La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

 Bambina di 12 mesi giunge alla nostra attenzione per il riscontro di glicosuria all’esame urine richiesto dalla curante ed effettuato 3 giorni prima.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: " Bambina di 12 mesi giunge alla nostra attenzione per il riscontro di glicosuria all’esame urine richiesto dalla curante ed effettuato 3 giorni prima."— Transcript della presentazione:

1  Bambina di 12 mesi giunge alla nostra attenzione per il riscontro di glicosuria all’esame urine richiesto dalla curante ed effettuato 3 giorni prima  Da circa 2 settimane poliuria e polidipsia  Dal giorno del ricovero iporeattività e sonnolenza

2  Nata a 38+4 sett. e.g. da T.C. elettivo per PTC da II gravidanza normodecorsa  Alla nascita P 3200 g, L 47 cm, COF 33, IA 9-10  Ittero neonatale da incompatibilità AB0 trattato con fototerapia  Allattamento materno esclusivo fino a 5 mesi  Tappe dello sviluppo neuromotorio acquisite in epoche e con modalità fisiologiche  Megaloeritema infettivo a 7 mesi  Esantema critico a sei mesi  Nds a carico di avi e collaterali

3  SatO2 98%  FC 120 bpm  FR 45 atti/min  PA 80/45 mm/Hg  Polso pieno  Tempo di refill capillare <2’  Peso 7.14 Kg  Bambina vigile, astenica ma ben reattiva, pianto valido, lacrimazione presente, mucose lievemente asciutte VALUTAZIONE GRADO DI DISIDRATAZIONE

4 Segni e sintomiLieve < 5%Moderata 5-10%Grave >10% ComportamentoNormaleIrritabileLetargico LacrimePresentiAssenti MucoseNormaliAsciuttemolto asciutte CuteNormaleFreddaAcrocianosi,marezzata Bulbi oculariNormaliInfossatiMolto infossati FCNormaleAumentataMolto aumentata FRNormaleAumentataKusmaull PolsoPienoDeboleRapido>10 PANormaleLieve -ipotensioneShock Perdita peso %4-56-9>10 Ritorno capillareNormale<3 sec>3 sec Deficit liquidi (ml/kg)

5 Dx: 521 mg/dl EGA: PH 7.208, HCo mmol/l, EB: mmol/l, Na 132.4mmol/l, Ca 1.41 mmol/l, Cl 101 mmol/l, K 4.18 mmol/l, GAP anionico 28.3 mmol/l Glicemia: 531mg/dl Na 128 mEq/l, Ca 10.1 mg/dl, Cl 95mEq/l, K 5.2 mEq/l, P 4.1 mg/dl Emocromo, Azotemia e Creatininemia,AST, ALT, Amilasi, Proteine tot, FA: nella norma PCR: 0.02 mg/dl Osm. Plasmatica: 299mOsm/l ECG: normale Iniziata idratazione ev con sol fis 0.9% 15 ml/Kg per 30’ poi proseguita a 10ml/Kg/h per 1.5 ore

6 Inizia infusione di KCl (perché al prelievo della 2° ora K 4.4 mEq/l) 10mEq/l in 500 cc di fisiologica Prima ora Dx 436 mg/dl Seconda ora Calcolo Na corretto Calcolo volume totale: fabbisogno + deficit Inizia idratazione con soluzione isotonica 0.9% 55ml/h Inizia infusione di insulina rapida 0.1 U/Kg/h Terza ora Dx 320 mg/dl Quarta ora Dx 265 mg/dl Inizia infusione di soluzione glucosata 10% 7ml/h, si riduce a 48 ml/h la vel di infusione della soluzione isotonica 0.9% Quinta ora Dx 205 mg/dl Si riduce infusione di insulina 0.05 U/Kg/h

7  Insulinemia: 2.3 uUI/ml ( )  Peptide C: 0.33 ng/ml (0.7-4)  Assetto lipidico:  Colesterolo tot 101 mg/dl (45-182)  LDL 41mg/dl (<150)  Trigliceridi 222 mg/dl (30-90)

8

9  Introduzione nella pratica clinica nei primi anni ‘80  A metà degli anni 90 risale la sua applicazione in ambito pediatrico  Piccolo strumento programmabile che infonde insulina “basale” in maniera continua e in “boli” in occasione dei pasti  È composto da: Pompa infusionale, Serbatoio, Set infusionale.

10 La pompa infusionale è un piccolo computer per la programmazione dei boli e dell’erogazione continua dell’insulina; contiene una nicchia dove viene inserito il serbatoio

11 Può rimanere in sede due o tre giorni e viene sostituito dal ragazzo o dai genitori Può essere scollegato dal microinfusore per farsi la doccia, cambiarsi i vestiti Siti raccomandati: addome e giro vita Siti alternativi: esterno coscia, braccia Ruotare regolarmente il sito di infusione: rischio infezioni/irritazione, alterato assorbimento insulina, lipodistrofia, cicatrici

12

13

14 o Ipoglicemie ricorrenti o Instabilità glicemica o Fabbisogno insulinico estremamente ridotto o Agofobia Prescolare e scolare Puberale e adolescenziale  Effetto alba  Insulino-resistenza  Ipoglicemie ricorrenti  Scarso compenso metabolico  Miglioramento qualità della vita Raccomandazioni italiane all’utilizzo del microinfusore sottocutaneo di insulina in età pediatrica Scaramuzza, Pinelli et al. G. It. Diabetol Metab 2008 Età neonatale  Terapia di elezione in grado di adeguarsi al rapido incremento e alla variabilità dell’apporto calorico

