La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Introduzione ai trattamenti biologici: Cenni di microbiologia e cinetica biologica Claudio Lubello Corso Ingegneria Sanitaria 03/09/2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Introduzione ai trattamenti biologici: Cenni di microbiologia e cinetica biologica Claudio Lubello Corso Ingegneria Sanitaria 03/09/2014."— Transcript della presentazione:

1 Introduzione ai trattamenti biologici: Cenni di microbiologia e cinetica biologica Claudio Lubello Corso Ingegneria Sanitaria 03/09/2014

2 I microrganismi 03/09/2014

3 La suddivisione degli esseri viventi: classificazione filogenetica 03/09/2014 Albero filogenetico della vita come definito dalla comparazione dell’RNA ribosomale. L’albero è costituito da tre domini degli organismi: Bacteria ed Archaea che hanno una cellula di tipo procariotico ed Eukarya, di tipo eucariotico. In rosso sono cerchiati i macrorganismi tutti gli altri sono quelli comunemente indicati come MICRORGANISMI. MACRORGANISMI

4 Procarioti ed Eucarioti 03/09/2014 Eucariote: organismo costituito da cellule con nucleo ben differenziato e separato dal citoplasma per mezzo di una membrana nucleare. Procariote: organismo unicellulare il cui materiale cellulare non è racchiuso dentro una specifica membrana. Manca la suddivisione della funzione cellulare in specifici organuli.

5 Cinque regni o tre domini? I biologi in passato divedevano gli Eucarioti in 4 regni: piante, animali, funghi e i rimanenti microrganismi eucariotici, protisti. Prima dell’era della filogenesi molecolare questi 4 gruppi insieme con tutti i Procarioti costituivano i 5 regni degli organismi viventi. La suddivisione in 3 domini modifica il quadro perché dimostra che gran parte della diversità evolutiva sulla Terra risiede all’interno del mondo microbico. 03/09/2014

6 Batteri 03/09/2014 In genere le cellule batteriche sono lunghe da 1 a 10 micrometri (10 -3 mm) e hanno sviluppato gli adattamenti più svariati per ottenere energia e sostanze nutritive. Si trovano in quasi tutti gli ambienti: nell'aria, nel suolo, nell'acqua, nel ghiaccio, nelle sorgenti calde e perfino negli sbocchi idrotermali delle profondità oceaniche. I batteri sono organismi procarioti costituiti da una singola cellula. Le cellule batteriche si riproducono per scissione binaria. I batteri possono essere di differente forma: - SFERICA (Cocchi), - a BASTONCINO (Bacilli), - ELICOIDALE (Spirilli).

7 Alghe verdi-azzurre 03/09/2014 Da non confondersi con le alghe. Sono cianobatteri ed appartengono al dominio dei BACTERIA. Sono organismi fotosintetici.

8 Alghe 03/09/2014 Rientrano fra le alghe numerosi organismi eucariotici che contengono clorofilla e svolgono la fotosintesi. La maggior parte sono microscopiche (quelle di nostro interesse), sono presenti tuttavia organismi macroscopici di dimensione molto elevata. Colonie di Volvox Le alghe contengono clorofilla e si presentano di colore verde, possono assumere colori diversi (marrone o rosso) per la presenza di altri pigmenti.

9 Protozoi 03/09/2014 I protozoi sono organismi eterotrofi generalmente unicellulari, sprovvisti di una ben delimitata parete cellulare. La maggior parte è mobile. Possono essere patogeni per l’uomo o per altri animali.

10 Funghi 03/09/2014 Muffe: Sono funghi con struttura filamentosa, caratteristici per le loro efflorescenze polverose di colore bianco-grigio, verdastro, nero. Si riproducono tramite spore che differiscono nella morfologia, nel modo in cui sono prodotte, nel colore. Le loro condizioni ottimali di pH sono di circa 5,6 con intervallo tra 2 e 9. Lieviti: Funghi unicellulari che vivono in habitat liquidi o umidi. Sono organismi eterotrofi pluricellulari, caratterizzati dalla presenza di una parete cellulare e dalla produzione di spore. I gruppi di maggiore importanza sono: muffe, lieviti e funghi fruttiferi.

