La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sec XVIII° Riferimento filosofico : Locke e Newton Temi - studi concreti: l’uomo, la morale, la società, la conoscenza ILLUMINISMO ☉ Deismo: Dio di ragione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sec XVIII° Riferimento filosofico : Locke e Newton Temi - studi concreti: l’uomo, la morale, la società, la conoscenza ILLUMINISMO ☉ Deismo: Dio di ragione."— Transcript della presentazione:

1 Sec XVIII° Riferimento filosofico : Locke e Newton Temi - studi concreti: l’uomo, la morale, la società, la conoscenza ILLUMINISMO ☉ Deismo: Dio di ragione ☉ Etica e socialità naturale: fondata su capacità naturali - autonoma dalla religione ☉ Egoismo e ricerca del lusso -un bene per la società del progresso ☉ Cognitivismo sensistico

2 Inghilterra della gloriosa rivoluzione - stato liberale tollerante 1688 monarchia orangista 1689 dichiarazione dei diritti (habeas corpus) 1690 atto di tolleranza Libertà religiosa Divisione dei poteri Centralità del parlamento Assenti barriere di ceto Dinamismo e pluralismo Opinione pubblica Massoneria Metodisti

3 Shaftesbury No all’innatismo etico - condizionamenti esterni e relativismo Innatismo come inclinazione e presentimento del bene e del male Moral sense o sentimento morale autonomo Si intreccia al senso estetico (tradizione platonica) calocagatia Spontanea “simpatia” = collaborazione, tolleranza, rispetto Sense of humor strumento per educare alla virtù e contro il fanatismo

4 Mandeville vizi privati e pubbliche virtù la favola delle api laboriose tematiche libertine i meccanismi della società capitalistica e la cattiva morale Anche la guerra, anche la povertà serve! 1.I vizi sono impulsi 2.I vantaggi individuali diventano vantaggi universali

5 Adam Smith Senso etico. da interazioni  trama dei diversi punti di vista  Lo spettatore imparziale o coscienza (soggetto collettivo interiorizzato) Scontro di interessi individuali – Meno stato L’economia si regge su leggi naturali Divisione del lavoro – Esempio degli spilli – lo scambio è irrinunciabile  Ruolo della moneta e valore del lavoro  Legge di mercato per salari, prezzi e profitti  Prezzo naturale / prezzo di mercato  Valore d’uso / valore di scambio

6 Berkeley 1685 – 1753 Valore della religione rivelata – strumento l’empirismo lockeano Esse est percepi L’esistenza di un mondo esterno è pregiudizio Spazio e movimento da sensazioni singole e deduzioni Nomi sono l’universale Le idee sono di particolari (idee generali - per idee particolari) le idee esistono nella mente il loro essere consiste nell’essere percepite corpi materiali, dualismo, qualità (tutte secondarie) sostanza La mente – principio attivo che possiede le idee e agisce sulle idee SOSTANZA SPIRITUALE il suo essere è percepire e volere (percipere et velle) Spiritualismo – idealismo (mondo esterno ridotto a sensazione) Relativismo? Idee ricevute da Dio (che sempre le pensa e le comunica) Natura smaterializzata = manifestazione divina

7 David Hume 1711 / 1776 EMPIRISMO RADICALE Impressioni o percezioni Idee o immagini della memoria Idea astratta = nome di idee particolari Conoscere = collegare idee Per derivazione da esperienza matters of fact Per derivazione non esperita relation of ideas relation of ideas - matematica = necessarie matters of fact - probabili Si fondano sul principio di causalità

8 Alla filosofia leggendo Berkeley e Locke costruire un sistema fondato sulla natura umana 1739 Trattato sulla natura umana (estratto, rielaborazione nei saggi filosofici sull’intelletto, reintitolati ricerca sull’intelletto e ricerca sui principi della morale 1751) 1754/61 Storia d’Inghilterra Ricerca di collocazione professionale

9 Nuova scienza della natura umana (da Bacone e Newton – metodo sperimentale) Nuova esplorazione della mente umana contenuti attività dinamiche attitudini caratteristiche operazioni Campo di indagine: i fenomeni umani ( conoscenze, sentimenti, passioni da ricondurre a una natura comune – uniformità della natura) Empirismo radicale

10 Analisi delle percezioni: ovvero delle idee ( contenuti mentali) derivazione: sensi, riflessione, sentimento, volontà Impressioni : più forti – da sensazione Idee: più blande – riflessi delle impressioni e dei sentimenti provati  di uguale natura  le impressioni sono causa delle idee (oggetto del conoscere) Idee confuse da riportare all’esperienza via maestra per costruire un sapere verificabile Pensare, ragionare conoscere = attività della mente umana che combina variamente la materia prima delle impressioni Memoria e immaginazione = attività creativa – forza associativa - conservare le impressioni – principio di associazione (vincolo la compatibilità) come il principio di gravità una specie di “ forza gentile ” – ordine interno della natura umana da una forza istintiva

