La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Tecniche basate sul giudizio di esperti VERSIONE MAGGIO 2014

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Tecniche basate sul giudizio di esperti VERSIONE MAGGIO 2014"— Transcript della presentazione:

1 Tecniche basate sul giudizio di esperti VERSIONE MAGGIO 2014

2 Prima parte - Set e setting delle tecniche basate su gruppi

3 Cosa sono le tecniche basate sul giudizio di esperti Sono tecniche di ricerca (non di partecipazione, di empowerment, di cittadinanza attiva,...); utilizzano un piccolo gruppo di informatori (generalmente da 6 a 12) scelti con criteri non casuali; hanno una finalità 'comprensiva', e non esplicativa, quindi i loro risultati non sono generalizzabili né traducibili in indici statistici.

4 Ricerca valutativa Esperimento Non esperimento Multicriteri / Tecniche miste Criterio unico Standard Non standard Dati di primo livello basate sull’interrogazione di individui basate sull’ interrogazione di gruppi Gruppi reali Gruppi nominali Analisi Delphi N.G.T. Focus group Brainstorming Dati di secondo livello Le tecniche basate su gruppi nel quadro metodologico complessivo

5 Chi è l'“esperto” L'esperto è un individuo che:  ha “esperienza” dell'oggetto indagato;  competenza verbale, capacità di lavorare in gruppo, disponibilità di tempo. L'esperto non è necessariamente:  uno studioso, un professore (anche se è possibile che uno studioso sia invitato nel gruppo);  un decisore, un individuo gerarchicamente importante (anche se è possibile che un decisore sia invitato nel gruppo).

6 Di quanti esperti è composto un gruppo (la figura si basa sul caso del brainstorming)

7 Il set delle sessioni con gruppi Ambiente facilmente raggiungibile e senza barriere; comfort, sedie comode; illuminazione adeguata; evitare rumori esterni, telefoni, persone che entrano ed escono; in relazione alle diverse tecniche, disposizione che favorisca lo scambio di opinioni e la chiara visione reciproca dei partecipanti.

8 LEGENDA: A = disposizione dei partecipanti B = sedia disponibile per il conduttore C = sedia disponibile per il segretario o tutor D = tavolinetto per acqua, bicchieri e altro E = lavagna D A B C E Set del focus e dell’N.G.T.

9 C E E D A B LEGENDA: A = disposizione dei partecipanti B = sedia disponibile per il conduttore C = lavagna D = tavolinetto per acqua, bicchieri e altro E = muri o pannelli per disporre i fogli con le stringhe Set del brainstorming

10 Seconda parte – Brainstorming e SPO (Scala delle Priorità Obbligate)

11 Alex Osborn, inventore del brainstorming Una sessione di brainstorming presso la BBDO – la società presieduta da Osborn – a New York alla fine degli anni ’50. Affisse sul muro a destra le regole fondamentali, e in basso la stenotipista che registra le idee prodotte I due più importanti libri di Osborn

12 Fasi e regole del brainstorming classico - 1 Definizione del problema (su cosa dobbiamo concentrarci); Regole del setting; Produzione di idee; Analisi successiva e separata delle idee prodotte Definizione del problema (su cosa dobbiamo concentrarci); Regole del setting; Produzione di idee; Analisi successiva e separata delle idee prodotte E’ un problema reale (generalmente di natura commerciale o industriale); La soluzione viene proposta dal management (che costituisce il gruppo); Il facilitatore è un manager (o un professionista esterno)

13 Definizione del problema (su cosa dobbiamo concentrarci); Regole del setting; Produzione di idee; Analisi successiva e separata delle idee prodotte Definizione del problema (su cosa dobbiamo concentrarci); Regole del setting; Produzione di idee; Analisi successiva e separata delle idee prodotte Libero corso alle idee (non censurarsi); Non censurare gli altri; Ricercare la quantità; Migliorare le idee prodotte (sfruttando il processo di associazione delle idee). Fasi e regole del brainstorming classico - 2

14 Definizione del problema (su cosa dobbiamo concentrarci); Regole del setting; Produzione di idee; Analisi successiva e separata delle idee prodotte Definizione del problema (su cosa dobbiamo concentrarci); Regole del setting; Produzione di idee; Analisi successiva e separata delle idee prodotte Si parla di “idee” nel senso di possibili soluzioni al problema; La produzione di idee può avvenire in vari modi: bigliettini (lavoro individuale); Round Robin (a turni); Pop Corn (parla chi vuole). Fasi e regole del brainstorming classico - 3

15 Definizione del problema (su cosa dobbiamo concentrarci); Regole del setting; Produzione di idee; Analisi successiva e separata delle idee prodotte Definizione del problema (su cosa dobbiamo concentrarci); Regole del setting; Produzione di idee; Analisi successiva e separata delle idee prodotte E’ il punto debole del brainstorming classico; In genere vengono indicate soluzioni generiche: E’ il manager a scegliere; E’ un gruppetto che compie una cernita improntata alla fattibilità; Etc. Fasi e regole del brainstorming classico - 4

16 Il brainstorming valutativo Si sviluppa in tre fasi (più un’interfase fra la seconda e la terza) Non produce ‘idee’ ma ‘stringhe’, di valore semantico e pragmatico Sviluppa un processo specifico di analisi delle stringhe prodotte Il risultato finale è la costruzione del concetto o del programma messo al centro dell’analisi

17 Numero partecipanti al brainstorming

18 Set del brainstorming C E E D A B LEGENDA: A = disposizione dei partecipanti B = sedia disponibile per il conduttore C = lavagna D = tavolinetto per acqua, bicchieri e altro E = muri o pannelli per disporre i fogli con le stringhe

