La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Monster University Tour

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Monster University Tour"— Transcript della presentazione:

1 Monster University Tour
Università degli Studi di Cagliari 11 giugno 2014

2

3 Di cosa parleremo La ricerca di lavoro on line: strategie e consigli
L’ottimizzazione del CV per il web La web reputation: come costruirla e come difenderla Dal CV al personal branding Il colloquio: istruzioni per l’uso Ricapitolando: le 10 regole d’oro per la ricerca di lavoro

4 Cos’è la reputazione?

5 Cos’è il web?

6 Chi è il «selezionatore»?

7 La ricerca di lavoro online: strategie e consigli
Quali sono le Aziende che mi interessano? Quali sono i requisiti più richiesti dal mercato? Cosa “dicono” gli annunci? Il mio CV: in cosa si differenzia dagli altri? Le mie competenze sono ben valorizzate? Le informazioni sono aggiornate? Dedicare del tempo alla “mappatura” del nostro settore di riferimento e delle categorie professionali che più ci interessano

8 L’ottimizzazione del CV per il web
Il CV on line è un vero e proprio “file” Le parole chiave: dal titolo del file alle informazioni più importanti Aggiornare il CV: perché per il web è fondamentale?

9 Il primo passo: scrivere il CV
Anche la grafica vuole la sua parte: il CV deve essere facile da leggere ma completo Le sue generalità, prego: massima reperibilità, la concorrenza è spietata! Il percorso scolastico: partite dall’esperienza più recente (Master o Laurea) fino al diploma superiore Conoscenze linguistiche ed informatiche: Non barate! Spesso i selezionatori effettuano colloqui in lingua e prove pratiche di conoscenza Hobby e Interessi: devono far emergere la passione del candidato, ma niente stravaganze!

10 !!! Da non dimenticare Autorizzazione al trattamento dei dati personali (d. lgs. 196/2003) Indicazioni su tempi e disponibilità a iniziare il lavoro Segnalare eventuale disponibilità a trasferimenti su territorio nazionale e all’estero Attestati e certificazioni linguistiche e/o tecniche Esperienze all’estero (Leonardo, Erasmus, ecc.) Altri corsi di formazione pertinenti e funzionali a completare il profilo professionale

11

12

13 Se non hai esperienza

14 Se hai già maturato qualche esperienza.

15 Valorizza le tue competenze.

16 Cosa vedono le Aziende?

17 La web reputation “Con il termine reputazione on line intendiamo la raccolta di tutti quei contenuti presenti su Internet riguardanti una persona, un marchio, un prodotto, un argomento, una notizia. (…) Si cerca di capire che reputazione ci si crea nello spazio web: quello che tutti (o molti) dicono di noi. Si tratta dello stesso concetto di reputazione che adottiamo nella nostra quotidianità, solo che, quando questo è applicato a Internet (…) diventa una reputazione pubblica e poco controllabile: è una traccia che resta nel tempo.” Fonte: onlinereputation.it

18 Come costruirla Informati Comunica Sperimenta
Tieniti sempre aggiornato sulle novità del tuo settore professionale e sull’attualità in generale. Partecipa alle discussioni on line e sfrutta tutti gli strumenti a tua disposizione. Un blog, un sito Internet personale possono essere canali preziosi! Sperimenta Scegli con cura i blog da seguire, quelli più interessanti per te. Commenta con informazioni che possono essere utili per più persone e studia i feedback degli altri sui tuoi interventi!

19 Come difenderla Privacy Provocazioni Aggiornamento continuo
Presta attenzione alle informazioni che scegli di condividere. Imposta la privacy per i contenuti più sensibili, come i tuoi dati di contatto e le tue foto personali. Non rispondere mai in modo affrettato, cerca di essere sempre gentile e di usare toni adeguati, soprattutto sui social network. Aggiornamento continuo Aggiorna sempre le tue informazioni on line, non lasciare mai sul web dati non aggiornati (attuale datore di lavoro, data di laurea…). Il Web parla di te!