11 Virus 03/09/2014 Il termine virus significa, “veleno” e venne usato per la prima volta per indicare particelle patogene più piccole dei batteri. Essi non possiedono molti degli attributi tipici delle cellule ed, in particolare, sono sistemi dinamici e aperti in grado di assimilare nutrienti ed espellere metaboliti. Sono parassiti intracellulari obbligati e solo quando infettano una cellula sono in grado di riprodursi. I virus non sono cellule ma particelle composte da acidi nucleici (DNA o RNA) racchiusi in un involucro proteico

12 Legami chimici ed acqua nei sistemi viventi 03/09/2014

13 Legami forti Gli elementi chimici presenti negli organismi viventi sono in grado di formare legami chimici forti formando molecole in cui gli elettroni vengono condivisi tra gli atomi: si parla allora di LEGAMI COVALENTI. Tali legami possono essere multipli (doppi, tripli, …) con una forza molto maggiore al crescere del numero. La forza del legame si misura in KJ (energia necessaria per romperlo). 03/09/2014 Acetilene, legame triplo 805 KJ Anidride carbonica, legame doppio 704 KJ.

14 Legami deboli: legame a idrogeno Nelle molecole di interesse biologico si possono trovare legami molto più deboli come il LEGAME A IDROGENO, come per esempio avviene fra le molecole di acqua, contribuendo alla sua nota polarità. 03/09/2014

15 Altri legami deboli VAN DER WAALS: forze attrattive deboli che si manifestano tra atomi che si trovano a distanze inferiori a 3-4 angstrom. Per esempio svolgono una funzione fondamentale nel legame substrato-enzima. INTERAZIONE IDROFOBICHE che si producono perché in un ambiente acquoso le molecole apolari idrorepellenti tendono ad agglomerarsi. 03/09/2014

16 Macromolecole ed acqua In una cellula microbica l’acqua è il componente principale che funge da solvente all’interno del quale sono disciolte molecole. Infatti molte molecole biologiche sono polari e quindi facilmente solubili in acqua. L’elevata polarità dell’acqua costringe le sostanze non polari ad aggregarsi. Le membrane cellulari per esempio sono costituite da molecole apolari, come i lipidi, che si aggregano impendendo la fuoriuscita della molecole polari. 03/09/2014

17 Alcune macromolecole POLISACCARIDI. Sono polimeri costituiti da zuccheri semplici e sono presenti prevalentemente nella parete cellulare. I polisaccaridi, come il glicoceno, possono fungere da deposito di carbonio ed energia. LIPIDI hanno proprietà idrofobiche e rivestono un ruolo importante nella struttura della membrana e come deposito di carbonio in eccesso. PROTEINE, polimeri di aminoacidi con ruoli strutturali ed enzimatici. DNA e RNA, acidi nucleici, macromolecole costituite da subunità dette nucleotidi. Il DNA contiene le informazioni genetiche delle cellule, l’RNA agisce da intermediario nel convertire tali informazioni in catene aminoacidiche per la formazione delle proteine. 03/09/2014

18 Struttura e funzioni cellulari negli organismi eucariotici 03/09/2014

19 La membrana citoplasmatica La membrana citoplasmatica è una struttura sottile (8 nm) che circonda completamente la cellula e separa il citoplasma dall’ambiente esterno. E’ una membrana altamente selettiva in quanto permette alla cellula di concentrare al suo interno specifici composti metabolici e di espellere all’esterno sostanze di rifiuto. E’ costituito da un doppio strato fosfolipidico che in soluzione acquosa tendono a formare spontaneamente strutture a doppio strato. La membrana è stabilizzata da legami a idrogeno, da interazione idrofobiche e interazioni ioniche attraverso cationi quali Mg 2+ e Ca 2+. Negli Archea la membrana è differente ed è costituita da un unico strato. 03/09/2014