19 Le regole della prima fase Sono le medesime del brainstorming classico… Libero corso alle idee (non censurarsi) Non censurare le idee altrui Ricercare la quantità Migliorare le idee altrui (sfruttare il processo di associazione delle idee) … e possono essere ridotte alle due essenziali: 1. Non censurare se stessi (esprimere la stringa senza chiedersi se sia originale, buona, etc.) 2. Non censurare gli altri

20 I diversi modi per produrre le stringhe Bigliettini, tipo Post-it ® :  Evita l’interazione fra i partecipanti  Può essere utile in gruppi con prevedibili gravi problemi di interazione, ma è macchinoso da gestire  Può essere utilizzato per fasi di riscaldamento Round robin, ovvero a turni (parla uno alla volta, con possibilità di ‘passare’):  Limita molto l’interazione fra partecipanti  Può essere utile in contesti particolari per gestire il gruppo; oppure se il gruppo è troppo numeroso  Può essere utilizzato come fase dei riscaldamento Pop corn (non ci sono regole: ciascuno parla quando vuole):  Massima interazione fra i partecipanti  Crea un clima giocoso solitamente molto gradito, salvo rare controindicazioni  Più difficile da gestire, inadatto per gruppi numerosi

21 Natura delle stringhe ‘Indicatori’: sono il risultato finale del brainstorming, e appariranno a conclusione dell’ultima fase (sintetica)

22 Regole della seconda fase Le regole della seconda fase sono completamente diverse: non vale più il divieto di censurare gli altri e se stessi, e si invita a un confronto fra i partecipanti in merito alle decisioni sull’attribuzione di una stringa a una determinata classe

23 Il processo di classificazione Prima stringa Seconda stringa Terza stringa Altre stringhe

24 A B C A B C A B C Partecipante 1 Partecipante 2 Partecipante 3 Cosa avviene nella seconda fase - 1

25 A A Partecipante 1 Partecipante 2 Partecipante 3 1: il lavoro di classificazione mostra diversità semantiche 2: la discussione aiuta a una comprensione pragmatica condivisa 3: ri-negoziazione di un campo semantico condivisibile Parte condivisa Cosa avviene nella seconda fase - 2

26 Esempio di restituzione Le sigle serviranno per successive elabora- zioni Nome dell’indicatore (come definito nella terza fase) Stringhe originali (per connotare l’indicatore e evocarne i sensi)

27 La Scala delle Priorità Obbligate

28 Peggiore, Superfluo, Secondario, Inutile, … Migliore, Necessario, Principale, Indispensabile, … Gli intervalli della scala sono sempre pari al numero di ‘oggetti’ da collocare La scala è autoancorata; negli intervalli non c’è alcuna indicazione Scala delle Priorità Obbligate La logica ordinale

29 Problemi del sistema formativo xxx che rappresentano più grave ostacolo all’efficacia didattica e alla promozione professionale dei partecipanti =================================================== 1 _________________________________________________________ 2 _________________________________________________________ 3 _________________________________________________________ 4 _________________________________________________________ 5 _________________________________________________________ 6 _________________________________________________________ 7 _________________________________________________________ 8 _________________________________________________________ 9 _________________________________________________________ 10 _________________________________________________________ 11 _________________________________________________________ 12 _________________________________________________________ =================================================== Problemi del sistema formativo xxx che non sono di particolare ostacolo all’efficacia didattica e alla promozione professionale dei partecipanti Eccessiva attenzione al corso in sé, piuttosto che al reale inserimento professionale Scarsa attività concertativa sulle linee strategiche della f.p. fra Provincia e Parti sociali Scarsa attenzione alla formazione che incrementa l’auto- imprenditorialità Scarsa attenzione alla formazione per operai specializzati a favore di livelli ‘alti’ non sempre utili Scarsa attenzione alle pari opportunità e alla formazione femminile Difficoltà a vedere approvati corsi per impiegati Difficoltosa compatibilità della pianificazione formativa provinciale con i tempi aziendali e scolastici Distanza fra necessità di corsi brevi ma ripetuti, con le disponibilità provinciali di corsi lunghi e una tantum Griglia e gadget SPO per raccogliere individualmente i pareri

30 Minimo Massimo La matrice è sempre quadrata, dove trovano collocazioni gli oggetti che hanno ricevuto un doppio ordinamento Prima logica ordinale Seconda logica ordinale Due ordinamenti creano un piano

31 Giudizio sull’efficacia esterna Giudizio sull’efficacia interna o sull’efficienza MinimoMassimo Quadrante della migliore combinazione delle due dimensioni Quadrante della peggiore combinazione delle due dimensioni Lo spazio semantico

32 1 21,5 Dimensione B Dimensione A Caso A 1,5 1 21,7 1,3 Dimensione B Dimensione A Caso B 1,5 1 2 Dimensione B Dimensione A Caso C 1,5 1 21,7 1,3 Dimensione B Dimensione A Caso D 1,5 Possibili distribuzioni e ‘pesi’ dei quadranti

33 Esempio 1 restituzione SPO (Equal Artemis, 2004)

34 Esempio 2 restituzione SPO (Servizi sociali Dolianova, CA, 2008)

35 Esempio 3 restituzione SPO (Parco tecnologico della Calabria, 2001)


Scaricare ppt "Tecniche basate sul giudizio di esperti VERSIONE MAGGIO 2014"

Presentazioni simili


Annunci Google