20 Dal CV al Personal Branding
“Il Personal Branding è l'arte di vendere se stessi con modalità simili a quanto avviene con altri prodotti commerciali. A differenza di altre discipline di miglioramento personale, il personal branding suggerisce di concentrarsi oltre che sul valore anche sulle modalità di promozione. (…) il concetto di Personal Branding (…) include ma non si limita al corpo, all'abbigliamento, all'aspetto e alla conoscenza, ma a tutta la rappresentazione del ”SÉ”, portando ad un'indelebile impressione che ci distingue.” Fonte: wikipedia.it

21 «Il personal branding è la prima startup di cui ognuno dovrebbe occuparsi».
Cit. Tommaso Sorchiotti

22 - Jeff Bezos, Founder, Amazon.com

23 Quali benefici? Chi sei Perché tu? Cosa fai Chi lo deve sapere?
Mittente Destinatario Quali benefici? Quali benefici potresti far ottenere all’Azienda? Chi sei Cosa ti rende una persona speciale? Perché tu? Cosa ti distingue? Cosa fai Quali competenze/capacità hanno valore per chi dovrebbe assumerti? Chi lo deve sapere? Perché sei credibile? Come lo fai sapere? Cosa ti rende credibile per la tua audience?

24 Curriculum Vitae Personal Branding vs
Riguarda il candidato in prima persona e favorisce la “diffusione” della propria immagine professionale su più canali. Dai contenuti on line ai profili professionali sui social network, al personal branding rispondono le domande: Chi sei? Come sei percepito? Cosa vuoi ottenere? L’obiettivo è valorizzare la propria professionalità e lavorare costantemente sulla propria identità di potenziali candidati. E’ uno strumento tradizionale. Deve mirare ad attirare l’attenzione del potenziale selezionatore. L’obiettivo è il primo contatto tra Azienda e candidato (telefonico o via mail) per un futuro primo colloquio conoscitivo. Deve essere scritto in modo sintetico ma completo, con delle parole chiave strategiche. Deve contenere informazioni aggiornate e verificabili.

