La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 L’ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI Riferimento Bibliografico Paola Toniolo Piva (2011), I servizi alla persona. Manuale organizzativo, Roma, Carocci.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 L’ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI Riferimento Bibliografico Paola Toniolo Piva (2011), I servizi alla persona. Manuale organizzativo, Roma, Carocci."— Transcript della presentazione:

1 1 L’ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI Riferimento Bibliografico Paola Toniolo Piva (2011), I servizi alla persona. Manuale organizzativo, Roma, Carocci CdL SES&SOC a.a. 2013/14

2 2 RUOLO DELL’OPERATORE Previsto Agito Aspettative di ruolo CdL SES&SOC a.a. 2013/14

3 3 SISTEMA DEI RUOLI TERRITORIO Richieste espresse ed inespresse degli utenti, risorse e offerte concorrenti SISTEMA DEI RUOLI Divisione del lavoro, strategia del servizio RUOLO Attività richieste, Responsabilità affidate PERSONA Capacità professionali, aspettative personali, valori interiorizzati CdL SES&SOC a.a. 2013/14

4 4 IL PROCESSO DI LAVORO Contatto Valutazione del caso Programma Individuale Attività 1 Nuovo Utente? Valutazione del programma Valutazione Attività 2Attività 3Attività n Si No CdL SES&SOC a.a. 2013/14

5 5 INCERTEZZE ORGANIZZATIVE Strategica (a chi si rivolge il servizio) Metodologica (come eroghiamo le prestazioni e gli interventi) Risorse (le risorse, non solo finanziarie, a disposizione del servizio) CdL SES&SOC a.a. 2013/14

6 6 COORDINAMENTO Modalità per gestire le incertezze derivanti dal compito che l’organizzazione svolge Il coordinamento è funzione del compito (Mintzberg, 1979) CdL SES&SOC a.a. 2013/14

7 7 COMPITO Il compito di un’organizzazione può essere: stabile o dinamico semplice o complesso (Mintzberg, 1979) CdL SES&SOC a.a. 2013/14

8 8 COMPITO 2 STABILE Burocrazia Professionale Standardizzazione delle competenze Decentramento burocratico COMPLESSO DINAMICO Adhocrazia Adattamento reciproco Decentramento organico Macchina burocratica Standardizzazione dei processi di lavoro Centralizzato, burocratico SEMPLICE Struttura semplice Supervisione diretta Centralizzato, organico CdL SES&SOC a.a. 2013/14

9 9 RETE DEI SERVIZI: QUESTIONE CENTRALE La questione centrale della rete dei servizi è il governo della molteplicità delle prese in carico CdL SES&SOC a.a. 2013/14

10 10 RETE DEI SERVIZI: FINALITA’ Gestione di casi multiproblematici Ottenere la collaborazione tra soggetti che possono tendere ad ignorarsi e/o competere Dirimere conflitti di autorità e problemi di competenza Costruire una cultura ed un linguaggio comune Produrre regole condivise sulle metodologie di intervento CdL SES&SOC a.a. 2013/14

11 11 RETE DEI SERVIZI: TIPOLOGIE A governo forte (CSM) A governo debole (Informagiovani) A governo problematico (servizi per disabili) CdL SES&SOC a.a. 2013/14

12 12 MATRICE ORGANIZZATIVA Lavorare per progetti Progetto 1Progetto 2Progetto 3Progetto 4 MedicoXXX PsicologoXXX Ass. Sociale 1XX Ass. Sociale 2X EducatoreX VolontarioX TirocinanteX AmministrativoXX

13 13 VALUTAZIONE: FINALITA’ Sostiene il governo delle incertezze Sostiene l’apprendimento individuale ed organizzativo Sostiene il cambiamento organizzativo Riduce la formazione di routines Informa le decisioni Consente la comunicazione

14 14 VALUTAZIONE: I SOGGETTI Utente Operatore Servizio Amministratori Decisori Opinione pubblica

15 15 VALUTAZIONE E INCERTEZZE CriteriSoggettiOggettoDati Incertezza strategica: Valutazione di efficacia esterna - Operatori - Utenti - Cittadini - Politici L’esito dell’intervento rispetto ai bisogni e ai programmi La condizione prima e dopo l’intervento Incertezza metodologica: Valutazione di efficacia interna - OperatoriUso adeguato delle metodologie rispetto ai problemi trattati La condizione prima e dopo l’intervento; le attività programmate e quelle svolte Incertezza sulle risorse: Valutazione di efficacia- efficienza - Amministratori - Cittadini - Operatori Uso appropriato delle risorse rispetto agli esiti conseguiti La condizione prima e dopo l’intervento; le risorse impiegate e il loro costo economico

16 16 EFFICACIA INTERNA Valutazione dell’impatto della metodologia adottata sui casi che si sono presentati al servizio

17 17 EFFICACIA - EFFICIENZA Valutazione sull’uso delle risorse

18 18 EFFICACIA ESTERNA Valutazione dell’impatto dell’attività del servizio sul territorio circostante e sui bisogni (sia espliciti che impliciti)


Scaricare ppt "1 L’ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI Riferimento Bibliografico Paola Toniolo Piva (2011), I servizi alla persona. Manuale organizzativo, Roma, Carocci."

Presentazioni simili


Annunci Google