La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

con la Bibbia alla scoperta del significato della Quaresima TEMPO PER DIO TEMPO PER VALUTARE LA QUARESIMA VISTA COME TEMPO PER CAMBIARE TENPO PER CAMMINARE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "con la Bibbia alla scoperta del significato della Quaresima TEMPO PER DIO TEMPO PER VALUTARE LA QUARESIMA VISTA COME TEMPO PER CAMBIARE TENPO PER CAMMINARE."— Transcript della presentazione:

1

2 con la Bibbia alla scoperta del significato della Quaresima TEMPO PER DIO TEMPO PER VALUTARE LA QUARESIMA VISTA COME TEMPO PER CAMBIARE TENPO PER CAMMINARE …………………………

3 Tempo per Dio

4 Tempo per Dio Tempo di quaranta giorni Tempo di quaranta giorni Tempo forte ( Dt 8,2-3 ) Tempo forte ( Dt 8,2-3 ) Tempo favorevole ( 2 Cor 5,20.6,2 ) Tempo favorevole ( 2 Cor 5,20.6,2 ) T empo di libertà ( Sal 58,8 ) T empo di libertà ( Sal 58,8 )

5 Tempo di quaranta giorni 4► 44► 40 i giorni di Noè nell’arca del diluvio ► 4► 4► 4► 40 gli anni trascorsi dal popolo nel deserto ► 4► 4► 4► 40 i giorni di permanenza di Mosè sul Sinai ► 4► 4► 4► 40 i giorni di viaggio di Elia all’Oreb ► 4► 4► 4► 40 i giorni dati ai Niniviti per convertirsi ► 4► 4► 4► 40 i giorni trascorsi da Gesù nel deserto. Più che una quantità matematica, il 40 indica un tempo entro il quale succede qualche cosa di importante, di decisivo. ………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..………………………………. Un tempo di grazia (kairòs) distinto dal kronos, che è un tempo fatto da attimi tutti uguali.

6 Tempo forte Ricordati di tutto il cammino che il Signore tuo Dio ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti e metterti alla prova, per sapere quello che avevi nel cuore e se tu avresti osservato o no i suoi comandi. Egli dunque ti ha umiliato, ti ha fatto provare la fame, poi ti ha nutrito di manna, che tu non conoscevi e che i tuoi padri non avevano mai conosciuto, per farti capire che l'uomo non vive soltanto di pane, ma che l'uomo vive di quanto esce dalla bocca del Signore. (Deuteronomio 8,2-3)

7 Tempo favorevole Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio. Egli dice infatti: Al momento favorevole ti ho esaudito e nel giorno della salvezza ti ho soccorso. Ecco ora il momento favorevole, ecco ora il giorno della salvezza! (2Corinzi 5,20.6,2)

8 Tempo di libertà Non è piuttosto questo il digiuno che voglio: sciogliere le catene inique, togliere i legami del giogo, rimandare liberi gli oppressi e spezzare ogni giogo? Non consiste forse nel dividere il pane con l'affamato, nell'introdurre in casa i miseri, senza tetto, nel vestire uno che vedi nudo, senza distogliere gli occhi dalla tua gente? (Isaia 58,6-7)

9 Tempo per valutare

10 Il bisogno di riconciliazione (Lc 15, ) Il bisogno di riconciliazione (Lc 15, ) La coscienza del nostro limite (Gen 4,6-7) La coscienza del nostro limite (Gen 4,6-7) La necessità di un aiuto (Sal 27(26),7-9) La necessità di un aiuto (Sal 27(26),7-9) Il convincimento di poter diventare Il convincimento di poter diventare migliori (Mt 18,1-4) migliori (Mt 18,1-4)

11 Il bisogno di riconciliazione Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto. Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. Allora rientrò in se stesso e disse: Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; (Luca 15, )

12 La coscienza del nostro limite Il Signore disse allora a Caino: “Perché sei irritato e perché è abbattuto il tuo volto? Se agisci bene, non dovrai forse tenerlo alto? Ma se non agisci bene, il peccato è accovacciato alla tua porta; verso di te è il suo istinto, ma tu dòminalo”. (Genesi 4,6-7)

13 La necessità di un aiuto Ascolta, Signore, la mia voce. Io grido: abbi pietà di me! Rispondimi. Di te ha detto il mio cuore: “Cercate il suo volto”; il tuo volto, Signore, io cerco. Non nascondermi il tuo volto, non respingere con ira il tuo servo. Sei tu il mio aiuto, non lasciarmi, non abbandonarmi, Dio della mia salvezza. (Salmo 27 (26),7-9)

14 Il convincimento di poter diventare migliori In quel momento i discepoli si avvicinarono a Gesù dicendo: “Chi dunque è il più grande nel regno dei cieli?”. Allora Gesù chiamò a sé un bambino, lo pose in mezzo a loro e disse: “In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Perciò chiunque diventerà piccolo come questo bambino, sarà il più grande nel regno dei cieli”. (Matteo 18,1-4)

15 Tempo per cambiare

16 . Le tre componenti che ci devono riconciliare … con Dio (Lc 11,9-13) La preghiera: che è ascolto, che è silenzio, che è lettura della parola di Dio e risposta con la nostra invocazione. con il prossimo (1 Cor 13,3-8) L’elemosina: il Sacrificio quaresimale col suo invito a spezzare il pane con gli altri. con se stessi (Lc 12, ) Il digiuno: che deve aiutarci a non riporre fiducia nelle cose, ma nella forza dello Spirito del Signore, nostra salvezza. …………………………………………………………………………………….