25 Personal Branding

26 Lingua Lavorare all’estero - To do list Omologazione
Rifletti sul tuo profilo e su quello che stai cercando 1 Lingua 2 Cerca informazioni sul Paese dove desideri lavorare 3 Adatta il tuo curriculum vitae e la lettera di presentazione 4 Requisiti legali, procedure amministrative e legislazione 5 Cerca offerte di lavoro e informazioni specializzate Lavorare in un altro paese costituisce una grande opportunità di crescita sia a livello personale che a livello professionale, ma allo stesso tempo presuppone anche una sfida a livello personale e professionale. Le statistiche dimostrano che sempre più sono i professionisti che scelgono di cercare lavoro all’estero. Il processo di ricerca di un lavoro all’estero risulta essere complesso, complicato, ed in molte occasioni spaventa per la mancanza di informazioni. Per rendere l’intero processo più facile in Joblers troverai informazioni dettagliate su ogni paese, ma in primo luogo, tieni presente questi consigli che ti aiuteranno a pianificare il tuo futuro professionale all’estero. Consigli per cercare e trovare lavoro all’estero Di seguito una serie di consigli per aiutarti nella ricerca di un lavoro all’estero; inoltre potrai pianificare la tua nuova vita personale e professionale. Rifletti sul tuo profilo e quello che stai cercando Una volta che hai preso la decisione di cercare un lavoro all’estero, la prima cosa da fare é cercare il tipo di lavoro a cui aspiri. Fai una lista dei paesi in cui é richiesto il tuo profilo e cerca di capire quali requisiti si cercano. Lingua Molte persone fanno l’errore di voler lavorare all’estero senza conoscere l’inglese o la lingua del paese. La lingua è il primo requisito per lavorare in qualsiasi luogo in cui non si parla la tua lingua madre. La cosa da fare prima di scegliere un paese è chiederti che conoscenze hai di quella lingua e, se possibile,studiala un po’ prima di partire. Cerca informazioni sul paese dove desideri lavorare Dopo aver analizzato quali paesi ti offrono piú opportunitá di trovare un lavoro e giá sai dove vuoi andare, il passo successivo è quello di fare un po ‘di ricerca sul relativo paese, soprattutto sulle loro condizioni di lavoro (mercato del lavoro, il tasso di disoccupazione, i tipi di contratti, salute …) Nella nostra sezione, Trovare lavoro in …  troverai  informazioni dettagliate sul mercato del lavoro di molti paesi comunitari o extracomunitari. Requisiti legali, procedure amministrative e legislazione I cittadini che vogliono lavorare all’interno dei paesi dell’Unione non hanno bisogno di presentare il visto. Tuttavia, fuori dall’ UE ogni paese può richiedere un visto o un permesso di lavoro, oltre che alle relative procedure amministrative. La cosa migliore da fare per sapere quali documenti necessiti per lavorare in un paese straniero, è quella di contattare la tua ambasciata in modo tale da poterti risolvere i vari dubbi che possiedi. Cercare offerte di lavoro e informazioni specializzate Quando cerchi lavoro all’estero cerca sempre di informarti attraverso dei portali specializzati come Joblers, informati sulle caratteristiche del mercato del lavoro del paese in cui vuoi emigrare. Il più noto in Europa è EURES, una rete che collega i servizi pubblici per l’impiego dei 18 paesi membri dell’Unione Europea. È inoltre possibile trovare lavoro attraverso portali di lavoro internazionali o agenzie specializzate a cercare lavoro in altri paesi in cambio del pagamento di una tassa per i servizi offerti. Un’altra opzione è quella di farti una lista di tutte le multinazionali e grandi aziende che operano  nella zona in cuoi vuoi trasferisti e cercare di scoprire se sono alla ricerca di persone qualificate. Utilizza i social network professionali Internet ha facilitato notevolmente la ricerca di lavoro all’estero, soprattutto per coloro che vogliono trovare lavoro all’estero. Le due reti professionali più utilizzati per trovare lavoro all’estero sono LinkedIn e Xing, ma ci sono anche altre specifiche reti che si differenzionano in base  ai diversi settori professionali. Adatta il tuo curriculum vitae e la lettera di presentazione Le norme e le regole che conosci quando scrivi il tuo curriculum e la tua lettera di presentazione non possono servire se vuoi adattare il CV in un paese straniero. Per trovare lavoro all’estero scrivi nella lingua del paese di destinazione i documenti piú importanti  per la ricerca di un lavoro. Se conosci un nativo te lo puoi far controllare in modo tale de evitare eventuali errori grammaticali e ortografici. Omologazione In molti casi ti chiederanno di omologare il tuo titolo universitario al paese di destinazione per sviluppare le tue attività professionali in conformità alle leggi locali. Chiedi all’ambasciata del paese quali documenti hai bisogno e qual é il processo di omologazione per il tuo titolo univesristario. Cercare un lavoro all’estero è un compito che richiede tempo, denaro e soprattutto, pazienza. Affronterai una serie di ostacoli, ma se gli altri li hanno superati, anche tu puoi farlo. 6 7 Omologazione Fonte:

27 Professioni nel mondo Chef Chimici Analisti Ingegneri petroliferi
Psicologi Dentisti Audiologi e logopedisti Fisioterapisti Medici Infermieri Sviluppatori, programmatori ed esperti di elettronica Ingegneri meccanici Commercialisti Chimici Analisti Farmacisti Infermieri, cercati in ben 20 Paesi Ingegneri meccanici, richiesti in Paesi in via di sviluppo come Brasile, India e Australia, ma anche in Austria, Danimarca, Francia, Germania, Spagna e Svizzera; Sviluppatori, programmatori ed esperti di elettronica, ricercati in Germania, Austria e Belgio; Medici, molto richiesti soprattutto in Germania, Svizzera, Norveglia e India; Analisti, tra i profili più ricercati in Europa, senza grandi distinzioni da nazione a nazione. L’analista si occupa infatti di fare statistiche e tagliare le spese superflue, badando a massimizzare i profitti: questo è l’obiettivo di tutte le aziende, sia pubbliche che private, ed è per questo non possono fare a meno degli analisti; Commercialisti, ricercati in Grecia; Dentisti, per i quali l’offerta si concentra maggiormente in Australia, Canada, Danimarca, Finlandia, India, Svezia e Singapore; Psicologi, cercati soprattutto dai Paesi del Nord Europa (Svezia, Finlandia, Danimarca, Norvegia), dal Canada, dall’Australia e dalla Nuova Zelanda; Farmacisti, anch’essi richiesti dai Paesi del Nord, ma anche dagli ospedali e istituti di ricerca di Slovenia, Singapore e Canada; Chimici, un futuro roseo e gratificante anche dal punto di vista economico li aspetta in Brasile, Inghilterra, Sudafrica (circa 22mila dollari l’anno), Singapore, Norvegia (si arriva anche a circa 44mila euro annui), Nuova Zelanda, Irlanda, Ungheria e Australia; Ingegneri petroliferi, ricercati in Sudafrica e Singapore, Brasile e Australia; Audiologi e logopedisti, scarseggiano in Nuova Zelanda, Singapore, Finlandia, Australia e Irlanda; Fisioterapisti, molto forti in Stati Uniti, Singapore, Canada e Australia; Chef, quelli italiani sono apprezzati soprattutto in Belgio, Inghilterra, Norvegia, Nuova Zelanda e Canada; Insegnanti, soprattutto quelli di Storia dell’arte. Essendo l’Italia un Paese conosciuto all’estero per la bellezza e l’unicità del suo patrimonio artistico notevole, è soprattutto in Australia e in Canada che queste figure vengono apprezzate. Insegnanti

28 European Employment Services
Per cercare e offrire lavoro in Europa, nel 1993 nasce Eures (European Employment Services), la rete dei servizi pubblici per l’impiego europei, che fornisce gratuitamente servizi d'informazione e consulenza per la mobilità professionale europea. L’Unione Europea ha, infatti, riconosciuto il diritto al futuro a tutti i suoi cittadini, abbattendo le frontiere e sancendo il principio della libertà di circolazione dei lavoratori, facendo della mobilità uno dei suoi capisaldi. Eures si rivolge a tutti coloro, cittadini, lavoratori e datori di lavoro, che vogliono aprirsi al mercato del lavoro europeo, con uno sguardo particolare ai giovani, in un quadro di mobilità regolamentata e sicura.  Fonte: https://ec.europa.eu/eures/page/homepage?lang=it

29 Your Europe Per conoscere diritti e opportunità del mercato unico europeo,  La tua Europa è un sito dell'UE creato per aiutarti a svolgere attività in altri paesi europei evitando inutili inconvenienti e problemi burocratici. Per attività intendiamo circolare, vivere, studiare, lavorare, fare acquisti o semplicemente viaggiare all'estero o, come impresa, operare in un altro paese dell'UE. In quanto cittadino dell'UE (o dell'Islanda, del Liechtenstein o della Norvegia) godi di una serie di diritti in questi settori. Accade tuttavia che non sempre questi diritti vengono rispettati, in particolare se un paese non ha attuato pienamente la pertinente normativa UE. Quali informazioni contiene il sito? La tua Europa contiene: informazioni sui tuoi diritti fondamentali sanciti dal diritto europeo informazioni sulle modalità di attuazione di tali diritti nei singoli paesi (se i dati sono stati forniti dalle autorità nazionali) indirizzi o recapiti telefonici per contattare gratuitamente i servizi di assistenza dell'UE o ottenere un aiuto o una consulenza più personalizzati o dettagliati. Your Europe fornisce una guida pratica, costantemente aggiornata.