20 Membrana citoplasmatica 03/09/2014 Esterno Gruppi idrofili Gruppi idrofobici Interno Fosfolipidi Molecola di Fosfolipide Proteine integrate nella membrana

21 Funzione energetica della membrana La membrana citoplasmatica è anche sede della conservazione dell’energia cellulare, infatti attraverso la sua superficie si ha la separazione dei ioni idrogeno (protoni) H + dagli ioni idrossili OH -. Questa separazione è una forma di energia come quella di una pila carica. Lo stato energizzato della membrana (forza proton-motrice) è fondamentale per una serie di funzioni cellulari che richiedono energia. 03/09/2014

22 Funzione delle proteine di trasporto Le proteine permettono l’accumulo di soluti all’interno della membrana contro un gradiente di concentrazione. Se la diffusione fosse l’unico meccanismo di trasporto questa sarebbe limitata dalla presenza di basse concentrazioni di nutrienti nell’ambiente esterno. Il sistema di trasporto mostra un effetto di saturazione: se infatti la concentrazione esterna è molto elevata questa satura il trasportatore e quindi il tasso di captazione dei nutrienti raggiunto un valore massimo non aumenta ulteriormente. 03/09/2014

23 Riepilogo schematico funzioni della membrana citoplasmatica 03/09/2014

24 Parete cellulare nei procarioti La concentrazione dei soluti all’interno della cellula sviluppa una notevole pressione che in un batterio può raggiungere le 2 atmosfere. Per sopportare questa pressione i batteri sono provvisti di parete cellulare, che conferisce forma e rigidità. 03/09/2014

25 Inclusioni cellulari Molte cellule eucariotiche sono in grado di formare, al loro interno, inclusioni di varia natura. Usualmente sono composte da alcuni nutrienti presenti in abbondanza nell’ambiente che possono servire da sostanze di riserva in periodi di carenza nutritiva. Si tratta di per esempio: carbonio polimerico (PHB), Polifosfati, Zolfo elementare, Magnetite (Fe 3 O 4 ). 03/09/2014

26 Metabolismo microbico Percorsi metabolici e conseguente classificazione dei microrganismi 03/09/2014

27 Il metabolismo dei microrganismi Un organismo per potersi riprodurre e funzionare correttamente ha bisogno di: -Energia -Carbonio -Elementi inorganici (nutrienti) -Fattori di crescita (amminoacidi, vitamine, basi azoto, …) 03/09/2014 Metabolismo: insieme della reazioni chimiche, organizzate in sequenze che avvengono un una cellula.

28 Fasi metaboliche principali 03/09/2014 Idrolisi delle macromolecole mediante esoenzimi Le molecole degradate vengono trasportate all’interno della cellula Concentrazione intracellulare delle molecole attraverso sistemi di trasporto I metaboliti vengono trasformati, attraverso una o più vie metaboliche, in acido piruvico, metabolita intermedio universale

29 Anabolismo e Catabolismo Le attività metaboliche seguono due percorsi metabolici diversi: -cammino anabolico (consumo di energia), che è un processo assimilativo che comporta la sintesi dei componenti della cellula (biosintesi), -cammino catabolico (rilascio di energia), che è un processo dissimilativo. Le sostanze assunte vengono degradate attraverso una serie di passaggi intermedi fino a prodotti stabili. In questi passaggi si rende disponibile l’energia necessaria per la crescita e il mantenimento. I due processi si completano l’uno con l’altro. 03/09/2014

30 Ossido riduzione Nei sistemi biologici la produzione e la conservazione dell’energia coinvolge reazioni di ossido-riduzione (redox). In queste si ha uno scambio di elettroni tra un elemento donatore che si ossida, ed un elemento accettore che si riduce. Le reazioni redox rispetto ad altre reazioni chimiche, hanno un valore più elevato della resa di energia per mole di reagenti coinvolti. 03/09/2014 Nel catabolismo il donatore di elettroni spesso può anche dirsi fonte di energia. In natura esistono molto donatori potenziali di elettroni. Si faccia attenzione che il rilascio di energia avviene attraverso la reazione chimica di ossidazione.

