La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi di Pisa Valerio Cutini insegnamento di Tecnica Urbanistica Corso di laurea triennale in Ing. Edile Ingegneria del Territorio Corso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi di Pisa Valerio Cutini insegnamento di Tecnica Urbanistica Corso di laurea triennale in Ing. Edile Ingegneria del Territorio Corso."— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi di Pisa Valerio Cutini insegnamento di Tecnica Urbanistica Corso di laurea triennale in Ing. Edile Ingegneria del Territorio Corso di laurea magistrale in Ing. Idraulica,Trasporti e Territorio Lezione n° 3. Gli algoritmi del minimo percorso a.a / 2014

2 valerio cutini a.a Il problema della determinazione del più breve percorso fra due punti di un sistema insediativo è fondamentale nella modellistica territoriale Il problema del minimo percorso Al fine di evitare che si operi per tentativi, sono stati introdotti metodi rigorosi per risolvere la questione Tali metodi hanno una logica iterativa, ed hanno in comune alcune caratteristiche: sono oggettivi e ripetibili forniscono i risultati nel minor numero possibile di passaggi ogni singolo passaggio è determinato univocamente dal precedente e determina univocamente il successivo ogni singolo passaggio determina un avvicinamento alla soluzione del problema

3 valerio cutini a.a I metodi per la determinazione del più breve percorso fra due punti di un sistema insediativo sono detti algoritmi del minimo percorso (shortest path algorithms) Il problema del minimo percorso Le loro caratteristiche di iteratività li rendono agevolmente applicabili mediante software specifici Per la comprensione del loro funzionamento, è utile schematizzare un sistema insediativo mediante l’uso di grafi

4 valerio cutini a.a I grafi sono un metodo di rappresentazione di un sistema, particolarmente utile ad evidenziare le relazioni fra i suoi singoli elementi I grafi Un grafo è composto da nodi e da archi un nodo (node, vertex) rappresenta un punto dello spazio un arco (edge, line) rappresenta la relazione di collegamento diretto (se esitente) fra due nodi

5 valerio cutini a.a I grafi i/j m 2 m 3 m 4 m 2 m 5 m 2 m 1 m 2 m 3 m

6 valerio cutini a.a Un grafo si dice connesso se per ogni coppia di nodi (v, w) c’è un percorso che li unisce I grafi Un grafo si dice orientato se la relazione di connessione non è simmetrica, ovvero se esiste almeno una coppia di nodi (v,w) tali che il percorso che li unisce P (v, w) ≠ P (w, v) In un grafo, i singoli nodi possono essere nodi di origine (source vertices) o di destinazione (sink vertices) di percorsi Negli algoritmi del minimo percorso, utilizzeremo grafi connessi e non orientati

7 valerio cutini a.a Due qualità sono richieste ad un algoritmo del minimo percorso Gli algoritmi del minimo percorso Queste due qualità raramente coesistono fornire risultati completi ed esaustivi fornire risultati con il minor numero di passaggi esistono metodi speditivi, ma chhe forniscono risultati parziali ed incompleti esistono metodi che forniscono risultati esaustivi, a prezzo di un elevato numero di passaggi In particolare, gli SPA si dividono in due famiglie quelli che determinano il percorso più breve da un nodo a tutti gli altri (single-source) quelli che determinano il percorso più breve fra tutte le possibili coppie di nodi (all pairs)

8 valerio cutini a.a L’algoritmo di Dijkstra è il più noto e usato degli algoritmi che determinano il minimo percorso da un unico nodo i, assunto come origine Gli algoritmi single-source: l’algoritmo di Dijkstra E.W. Dijkstra

9 valerio cutini a.a Gli algoritmi single-source: l’algoritmo di Dijkstra La logica dei passaggi dell’algoritmo è la seguente: Si assegna per ogni d ij un valore di tentativo, ponendo: Fra tutti i collegamenti d ij, si individua il minimo valore d ik, e lo si trasforma in valore definitivo per i=j, d ij = 0 per i≠j, se esiste un collegamento diretto l 0, d ij = l 0 per i≠j, se non esiste un collegamento diretto, d ij = ∞ se d ik +d kj < d ij k-1, d ij k = d ik +d kj se d ik +d kj ≥ d ij k-1, d ij k = d ij k-1 Si assume il nodo k come nodo perno (pivot) e lo si interpone in tutti i collegamenti d ij, sostituendo il valore della misura risultante, nel caso sia minore della precedente. Ovvero: Si procede, fino a che tutti i valori dei collegamenti non sono diventati definitivi

10 valerio cutini a.a L’algoritmo di Floyd è il più noto e usato degli algoritmi che determinano il minimo percorso di connessione fra tutte le possibili coppie i, j di nodi di un grafo Gli algoritmi all-pairs: l’algoritmo di Floyd Robert W. Floyd

11 valerio cutini a.a Gli algoritmi all-pairs: l’algoritmo di Floyd La logica dei passaggi dell’algoritmo è la seguente: Si costruisce la matrice dei collegamenti d ij, ponendo: Alla k-esima iterazione, si interpone il nodo k fra i e j, sostituendo il valore della misura risultante, nel caso sia più breve della precedente. Ovvero: per i=j, d ij = 0 per i≠j, se esiste un collegamento diretto l 0, d ij = l 0 per i≠j, se non esiste un collegamento diretto, d ij = ∞ se d ik +d kj < d ij k-1, d ij k = d ik +d kj se d ik +d kj ≥ d ij k-1, d ij k = d ij k-1 Si procede per n iterazioni (n matrici), fino a che tutti i nodi k non sono stati interposti


Scaricare ppt "Università degli Studi di Pisa Valerio Cutini insegnamento di Tecnica Urbanistica Corso di laurea triennale in Ing. Edile Ingegneria del Territorio Corso."

Presentazioni simili


Annunci Google