15  Team specializzato  Reperibilità 24/24h  Disponibilità alla collaborazione con le strutture che potrebbero essere coinvolte nella gestione del paziente (DEA, reparti di degenza, pediatra)  Accettazione dello strumento  Motivazione  Educazione alla terapia e all’autocontrollo e volontà di eseguire frequenti e accurati controlli glicemici Del team diabetologico Del paziente/famiglia Raccomandazioni italiane all’utilizzo del microinfusore sottocutaneo di insulina in età pediatrica Scaramuzza, Pinelli et al. G. It. Diabetol Metab 2008

16  Non devo determinare la glicemia  Posso mangiare quello che voglio  Posso mangiare quando voglio  Crea troppi problemi  Qualsiasi paziente lo può usare  Si può prestare meno attenzione alla pianificazione dei pasti  Risulta troppo complesso per la maggior parte dei pazienti Del team diabetologico Del paziente/famiglia Raccomandazioni italiane all’utilizzo del microinfusore sottocutaneo di insulina in età pediatrica Scaramuzza, Pinelli et al. G. It. Diabetol Metab 2008

17 VANTAGGISVANTAGGI  Migliora controllo glicemico  Precisione nella insulinizzazione basale che può essere definita fino ad 1/20 di U/h e ai boli che possono essere definiti fino 1/10 di U  Previene effetto alba con aumento della basale nella seconda parte della notte  Può prevedere una riduzione della basale durante l’esercizio fisico  Risponde agli sbalzi di crescita dei bambini e adoloscenti  Elimina le frequenti iniezioni  Migliora qualità della vita  Molto da imparare  Frequenti glicemie  Aumento del peso  Ipoglicemie e iperglicemie sono sempre possibili  Chetoacidosi  Irritazioni della pelle e infezioni del sito di infusione Raccomandazioni italiane all’utilizzo del microinfusore sottocutaneo di insulina in età pediatrica Scaramuzza, Pinelli et al. G. It. Diabetol Metab 2008

18 Diario alimentare 1. Formazione pre inserimento 2. Formazione durante la fase di inserimento 3. Accurato follow up Calcolo dell’insulina basale Rapporto insulina/CHO Sensibilità insulinica

19  Determinare il fabbisogno totale giornaliero (TDD) di insulina sommando tutte le unità indipendentemente dal tipo  Calcolare il 40% della TDD e dividerla per 24 h = basale oraria  Ex. 5 U Aspart prima di colazione + 5 prima di cena +10 di NPH la mattina e 14 prima di coricarsi tot 34 U / 24 h = 0.56 U/h

20 U di insulina: g CHO (quantità in grammi di carboidrati metabolizzati da 1 Unità di insulina)  CHO totali giornalieri/U di insulina preprandiale somministrate  REGOLA DEL 500 (per analogo rapido): 500/TDD  REGOLA DEL 450 (per insulina regolare): 450/TDD  Ex. Consumati 60 g di CHO; usate 5 U di insulina rapida; la glicemia post prandiale è risultata nel target; 60/5=12  Il rapporto insulina carboidrati è pari a 12

21 Quantità di glucosio (in mg/dl) ridotta da 1 U di insulina in 2-4h  REGOLA DEL 1800 (per analogo rapido): 1800/TDD  REGOLA DEL 1500 (per insulina regolare): 1500/TDD  Utile per calcolare il bolo di correzione Ex. Obiettivo glicemico 100mg/dl Glicemia è 264 mg/dl Deve scendere di 164 mg/dl Se ISF è pari a 55 mg/dl 164/55= 2.9 U = bolo di correzione

22 Per ottenere un controllo glicemico ottimale i microinfusori hanno la possibilità di erogare 3 tipi di bolo: 1.Bolo normale 2.Bolo onda quadra 3.Bolo onda doppia Calcolatore di boli (in base ai valori di glicemia preprandiale e CHO assunti inseriti dal paziente)

23 Bolo normale Bolo preprandiale (in base alla quantità di CHO che si ha intenzione di assumere) o correttivo immediato (per correggere valori alti di glicemia) Bolo onda quadra Bolo erogato in un periodo di tempo tra 30 min e 8 ore, utile per rallentare la digestione, in caso di consumo di cibi ad alto contenuto di grassi. Bolo onda doppia (bolo pizza) Bolo normale seguito da bolo onda quadra, in caso di consumo di cibo contenente sia CHO ad assorbimento rapido che lento, pasti ricchi di grassi che rallentano l’assorbimento degli zuccheri, per correggere una glicemia preprandiale elevata

24  Utilizza un sensore sottocutaneo che da una stima dei valori plasmatici rilevando i livelli di glucosio nei liquidi interstiziali  L’errore % medio degli attuali sistemi si aggira intorno al 15% (Cengiz et al 2009)  I nuovi modelli comunicano via wireless con il microinfusore  Permette di impostare dei limiti di sicurezza e quindi di segnalare dei limiti di ipo o iper glicemia con appositi allarmi Recentemente è stata proposta una rilevazione non invasiva degli episodi di ipoglicemia notturna basata sulla rilevazione di parametri vitali: FC, TC, sudorazione, tremori tramite dei sensori transcutanei (Schechter et al 2012)

25


Scaricare ppt " Bambina di 12 mesi giunge alla nostra attenzione per il riscontro di glicosuria all’esame urine richiesto dalla curante ed effettuato 3 giorni prima."

Presentazioni simili


Annunci Google