17 . con Dio:La preghiera con Dio: La preghiera “Ebbene io vi dico: Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chi chiede ottiene, chi cerca trova, e a chi bussa sarà aperto. Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pane, gli darà una pietra? O se gli chiede un pesce, gli darà al posto del pesce una serpe? O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? Se dunque voi, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro celeste darà lo Spirito Santo a coloro che glielo chiedono!”. (Luca 11,9-13)

18 con il prossimo:L’elemosina con il prossimo: L’elemosina E se anche distribuissi tutte le mie sostanze e dessi il mio corpo per esser bruciato, ma non avessi la carità, niente mi giova. La carità è paziente, è benigna la carità; non è invidiosa la carità, non si vanta, non si gonfia, non manca di rispetto, non cerca il suo interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, non gode dell'ingiustizia, ma si compiace della verità. Tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta. La carità non avrà mai fine. (1Corinzi 13,3-8)

19 . “La vita vale più del cibo e il corpo più del vestito... Non cercate perciò che cosa mangerete e berrete, e non state con l’animo in ansia... Cercate piuttosto il regno di Dio, e queste cose vi saranno date in aggiunta”. (Luca 12, ) con se stessi:Il digiuno con se stessi: Il digiuno

20 Tempo per camminare

21 Il cammino della croce (Gv 12,12-16) Il cammino penitenziale (Gv 8,7-11) Il cammino battesimale (Gv 9,3-7) Il cammino pasquale (Gv 8,28-30) …………………………………………………………………………………………….

22 Il cammino battesimale Rispose Gesù: “Né lui ha peccato né i suoi genitori, ma è così perché si manifestassero in lui le opere di Dio. Dobbiamo compiere le opere di colui che mi ha mandato finché è giorno; poi viene la notte, quando nessuno può più operare. Finché sono nel mondo, sono la luce del mondo”. Detto questo sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco e gli disse: “Va' a lavarti nella piscina di Sìloe (che significa Inviato)”. Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva. (Giovanni 9,3-7)

23 Il cammino pasquale Disse allora Gesù: “Quando avrete innalzato il Figlio dell'uomo, allora saprete che Io Sono e non faccio nulla da me stesso, ma come mi ha insegnato il Padre, così io parlo. Colui che mi ha mandato è con me e non mi ha lasciato solo, perché io faccio sempre le cose che gli sono gradite”. A queste sue parole, molti credettero in lui. (Giovanni 8,28-30)

24 Il cammino penitenziale “… Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei”. E chinatosi di nuovo, scriveva per terra. Ma quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani fino agli ultimi. Rimase solo Gesù con la donna là in mezzo. Alzatosi allora Gesù le disse: “Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?”. Ed essa rispose: “Nessuno, Signore”. E Gesù le disse: “Neanch’io ti condanno; va' e d'ora in poi non peccare più”. (Giovanni 8, 7-11)

25 Il cammino della croce Il giorno seguente, la gran folla che era venuta per la festa, udito che Gesù veniva a Gerusalemme, prese dei rami di palme e uscì incontro a lui gridando: ”Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d'Israele!”. Gesù, trovato un asinello, vi montò sopra, come sta scritto: "Non temere, figlia di Sion! Ecco, il tuo re viene, seduto sopra un puledro d'asina". Sul momento i suoi discepoli non compresero queste cose; ma quando Gesù fu glorificato, si ricordarono che questo era stato scritto di lui e questo gli avevano fatto. (Giovanni 12,12-16)

26 Quaranta giorni: che fare? Alcuni consigli per camminare speditamente e arrivare ben preparati alla Pasqua. - dedicare (al mattino) alcuni minuti alla meditazione del Vangelo del giorno e, prendendo qualche appropriato buon proposito, metterlo in pratica (durante la giornata). Si può utilizzare la Lectio divina (sul sito ocarm.org è possibile trovare le Lectio quotidiane) - prima di andare a dormire, mettersi alla presenza di Dio e fare un bell’esame di coscienza soprattutto sul proposito fatto al mattino.

27 Tany


Scaricare ppt "con la Bibbia alla scoperta del significato della Quaresima TEMPO PER DIO TEMPO PER VALUTARE LA QUARESIMA VISTA COME TEMPO PER CAMBIARE TENPO PER CAMMINARE."

Presentazioni simili


Annunci Google