31 Torre degli elettroni 03/09/2014 Le coppie redox sono sistemate a partire dai riducenti più forti (potenziale di riduzione negativo) in alto fino agli ossidanti (potenziali di riduzione positivo) in basso. Quando gli elettroni vengono donati dalla cima della torre, posso essere “catturati” dagli accettori ai livelli più bassi, Più in basso cadono gli elettroni maggiore è l’energia che viene rilasciata.

32 NAD: trasportatore di elettroni Nella cellula, in una reazione di ossido-riduzione il trasferimento di elettroni dal donatore all’accettore coinvolge uno o più intermediari, i trasportatori. Fra i più importanti trasportatori liberi (cioè non relativi al trasporto di elettroni associati alla membrana) abbiamo i coenzimi nicotidamine adenina dinucleotide (NAD + ) e il NAD-fosfato (NADP + ). Sono trasportatori di atomi di idrogeno e trasferiscono due atomi di idrogeno al successivo trasportatore della catena. 03/09/2014

33 Enzimi e coenzimi 03/09/2014 Gli enzimi negli organismi viventi hanno il compito di velocizzare le reazioni biochimiche che, in loro assenza, avverrebbero tempi lunghi, non compatibili con il metabolismo cellulare. Alcuni enzimi per svolgere la loro attività hanno necessità di un composto addizionale, che può essere costituito da ioni inorganici o da molecole organiche dette coenzimi

34 Funzionamento NAD + 03/09/2014

35 Produzione di energia: sintesi di ATP 03/09/2014 ATP (Adenosintrifosfato): è la molecola che nel metabolismo delle cellule svolge l’importante funzione energetica di accumulare energia fornita dal catabolismo e di fornirla successivamente per le reazioni metaboliche, comportandosi come una sorta di batteria. L’ATP è costituito da un gruppo adenosina e tre gruppi fosfatici. Quando l’ATP perde un gruppo fosfatico, la rottura del legame rilascia una grande quantità di energia e si forma ADP (adenosindifosfato). ATP  ADP + P i + energia Con un meccanismo di ricarica l’energia fornita dal catabolismo viene accumulata dalla reazione inversa. ADP + P i + energia  ATP È opportuno evidenziare l’importanza del fosforo che deve essere sempre presente per garantire lo svolgimento delle reazioni metaboliche.

36 ATP 03/09/2014 Energia rilasciata per il metaboliemo cellulare Gruppi Fosfato Ribosio Adenina

37 03/09/2014 ATP ADP Reazioni Cataboliche Generazione di energia libera Prodotti metabolici Reazioni Anaboliche Consumo di energia libera Sintesi della biomassa Metabolismo di mantenimento Idrolisi ATP ATP+H 2 O ADP+P i Fosforilazione ADP ADP+P i ATP Idrolisi ATP ATP+H 2 O ADP+P i Fosforilazione ADP ADP+P i ATP Scambio di energia Schema del ruolo svolto dall’ATP

38 Cinetica enzimatica 03/09/2014 La velocità della reazione globale aumenta proporzionalmente alla concentrazione del substrato e quindi del complesso E-S. Come si può notare dalla figura, questo incremento decresce sino al raggiungimento di un plateau in cui la concentrazione di S è così elevata da mantenere sempre saturo l’enzima; in queste condizioni la velocità di reazione per unità di enzimi (o batteri), V/E, è massima e pari a k. La relazione tra concentrazione di substrato e la velocità è stata studiata da Michaelis- Menten