30 Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue
Fonte: Wikipedia.it

31 Ministero degli Affari Esteri
Le opportunità per ottenere una borsa di studio sono numerose, ma spesso risulta difficile venire a conoscenza dei bandi. Segnaliamo il sito del Ministero degli Affari Esteri dove viene pubblicato periodicamente un bollettino, interessante e completo, contenente le borse di studio messe a disposizione da Stati esteri per giovani laureandi e laureati che vogliano intraprendere un’esperienza di lavoro nel Paese. Fonte:

32 La lettera di motivazione
È uno spazio e un’occasione in più Accompagna il CV Ci distingue dalle altre candidature Scriviamo di noi, aggiungendo qualche dettaglio rispetto al CV Ribadiamo la nostra disponibilità e i nostri riferimenti Attenzione al codice di riferimento!

33 Il colloquio: istruzioni per l’uso
1 Prendere informazioni sull’Azienda 2 Essere informati sull’attualità 3 Prestare attenzione all’abbigliamento 4 Portare con sé qualche copia del CV cartaceo 5 Perché no: qualche prova davanti allo specchio 6 Arrivare con qualche minuto di anticipo 7 Non apparire intimoriti, né preoccupati 8 Rispondere alle domande in maniera pacata e professionale 9 Attenzione al linguaggio non verbale 10 Non perdere l’occasione di fare delle domande

34 Il primo contatto Tutto parte dalla prima telefonata! Voce sveglia
Carta e penna: segnare ogni dettaglio, soprattutto: Nome della persona con cui sosterremo il colloquio Indirizzo presso il quale recarsi Contatti per ogni evenienza

35 Il colloquio telefonico
Tenete traccia di quanto inviato all’azienda. Non fate interviste improvvisate Quando vi si chiede di concordare un’intervista telefonica, chiedete con chi affronterete il colloquio. Confermate l'appuntamento il giorno prima. Riguardate la descrizione del lavoro. Assicuratevi di essere in una zona tranquilla, liberi da distrazioni, per tutta la telefonata. Effettuate la chiamata o assicuratevi di poter rispondere al telefono nell’esatto momento concordato. Prendetevi il tempo necessario per rispondere alle domande. È giusto chiedere che una domanda venga ripetuta. Prendete appunti - se possibile - in modo da poter riflettere su domande e commenti, per farne tesoro in futuro. Al termine della chiamata: chiedete quali saranno i passaggi successivi in modo da sapere cosa vi aspetta.