11 1.Legge di somiglianza 2.Contiguità spazio temporale 3.Causalità scienza fantasia Linguaggio : idee = copia delle impressioni sempre particolari nomi = universali = rappresentazioni particolari esistenti nella mente umana Concetti di spazio e tempo = generalizzazioni su ripetizioni di esperienze (non assoluti come per Newton)

12 Conoscere = collegare 1.Relazione tra le idee per derivazione a prescindere dall’esperienza 2.Relazione tra idee come tra le cose corrispondenti per esperienza correlate Conoscenza astratta - relation of ideas Empirica – metters of fact

13 Relazioni tra le idee : necessarie si fondano sul principio di non contraddizione vere a prescindere dall’esperienza (quelle matematiche) Matematica non applicabile alla fisica Questioni di fatto Origine sensibile delle idee matematiche intuizione dimostrazione

14 Conoscenza empirica – proposizioni non necessarie contingenti Base : principio di causalità ( per inferenza - un sapere previsionale) L’intero sapere umano si basa sul rapporto di causa ( a parte la matematica) Esempio del biliardo : Solo l’esperienza consente di stabilire un rapporto e fare previsioni causali da contiguità spaziale e successione temporale – potrebbe essere semplice concomitanza  L’esperienza attesta la successione causa effetto, non la sua necessità  Congettura che nasce dall’abitudine  Regolarità dei fenomeni naturali probabili non necessari –  valore psicologico di orientamento comportamentale

15 Abitudine credenza (belief) (calcolata nel gioco) priorità della credenza sulla conoscenza rigorosa Ragione = una specie di istinto, inclinazione a una verifica Ogni metafisica è priva di fondamento Ogni sapere scientifico presume di basarsi su cause ma si basa su abitudine e credenze non razionali inutile utile

16 Critica alla sostanza Collezione di qualità particolari Prodotto dell’abitudine della mente Sostanza come raggruppamento – bisogno irrinunciabile nella concretezza del vivere Critica alla coscienza dell’io come unità Flusso / fascio di percezioni – spinta dell’abitudine che unifica e crede nell’unità di un io sostanziale Esperienza di stati di coscienza = credenza nell’identità personale = alla credenza dei corpi esterni

17 Radicale sul piano teoretico : niente si può conoscere al di là delle proprie percezioni Moderato dal punto di vista pratico: le esigenze pratiche ci spingono oltre la razionalità a credere ed è utile La filosofia chiarisce la natura di semplici congetture delle verità che possiede, scardinando l’intolleranza

18 La scienza dell’uomo fonda una morale :  Non dare prescrizioni, ma descrivere fenomeni dell’agire  comprendere l’agire - studiare il comportamento e le passioni (esperienze interne da precedenti sensazioni) Passioni non vere né false, solo lodevoli o spregevoli La ragione è impotente davanti alle passioni – non in lotta Possono essere constatate Volontà = impressione interiore - un dato di fatto, determinata dalla passioni (ciò che ci accade) non esiste libero arbitrio volontà = stato emotivo - assenza di costrizione Moralità e immoralità = inclinazione, sentimento di compiacimento e simpatia - una specie di gusto funziona come la credenza (universalizzante)

19 Politica : rifiuta la tesi contrattualista Inclinazione alla socialità = impulso sessuale e alla famiglia Socialità limitata alla propria appartenenza – ostile verso i lontani – concorrenti Apertura e cautela – contrasto – disagio : garantirsi reciprocamente stabilità e godimento del proprio : conciliare gli interessi individuali giustizia - stato di fatto

20 Estetica – senso del bello – sentimento specifico Non nell’oggetto ma nello spirito Senso comune – criterio generale di apprezzamento e di rifiuto Particolare costituzione della natura umana  delicatezza dell’immaginazione  libertà acquisita da pregiudizi  raffinamento del gusto prodotto dall’esperienza  consuetudine al bello a tutti piacciono o dispiacciono le stesse cose, nello stato sano ( come il colore alla luce del giorno)

21 Religione : Non fondamento razionale Esistenza di Dio non dimostrabile – prove su connessione causale errata – abitudine Esperienza religiosa un fatto Fondamento nell’impulso sentimento di timore e speranza per certi fenomeni naturali e trauma della morte Idea di Dio opoliteismo omonoteismo – fanatismo e intolleranza Prova di come la forza dei sentimenti si impone sulla ragione


Scaricare ppt "Sec XVIII° Riferimento filosofico : Locke e Newton Temi - studi concreti: l’uomo, la morale, la società, la conoscenza ILLUMINISMO ☉ Deismo: Dio di ragione."

Presentazioni simili


Annunci Google