39 Nutrienti 03/09/2014 ElementiFunzioneForma più comune in natura Carbonio Principali elementi materiale cellulare CO 2, composti organici Azoto Principali elementi materiale cellulare NH 4 +, NH 3, NO 3 -, N 2, composti organici azotati Idrogeno Principali elementi materiale cellulare H 2 O, composti organici Ossigeno Principali elementi materiale cellulare H 2 O, O 2, composti organici Fosforo Acidi nucleici, nucleotidi, fosfolipidi PO 4 3- Zolfo Costituente aminoacidi H 2 S, SO 4 2-, comp. organici, metalli solfati Potassio Catione inorganico K + in soluzione o Sali di potassio Magnesio Cofattore, pareti cellulari, membrane, ribosomi Mg 2+ in soluzione o Sali di magnesio Sodio Traposto Na + in soluzione o Sali di sodio Calcio Esoenzimi e pareti cellulari Ca 2+ in soluzione o Sali di calcio Ferro Citocromi, cofattore, proteine Fe 2+ o Fe 3+ in soluzione o come Sali di Ferro

40 Classificazione metabolica dei microrganismi 03/09/2014 SORGENTE DI CARBONIO: viene convertito in materiale cellulare (protoplasma) DONATORE DI ELETTRONI (SUBSTRATO): alimenta la semireazione di ossidazione e rappresenta la fonte di energia nel cammino catabolico. ACCETTORE DI ELETTRONI: alimenta la semireazione di riduzione nel cammino catabolico. I principali elementi che devono essere considerati per la classificazione dei microrganismi sono:

41 Fonte di Carbonio Eterotrofi: organismi che utilizzano come fonte il carbonio contenuto nei composti organici Autotrofi: organismi che utilizzano come fonte di carbonio la CO 2 03/09/2014

42 Energia Le cellule richiedono energia per le attività di sintesi e di mantenimento. L’energia può essere ottenuta da tre fonti diverse: I microrganismi che utilizzano la luce come sorgente di energia sono detti FOTOTROFI; quelli che invece usano l’energia chimica sono definiti CHEMIOTROFI. -Composti chimici organici -Composti chimici inorganici -Luce 03/09/2014 CHEMIOTROFI FOTOTROFI Chemiorganotrofi Chemiolitotrofi

43 Contenuto energetico di alcune famiglie di composti MolecoleEnergia Carboidrati4 calorie per mg Lipidi9 calorie per mg Proteine4 calorie per mg

44 Gruppi nutrizionali: riepilogo 03/09/2014 Tutti i microrganismi Chemiotrofi OrganotrofiLitotrofi Autotrofi Fototrofi Autotrofi

45 Classificazione in funzione del ruolo dell’ossigeno I diversi tipi di metabolismo possono essere distinti sulla base delle modalità con le quali viene prodotta l’energia necessaria per le funzioni vitali. In particolare sulla necessità o meno dell’ossigeno come accettore finale delle reazioni di ossido-riduzione. Metabolismo aerobico quando l’ossigeno funge da accettore finale degli elettroni (i microrganismi che sfruttano questo metabolismo sono detti AEROBICI) Metabolismo anaerobico quando viene utilizzato un accettore finale di elettroni diverso dall’ossigeno (i microrganismi sono detti ANAEROBICI). Un caso particolare di metabolismo anaerobico è quello in cui gli accettori finali di elettroni siano i nitriti e/o i nitrati. Si parla in questo caso, NEL LINGUAGGIO INGEGNERISTICO, di Metabolismo anossico (spesso svolto da microrganismi FACOLTATIVI, che cioè in presenza di ossigeno usano questo come accettore ed in sua assenza nitriti e nitrati). 03/09/2014