36 Video Colloquio Check pc e connessione Progetti e portfolio
Inserisci sul tuo CV il tuo contatto per la video chat! Check pc e connessione Progetti e portfolio Postura naturale Puntualità Ambiente Scegliete un ambiente tranquillo e luminoso, dove non possiate essere disturbati; predisponete l’ambiente in modo che sia consono all’immagine che desiderate dare di voi stessi. Fate in modo che nel sottofondo non ci siano elementi che possano distrarre il selezionatore. Poiché la webcam potrebbe non trasmettere il suono o le immagini alla perfezione, utilizzate l’illuminazione a vostro vantaggio. Fate in modo che il selezionatore possa vedervi chiaramente. Vestite in modo appropriato. Il contatto con gli occhi è fondamentale! Guardate direttamente la telecamera e cercate di non distrarvi. Se il selezionatore decide di non attivare la sua telecamera, non fatevi prendere dal panico. Siate all’altezza della situazione e continuate il colloquio senza spegnere la webcam. Il fatto di non vedere l’interlocutore può anche essere un vantaggio, perché vi permette di concentrarvi sulla presentazione delle vostre competenze e conoscenze, senza farvi distrarre. ---- 1. OCCHIO ALL’HARDWARE Per prima cosa accertatevi che la vostra attrezzatura hardware sia in regola. Controllate la connessione e la velocità di accesso a Internet (le chiamate video in HD richiedono generalmente una larghezza di banda fino a volte maggiore rispetto a una normale chiamata su IP) . Assicuratevi poi che la webcam sia accesa e funzionante e posizionatela sopra lo schermo in modo da mantenere il contatto visivo con chi vi sta "davanti". Se non vi fidate dell'audio del vostro PC, inoltre, utilizzate un paio di cuffieanziché uno speakerphone; quest’ultimo potrebbe infatti replicare i rumori di fondo disturbando la conversazione o distraendo il vostro interlocutore. 2. ASSUMETE UNA POSTURA NATURALE Per quanto la webcam non sia uno strumento così invasivo, rischia comunque di mettere un po’ di soggezione. Se non siete abituati a parlare davanti alle telecamere fate quindi qualche prova a vuoto. Mettetevi comodi (seduti), posizionatevi a una distanza giusta dall’obiettivo (né troppo vicini né troppo lontani) e cercate una postura naturale evitando di muovervi troppo (rischiereste altrimenti di finire fuori quadro). Pensate sempre a chi sta dall’altra parte della "barricata": non dovrà percepire che siete a decine, centinaia o migliaia di chilometri di distanza. 3. SCEGLIETE UN BUONO SFONDO Una volta sistemato l’hardware pensate a dove posizionarvi. Cercate uno sfondo che non sia né troppo asettico (una parete tutta bianca), né troppo smart (un terrazza fronte spiaggia). Una scrivania con una libreria alle spalle è sempre un buon compromesso. Per focalizzare l’attenzione su di voi, inoltre, cercate di circondarvi di colori tenui, evitando oggetti riflettenti, specchi o vetri. Una finestra alle spalle rischia di mettervi completamente in controluce lasciando al vostro interlocutore la sensazione di un incontro al buio. Nel vero senso della parola. 4. PREPARATE ALLEGATI E PRESENTAZIONI Mostrare alcuni lavori al vostro selezionatore potrebbe essere una buona idea, soprattutto se vi state candidando per un lavoro creativo o comunque con una forte componente di progettualità. Tenete presente che alcuni sistemi di videocall permettono di realizzare presentazioni e mostrare allegatis fruttando funzionalità di condivisione dello schermo. Tenete quindi sottomano il vostro portfolio di lavori digitali in modo da poterlo sfoderare all’occorrenza. 5. PUNTUALI ALL’APPUNTAMENTO  Pur evitando lo stress di dover arrivare con ore di anticipo per evitare ritardi imbarazzanti a causa dei mezzi pubblici, il rischio di perdersi perché si arriva per la prima volta in una zona mai vista della città, l’imbarazzo di dover indossare tacchi, cravatte e altri abiti ingessati, il video-colloquio è comunque un colloquio a tutti gli effetti. Arrivate dunque puntuali all'appuntamento. Completate i preparativi (punti 1,2,3 e 4) con un certo anticipo; quindi, quando mancano 5 minuti all'ora X, mettetevi davanti al monitor, fate un bel respiro e attendete con ottimismo la chiamata che potrebbe cambiare la vostra vita lavorativa.

37 NO alle stravaganze Sì alla sobrietà La presentazione
Attenzione all’abbigliamento! NO alle stravaganze Sì alla sobrietà

38 Il linguaggio non verbale
Gesticolare mentre si parla 1 Abbigliamento e accessori 2 Controllo dell’emotività 3 Tutto ciò che conta per lasciare un’ottima impressione al selezionatore!

39 buona PRIMA impressione».
«Esiste una sola buona PRIMA impressione».

40 Ricapitolando… Le 10 Regole d’oro per la ricerca di lavoro
Impostare una vera e propria strategia di ricerca 2 Investire del tempo su una buona stesura del CV 3 Scrivere un CV in inglese seguendo i consigli dei professionisti 4 “Mappare” le Aziende del proprio settore professionale 5 Consultare giornalmente gli annunci di lavoro sul web 6 Aggiornare spesso il CV su Internet 7 Curare la propria web reputation 8 Seguire le attività delle Aziende sui social network 9 Restare sempre aggiornati sull’attualità e sullo scenario economico 10 Non scoraggiarsi e non arrendersi davanti ad un “NO”!

41 Consigli e link utili CV in italiano CV in inglese Ricerca booleana
CV in inglese Ricerca booleana

42 Grazie! Monster.it Monster_Italia


Scaricare ppt "Monster University Tour"

Presentazioni simili


Annunci Google