… Un esperimento di risonanza nel campo gravitazionale

6 Lo spettro elettromagnetico E = h  è la frequenza caratteristica dell’onda (c= )

7 Immagine fotografica

8 Immagine radiografica

9 Immagine con risonanza magnetica B0B0

10 Cosa è una Immagine biomedica? E' una rappresentazione, bi-dimensionale (proiettiva) o tri-dimensionale tomografica, della distribuzione nello spazio dei valori che assume in ogni punto una grandezza fisica del corpo umano. Tomografia: tecnica che consente di ottenere immagini di sezioni ("Tomos"), del corpo umano.

11 Magnetismo Nucleare

12 Fenomeno della MR Nucleo magnetico (es. protone) in un campo magnetico precessione intorno a

13 Trottola Analogia: la trottola nel campo gravitazionale ruota intorno al proprio asse e ruota intorno al campo gravitazionale.

14 Applichiamo a R.F.  ruota intorno a e descrive un cono con frequenza esercita una coppia su Frequenza di Larmor

15 Se, l’angolo tra e varia gradualmente nel tempo. Per : fenomeno risonanza magnetica nucleare è in grado di modificare energia di interazione di con e. Equazione di Larmor Frequenza di Larmor

16 Scambio di Energia in Risonanza Lo scambio di energia è possibile quando i protoni ed il campo B 1 hanno la stessa frequenza (panino quanto di energia)

17 Porzione del Corpo Umano Contiene N nuclei di idrogeno Magnetizzazione totale Risonanza magnetizzazione totale

18 Magnetizzazione del Corpo Umano

19 Magnetizzazione nel piano

20 Legge di FARADAY-NEUMANN (1) Una spira di filo conduttore è collegata ad un galvanometro. Se si avvicina o si allontana un magnete (o si sposta la spira rispetto al magnete), l’indice del galvanometro indica un passaggio di corrente (corrente indotta).

21 Legge di FARADAY-NEUMANN (2) Due spire sono ferme l’una accanto all’altra. Quando si chiude o si apre l’interruttore S, l’ago del galvanometro indica un passaggio di corrente.

22 Legge di FARADAY-NEUMANN (3) In entrambi gli esperimenti 1 e 2, si ha una forza elettromotrice indotta in un circuito quando il flusso magnetico (BS) attraverso la superficie che limita il circuito varia nel tempo. La forza elettromotrice indotta in un circuito è uguale alla rapidità con cui varia il flusso magnetico attraverso il circuito. Una forza elettromotrice può essere indotta in un circuito in diversi modi: 1) Quando varia nel tempo il modulo di B 2) Quando varia nel tempo la superficie S del circuito 3) Quando varia la direzione di B 4) Quando si verifica una combinazione dei casi precedenti

23 è il segnale RM La variazione del concatenato con la bobina: per la legge di FARADAY-NEUMANN. avremo nella bobina una f.e.m. indotta. La magnetizzazione ruotando nel piano genera un campo magnetico su una bobina ricevente. x′ z′ B 0 y′ t f Magnetizzazione nel piano

24 Tempi di Rilassamento La magnetizzazione totale in Risonanza ha una componente lungo il campo ed una componente perpendicolare al campo magnetico. Queste due componenti ritornano all’equilibrio con tempi caratteristici, detti tempi di rilassamento, che dipendono dallo stato fisiologico o patologico del tessuto del corpo umano risonante.

25 Tempi di Rilassamento Il segnale RM può dare informazioni su tre parametri: Numero di protoni per unità di volume Legge di decadimento di M lungo il campo magnetico (T1) Legge di decadimento della componente perpendicolare (T2)

26 Tre Provette in un Campo Magnetico omogeneo

27 Tre Provette in un Campo Magnetico non omogeneo

28

29

30

31 Componenti fondamentali di un tomografo a risonanza magnetica MagneteMagnete Gradienti di campoGradienti di campo Bobine RFBobine RF

32 Premi Nobel per la Risonanza Magnetica La RM è una tematica di ricerca che ha ricevuto riconoscimento con premi Nobel: Edward Mills Purcell e Felix Block (Premio Nobel per la Fisica) "per aver osservato per primi il fenomeno della risonanza magnetica" Richard R. Ernst (Premio Nobel per la Chimica) "per il suo contributo della spettroscopia RM ad alta risoluzione“ Kurt Wüthrich (Premio Nobel per la Chimica) "per il suo contributo allo studio della struttura tridimensionale di macromolecole biologiche con spettroscopia RM ad alta risoluzione“ Paul C. Lauterbur e Sir Peter Mansfield (Premio Nobel per la Medicina) “per le loro scoperte relative all’imaging in risonanza magnetica“

33 6 Ottobre 2003 Nobel per la applicazione della RM in medicina Lauterbur e Mansfield “per le loro scoperte relative all’imaging in risonanza magnetica“ “Era atteso che il premio Nobel fosse anche assegnato a Raymond V. Damadian che inventò e brevettò uno scanner a risonanza magnetica. Inoltre, per lo sviluppo della MR furono fondamentali i suoi lavori che dimostrarono che i tempi di rilassamento dei tessuti tumorali erano diversi da quelli dei tessuti sani”.

34 6 Ottobre 2003 Nobel per la applicazione della RM in medicina Lauterbur e Mansfield “per le loro scoperte relative all’imaging in risonanza magnetica“ Rita Levi Montalcini: “E’ un premio molto meritato per un’alta applicazione tecnologica. Un Nobel che va in una direzione diversa visto che di solito viene assegnato a ricerche di base”. Nel mondo operano tomografi di RM (e 500 in Italia) e si effettuano circa 60 milioni di esami per anno.

35 Conclusioni La RM è un esempio di applicazione di alcuni principi di fisica di base in Medicina. E’ una tecnica di Diagnostica per immagini rivoluzionaria perché utilizza radiazioni NON ionizzanti. Permette di ottenere l’immagine di qualunque sezione del corpo umano. Oltre alle immagini morfologiche ottenibili con le radiazioni ionizzanti, permette di ottenere immagini funzionali. La RM è un esempio di applicazione medica che necessita della cooperazione tra varie figure professionali: Medico Radiologo, Fisico Medico, Tecnico Sanitario di Radiologia Medica, ….


Scaricare ppt "Aspetti Fisici della Risonanza Magnetica Nucleare in Medicina Prof. P.L. INDOVINA Cattedra di Fisica Direttore Scuola di Specializzazione Fisica Sanitaria."

Presentazioni simili


Annunci Google