46 Respirazione: ossigeno molecolare o altro composto inorganico come accettore di e -. Il substrato organico viene ossidato a CO 2. Fermentazione: assenza di un accettore di e - esterno. Vengono utilizzati gli stessi composti organici donatori. In pratica la fermentazione è una reazione di ossido-riduzione equilibrata internamente in cui alcuni atomi della fonte energetica (donatore di elettroni) divengono più ridotti, mentre altri divengono più ossidati. La fermentazione è caratterizzata in termini energetici da una resa inferiore alla respirazione (minore velocità di crescita ed inferiori rendimenti di sintesi) 03/09/2014 Respirazione e Fermentazione

47 Condizioni potenziale redox 03/09/2014 CO 2 Substrato organico C NO 3 -, SO 4 --, CO 3 -- Respirazione anossica O 2 Respirazione aerobica Fermentazione anaerobica Substrato organico Prodotti di fermentazione C e - CO 2 Substrato organico C e - POTENZIALE REDOX molto negativodebolmente negativo o circa zero positivo Accettore di elettroni Trasformazione del Carbonio Ossido-Riduzioni interne Flusso interno di e -

48 Classificazione di alcuni processi metabolici di interesse ingegneristico 03/09/2014 TipoReazioneFonte CDonatore e - Accettore e - Prodotti Aerobico eterotrofo Respirazione Aerobica Composti Organici O2O2 CO 2, H 2 O Aerobico autotrorfo Nitrificazione CO 2 NH 4 +, NO 2 - O2O2 NO 2 -, NO 3 - Aerobico autotr. Ossidazione Ferro CO 2 Fe (II)O2O2 Fe (III) Aerobico autotr. Ossidazione Solfuri CO 2 H2SH2SO2O2 SO 4 2- Facololtativo Eterototrofo Denetrificazione Anossica Composti Organici NO 2 -, NO 3 - N 2, CO 2, H 2 O Anaeraerobico Eterotrofo Fermentazione Acida Composti Organici Composti organici VFA Anaerobico Eterotrofo Riduzione Ferro Composti Organici Fe (III) Fe(II), CO 2, H 2 O Anaerobico Eterotrofo Riduzione Solfati Composti Organici SO 4 2- H 2 S, CO 2, H 2 O Anaerobico Eterotrofo Metanogenesi Composti Organici Acidi Grassi Volatili (VFA) CO 2 Metano

49 Ciclo di crescita di una popolazione batterica 03/09/2014 Curva di crescita di una popolazione coltivata in un reattore batch su un terreno di coltura. Andamento concentrazione substrato di crescita

50 Fasi di crescita 03/09/2014 FASE DI LATENZA. All’inizio le cellule mancano di una serie di elementi necessari alla crescita, in primo luogo coenzimi, che devono essere risintetizzati. FASE ESPONENZIALE. Ogni cellula si divide per formare due nuove cellule figlie capaci, a loro volta, di duplicarsi e così via. A influenzare la velocità di duplicazione concorrono molti parametri, alcuni genetici, altri ambientali. FASE STAZIONARIA. L’esaurimento di nutrienti del terreno di coltura o l’accumulo di composti di scarto inibitori determina condizioni tali che la crescita di nuove cellule (crescita criptica) sia bilanciata dalla morte di altre. Visibilmente non si ha né aumento, né diminuzione della popolazione batterica. FASE DI MORTE (ENDOGENA). In questa fase prevale la morte della popolazione rispetto allo sviluppo di nuove cellule. Sono frequenti fenomeni di lisi cellulare.

51 Effetti ambientali sulla crescita microbica 03/09/2014

52 Effetto della Temperatura 03/09/2014 Temperatura Velocità di crescita Minimum Maximum Optimum Le reazioni enzimatiche avvengono a velocità sempre maggiori Le reazioni enzimatiche avvengono alla massima velocità possibile Gelificazione delle membrane processi di trasporto così lenti da impedire la crescita Denaturazione delle proteine; collasso della membrana; lisi termica A titolo di esempio. E.Coli: optimum 39 °C, Max 48°C, Min 8°C.

53 Classificazione dei microrganismi 03/09/2014 In funzione della temperatura ottimale di crescita i microrganismi possono essere suddivisi in quattro gruppi principali, indicati nella figura. Gli ipertermofili si trovano in habitat estremamente caldi come le sorgenti termali.

54 Effetto del pH Ogni organismo cresce all’interno di un intervallo ottimale di pH. Soltanto poche specie riescono a vivere con pH inferiore a 2 o superiore a 10. I funghi sono in generale più acido-tolleranti dei batteri. Il componente in grado di conferire al microrganismo le caratteristiche di acidofilo è la membrana citoplasmatica. In ogni caso il pH all’interno della cellula deve essere prossimo alla neutralità. 03/09/2014

55 Concentrazione dell’ossigeno Il bisogno, la tolleranza o la sensibilità al’ossigeno molecolare (O 2 ) varia notevolmente fra i microrganismi. Gli Aerobici usano l’ossigeno e ciò potrebbe essere una condizione necessaria (AEROBICI OBBLIGATI). In alcuni casi possono vivere in assenza di ossigeno (FACOLTATIVI) seguendo altri percorsi metabolici. In alcuni casi hanno bisogno di ossigeno ma in concentrazioni molto basse (MICROAEROFILICI). Gli anaerobici non usano l’ossigeno, ma possono tollerarlo (AEROTOLLERANTI) o no (ANAEROBICI OBBLIGATI). 03/09/2014

56 Cinetica e stechiometria dei processi di crescita 03/09/2014

57 Velocità e tasso di crescita Sia nei reattori batch, che in quelli a flusso continuo la velocità (rateo) di crescita dei batteri può essere definita dalla seguente relazione: in cui r g è la velocità di crescita batterica (massa/unità di volume x tempo) X è la concentrazione di microrganismi (massa/unità di volume)I Facendo riferimento al valore specifico (tasso) rispetto alla concentrazione X della biomassa si introduce il tasso di crescita: 03/09/2014

58 Velocità e tasso di respirazione endogena L’attività di respirazione endogena corrisponde all’utilizzo come fonte di carbonio ed energia lo stesso materiale cellulare. Tale fase è sempre presente in contemporanea con la crescita cellulare. Diventa l’attività prevalente quando il substrato è esaurito. La velocità (rateo) di respirazione endogena dei batteri è definita dalla seguente reazione: in cui r d è la velocità di respirazione endogena (massa/unità di volume x tempo) Facendo riferimento al valore specifico (tasso) rispetto alla concentrazione X della biomassa si introduce il tasso di respirazione endogena: 03/09/2014

59 Velocità di crescita netta La velocità di crescita netta è data dalla differenza fra quella di crescita e quella endogena (che comporta un consumo del materiale cellulare). r’ g = r g - r d in cui r d è la velocità di respirazione endogena (massa/unità di volume x tempo) Facendo riferimento al valore specifico (tasso) rispetto alla concentrazione X della biomassa si introduce il tasso di crescita netta:  ’ =  - k d 03/09/2014

60 Velocità di utilizzazione del substrato La velocità di utilizzazione del substrato (termine con cui spesso si indica il donatore di elettroni) rappresenta la velocità con cui i batteri utilizzano il substrato: in cui r su è la velocità di utilizzazione del substrato (massa/unità di volume x tempo) S è la concentrazione del substrato (massa/unità di volume) Facendo riferimento al valore specifico (tasso) rispetto alla concentrazione X della biomassa si introduce il tasso di utilizzazione del substrato: 03/09/2014

61 Fattore di resa (rendimento di crescita) Una parte del substrato è convertito in prodotti inorganici ed organici finali mentre un’altra parte porta alla formazione di nuove cellule. La successiva relazione mette in relazione il tasso di utilizzazione del substrato (r su massa/unità di volume x tempo) con r g il tasso di crescita batterico: In cui Y (massa/massa) è il fattore di resa. Tenendo conto che una parte del biomassa viene degradata a causa della respirazione endogena è utile introdurre il fattore di resa osservato Y obs : 03/09/2014

62 Esempio di calcolo del fattore di resa mediante la stechiometria della reazione Calcoliamo Y nel caso di un substrato noto (p.es. formaldeide CH 2 O) 03/09/2014 Peso molecolare del substrato CH 2 O = 30 Peso molecolare della biomassa C 5 H 7 NO 2 = 113 Il fattore di resa può anche essere calcolato come: gCOD (nella biomassa prodotta) /gCOD (nel substrato degradato) Massa atomica C = 12 ; N = 14; H = 1; O = 16

63 Calcolo di Y in termini di COD Equivalenza COD/substrato: 03/09/2014 Equivalenza COD/biomassa: Pertanto Y:

64 Funzione di saturazione per la rappresentazione di crescita e consumo Una relazione empirica della relazione esistente fra il tasso di crescita della biomassa e la concentrazione di substrato, largamente utilizzata nella pratica, è quella ricavata da Monod derivata dalla cinetica enzimatica di Michelis-Menten: Sostituendo questa espressione nella definizione del fattore di resa si ha: Dove k è il tasso massimo di utilizzazione del substrato, pari a μ max /Y. K s rappresenta il valore della concentrazione del substrato al quale corrisponde un tasso di crescita pari alla metà del tasso massimo. Si noti che Per S>>K s  =  max (cinetica di ordine zero) Per S<< K s  =  max S/K s (cinetica di ordine uno) 03/09/2014

65 Proprietà della cinetica di crescita 03/09/2014 Si tratta quindi si una “funzione di saturazione”: al crescere del substrato disponibile la velocità aumenta fino ad uno suo massimo. In presenza di più nutrienti limitanti (p.es Substrato carbonioso e Ossigeno) si ottiene il valore totale della cinetica moltiplicando ciascuna funzione di saturazione.

66 03/09/2014 All’aumentare del substrato disponibile il tasso di crescita aumenta fino ad un valore massimo. Si noti come in presenza di alti valori di Ks il rateo massimo di crescita si ottiene per valori più elevati dalla concentrazione del substrato, mentre con valori bassi di Ks si ottiene già con basse concentrazioni. K S = 100 K S = 10 K S = 50 Effetto della costante di semisaturazione

67 Sostanze inibitrici dei processi di crescita La presenza di sostanze tossiche (composti organici o metalli pesanti) può determinare l’inibizione della crescita microbica. Tale effetto di inibizione si esplica, solitamente, superando una definita soglia di concentrazione nell’acqua in cui sono presenti i microrganismi. Per esempio, nel caso di microrganismi eterotrofi, alcune soglie sono riportate di seguito: Arsenico 0.05 mg/l; Cadmio 1 mg/l; Cromo tot. 10 mg/l; Cromo esa. 1 mg/l; Rame 1 mg/l, Piombo 0.1 mg/l; Mercurio 0.1 mg/l; Nickel 1 mg/l; Zinco 1 mg/l. Nel caso di microrganismi autotrofi nitrificanti le soglie sono inferiori. 03/09/2014

68 Funzioni di inibizione 03/09/2014 In presenza di una sostanza inibitrice il suo effetto su una comunità microbica può essere numericamente espresso da una funzione di saturazione (come abbiamo visto per la funzione di crescita introdotta da Monod) che andrà a moltiplicare la cinetica (velocità di crescita o la velocità di consumo del substrato). Una delle funzioni di inibizione più frequentemente utilizzata è la seguente: In cui: K I è la costante di mezza saturazione della sostanza inibitrice [M/L 3 ] S I è la concentrazione della sostanza inibitrice [ M/L 3 ]


Scaricare ppt "Introduzione ai trattamenti biologici: Cenni di microbiologia e cinetica biologica Claudio Lubello Corso Ingegneria Sanitaria 03/09/2014."

Presentazioni simili


Annunci Google